Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 467 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Posts Tagged ‘farmacologia’

OMS: dati sulla resistenza agli antibiotici da tutto il mondo.

Posted by giorgiobertin su novembre 13, 2018

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha rilasciato una notifica riguardante l’uso e la resistenza degli antibiotici.
Questo rapporto presenta i dati del 2015 sul consumo di antibiotici sistemici provenienti da 65 paesi e aree, contribuendo alla nostra comprensione di come gli antibiotici sono utilizzati in questi paesi. Inoltre, il rapporto documenta i primi sforzi dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dei paesi partecipanti per monitorare il consumo di antimicrobici, descrive la metodologia globale dell’OMS per la raccolta dei dati.

oms-amr-amc-report

La dichiarazione dell’OMS recita: “La grande differenza nell’uso di antibiotici in tutto il mondo indica che alcuni paesi stanno probabilmente sfruttando troppo gli antibiotici, mentre altri paesi potrebbero non avere accesso sufficiente a questi medicinali salvavita.”
“L’abuso e l’abuso di antibiotici sono le principali cause di resistenza antimicrobica. Senza antibiotici efficaci e altri antimicrobici, perderemo la nostra capacità di trattare infezioni comuni”. I risultati hanno confermato “la necessità di intraprendere azioni urgenti, come l’applicazione di politiche di sola prescrizione, per ridurre l’uso non necessario di antibiotici“.

Scarica e leggi il rapporto in full text:
WHO Report on Surveillance of Antibiotic Consumption
2016 – 2018 Early implementation Number of pages: 127 Publication date: November 2018

Annunci

Posted in E-journal E-Book, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diabete tipo 2: risultati positivi per un nuovo farmaco.

Posted by giorgiobertin su novembre 12, 2018

Segnaliamo i risultati positivi del farmaco Dapagliflozin (Forxiga) nello studio di fase III DECLARE (Dapagliflozin Effect on Cardiovascular Events) – TIMI 58, presentati all’American Heart Association (AHA) a Chicago e contestualmente pubblicati sul “New England Journal of Medicine“.

dapagliflozin

Dapaglifozin ha mostrato risultati positivi sugli outcome cardiovascolari nello studio DECLARE, il più ampio studio mai condotto sugli outcome cardiovascolari (CVOT) per un inibitore di SGLT2, mostrando una riduzione significativa delle ospedalizzazioni dovute a scompenso cardiaco o morte cardiovascolare in una vasta popolazione di pazienti affetti da diabete di tipo 2.

Lo studio DECLARE-TIMI 58 ha confermato il buon profilo di sicurezza di dapagliflozin, raggiungendo l’endpoint primario di non inferiorità rispetto a placebo e dimostrando di non aumentare gli eventi MACE (major adverse cardiovascular events).

Il Prof. Stefano Del Prato, Direttore dell’Unità Operativa di Malattie del Metabolismo e Diabetologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Pisa ha commentato: “Questi risultati sono clinicamente rilevanti per i 3 milioni di pazienti che in Italia sono affetti da diabete di tipo 2 e che hanno un rischio da 2 a 5 volte più grande di scompenso cardiaco e malattia cardiovascolare rispetto ai soggetti non diabetici. Lo scompenso cardiaco è la prima causa di ospedalizzazione in Italia e dopo 5 anni dalla diagnosi solo il 50% dei pazienti con scompenso cardiaco sopravvive. Per questo i risultati dello studio DECLARE, ottenuti in una popolazione molto vicina a quella che vediamo normalmente nei nostri ambulatori, rivestono un particolare interesse e sottolineano la necessità di andare oltre l’obiettivo del controllo glicemico per un approccio più integrato del diabete e delle sue complicanze cardiache e renali“.

Dapagliflozin and Cardiovascular Outcomes in Type 2 Diabetes
Stephen D. Wiviott, M.D., Itamar Raz, M.D., Marc P. Bonaca…. et al.
NEJM November 10, 2018 DOI: 10.1056/NEJMoa1812389

DECLARE–TIMI 58 ClinicalTrials.gov number, NCT01730534.

Dapagliflozin

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una molecola per future immunoterapie contro il cancro e malattie autoimmuni.

Posted by giorgiobertin su novembre 9, 2018

Gli scienziati dell’IMBA – Institute of Molecular Sciences of the Austrian Academy of Sciences – insieme al Boston Children’s Hospital di Harvard, dimostrano un modo completamente nuovo di combattere le malattie autoimmuni e il cancro.

Le cellule T sono i soldati del sistema immunitario e pattugliano il corpo alla ricerca di cellule infettate da agenti patogeni o cellule aberranti che potrebbero diventare tumori. Nello studio pubblicato sulla rivista “Nature“, i ricercatori hanno scoperto che BH4 (enzyme co-factor tetrahydrobiopterin), una molecola necessaria per produrre l’ormone della felicità, serotonina o dopamina, controlla la crescita delle cellule T regolando il metabolismo del ferro e dei mitocondri.

In modelli animali, i ricercatori hanno scoperto che il trattamento di topi con bloccanti BH4 “calmava” l’attività delle cellule T in condizioni infiammatorie. Nel contempo, hanno scoperto che livelli più alti di BH4 attivavano la crescita delle cellule T, causando la contrazione dei tumori.

Nel lavoro dei ricercatori una molecola riconosciuta come essenziale per molte funzioni in neurobiologia, è ora identificata come chiave per terapie completamente nuove: controllandola possiamo bloccare la proliferazione delle cellule T nelle malattie autoimmuni o nell’asma; inoltre possiamo attivare le cellule T per crescere e attaccare le cellule tumorali, anche in condizioni avverse – e quindi è stato scoperto un nuovo percorso per indurre l’immunità anti-cancro.

Puntando sul BH4, siamo in grado di sopprimere l’attività delle cellule T in condizioni infiammatorie e di aumentare la loro attività nel caso del cancro”, ha detto il il prof. Woolf (video).

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo farmaco chiamato QM385, che inibisce la produzione di BH4, e sperano di iniziare presto i test su pazienti umani.

Leggi abstract dell’articolo:
The metabolite BH4 controls T cell proliferation in autoimmunity and cancer
Shane J. F. Cronin, Corey Seehus, […]Josef M. Penninge
Nature, 2018, Published: 07 November 2018 DOI: 10.1038/s41586-018-0701-2

Fonte: IMBA – Institute of Molecular Sciences of the Austrian Academy of Sciences

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cancro: nuova classe di farmaci immunoterapici.

