Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 417 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for the ‘News-ricerca’ Category

Attività fisica contro l’infiammazione.

Posted by giorgiobertin su luglio 19, 2017

L’attività fisica ha forti proprietà anti-infiammatorie, secondo una recente revisione. I risultati sono significativi in ​​quanto l’infiammazione persistente è coinvolta nello sviluppo e nella progressione di malattie croniche come il diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Gli studi pubblicati sulla rivista “European Journal of Clinical Investigation” hanno rivelato i meccanismi e le molecole dietro la capacità dell’esercizio di bloccare l’infiammazione. In particolare, l’esercizio aumenta i livelli di citochine IL-6 e IL-10, che esercitano effetti antiinfiammatorie inibendo TNF-α (molecola chiave nella resistenza all’insulina periferica, coinvolta nella patogenesi di aterosclerosi e insufficienza cardiaca) e stimolando IL-1ra, limitando così la segnalazione di IL-1β. Inoltre, IL-6 ha un impatto diretto sul metabolismo dello zucchero e del grasso.

Leggi il full text dell’articolo:

Anti-inflammatory effects of exercise: role in diabetes and cardiovascular disease
Bente Klarlund Pedersen
European Journal of Clinical Investigation: 19 JUL 2017 | DOI: 10.1111/eci.12781

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Due tipi di cellule assieme proteggono il tumore al pancreas.

Posted by giorgiobertin su luglio 18, 2017

I ricercatori del NYU Langone Medical Center e del Perlmutter Cancer Center, hanno scoperto che due tipi di cellule lavorano insieme per proteggere i tumori del pancreas dalla distruzione da parte del sistema immunitario. bloccando questa partnership si può ristabilire la capacità del sistema immunitario di attaccare queste cellule tumorali.

c d8

I risultati della ricerca sui topi sono pubblicati sulla rivista “Cell Reports“. Lo studio attuale ha scoperto che Tregs (cellule T regolatorie) hanno il loro effetto mantenendo un secondo tipo di cellule, le cellule dendritiche.
I nostri risultati sostengono che bloccare la partnership tra Tregs e le cellule dendritiche potrebbe essere una risposta per ottenere una immunoterapia efficace contro il cancro al pancreas“, afferma l’autore principale Dafna Bar-Sagi. “Gli studi futuri cercheranno di confermare che questa relazione può diventare il fondamento di nuove strategie di trattamento“.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Crosstalk between Regulatory T Cells and Tumor-Associated Dendritic Cells Negates Anti-tumor Immunity in Pancreatic Cancer
Jung-Eun Jang, Cristina H. Hajdu, Caroline Liot, George Miller, Michael L. Dustin, Dafna Bar-Sagi.
Cell Reports Volume 20, Issue 3, p558–571, 18 July 2017

Fonte: NYU Langone Medical Center

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un tipo di batteri accelera la crescita del cancro del colon.

Posted by giorgiobertin su luglio 16, 2017

I ricercatori del Texas A & M Health Science Center hanno scoperto che una sottospecie del batterio Streptococcus gallolyticus sembra promuovere attivamente lo sviluppo del cancro del colon-retto, questo potrebbe portare a possibili strategie di trattamento. I risultati sono pubblicati sulla rivista “PLOS Pathogens“.

Streptococcus gallolyticus

Gli scienziati già conoscevano da tempo tempo che le persone infette da S. gallolyticus hanno maggiori probabilità di avere il cancro del colon-retto. Quale fosse il suo ruolo non era ben chiaro.
Ora il team coordinato dal prof. Yi Xu attraverso i risultati della coltura cellulare e in vivo sugli animali ha dimostrato che quando la produzione di una certa proteina, chiamata β-catenina, nota a svolgere un ruolo chiave nel cancro del colon-retto, è stata ridotta in una cellula, S. gallolyticus non ha promosso la proliferazione delle cellule tumorali del colon-retto. Questo indica un possibile percorso attraverso il quale i batteri guidano lo sviluppo del cancro.
In particolare negli esperimenti sugli animali coloro che sono stati trattati con S. gallolyticus hanno sviluppato più tumori e avevano una maggiore produzione della proteina β-catenina, nonché altri segni di gravità del cancro.

Si pensa che circa il 2 all’8 per cento delle persone sane ha SGG nel tessuto del colon. Rimane ancora da capire se SGG sta alla base delle mutazioni iniziali che causano il cancro. SGG talvolta provoca infezioni delle valvole cardiache, e i medici di solito consigliano a chiunque con questa infezione un controllo anche per il cancro del colon. Circa la metà delle persone con un’infezione della valvola cardiaca di SGG ha anche avuto un cancro del colon non diagnosticato.

Se il ruolo del batterio nel cancro è confermato, i tumori del colon potranno essere trattati un giorno con antibiotici o persino prevenuti con un vaccino.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Streptococcus gallolyticus subsp. gallolyticus promotes colorectal tumor development
Ritesh Kumar, Jennifer L. Herold, Deborah Schady, Jennifer Davis, Scott Kopetz, Margarita Martinez-Moczygemba, Barbara E. Murray, Fang Han, Yu Li, Evelyn Callaway, Robert S. Chapkin, Wan-Mohaiza Dashwood, Roderick H. Dashwood, [ … ], Yi Xu
PLOS Pathogens Published: July 13, 2017 https://doi.org/10.1371/journal.ppat.1006440

Fonte: Texas A & M Health Science Center

Approfondimenti:
Klein RS, Recco RA, Catalano MT, Edberg SC, Casey JI, Steigbigel NH (13 October 1977). “Association of Streptococcus bovis with carcinoma of the colon“. N. Engl. J. Med. 297 (15): 800–2. PMID 408687. doi:10.1056/NEJM197710132971503

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Il ruolo della flora batterica intestinale nella sclerosi multipla.