Posted by giorgiobertin su novembre 9, 2018

I ricercatori della GlaxoSmithKline hanno scoperto una potenziale nuova classe di farmaci immunoterapici per trattare alcuni dei tumori più comuni. Lo studio, pubblicato sulla rivista “Nature” mostra come funzionano queste molecole e cosa potrebbero significare per il futuro del trattamento del cancro.

Il sistema immunitario è una complessa rete di cellule che lavorano insieme per prevenire infezioni e malattie. Le cellule che costituiscono il sistema immunitario possono rilevare migliaia di trigger, dai virus ai vermi parassiti, noti come agenti patogeni. Le cellule immunitarie possono distinguere tra le cellule del corpo e le cellule o il materiale estraneo. Una volta che le cellule immunitarie individuano il bersaglio, perfezionano una risposta per distruggere l’agente patogeno invasore.

STING

Una di queste proteine chiamata STING  (Stimulator of interferon genes) quando è attiva, innesca un sottogruppo di cellule T in grado di riconoscere e distruggere le cellule tumorali.
I ricercatori hanno trovato nuove molecole per attivare STING. Queste molecole sono le prime del loro genere.

Abbiamo anche visto in modelli murini di cancro che le nuove molecole attivano la “memoria” del sistema immunitario, che significa che se il cancro dovesse ritornare, le cellule del sistema immunitario erano innescate e pronte ad attaccare senza bisogno di ulteriori trattamenti.
Gli scienziati sono entusiasti del potenziale di queste nuove molecole, anche se la ricerca è appena agli inizi.

Continueremo a studiare gli attivatori di STING come potenziali trattamenti contro il cancro, il passo successivo per noi sarà quello di passare agli studi sulla sicurezza umana delle molecole, che prevediamo di iniziare nel 2019” – afferma il prof. Joshi Ramanjulu.

Leggi abstract dell’articolo
Design of amidobenzimidazole STING receptor agonists with systemic activity
Joshi M. Ramanjulu et al.
Nature (2018). DOI: 10.1038/s41586-018-0705-y

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

NICE: linee guida sulla infezione del tratto urinario (ricorrente).

Posted by giorgiobertin su novembre 4, 2018

E’ stata pubblicata a cura di NICE una linee guida che stabilisce una strategia di prescrizione antimicrobica per prevenire le infezioni ricorrenti del tratto urinario in bambini, giovani e adulti che non hanno un catetere. Il documento ha lo scopo di ottimizzare l’uso di antibiotici e ridurre la resistenza agli antibiotici.

UTI-recurrent

Scarica e leggi il documento in full text:
Urinary tract infection (recurrent): antimicrobial prescribing
NICE guideline [NG112] Published date: October 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FDA approva un nuovo farmaco per il trattamento dell’influenza.

Posted by giorgiobertin su novembre 1, 2018

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Xofluza (baloxavir marboxil) per il trattamento dell’influenza acuta non complicata nei pazienti di età pari o superiore a 12 anni, sintomatici per non più di 48 ore.

Xofluza

Si tratta dei un nuovo farmaco antinfluenzale della Roche che dovrebbe fare concorrenza al Tamiflu. “Con migliaia di persone che prendono l’influenza ogni anno e molte persone che si ammalano gravemente, avere alternative di trattamento sicure ed efficaci è fondamentale e questo nuovo farmaco fornisce un’opzione terapeutica importante e aggiuntiva” – afferma il commissario della Fda, Scott Gottlieb. “Questo è il primo nuovo trattamento antinfluenzale antivirale con un nuovo meccanismo d’azione approvato dalla FDA in quasi 20 anni.”

Xofluza richiede solo una dose, mentre un ciclo di Tamiflu comporta dosi multiple per diversi giorni. E le prove preliminari suggeriscono che Xofluza potrebbe essere efficace contro ceppi di influenza che hanno sviluppato resistenza al Tamiflu, anche se questo deve ancora essere confermato in studi clinici.

Xofluza è stato approvato sulla base dei risultati dello studio di fase III CAPSTONE-1 che ha coinvolto 1.800 persone. Xofluza era sicuro e ben tollerato con un profilo di effetti collaterali simile al placebo. I risultati degli studi CAPSTONE-1 e di fase II sono stati pubblicati a settembre 2018 dal New England Journal of Medicine.

Comunicato stampa FDA:
FDA approves new drug to treat influenza

Roche announces FDA approval of Xofluza (baloxavir marboxil) for influenza

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Gli ACE-inibitori aumentano il rischio di cancro al polmone.

Posted by giorgiobertin su ottobre 30, 2018

Un ampio studio di coorte basato sulla popolazione, pubblicato sul “British Medical Journal“, dimostra che l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) per abbassare la pressione arteriosa si associa a un rischio globale di cancro del polmone aumentato del 14% rispetto alla terapia antipertensiva con bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB).

Per i pazienti che avevano assunto ACE-inibitori per 5 anni, il rischio di cancro del polmone era aumentato del 22% rispetto a quelli che avevano assunto ARB. L’aumento del rischio di cancro del polmone ha raggiunto il picco del 31% per i pazienti che hanno assunto ACE-inibitori per 10 anni o più.

cancro_polmone    ace

Lo studio: 335.135 pazienti sono stati trattati con ACE-inibitori: il ramipril è stato prescritto nel 26% dei pazienti, il lisinopril nel 12% e il perindopril nel 7% dei pazienti. Un totale di 29.008 pazienti sono stati trattati con ARB e 101.637 hanno ricevuto sia ACE-inibitori sia ARB.

Certamente sono necessari ulteriori studi per confermare le nostre scoperte, che devono avere un follow-up sufficiente, dato l’effetto a lungo termine osservato nel nostro studio” specificano i ricercatori.

Leggi il full text dell’articolo:
Angiotensin converting enzyme inhibitors and risk of lung cancer: population based cohort study
Hicks Blánaid M, Filion Kristian B, Yin Hui, Sakr Lama, Udell Jacob A, Azoulay Laurent et al.
BMJ 2018; 363 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.k4209 (Published 24 October 2018)

Fonte: Pharmastar

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Test per rilevare la resistenza delle cellule tumorali ai farmaci.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2018

I biofisici della Ruhr-Universität Bochum (RUB) hanno dimostrato che la microscopia Raman può essere utilizzata per rilevare la resistenza delle cellule tumorali ai farmaci antitumorali. A differenza degli approcci convenzionali, questo metodo non richiede alcun anticorpo o marcatore. Rileva la risposta delle cellule ai farmaci somministrati e quindi potrebbe determinare l’effetto dei farmaci negli studi preclinici.