Posted by giorgiobertin su luglio 16, 2017

Nell’intestino dei pazienti colpiti da sclerosi multipla recidivante-remittente, nelle fasi che precedono la riattivazione della malattia, si osserva un’alterazione della flora batterica intestinale e una corrispondente proliferazione di un tipo di globuli bianchi che sappiamo essere implicati nello sviluppo della malattia.
Sono queste le conclusioni pubblicate sulla rivista “Science Advances” da parte dei ricercatori della Divisione di Immunologia, trapianti e malattie infettive dell’Ospedale San Raffaele – Milano.

I risultati mostrano che nei tessuti intestinali dei pazienti con la malattia in fase attiva era presente, al momento dell’analisi, una quantità aumentata di un tipo specifico di linfociti T, chiamati linfociti TH17. “Sappiamo già che nella sclerosi multipla queste cellule del sistema immunitario sono le prime a superare la barriera ematoencefalica e a raggiungere il sistema nervoso centrale, contribuendo al danno del rivestimento mielinico”, osserva la prof.ssa Marika Falcone. “Non solo, ma una molecola da loro prodotta – la citochina IL-17 – è presente in alte dosi nelle lesioni cerebrali tipiche della malattia”. Si tratta, in sostanza, di alcune tra le cellule del sistema immunitario più fortemente indiziate come responsabili della sclerosi multipla.

Viene così svelato un possibile ruolo chiave del microbiota nell’origine della malattia neurologica.

I risultati, che dovranno ulteriormente essere confermati da studi futuri – precisano gli autori – supportano l’ipotesi di un ruolo importante dell’intestino nell’evoluzione della malattia: secondo questa teoria, l’attivazione patologica delle cellule del sistema immunitario avviene principalmente nell’intestino, meccanismo già provato nel caso dell’Encefalite autoimmune sperimentale (Eae), il modello sperimentale della sclerosi multipla” – conclude la prof.ssa Falcone.

Leggi il full text dell’articolo:
High frequency of intestinal TH17 cells correlates with microbiota alterations and disease activity in multiple sclerosis
Ilaria Cosorich, Gloria Dalla Costa, Chiara Sorini, Roberto Ferrarese, Maria Josè Messina, Jayashree Dolpady, Elisa Radice, Alberto Mariani, Pier Alberto Testoni, Filippo Canducci, Giancarlo Comi, Vittorio Martinelli, Marika Falcone.
Science Advances 12 Jul 2017: Vol. 3, no. 7, e1700492 DOI: 10.1126/sciadv.1700492

Fonte: Ospedale San Raffaele – Milano.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dieta ricca di pomodori riduce il rischio di tumori della pelle.

Posted by giorgiobertin su luglio 15, 2017

Il consumo quotidiano di pomodoro sembra ridurre di metà lo sviluppo di tumori della pelle in uno studio condotto sui topi dai ricercatori dell’Ohio State University.

Il nuovo studio su come gli interventi nutrizionali possono alterare il rischio per i tumori della pelle è pubblicato sulla rivista “Scientific Reports“.

tomato

I ricercatori hanno scoperto che i topi maschi alimentati con una dieta del 10% di polvere di pomodoro giornaliero per 35 settimane, esposti poi a luce ultravioletta, in media, hanno una diminuzione del 50% dei tumori della pelle rispetto ai topi che non avevano mangiato il pomodoro disidratato.

La teoria che sta dietro al rapporto tra i pomodori e il cancro, è che i carotenoidi, composti pigmentanti che danno il colore ai pomodori, possono proteggere la pelle dai danni della luce UV.

Questo studio ci ha anche dimostrato che dobbiamo considerare il sesso quando esploriamo diverse strategie di prevenzione“. “Quello che funziona negli uomini non può sempre funzionare ugualmente bene nelle donne e viceversa”.
Infatti i ricercatori dello Stato dell’Ohio hanno scoperto che solo topi maschii alimentati con pomodori rossi disidratati avevano riduzioni della crescita tumorale
” – afferma la prof.ssa Tatiana M. Oberyszyn.
Ricordiamo che i tumori della pelle non melanoma sono i più comuni di tutti i tumori.

Leggi abstract dell’articolo:
Tomatoes protect against development of UV-induced keratinocyte carcinoma via metabolomic alterations
Jessica L. Cooperstone, Kathleen L. Tober, Ken M. Riedl, Matthew D. Teegarden, Morgan J. Cichon, David M. Francis, Steven J. Schwartz & Tatiana M. Oberyszyn
Scientific Reports 7, Article number: 5106 Published online: 11 July 2017

Fonte: Ohio State University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida sul controllo e gestione dell’epatite A.

Posted by giorgiobertin su luglio 15, 2017

Sono state pubblicate cura del “Public Health Management of hepatitis A infection” inglese le linee guida sul controllo e gestione dell’epatite A. Il documento aggiorna il precedente del 2009.

hep_A

Ricordiamo che l’infezione da virus dell’epatite A provoca una serie di malattie lievi, come nausea e vomito non specificatamente riconducibili all’epatite (infiammazione al fegato, ittero o ictero) e raramente insufficienza epatica.

Il virus viene generalmente diffuso dalla via fecale-orale, ma può anche essere diffuso occasionalmente attraverso il sangue.
Una buona igiene tra cui l’acqua potabile e la manipolazione degli alimenti e la buona praticità del lavaggio delle mani impediscono l’infezione.

Scarica e leggi i documenti in full text:
Public health control and management of hepatitis A 2017 Guidelines
Rachel Mearkle with Koye Balogun, Michael Edelstein, Karen Homer,
Phillip Keel, Sema Mandal and Siew Lin Ngui on behalf of the Hepatitis A Guidelines
Working Group

Hepatitis A: temporary adult immunisation recommendations
PHE publications gateway number: 2017175 PDF, 239KB, 10 pages

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Creato un cuore artificiale morbido.