Gerwert
Samir El-Mashtoly (a destra) e Klaus Gerwert nel laboratorio della Ruhr-Universität Bochum Credito: Michael Schwettmann

Il team guidato dal professor Klaus Gerwert e dal dott. Samir El-Mashtoly, ha utilizzato erlotinib e osimertinib, disponibili sotto i nomi commerciali Tarceva e Tagrisso e approvati per il trattamento del cancro del polmone. Si legano a determinate proteine ​​sulla superficie cellulare e quindi inibiscono la crescita cellulare. Nel corso della terapia, tuttavia, i pazienti sviluppano resistenza agli ingredienti attivi perché le proteine ​​nelle cellule tumorali cambiano.
Con la microscopia Raman, è possibile generare un’impronta spettroscopica dell’apparecchiatura molecolare di una cellula. Un confronto degli spettri prima e dopo la somministrazione del farmaco può fornire informazioni sui processi chimici che attivano il farmaco.

Leggi il full text dell’articolo:
Raman micro-spectroscopy monitors acquired resistance to targeted cancer therapy at the cellular level
Mohamad K. Hammoud, Hesham K. Yosef[…]Klaus Gerwert
Scientific Reports 8 , 1–11 Published: 15 October 2018

Fonte:  Ruhr-Universität Bochum (RUB)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cancro al pancreas: un composto di alberi cinesi distrugge i tumori.

Posted by giorgiobertin su ottobre 23, 2018

Un nuovo studio, pubblicato sul “Journal of Experimental & Clinical Cancer Research“, rileva che un analogo sintetico di un composto trovato in un albero cinese raro può essere utilizzato per combattere il cancro pancreatico resistente al trattamento.

Gli scienziati del Department of Pharmacology & Therapeutics, Roswell Park Comprehensive Cancer Center,Buffalo, New York, hanno scoperto che un derivato della camptotecina – che è un composto di corteccia di un albero cinese le cui proprietà antitumorali sono state scoperte oltre mezzo secolo fa – può efficacemente uccidere i tumori del pancreas.

camptotheca_acuminata

In questo studio, il prof. Fengzhi Li e il suo team hanno testato il farmaco antitumorale FL118 ed hanno scoperto che il composto distruggeva le cellule cancerose resistenti ai farmaci e impediva la diffusione dei tumori distruggendo le cellule staminali cancerose. Nel complesso, il farmaco è stato ben tollerato e non ha attivato nessuno dei segni di tossicità che altri farmaci irinotecan e topotecan attualmente utilizzati producono.

Il nostro studio fornisce un forte supporto per lo sviluppo di terapie basate sul FL118 per il cancro del pancreas, specialmente nei pazienti che sono resistenti al trattamento attuale.” – afferma il prof. Xinjiang Wang.
I ricercatori hanno in programma di sviluppare uno studio clinico allargato basato su questi risultati.

Scarica e leggi il documento in full text:
An ABCG2 non-substrate anticancer agent FL118 targets drug-resistant cancer stem-like cells and overcomes treatment resistance of human pancreatic cancer
Xiang Ling, Wenjie Wu, Chuandong Fan, Chao Xu, Jianqun Liao, Laurie J. Rich, Ruea-Yea Huang, Elizabeth A. Repasky, Xinjiang Wang and Fengzhi Li
Journal of Experimental & Clinical Cancer Research 2018 37:240 Published on: 3 October 2018

Fonte: Department of Pharmacology & Therapeutics, Roswell Park Comprehensive Cancer Center,Buffalo, New York

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chemioterapia e Immunoterapia contro il cancro al seno.

Posted by giorgiobertin su ottobre 23, 2018

Una sperimentazione clinica condotta dai ricercatori della Queen Mary University di Londra e del St Bartholomew’s Hospital, entrambi a Londra, nel Regno Unito, potrebbe cambiare il volto della terapia per una forma molto aggressiva del cancro al seno: tripla-negativa.
Una combinazione di chemioterapia e immunoterapia aumenta i tassi di sopravvivenza, secondo i risultati pubblicati sulla rivista “New England Journal of Medicine” dagli scienziati.


First immunotherapy success for triple-negative breast cancer – Pubblished 21 oct 2018 – Pubblished 21 oct 2018

“Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma aggressiva di cancro al seno, abbiamo cercato disperatamente opzioni terapeutiche migliori”, afferma il prof. Peter Schmid. “Siamo entusiasti che utilizzando una combinazione di immunoterapia e chemioterapia siamo in grado di estendere significativamente le vite rispetto al trattamento standard della sola chemioterapia”.
Più specificamente, sono stati usati Atezolizumab, un anticorpo monoclonale (farmaco immunoterapico) e l’agente chemioterapico Nab-paclitaxel.
Questa potente combinazione è in grado di estendere la sopravvivenza di una persona fino a 10 mesi, riducendo il rischio di morte o di progressione della malattia fino al 40%.

La chemioterapia permette di strappare il “mantello immunoprotettivo” del tumore, ed esporlo al sistema immunitario della persona per combatterlo. Lo studio clinico ha dimostrato che l’immunoterapia, se erogata insieme alla chemioterapia, può aumentare la sopravvivenza e fermare la crescita del tumore.

Leggi abstract dell’articolo:
Atezolizumab and Nab-Paclitaxel in Advanced Triple-Negative Breast Cancer
Peter Schmid, M.D., Ph.D., Sylvia Adams, M.D., Hope S. Rugo, M.D., Andreas Schneeweiss, M.D., Carlos H. Barrios, M.D., Hiroji Iwata, M.D., Ph.D., Véronique Diéras, M.D., Roberto Hegg, …. et al.
NEJM October 20, 2018 DOI: 10.1056/NEJMoa1809615

A video explaining the research can be found on Dropbox here: http://bit.ly/2yJkOmE

Fonte: Queen Mary University of London

Posted in News-ricerca, Video | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un vecchio farmaco potrebbe migliorare la radioterapia contro il cancro.

Posted by giorgiobertin su ottobre 20, 2018

Un farmaco identificato per la prima volta 150 anni fa e usato come rilassante muscolare liscio potrebbe rendere i tumori più sensibili alla radioterapia, ad affermarlo uno studio condotto dai ricercatori del Ohio State University Comprehensive Cancer Center – Arthur G. James Cancer Hospital and Richard J. Solove Research Institute (OSUCCC – James).

I ricercatori hanno scoperto che il farmaco chiamato papaverina inibisce la respirazione dei mitocondri, i componenti che consumano ossigeno e producono energia nelle cellule e sensibilizza i tumori alle radiazioni. Hanno scoperto che il farmaco non influisce sulla sensibilità alle radiazioni dei tessuti normali ben ossigenati.

Denko
Dr Nicholas Denko

Inoltre, i ricercatori hanno dimostrato che la modifica della molecola di papaverina potrebbe migliorare la sicurezza della molecola e potrebbe rappresentare una nuova classe di farmaci radiosensibilizzanti con meno effetti collaterali.

I ricercatori riportano i loro risultati sulla rivista  Proceedings of the National Academy of Sciences. La rivista include anche un commento a questi studi.

Abbiamo scoperto che una dose di papaverina prima della radioterapia riduce la respirazione mitocondriale, allevia l’ipossia e migliora notevolmente le risposte dei modelli di tumore alle radiazioni“, afferma il prof. Denko. “Se le cellule maligne nelle aree ipossiche di un tumore sopravvivono alla radioterapia, possono diventare una fonte di recidiva. È fondamentale trovare metodi per superare questa forma di resistenza al trattamento“.
Abbiamo studiato l’approccio opposto del normale. Piuttosto che tentare di aumentare l’apporto di ossigeno, abbiamo ridotto la richiesta di ossigeno, e questi risultati suggeriscono che la papaverina o un suo derivato è un radiosensibilizzatore metabolico promettente.”– conclude il prof. Nicholas Denko.

Leggi abstract dell’articolo:
Papaverine and its derivatives radiosensitize solid tumors by inhibiting mitochondrial metabolism
Martin Benej, Xiangqian Hong, Sandip Vibhute, Sabina Scott, Jinghai Wu, Edward Graves, Quynh-Thu Le, Albert C. Koong, Amato J. Giaccia, Bing Yu, Shih-Ching Chen, Ioanna Papandreou, and Nicholas C. Denko
PNAS published ahead of print September 10, 2018 https://doi.org/10.1073/pnas.1808945115

Fonte: Ohio State University Comprehensive Cancer Center

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nuovo test identifica rapidamente “superbatteri” resistenti agli antibiotici.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2018

Un nuovo ed economico test sviluppato dai ricercatori della University of California – Berkeley può diagnosticare i pazienti con ceppi batterici resistenti agli antibiotici in pochi minuti. La tecnica potrebbe aiutare i medici a prescrivere gli antibiotici giusti per ogni infezione e potrebbe aiutare a limitare la diffusione di “superbatteri” resistenti agli antibiotici, che uccidono ogni anno fino a 700.000 persone in tutto il mondo.


Detecting antibiotic resistance faster than ever before.  Video by Roxanne Makasdjian and Stephen McNally

Il test, denominato DETECT, individua le firme molecolari dei batteri resistenti agli antibiotici direttamente nei campioni di urina. A differenza di altre tecniche attualmente disponibili sul mercato, DETECT non richiede strumenti costosi ed è abbastanza semplice da essere applicato in un ambiente point-of-care.

In teoria, DETECT ti permetterà di diagnosticare infezioni batteriche resistenti agli antibiotici in uno studio medico semplicemente raccogliendo urina e mescolandola con i reagenti DETECT“, ha detto il professor Niren Murthy, della University of California – Berkeley.

La tecnica DETECT utilizza una reazione enzimatica a catena per aumentare il segnale delle beta-lattamasi (enzimi che bloccano i batteri dalla a livello di parete cellulare, rendendo impossibile la crescita e la riproduzione dei microbi) di un fattore di 40.000, abbastanza alto da consentire il rilevamento della presenza di questi enzimi nei campioni di urina. Con DETECT, un paziente che risulta positivo a un’infezione resistente agli antibiotici di prima generazione può essere immediatamente trattato con un antibiotico o un agente alternativo più potente.

Leggi il full text dell’articolo:
An Enzyme‐Mediated Amplification Strategy Enables Detection of β‐Lactamase Activity Directly in Unprocessed Clinical Samples for Phenotypic Detection of β‐Lactam Resistance
Tara R. de Boer Nicole J. Tarlton Reina Yamaji Sheila Adams‐Sapper Tiffany Z. Wu Santanu Maity Giri K. Vesgesna Corinne M. Sadlowski Peter DePaola Lee W. Riley Niren Murthy
ChemBioChem First published: 04 October 2018 https://doi.org/10.1002/cbic.201800571

Fonte: University of California – Berkeley

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Un farmaco riduce il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete tipo 2.

Posted by giorgiobertin su ottobre 11, 2018

Un team di ricercatori ha individuato un nuovo farmaco capace di ridurre del 22 per cento il rischio di infarto del miocardio, di ictus o mortalità cardiovascolare nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 con pregressa malattia cardiovascolare.

Lo studio denominato Harmony-Outcomes è stato coordinato dai professori Stefano Del Prato del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa e John McMurray del British Heart Foundation Cardiovascular Research Centre dell’Università di Glasgow.

Albiglutide-HARMONY

Complessivamente la ricerca, che ha coinvolto 9463 pazienti di 28 paesi diversi, ha mostrato le capacità cardioprotettive di albiglutide, un farmaco della classe degli agonisti del recettore del GLP1. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista “The Lancet“.

Siamo veramente contenti di questi risultati che forniscono un’ulteriore, solida evidenza dell’effetto cardioprotettivo di alcuni agonisti del recettore del GLP1, farmaci già impiegati per il controllo della glicemia nei pazienti con diabete tipo 2“. – afferma il prof. Stefano Del Prato.

Leggi abstract dell’articolo:
Albiglutide and cardiovascular outcomes in patients with type 2 diabetes and cardiovascular disease (Harmony Outcomes): a double-blind, randomised placebo-controlled trial
The Lancet Published:October 02, 2018DOI: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)32261-X

This study is registered with ClinicalTrials.gov, number NCT02465515.

Fonte: Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nanoparticelle contro il cancro.

Posted by giorgiobertin su ottobre 4, 2018

Un team di ricerca guidato dalla professoressa Margherita Morpurgo dell’Università di Padova ha dimostrato che, per trasportare un farmaco verso il tumore, è più efficace legare l’anticorpo a una nanoparticella ANANAS invece che al farmaco stesso. Inoltre con questa metodologia si può aggredire il tumore al seno “triplo negativo”, ad oggi senza una cura farmacologica.