Posted by giorgiobertin su luglio 14, 2017

I ricercatori svizzeri dell’ETH ( Eidgenössische Technische Hochschule Zürich) hanno sviluppato un cuore di silicio morbido [soft total artificial heart (sTAH)] che assomiglia al cuore umano nell’aspetto e nella funzione.
Il nostro obiettivo è quello di sviluppare un cuore artificiale approssimativamente uguale a quello del paziente e che imita il cuore umano il più vicino possibile nella forma e nella funzione“, afferma il professor Cohrs.

Testing a soft artificial heart

Il cuore artificiale morbido è stato creato dal silicone usando una tecnica di fusione in cera e stampa 3D; Pesa 390 grammi e ha un volume di 679 cm3. “È un monoblocco in silicone con una struttura interna complessa“, spiega Cohrs. “Questo cuore artificiale ha un ventricolo destro e uno sinistro, proprio come un vero cuore umano, anche se non sono separati da un setto ma da una camera aggiuntiva. Questa camera è gonfiata e sgonfiata da aria pressurizzata ed è necessaria per pompare il sangue liquido dalle camere, sostituendo così la contrazione muscolare del cuore umano” (video).

I ricercatori hanno sviluppato un ambiente di test che simula il sistema cardiovascolare umano includendo anche l’uso di un fluido con viscosità comparabile con il sangue umano.

I risultati degli esperimenti sono pubblicati sulla rivista scientifica “Artificial Organs“.

Leggi abstract dell’articolo:
A Soft Total Artificial Heart—First Concept Evaluation on a Hybrid Mock Circulation.
Cohrs, N. H., Petrou, A., Loepfe, M., Yliruka, M., Schumacher, C. M., Kohll, A. X., Starck, C. T., Schmid Daners, M., Meboldt, M., Falk, V. and Stark, W. J.
Artificial Organs First published: 10 July 2017 – doi:10.1111/aor.12956

Fonte: ETH

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità, Video | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nanoparticelle antibiotiche contro i batteri resistenti ai farmaci.

Posted by giorgiobertin su luglio 14, 2017

La resistenza agli antibiotici è un problema crescente, soprattutto tra un tipo di batteri classificati come “Gram-negativi“. Questi batteri hanno due membrane cellulari, rendendo più difficile penetrare e uccidere le cellule.
I ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno utilizzato la nanotecnologia per sviluppare trattamenti più mirati per questi batteri resistenti ai farmaci. In un nuovo studio, pubblicato sulla rivista “Advanced Materials“, riferiscono che un peptide antimicrobico confezionato in una nanoparticola di silicio ha ridotto drasticamente il numero di batteri nei polmoni dei topi infetti da Pseudomonas aeruginosa, una malattia causata dal batterio Gram-negativo che può portare alla polmonite.

adma201701527

Per il peptide antimicrobico, i ricercatori hanno scelto una tossina batterica sintetica chiamata KLAKAK. Hanno attaccato questa tossina ad una varietà di “peptidi di traffico”, che interagiscono con le membrane batteriche. Di 25 peptidi testati, il miglior risultato si è avuto con una combinazione di KLAKAK con un peptide chiamato lactoferrina, che era 30 volte più efficace nell’uccisione di Pseudomonas aeruginosa rispetto ai singoli peptidi. Si sono avuti minimi effetti tossici sulle cellule umane.

Leggi abstrcat dell’articolo:
Porous Silicon Nanoparticle Delivery of Tandem Peptide Anti-Infectives for the Treatment of Pseudomonas aeruginosa Lung Infections
Ester J. Kwon, Matthew Skalak, Alessandro Bertucci, Gary Braun, Francesco Ricci, Erkki Ruoslahti, Michael J. Sailor and Sangeeta N. Bhatia
Advanced Materials online: 12 JUL 2017 | DOI: 10.1002/adma.201701527

Fonte: MIT (Massachusetts Institute of Technology)

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La carenza di ferro può aumentare il rischio di malattie cardiache.

Posted by giorgiobertin su luglio 14, 2017

Le persone con bassi livelli di ferro possono essere a maggior rischio di malattie cardiache. Ad affermarlo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Imperial College London e dell’University College London, pubblicato sulla rivista “Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology“.

heart-and-arteries
New research suggests that low levels of iron may lead to coronary artery disease.

I ricercatori hanno usato un metodo chiamato randomizzazione Mendeliana per cercare di stabilire se esiste un collegamento diretto o causale tra i livelli di ferro e il rischio di malattia coronarica (CAD), [un tipo di malattia cardiovascolare (CVD) in cui le arterie intasate riducono l’apporto di sangue al cuore].

Utilizzando dati genomici da un database pubblico, il team ha analizzato i dati di più di 48.000 persone per verificare l’impatto delle varianti genetiche sullo stato del ferro delle persone. Si sono concentrati su tre punti del genoma in cui una singola differenza di lettere nel DNA chiamata singolo nucleotide polimorfismo (SNP) può leggermente aumentare o ridurre lo stato di ferro di una persona. Hanno scoperto che coloro che avevano SNP per lo stato di ferro più elevato avevano un rischio minore di CAD.

I nostri risultati hanno implicazioni potenziali per la salute pubblica“, afferma il prof. Gill. “Proprio come quando i livelli di colesterolo di qualcuno sono alti, noi diamo loro una statina, potrebbe benissimo essere che se i livelli di ferro sono bassi, potremmo dare loro una tavoletta di ferro per ridurre al minimo il rischio di malattie cardiovascolari“.