In pratica è stato dimostrato per la prima volta la superiorità dell’uso delle nanoparticelle rispetto a farmaci classici e alle molecole ibride anticorpo-farmaco. Tutto ciò, nel contesto del tumore al seno ‘triplo negativo’ (TNBC), una forma particolarmente grave di tumore che non risponde a nessuna terapia.

nanotech

Nello specifico abbiamo creato – dice la prof.ssa Margherita Morpurgo – una nanoparticella che unisce un anticorpo terapeutico, il cetuximab, e un farmaco, la doxorubicina, (entrambi inattivi nel combattere il TNBC). I risultati della ricerca dimostrano in vitro e in vivo che, mentre entrambi i farmaci da soli o uniti fra di loro nel complesso ADC sono inefficaci, la nuova nano combinazione diventa estremamente efficace anche a dosi molto basse di ciascun componente, di fatto bypassando le difese che il tumore ha sviluppato contro la terapia”.
I dati portano speranza in contesti dove le terapie oggi disponibili non funzionano”.

Leggi abstract dell’articolo
Improvement and extension of anti-EGFR targeting in breast cancer therapy by integration with the Avidin-Nucleic-Acid-Nano-Assemblies.
Francesco Roncato, Fatlum Rruga, Elena Porcù, Elisabetta Casarin, Roberto Ronca, Federica Maccarinelli, Nicola Realdon, Giuseppe Basso, Ronen Alon, Giampietro Viola & Margherita Morpurgo
Nature Communications volume 9, Article number: 4070 (2018) Published: 04 October 2018

Fonte: Università di Padova

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nuova classe di farmaci contro il cancro al seno.

Posted by giorgiobertin su ottobre 4, 2018

I ricercatori del Stevens Institute of Technology e colleghi hanno progettato e sviluppato una nuova classe di molecole che utilizzano un meccanismo mai conosciuto prima che potrebbe arrestare o distruggere i tumori al seno, in particolare per i pazienti con stadi della malattia resistenti ai farmaci o pericolosamente metastatici.

Cyclohexane PROTAC 3D
Schematic of a fundamentally new molecule can halt proliferation and growth of breast cancer cells in the lab

La molecola, sviluppata dal team del prof. Abhishek Sharma, potrebbe aggiungersi ad altri farmaci sviluppati per degradare o inibire i recettori degli estrogeni, proteine ​​all’interno delle cellule che hanno dimostrato essere il bersaglio più importante nella terapia del cancro al seno.
Il team ha sintetizzando diverse varianti del nuovo composto, ognuna delle quali ha richiesto settimane o mesi di progettazione e produzione. Quasi tutti i nuovi composti hanno fortemente inibito la crescita e la proliferazione delle cellule del cancro al seno.

Riteniamo che questi risultati siano molto promettenti“, ha detto il prof. Sharma. Alcuni dei composti più promettenti sono già pronti per i test sugli animali.

Leggi abstrcat dell’articolo:
New Class of Selective Estrogen Receptor Degraders (SERDs): Expanding the Toolbox of PROTAC Degrons
Lucia Wang, Valeria S. Guillen, Naina Sharma, Kevin Flessa, Jian Min, Kathryn E. Carlson, Weiyi Toy, Sara Braqi, Benita S. Katzenellenbogen, John A. Katzenellenbogen, Sarat Chandarlapaty, and Abhishek Sharma
ACS Med. Chem. Lett., 2018, 9 (8), pp 803–808 Publication Date (Web): July 5, 2018 (Letter) DOI: 10.1021/acsmedchemlett.8b00106

Fonte:  Stevens Institute of Technology – New Jersey – United States

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovi farmaci bloccano la crescita del cancro del pancreas nei topi.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2018

Un team di ricerca coordinato dal professor Mouad Edderkaoui, presso il  Samuel Oschin Comprehensive Cancer Center, Cedars-Sinai Medical Center, Los Angeles, California, ha scoperto un farmaco di nuova concezione che può prevenire il più comune tipo di tumore pancreatico dalla crescita e diffusione nei topi di laboratorio.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Gastroenterology“, ha anche dimostrato nei topi che il farmaco, chiamato Metavert, può impedire ai pazienti di sviluppare una resistenza alle chemioterapie attualmente utilizzate per il cancro al pancreas.
Questo è un passo eccitante per migliorare i tassi di sopravvivenza nei pazienti con cancro al pancreas“, ha detto il prof. Mouad Edderkaoui.


Metavert – A New Hope for Treating Pancreatic Cancer

Nel corso di un periodo di quattro anni,i ricercatori hanno progettato e sintetizzato nuove sostanze chimiche che inibiscono l’attività delle cellule tumorali.Hanno scoperto che Metavert blocca la resistenza ai farmaci e inoltre aumenta significativamente gli effetti positivi delle radiazioni di due agenti chemioterapici comunemente usati nell’uomo. Negli studi sui topi, Metavert ha aumentato il tasso di sopravvivenza di circa il 50%.

Stiamo attualmente sviluppando una versione del farmaco da testare nell’uomo” – afferma il prof. Mouad Edderkaoui. “Se i risultati sono confermati negli esseri umani, potremmo avere un farmaco con il potenziale di estendere significativamente la vita dei pazienti con adenocarcinoma duttale pancreatico (PDAC), che è molto difficile da trattare“.

Leggi abstract dell’articolo:
An Inhibitor of GSK3B and HDACs Kills Pancreatic Cancer Cells and Slows Pancreatic Tumor Growth and Metastasis in Mice
Mouad Edderkaoui, Chintan Chheda, Badr Soufi, Fouzia Zayou, Robert Hu, V. Krishnan Ramanujan, Xinlei Pan, Laszlo G. Boros, and others
Gastroenterology DOI: https://doi.org/10.1053/j.gastro.2018.08.028

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Uso di Benzodiazepine e rischio negli anziani.

Posted by giorgiobertin su settembre 14, 2018

L’uso di benzodiazepine tra gli anziani è comune nonostante l’evidenza di molti potenziali rischi. Ora un nuovo studio, pubblicato su “JAMA Internal Medicine” da un team dell’University of Michigan, VA e University of Pennsylvania, ha esaminato e confermato che l’uso a lungo termine di benzodiazepine da parte di adulti aumenta il rischio di effetti collaterali.

michigan-benzo

Dei 576 adulti partecipanti allo studio che hanno ricevuto la loro prima prescrizione di benzodiazepine nel 2008-2016, 152 avevano ancora una prescrizione attuale o recente un anno dopo. Lo studio includeva solo le persone le cui benzodiazepine erano state prescritte da non-psichiatri.