Il mantenimento del ferro a un livello ottimale è molto importante poiché sia ​​i livelli di ferro bassi che elevati possono portare a malattie” – afferma il professor Surjit Kaila Srai dell’Università di Londra.

Leggi abstract dell’articolo:
The Effect of Iron Status on Risk of Coronary Artery Disease – A Mendelian Randomization Study
Dipender Gill, Fabiola Del Greco M., Ann P. Walker, Surjit K.S. Srai, Michael A. Laffan, Cosetta Minelli
Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology. 2017; https://doi.org/10.1161/ATVBAHA.117.309757
Originally published July 6, 2017

Fonte: Imperial College London

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il primo video memorizzato nel DNA.

Posted by giorgiobertin su luglio 13, 2017

E’ stato realizzato il primo video memorizzato nel Dna di batteri viventi: si tratta di una gif animata composta da cinque frame che ritraggono il famoso cavallo al galoppo ripreso alla fine dell’Ottocento dal pioniere della fotografia in movimento, il britannico Eadweard Muybridge.

giphy

Lo strabigliante risultato, pubblicato sulla rivista “Nature“, è stato ottenuto dai biologi dell’Università di Harvard grazie alla tecnica ‘taglia-incolla’ del Dna, la “Crispr”, e dimostra ancora una volta che la molecola della vita ha tutte le carte in regola per diventare una memoria in cui archiviare dati digitali.

CRISPR-Cas: Molecular RecordingIn this video, Wyss Institute and Harvard Medical School researchers George Church and Seth Shipman explain how they engineered a new CRISPR system-based technology that enables the chronological recording of digital information, like that representing still and moving images, in living bacteria. Credit: Wyss Institute at Harvard University

In questo studio dimostriamo che due proteine ​​del sistema CRISPR, Cas1 e Cas2, che abbiamo progettato in uno strumento di registrazione molecolare, insieme a una nuova comprensione dei requisiti di sequenza per dei distanziali ottimali, permette l’acquisizione di ricordi e immagini e il loro deposito nel genoma” – afferma Robert Winthrop Professor of Genetics at Harvard Medical School (video).

Nel lavoro futuro, il team si concentrerà sulla creazione di dispositivi di registrazione molecolare in altri tipi di cellule e sull’ingegneria del sistema per memorizzare le informazioni biologiche.

Leggi abstract dell’articolo:
CRISPR–Cas encoding of a digital movie into the genomes of a population of living bacteria
Seth L. Shipman,Jeff Nivala,Jeffrey D. Macklis & George M. Church
Nature (2017) doi:10.1038/nature23017 Published online 12 July 2017

Lights, camera, CRISPR: Biologists use gene editing to store movies in DNA
Heidi Ledford – 12 July 2017

Fonte: Università di Harvard

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoperto interruttore chiave dell’artrite reumatoide.

Posted by giorgiobertin su luglio 13, 2017

I ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma hanno scoperto un importante interruttore molecolare della malattia, una piccola molecola che accende le cellule più pericolose in questa patologia, le cellule dendritiche.

Si tratta di “miR34a”, una piccola molecola che è il regolatore della funzione delle cellule dendritiche, che sono le cellule responsabili della risposta autoimmune nella malattia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Nature Communications“.

La funzione cruciale del miR-34a nella malattia è stata evidenziata grazie allo studio di un modello animale di artrite: si è dimostrata la quasi completa resistenza alla malattia da parte di animali privi del gene per il miR-34a.

Il controllo di miR-34a, attraverso degli inibitori selettivi (gli antagomiR anti 34 sono già in fase clinica di sperimentazione, in fase I, in altra indicazione), rappresenterà una strategia terapeutica in grado di ristabilire l’equilibrio immunologico e promuovere la risoluzione dell’artrite” – afferma il prof. Ferraccioli coordinatore dello studio.

ARTRITE

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria progressiva che interessa primariamente le articolazioni e coinvolge tutti gli organi. La base della malattia è una reazione “autoimmunitaria”, durante la quale cellule di difesa – i linfociti T e linfociti B – normalmente deputate a riconoscere ed eliminare agenti infettivi – diventano “anarchiche” e riconoscono come ‘nemiche’ molecole dell’organismo stesso e generano infiammazione distruttiva diretta contro le articolazioni e gli organi interni del paziente, nonché producendo anticorpi patologici (i cosiddetti autoanticorpi) che danneggiano a loro volta le articolazioni e l’osso.

Leggi abstract dell’articolo:
MicroRNA-34a dependent regulation of AXL controls the activation of dendritic cells in inflammatory arthritis
Mariola Kurowska-Stolarska, Stefano Alivernini, Emma Garcia Melchor, Aziza Elmesmari, Barbara Tolusso, Clare Tange,.. et al.
Nature Communications 8, Article number: 15877 (2017) doi:10.1038/ncomms15877

Fonte: Università Cattolica del Sacro Cuore

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consumo di alcol e tumori gastro-intestinali.

Posted by giorgiobertin su luglio 12, 2017

L’eccessivo consumo di alcol mette i cittadini europei a rischio di sviluppare i tumori gastro-intestinali. È quanto emerge da un’indagine condotta dalla United European Gastroenterology (UEG), secondo cui gli abitanti dell’Unione Europea consumano in media 2 bevande alcoliche al giorno e corrono un pericolo più alto del 21% di essere colpiti dal cancro del colon-retto e da altre neoplasie dell’apparato digerente.

Alcohol and Digestive Cancers: Time for Change

L’analisi evidenzia che in tutti i 28 Stati europei la media dell’introito giornaliero di alcol risulta “moderata”, ossia compresa tra 1 e 4 bevande alcoliche al giorno. Lo studio ha evidenziato che, nonostante gli elevati livelli di consumo in tutta Europa, ben il 90% delle persone non è a conoscenza del legame tra alcol e cancro. Pertanto, alla luce di questi dati, gli autori affermano che combattere l’abuso di alcol dovrebbe costituire una priorità fondamentale per le autorità governative dell’Unione Europea.

Scarica e leggi il report:
Access the Alcohol and Digestive Cancers Report

Video – Alcohol and Digestive Cancers: Time for Change
View and download an infographic on alcohol and digestive cancers across Europe

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Un composto della fragola può prevenire l’Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su luglio 12, 2017

Un composto naturale trovato in fragole e altri frutti e verdure potrebbe aiutare a prevenire la malattia di Alzheimer e altre malattie neurodegenerative legate all’età. Ad affermarlo uno studio condotto dai ricercatori del Salk Institute for Biological Studies in La Jolla, California, pubblicato sulla rivista “The Journals of Gerontology Series A“.

strawberries

Il composto si chiama Fisetin ed è un flavanolo presente in una varietà di frutta e verdura, tra cui fragole, persimmoni, mele, uva, cipolle e cetrioli.

Non solo fisetin agisce come agente colorante per la frutta e verdura, ma studi hanno anche indicato che il composto ha proprietà antiossidanti, il che significa che può contribuire a limitare i danni cellulari causati dai radicali liberi. Fisetin è stato anche dimostrato riduce l’infiammazione.
I ricercatori hanno testato fisetin nei topi che sono stati geneticamente progettati per invecchiare prematuramente, con conseguente modello di topo con malattia di Alzheimer.

I topi di 10 mesi che non hanno ricevuto fisetin hanno mostrato un aumento dei marcatori associati allo stress e all’infiammazione e hanno anche eseguito significativamente peggiori test cognitivi rispetto ai topi trattati.
A dieci mesi le differenze tra questi due gruppi erano impressionanti“, osserva la prof.ssa Pamela Maher.
Sulla base del nostro lavoro in corso, pensiamo che fisetin possa essere utile come prevenzione per molte malattie neurodegenerative legate all’età, non solo per Alzheimer“, spiega Maher.
I ricercatori chiariscono che sono necessari studi clinici umani per confermare i loro risultati.

Leggi abstract dell’articolo:
Fisetin Reduces the Impact of Aging on Behavior and Physiology in the Rapidly Aging SAMP8 Mouse
Antonio Currais, Catherine Farrokhi, Richard Dargusch, Aaron Armando, Oswald Quehenberger …
J Gerontol A Biol Sci Med Sci glx104. DOI: https://doi.org/10.1093/gerona/glx104

Fonte:  Salk Institute for Biological Studies in La Jolla

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccomandazioni sullo screening del cancro al colon-retto.

Posted by giorgiobertin su luglio 12, 2017

Sono state aggiornate dal U.S. Multi-Society Task Force of Colorectal Cancer (MSTF) le linee guida per i medici sullo screening del cancro al colon-retto. La pubblicazione aggiorna le raccomandazioni dell’MSTF per lo screening delle persone a rischio di cancro al colon retto pubblicate nel 2008.

colorectal-screening

Ricordiamo che lo screening del cancro del colon-retto (CRC) è il processo di individuazione delle lesioni cancerose o precancerose in soggetti asintomatici senza precedenti di cancro o lesioni precancerose. Lo screening è diverso dalla sorveglianza. La sorveglianza si riferisce all’uso di della colonscopia ad intervalli regolari in pazienti con diagnosi precedenti di lesioni cancerose o precancerose.

Le istruzioni di orientamento sono state sviluppate con il consenso congiunto delle tre associazioni: American College of Gastroenterology, the American Gastroenterological Association, e l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy.

La pubblicazione è stata fatta su tre giornali di gastroenterologia:  The American Journal of Gastroenterology, Gastroenterology, e GIE: Gastrointestinal Endoscopy

Scarica e leggi il documento in full text:
Colorectal cancer screening: Recommendations for physicians and patients from the U.S. Multi-Society Task Force on Colorectal Cancer
Douglas K. Rex, C. Richard Boland, Jason A. Dominitz, Francis M. Giardiello, David A. Johnson, Tonya Kaltenbach, Theodore R. Levin, David Lieberman, Douglas J. Robertson
Gastrointestinal Endoscopy July 2017 Voume 86, Issue 1, Pages 18–33

Fonte: U.S. Multi-Society Task Force of Colorectal Cancer (MSTF)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Indicatori di qualità per l’eradiacazione endoscopica dell’esofago di Barrett.

Posted by giorgiobertin su luglio 11, 2017

Sono stati pubblicati a cura dell’ASGE sulle riviste “Gastrointestinal Endoscopy” e “American Journal of Gastroenterology” gli indicatori di qualità semplici e univoci che possano indirizzare i Gastroenterologi nell’individuare con chiarezza i pazienti affetti da esofago di Barrett e suscettibili con successo della sola terapia eradicante endoscopica.

Scarica e leggi il documento in full text:
Development of quality indicators for endoscopic eradication therapies in Barrett’s esophagus: the TREAT-BE (Treatment with Resection and Endoscopic Ablation Techniques for Barrett’s Esophagus) Consortium
Sachin Wani, V. Raman Muthusamy, Nicholas J. Shaheen, Rena Yadlapati, Robert Wilson, Julian A. Abrams, Jacques Bergman, et al.
Gastrointestinal Endoscopy p1–17.e3 Published online: May 30, 2017 DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.gie.2017.03.010

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida per la diagnosi e la gestione della rinite allergica e non allergica.