Il prof. David Oslin, autore senior del documento afferma: “Quando un medico prescrive per 30 giorni una benzodiazepina, il messaggio al paziente è quello di assumere il farmaco ogni giorno e per un lungo periodo. Questa aspettativa si traduce in un uso cronico che a lungo termine si traduce in maggiori rischi come cadute, deterioramento cognitivo e al peggio insonnia“.

I ricercatori affermano che i loro risultati indicano una forte necessità di una migliore educazione degli operatori sanitari e del pubblico riguardo ai rischi associati a questi farmaci.

Leggi abstract dell’articolo:
Factors Associated With Long-term Benzodiazepine Use Among Older Adults.
Lauren B. Gerlach, Donovan T. Maust, Shirley H. Leong, Shahrzad Mavandadi, David W. Oslin.
JAMA Internal Medicine, 2018; DOI: 10.1001/jamainternmed.2018.2413

Fonte ed approfondimenti: University of Michigan

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sviluppato un farmaco contro il pancreas.

Posted by giorgiobertin su settembre 13, 2018

Il tumore al pancreas è caratterizzato da metastasi precoci e una scarsa risposta alla chemioterapia. La gemcitabina, un farmaco chemioterapico con solo modesto beneficio clinico, rimane uno dei pilastri del trattamento per il carcinoma pancreatico avanzato.
Ora i ricercatori dell’University of Houston hanno progettato un nuovo farmaco in grado di inibire due dei principali percorsi della malattia mortale.

zhang-wang
Ruiwen Zhang, M.D., Ph.D. and Robert L. Boblitt Endowed Professor in Drug Discovery, left

I due geni che causano il cancro collegati al cancro del pancreas sono il fattore nucleare delle cellule T attivate1 (NFAT1) e doppio minuto murino 2 (MDM2), un gene che regola (e esaurisce) il gene soppressore del tumore chiamato p53. Se non è presente un soppressore tumorale p53, MDM2 causerà il cancro da solo. NFAT1 up-regola l’espressione di MDM2 e incoraggia la crescita del tumore.

“Abbiamo sviluppato un composto sintetico che chiamiamo MA242, e può ridurre entrambe le proteine ​​allo stesso tempo aumentando la specificità e l’efficienza dell’uccisione del tumore“, ha detto il prof. Zhang. “Nel nostro studio di modellizzazione molecolare, MA242 è un potente doppio inibitore.” Sebbene sia stato creato dall’uomo, il nuovo composto si basa su un tipo di spugna marina.

Il farmaco sarebbe una prima terapia di prima classe per il cancro del pancreas e una nuova struttura concettuale per lo sviluppo di altri farmaci.

Leggi abstract dell’articolo:
Targeting the NFAT1-MDM2-MDMX network for prostate cancer therapy
Jiang-Jiang Qin, Xin Li, Wei Wang and Ruiwen Zhang
In: Proceedings of the American Association for Cancer Research Annual Meeting 2018; 2018 Apr 14-18; Chicago, IL. Philadelphia (PA):
AACR; Cancer Res 2018;78(13 Suppl):Abstract nr 4863.

Fonte: University of Houston

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperto un potente antidolorifico che non causa dipendenza.

Posted by giorgiobertin su settembre 3, 2018

Un nuovo composto, una piccola molecola identificata dalla sigla AT-121, che è stato sviluppato e studiato da un team internazionale di ricerca, guidato dalla Wake Forest School of Medicine negli Stati Uniti, insieme National Institute on Drug Abuse ed alla Wakayama Medical University, Giappone. Sicuro ed efficace, questo antidolorifico, per ora testato su scimmie, non causa dipendenza, al contrario di quanto avviene solitamente con i farmaci oppioidi. Lo studio è stato pubblicato su “Science Translational Medicine“.

Il nuovo composto AT121 combina in una stessa molecola le due attività (antidolorifica e “antidipendenza”), come spiega uno degli autori dello studio, il prof. Mei-Chuan Ko: “questo composto, infatti, oltre ad essere efficace contro il dolore è anche in grado di bloccare il potenziale abuso prescrittivo di oppioidi, un effetto simile a quello svolto dalla buprenofina [usata come analgesico e per il trattamento delle dipendenze da oppioidi] contro l’eroina“.

OPPIACEI+PER+DOLORE

Analizzando i risultati dello studio, rispetto alla morfina, col nuovo farmaco basta una dose 100 volte inferiore per raggiungere lo stesso livello di riduzione del dolore. Il tutto, spiegano gli autori, alleviando gli effetti di dipendenza dall’ossicodone (Depalgos), l’oppioide testato nello studio, un farmaco ampiamente prescritto. Il composto AT121, inoltre, non ha causato effetti collaterali quali depressione respiratoria e problemi motori e, una volta interrotto, a partire da tre giorni non aveva alcun effetto di rimbalzo dovuto alla sospensione.

I risultati sono stati ottenuti su primati non umani, il prossimo passo riguarderà altri studi pre-clinici che se verranno confermati si potrà procedere agli studi sull’uomo.

Leggi abstract dell’articolo:
A bifunctional nociceptin and mu opioid receptor agonist is analgesic without opioid side effects in nonhuman primates
BY HUIPING DING, NORIKAZU KIGUCHI, DENNIS YASUDA, PANKAJ R. DAGA, WILLMA E. POLGAR, JAMES J. LU, PAUL W. CZOTY, SHIROH KISHIOKA, NURULAIN T. ZAVERI, MEI-CHUAN KO
Science Translational Medicine 29 Aug 2018: Vol. 10, Issue 456, eaar3483 DOI: 10.1126/scitranslmed.aar3483

Fonte: Wake Forest School of Medicine

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un farmaco per le malattie del fegato ripristina le cellule danneggiate dall’Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su settembre 1, 2018

Un farmaco che è stato usato per trattare le malattie del fegato per decenni potrebbe aiutare a ripristinare le cellule danneggiate dal morbo di Alzheimer, la scoperta proviene da un nuovo studio del Sheffield Institute for Translational Neuroscience (SITraN), University of Sheffield. Lo studio dimostra che l’acido ursodesossicolico (UDCA) migliora la disfunzione mitocondriale – che è noto per essere un fattore causale sia per la malattia di Alzheimer sia sporadica che familiare.