Posted by giorgiobertin su luglio 11, 2017

Sono state aggiornate dalla British Society for Allergy & Clinical Immunology (BSACI) le linee guida sulla diagnosi e gestione della rinite allergica e non allergica. Il documento è stato pubblicato sulla rivista “Clinical & Experimental Allergy“e aggiorna il precedente del 2007.

cea-cover

Leggi il full text dell’articolo:
BSACI guideline for the diagnosis and management of allergic and non-allergic rhinitis (Revised Edition 2017; First edition 2007)
Scadding GK, Kariyawasam HH, Scadding G, et al.
Clin Exp Allergy. 2017;47:856-889. https://doi.org/10.1111/cea.12953

Editorial: Rhinitis guidelines (pages 846–847) – G. Roberts

Fonte: British Society for Allergy & Clinical Immunology (BSACI)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obesità, diabete e cancro alla mammella: firma genetica comune.

Posted by giorgiobertin su luglio 11, 2017

Un gruppo di ricercatori del Centro della Complessità e dei Biosistemi (CC&B) dell’Università di Milano è riuscito a identificare una sorta di firma genetica comune a obesità, cancro alla mammella e diabete.

Unimi logo

Prove cliniche ed epidemiologiche hanno evidenziato il legame fra obesità, cancro alla mammella e diabete, ma non era ancora stata ottenuta una solida conferma di questa relazione a livello di espressione genetica. Grazie a un approccio innovativo all’analisi dei Big Data i ricercatori sono riusciti ad identificare la firma genetica che accomuna obesità, diabete e cancro alla mammella

La forza del nostro lavoro deriva dall’uso di metodi di filtraggio e riduzione del rumore particolarmente appropriati, grazie ai quali siamo riusciti a mitigare il batch effect. Questa strategia di analisi potrebbe venir utilizzata anche per studiare altre patologie, consentendo di sfruttare con maggior accuratezza l’enorme quantità di dati accumulati nella letteratura biomedica”, afferma il professor La Porta. “Grazie a questo approccio, siamo riusciti a identificare una lista di geni caratteristici dell’obesità, che sono anche associati al diabete di tipo 2 e al cancro alla mammella. Il tutto con un grado di precisione simile a quello usato per identificare il Bosone di Higgs”.

Sono stati individuati 38 geni che sono espressi in maniera diversa negli adipociti provenienti da soggetti obesi, confrontati con quelli provenienti da soggetti on obesi. Una sorta di firma genetica che sembra caratterizzare in maniera specifica la condizione di obesità, indipendentemente dal genere del soggetto. Questi geni sono soprattutto associati a processi di infiammazione e risposta immunitaria, e a
complicazioni note dell’obesità come il diabete di tipo 2 e l’infertilità.

Scarica e leggi il documento in full text:
Integrative analysis of pathway deregulation in obesity.
Francesc Font‐Clos, Stefano Zapperi and Caterina A.M. La Porta.
npj Systems Biology and Applications(2017) 3:18; doi:10.1038/s41540‐017‐0018‐z

Fonte: Università Statale di Milano

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il silicio rivoluziona le interfacce del cervello-computer.

Posted by giorgiobertin su luglio 11, 2017

I ricercatori del Columbia University School of Engineering and Applied Science sfruttando l’ultima elettronica al silicio, hanno inventato un dispositivo di interfaccia cerebrale impiantato che potrebbe trasformare i sistemi artificiali attuali migliorando le funzioni del cervello.

Ad oggi i dispositivi di elettrodi impiantati per stimolare il cervello sono dispositivi estremamente grezzi con degli elettrodi utilizzati per mitigare gli effetti del Parkinson, dell’epilessia e di altre condizioni neurodegenerative. L’invenzione di un dispositivo impiantabile meno invasivo con molti canali che possano interagire con il cervello porterebbe a dei miglioramenti rivoluzionari alle interfacce del cervello-macchina, incluse interfacce dirette alla corteccia uditiva e alla corteccia visiva, espandendo in modo drammatico il modo con cui i sistemi artificiali possono aiutare le funzioni del cervello.

Revolutionizing Brain-Computer Interfaces

Il professore Ken Shepard della Columbia Engineering sta lavorando con il suo team al progetto al progetto DARPA’s Neural Engineering System Design (NESD) con l’obiettivo di realizzare un dispositivo di interfaccia cerebrale impiantabile su scala di un milione di canali per consentire la registrazione e la stimolazione dalla corteccia sensoriale (video).

Progetto: Neural Engineering System Design (NESD)

Fonte: Columbia University School of Engineering and Applied Science

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cerotto a microaghi per il vaccino antinfluenzale.

Posted by giorgiobertin su luglio 10, 2017

I ricercatori del Georgia Institute of Technology e della Emory University di Atlanta, per la prima volta hanno testato sugli esseri umani un cerotto sperimentale con microaghi che si dissolvono contenente un vaccino contro l’influenza.

Il vaccine patch a micro-aghi è sicuro, efficace e facile da smaltire. Si conserva a 40 gradi centigradi anche per un anno e lo si può applicare da soli. Il cerotto a micro-aghi o vaccine patch stimola negli esseri umani una forte risposta immunitaria, simile a quella provocata dalla vaccinazione tradizionale con ago e siringa.

Microneedle patches for flu vaccination prove successful in first human clinical trial

Il dispositivo consiste in un supporto adesivo di circa un centimetro quadrato con una faccia ricoperta di 100 microscopici aghi che incapsulano il vaccino. Una volta applicato sulla cute, in una ventina di minuti gli aghi si auto-dissolvono rilasciando il farmaco. Il supporto adesivo, non essendo materiale tagliente o pungente, non ha bisogno di procedure speciali di smaltimento.

Nonostante le raccomandazioni molte persone non si vaccinano contro l’influenza, i cerotti a micro-aghi potrebbero semplificare la distribuzione dei vaccini anti-influenzali”, ha dichiarato Nadine Rouphael, della Emory University e primo autore dello studio. (video)

Leggi abstract dell’articolo:
The safety, immunogenicity, and acceptability of inactivated influenza vaccine delivered by microneedle patch (TIV-MNP 2015): a randomised, partly blinded, placebo-controlled, phase 1 trial
Rouphael, Nadine GBeck, Allison et al.
Lancet Published: 27 June 2017 DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(17)30575-5

ClinicalTrials.gov, number NCT02438423.

Fonti: Georgia Institute of Technology   –   Emory University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Collegamento dieta ricca di grassi e cancro al colon-retto.

Posted by giorgiobertin su luglio 9, 2017

I ricercatori del Lerner Research Institute Cleveland Clinic in Ohio hanno identificato i meccanismi molecolari sottostanti al collegamento tra una dieta ad alto contenuto di grassi e il cancro del colon-retto.

scr-cover   grassi-alimenti

In particolare i ricercatori hanno identificato un percorso di segnalazione cellulare chiamato JAK2-STAT3, che guida la crescita delle cellule staminali del cancro nel colon in risposta a una dieta ad alto contenuto di grassi.
Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che bloccare il percorso JAK2-STAT3 nei topi alimentati con una dieta ad alta percentuale di grassi ha fermato la crescita di queste cellule staminali, una constatazione che potrebbe alimentare lo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento del cancro del colon-retto.

I risultati dello studio sono stati riportati sulla rivista “Stem Cell Reports“.

Leggi il full text dell’articolo:

RBP4-STRA6 Pathway Drives Cancer Stem Cell Maintenance and Mediates High-Fat Diet-Induced Colon Carcinogenesis
Sheelarani Karunanithi, Liraz Levi, Jennifer DeVecchio, George Karagkounis, Ofer Reizes, Justin D. Lathia, Matthew F. Kalady, Noa Noy
Stem Cell Reports Published online: July 6, 2017

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida sul piede diabetico.

Posted by giorgiobertin su luglio 8, 2017

Sono state pubblicate a cura dell’International Diabetes Federation le linee guida di pratica clinica sulla gestione e trattamento del piede diabetico.

DIABETIC FOOT

Scarica e leggi il documento in full text:
IDF Clinical Practice Recommendations on the Diabetic Foot – 2017

An abbreviated version of these guidelines, the “Diabetes Foot Screening Pocket Chart

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Vaccini personalizzati contro il cancro.

Posted by giorgiobertin su luglio 7, 2017

Due tipi di vaccini antitumorali personalizzati, ossia prodotti per colpire le cellule maligne di uno specifico paziente, hanno mostrato di offrire significativi benefici clinici a soggetti con melanoma in stadi già avanzati della malattia. I risultati andranno però confermati da studi effettuati su un numero più consistente di pazienti.

nature23093
Manipulating the immune response to tumours.

I tentativi di terapia immunologica (immunoterapia) basate su un generico potenziamento del sistema immunitario hanno sortito scarsi effetti rispetto a quanto sperato, con notevoli effetti collaterali. Il vaccino stimola una risposta immunitaria mirata contro alcuni marcatori di uno specifico tumore di uno specifico paziente. Le mutazioni sono casuali, variano da persona a persona, e vanno quindi di volta in volta identificate con un analisi del DNA tumorale per isolare i geni delle proteine anomale coinvolte. E’ possibile così produrre un vaccino che induce le cellule immunitarie a colpire le cellule che presentano le mutazioni.

I vaccini sono descritti in due lavori pubblicati sulla rivista “Nature 1, 2.”.

Il vaccino personalizzato (segmenti di DNA mutati) è stato somministrato nel primo lavoro a sei persone già sottoposte a intervento chirurgico per rimuovere un melanoma già in fase avanzata. Quattro di questi pazienti non hanno mostrato recidive a 25 mesi dalla terapia, mentre gli altri due, che avevano il tumore in fase particolarmente avanzata, sono state successivamente trattate con un altro tipo di terapia immunologica, anti-PD-1, ottenendo alla fine una completa regressione tumorale.

Nel secondo lavoro il vaccino personalizzato è stato somministrato a 13 pazienti, otto dei quali sono rimasti liberi da tumori a 23 mesi dalla terapia, mentre cinque hanno avuto una ricaduta. Per due di questi cinque, una successiva terapia anti-PD-1 ha portato a una completa regressione tumorale.

Leggi abstracts degli articoli:
An immunogenic personal neoantigen vaccine for patients with melanoma
Patrick A. Ott, Zhuting Hu,Derin B. Keskin,Sachet A. Shukla,Jing Sun,David J. Bozym, Wandi Zhang,Adrienne Luoma.. et al.
Nature (2017) doi:10.1038/nature22991 Published online 05 July 2017

Personalized RNA mutanome vaccines mobilize poly-specific therapeutic immunity against cancer
Ugur Sahin,Evelyna Derhovanessian,Matthias Miller,Björn-Philipp Kloke,Petra Simon, Martin Löwer,Valesca Bukur,… et al.
Nature (2017) doi:10.1038/nature23003 Published online 05 July 2017

Personalized cancer vaccines show glimmers of success
Heidi Ledford

Cancer: Precision T-cell therapy targets tumours
Cornelis J. M. Melief

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Alzheimer: Farmaco ripristina le connessioni cellulari negli animali.

Posted by giorgiobertin su luglio 7, 2017

Un nuovo farmaco in grado di ripristinare le memorie e le connessioni tra le cellule cerebrali nei topi in un modello della malattia di Alzheimer, è stato sperimentato dai ricercatori della Yale University.

Mouse-model
Cortical tissue with plaques stained in blue, and astrocytes responding to drug treatment in red.