Anomalie mitocondriali sono state identificate in molti tipi di cellule nella malattia di Alzheimer, con deficit che si verificano prima dello sviluppo delle classiche aggregazioni patologiche. I cambiamenti di energia sono stati trovati in molte diverse cellule da persone con Alzheimer. Si pensa che siano uno dei primi cambiamenti che si verificano nelle cellule cerebrali, forse ancora prima che i sintomi siano segnalati.

Per la prima volta nel tessuto dei pazienti affetti da Alzheimer questo studio ha dimostrato che l’acido UDCA può aumentare le prestazioni delle dei mitocondri” – afferma la prof.ssa Heather Mortiboys.

La cosa più importante è che il farmaco è attivo nelle cellule di persone con il tipo più comune di malattia devastante – l’Alzheimer sporadico – il che potrebbe significare che ha un potenziale per migliaia di pazienti.” La prof.ssa Mortiboys, che ha guidato lo studio, ha aggiunto: “Poiché il farmaco è già in uso clinico per malattie del fegato; questo accelera il tempo potenziale che potrebbe impiegare per portare questo farmaco in clinica per i pazienti“.

I prossimi passi potrebbero includere studi sui neuroni derivati ​​dal paziente per verificare la presenza di effetti protettivi, confermando quanto già dimostrato (studi del 2015): che l’UDCA è protettivo nei modelli animali del morbo di Alzheimer. Si potrebbero così adottare misure per l’uso dell’UDCA in studi clinici.

Scarica e leggi il documento in full text:
Ursodeoxycholic Acid Improves Mitochondrial Function and Redistributes Drp1 in Fibroblasts from Patients with either Sporadic or Familial Alzheimer’s Disease
Simon M. Bell, Katy Barnes, Hannah Clemmens, Aziza R. AlRafiah, Ebtisam A. Al-ofi, Vicki Leech, Oliver Bandmann, Pamela J. Shaw, Daniel J. Blackburn, Laura Ferraiuolo, Heather Mortiboys
Journal of Molecular Biology https://doi.org/10.1016/j.jmb.2018.08.019

Fonte: Sheffield Institute for Translational Neuroscience (SITraN), University of Sheffield.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cancro, via libera in Europa alla rivoluzionaria terapia cellulare CAR-T.

Posted by giorgiobertin su agosto 27, 2018

La cura per i tumori chiamata ‘Car T‘, acronimo di Chimeric antigen receptor T cell, si basa sull’uso delle cellule T (linfociti T) del paziente ‘addestrate’ a riconoscere quelle tumorali, è arrivata in Europa. La Commissione Ue ha infatti approvato il tisagenlecleucel, la prima terapia basata su questa tecnica, per due neoplasie.

Il via libera, spiega il comunicato dell’azienda Novartis che l’ha messa a punto, è arrivato per la leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B nei pazienti pediatrici e fino ai 25 anni di età e il linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) negli adulti, e in entrambi i casi va usata per le forme che non rispondono alle terapie tradizionali. La Cart-t therapy consiste nel prelevare i linfociti T del paziente, un tipo di cellule del sistema immunitario, modificandoli perché riconoscano le cellule tumorali e poi reinfondendoli dopo averli fatti replicare.

kymriah

L’approvazione di Kymriah® (tisagenlecleucel, formerly CTL019) rappresenta una svolta trasformativa per i pazienti in Europa che hanno bisogno di nuove opzioni terapeutiche – ha affermato Liz Barrett, CEO di Novartis Oncology – Perseguendo tenacemente il suo obiettivo di ridisegnare la cura del cancro, Novartis sta realizzando un’infrastruttura globale per la fornitura di terapie cellulari CAR-T, laddove prima non ne esisteva alcuna“.

Per i pazienti della UE, la disponibilità di tisagenlecleucel rappresenta un progresso senza precedenti del paradigma terapeutico – spiega Peter Bader del’University Hospital for Children and Adolescents di Frankfurt/Main, che ha coordinato uno degli studi clinici sulla terapia -, e costituisce inoltre una terapia salvavita per i giovani pazienti con LLA che non sono stati trattati con successo con le terapie esistenti e per i quali sono rimaste poche opzioni terapeutiche”.

Comunicato stampa:
Novartis receives European Commission approval of its CAR-T cell therapy, Kymriah® (tisagenlecleucel)

KYMRIAH, www.KYMRIAH.com

Treatment of Relapsed/Refractory Acute Lymphoblastic Leukemia in Adults.”
Ronson, A., Tvito, A., Rowe, JM.,
Current Oncology Reports, 2016 Jun;18(6):39. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27207612. Accessed August 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Farmaco di successo in studi clinici avanzati sull’Artrite Reumatoide.

Posted by giorgiobertin su agosto 24, 2018

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dalla Charité – Universitäts Medizin di Berlino ha testato con successo un nuovo farmaco per l’artrite reumatoide. Il farmaco è efficace nei pazienti con insorgenza della malattia da moderata a severa, che finora hanno risposto in modo inadeguato ai farmaci convenzionali per inibire l’infiammazione. I risultati sono stati ora pubblicati sulla rivista “The Lancet“.

rheumatoid-arthritis

Il team ha studiato l’efficacia del principio attivo Upadacitinib nei pazienti in uno studio in cui i cosiddetti farmaci antireumatici modificanti la malattia sintetiche convenzionali non mostrano l’effetto desiderato. Upadacitinib è un inibitore selettivo della Janus chinasi-1 (JAK-1), e ha già dimostrato nella fase precedente II Studi in questa popolazione di pazienti per essere efficace. L’inibizione dell’enzima JAK-1 causa un importante percorso di segnalazione viene interrotta per innescare una risposta infiammatoria.

Nell’attuale studio di fase III, upadacitinib ha ridotto significativamente il gonfiore articolare rispetto a una preparazione fittizia. I pazienti hanno anche avuto meno dolore e anche la loro funzione articolare è stata migliorata.
Tutti i risultati degli studi sono attualmente raccolti e sottoposti a revisione da parte delle autorità di regolamentazione in Europa e negli Stati Uniti.

Leggi abstract dell’articolo:
Safety and efficacy of upadacitinib in patients with rheumatoid arthritis and inadequate response to conventional synthetic disease-modifying anti-rheumatic drugs (SELECT-NEXT): a randomised, double-blind, placebo-controlled phase 3 trial
Gerd R Burmester, Joel M Kremer, Filip Van den Bosch, Alan Kivitz, … Heidi S Camp
The Lancet Volume 391, Issue 10139, 23–29 June 2018, Pages 2503-2512
https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31115-2

This study is a double-blind, placebo-controlled trial at 150 sites in 35 countries.

This study is registered with ClinicalTrials.gov, number NCT02675426.

Articolo correlato:
Safety and efficacy of upadacitinib in patients with active rheumatoid arthritis refractory to biologic disease-modifying anti-rheumatic drugs (SELECT-BEYOND): a double-blind, randomised controlled phase 3 trial
Mark C Genovese, Roy Fleischmann, Bernard Combe, Stephen Hall, … Aileen L Pangan
The Lancet Pages 2513-2524

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scoperti peptidi potenziali candidati antibiotici.

Posted by giorgiobertin su agosto 21, 2018

Il corpo umano produce molti peptidi antimicrobici che aiutano il sistema immunitario a respingere le infezioni. Gli scienziati che sperano di sfruttare questi peptidi come potenziali antibiotici hanno ora scoperto che altri peptidi nel corpo umano possono anche avere potenti effetti antimicrobici, espandendo il pool di nuovi candidati antibiotici.

MIT-Antimicrobial-Peptides
MIT researchers have discovered that peptides normally secreted by cells that line the stomach have previously unknown antimicrobial activity. Image: Ella Maru Studio

Nel nuovo studio, pubblicato sulla rivista “ACS Synthetic Biology“, i ricercatori del MIT e dell’Università di Napoli Federico II hanno scoperto che frammenti di proteina pepsinogen, un enzima utilizzato per digerire il cibo nello stomaco, possono uccidere batteri come Salmonella ed E. coli.

I ricercatori ritengono che modificando questi peptidi è possibile migliorare la loro attività antimicrobica, e si possono sviluppare peptidi sintetici che possono essere utilizzati come antibiotici contro i batteri resistenti ai farmaci.
Questi peptidi rappresentano davvero un ottimo modello per l’ingegneria. L’idea ora è di usare la biologia sintetica per modificarli ulteriormente e renderli più potenti“, afferma il prof. Cesar de la Fuente-Nunez.

Leggi abstract dell’articolo:
Identification of Novel Cryptic Multifunctional Antimicrobial Peptides from the Human Stomach Enabled by a Computational–Experimental Platform
Katia Pane, Valeria Cafaro, Angela Avitabile, Marcelo Der Torossian Torres, Adriana Vollaro, Eliana De Gregorio, Maria Rosaria Catania, Antimo Di Maro, Andrea Bosso, Giovanni Gallo, Anna Zanfardino, Mario Varcamonti, Elio Pizzo, Alberto Di Donato, Timothy K. Lu, Cesar de la Fuente-Nunez, and Eugenio Notomista
ACS Synthetic Biology DOI: 10.1021/acssynbio.8b00084 Publication Date (Web): August 20, 2018

Approdondimenti:
Artificial antimicrobial peptides could help overcome drug-resistant bacteria

Fonte: MIT

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoperte sostanze chimiche che uccidono le cellule di glioblastoma.

Posted by giorgiobertin su agosto 16, 2018

Le cellule del tumore cerebrale aggressivo prelevate da pazienti si autodistruggono dopo essere stati esposti a una sostanza chimica in test di laboratorio, ha dimostrarlo i ricercatori dell’University of Leeds.

Stem-Cells-brain-tumor
Self-destructing brain tumor cells captured by microscopy. The red staining stems from a marker for ‘self-eating’ (autophagy) processes in cells. Credit: Stem Cells and Brain Tumour Group, University of Leeds

La ricerca pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, ha rilevato che la sostanza chimica sintetica, denominata KHS101, era in grado di tagliare la fonte energetica delle cellule tumorali del glioblastoma, portando alla morte delle cellule.
E’ stato dimostrato che la sostanza chimica stava distrugge i mitocondri e il metabolismo all’interno delle cellule tumorali interrompendo l’approvvigionamento energetico che porta alla loro autodistruzione.

Il nuovo studio ha mostrato risultati promettenti che potrebbero portare allo sviluppo di una terapia per combattere il cancro al cervello negli anni a venire.
Questo è il primo passo di un lungo processo, ma le nostre scoperte spianano la strada agli sviluppatori di farmaci per iniziare a indagare sugli usi di questa sostanza chimica” – afferma il prof. Heiko Wurdak, dell’Università di Leeds che ha guidato il gruppo di ricerca internazionale. “Quando abbiamo iniziato questa ricerca, pensavamo che il KHS101 potesse rallentare la crescita del glioblastoma, ma siamo rimasti sorpresi nel constatare che le cellule tumorali fondamentalmente si autodistruggono quando sono esposte ad esso”.

Leggi abstract:
KHS101 disrupts energy metabolism in human glioblastoma cells and reduces tumor growth in mice.
BY EUAN S. POLSON, VERENA B. KUCHLER, CHRISTOPHER ABBOSH,……..HEIKO WURDAK
Science Translational Medicine 15 Aug 2018: Vol. 10, Issue 454, eaar2718 DOI: 10.1126/scitranslmed.aar2718

Fonte: University of Leeds.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Una pillola innovativa per trattare l’ipertensione.

Posted by giorgiobertin su agosto 15, 2018

Una nuova dose tre in una pillola per trattare l’ipertensione potrebbe trasformare il modo in cui l’ipertensione viene trattata in tutto il mondo.
Lo studio condotto dal George Institute for Global Health ha rivelato che la maggior parte dei pazienti, il 70%, ha raggiunto gli obiettivi della pressione arteriosa con la “pillola tripla”, rispetto a poco più della metà di quelli che hanno ricevuto cure normali.

La dottoressa Ruth Webster, del George Institute for Global Health, ha affermato che questo è stato un importante passo avanti dimostrando che la tripla pillola non solo era più efficace delle cure standard, ma era anche sicura (video).


Blood Pressure No captions

Lo studio, condotto in Sri Lanka, ha arruolato 700 pazienti con un’età media di 56 anni e una pressione arteriosa di 154/90 mm Hg.
Il George Institute sta ora esaminando le strategie per massimizzare l’assorbimento dei risultati dello studio. Ciò include l’esame dell’accettabilità dell’approccio della tripla pillola ai pazienti e ai loro medici, nonché