I ricercatori della Yale avevano precedentemente identificato una proteina sulla membrana cellulare – metabotropic glutamate receptor 5 or mGluR5 – come ingresso che aiuta nella trasmissione delle istruzioni dannose nella replicazione cellulare. Il nuovo composto, Silent Allosteric Modulation or SAM (BMS 984923), creato da Bristol Myers Squibb, per il trattamento della schizofrenia, ripristina le sinapsi e la memoria dopo quattro settimane di trattamento nei modelli animali con Alzheimer. I ricercatori affermano che il passo successivo è quello di preparare uno studio per le prove preliminari del farmaco sugli esseri umani.

Il farmaco ha completamente cancellato i danni alle sinapsi e la perdita di memoria nei modelli murini della malattia di Alzheimer“, ha detto il prof. Stephen Strittmatter, neurologo alla Yale University. La pubblicazione è stata fatta sulla rivista “Cell Reports“. “Il farmaco non distrugge le placche associate con il morbo di Alzheimer, ma permette loro di coesistere con i neuroni”, ha detto Strittmatter.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Silent Allosteric Modulation of mGluR5 Maintains Glutamate Signaling while Rescuing Alzheimer’s Mouse Phenotypes
Laura T. Haas, Santiago V. Salazar, Levi M. Smith, Helen R. Zhao, Timothy O. Cox, Charlotte S. Herber, Andrew P. Degnan, Anand Balakrishnan, John E. Macor, Charles F. Albright, Stephen M. Strittmatter.
Cell Reports Volume 20, Issue 1, p76–88, 5 July 2017 DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.celrep.2017.06.023

Fonte: Yale University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alzheimer: rivelate le strutture atomiche dei filamenti Tau.

Posted by giorgiobertin su luglio 6, 2017

Un team di scienziati del MRC Laboratorio di Biologia Molecolare del Campus Biomedico di Cambridge e l’Indiana University School of Medicine, per la prima volta ha permesso la visione ad alta risoluzione delle strutture dei filamenti tau provenienti dal cervello di un paziente morto con una diagnosi confermata di malattia di Alzheimer.

Il prof. Ghetti, coordinatore del team afferma: i risultati, pubblicati online sulla rivista “Nature”, rappresentano una delle più importanti scoperte degli ultimi 25 anni nel campo della ricerca sulla malattia di Alzheimer.

Alzheimer
Tau filament structures, rendered in blue and white. In the background, a photomicrograph of a Bodian silver-stain preparation shows a neuron from the cerebral cortex of an individual affected by Alzheimer disease. The cytoplasm around the nucleus contains a flame-shaped neurofibrillary tangle. The Tau filaments appear to wrap around the neuron.

I filamenti tau sono invisibili al microscopio ottico, afferma il prof. Ghetti, e senza immagini ad alta risoluzione che mostrano la loro struttura atomica, è molto difficile decifrare il loro ruolo nello sviluppo di queste malattie“.
Ecco perché il team di ricerca ha utilizzato una tecnica di imaging chiamata microscopia a crio-elettroni [cryo-electron microscopy (cryo-EM)], che studia i campioni a temperature molto basse, per vedere i dettagli a livello atomico delle strutture proteiche.

La visione delle strutture atomiche ci insegnano quali parti dei filamenti Tau formano il seme per l’aggregazione. Questo è importante per lo sviluppo di potenziali farmaci che mirano a prevenire l’aggregazione di Tau.

Questo è un enorme passo avanti”, ha detto Ghetti. “E ‘chiaro che la tau è estremamente importante per la progressione della malattia di Alzheimer e alcune forme di demenza. In termini di progettazione di agenti terapeutici, le possibilità sono ormai enormi.

Leggi abstract dell’articolo:
Cryo-EM structures of tau filaments from Alzheimer’s disease
Anthony W. P. Fitzpatrick,Benjamin Falcon,Shaoda He,Alexey G. Murzin,Garib Murshudov,Holly J. Garringer,R. Anthony Crowther, Bernardino Ghetti,Michel Goedert & Sjors H. W. Scheres
Nature (2017) Published online 05 July 2017 doi:10.1038/nature23002

Fonti: MRC Laboratory of Molecular Biology, Cambridge Biomedical Campus – Indiana University School of Medicine

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arriva in Italia un nuovo farmaco per la SLA.

Posted by giorgiobertin su luglio 6, 2017

L’Agenzia Italiana del Farmaco, AIFA, ha approvato l’introduzione in Italia del Radicut, nome commerciale dell’edaravone, un nuovo farmaco contro la Sclerosi Laterale Amiotrofica. Il nostro Paese è il primo in Europa ad avere un nuovo farmaco sulla SLA in commercio dopo piu’ di vent’anni.

La decisione di AIFA, avvenuta dopo un’approfondita e attenta valutazione delle evidenze scientifiche disponibili e pubblicate su “Lancet Neurology” a maggio di quest’anno, ha fatto seguito alla richiesta da parte di AISLA di rendere disponibile il Radicut agli ammalati italiani.
L’unico farmaco approvato per la SLA, nel 1995, era stato il Rilutek (Riluzolo) che ha dimostrato una modesta efficacia nel prolungare di pochi mesi la sopravvivenza dei pazienti. Il Radicut risulta essere in grado di rallentare moderatamente la degenerazione motoria causata della malattia.

Il Radicut oggi e’ in uso in Giappone e Corea del Sud, mentre una sperimentazione con edaravone a somministrazione per via orale e’ in corso in Olanda. Nel maggio del 2017 la FDA, Food and Drug Administration, ne ha autorizzato l’uso negli Stati Uniti.

Safety and efficacy of edaravone in well defined patients with amyotrophic lateral sclerosis: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial
Abe, KojiAbe, Koji et al.
Lancet Neurology Volume 16, No. 7, p505–512, July 2017 – DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S1474-4422(17)30115-1

This trial is registered with ClinicalTrials.govNCT01492686.

Fonte: AISLA – Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica

Determina AIFA

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »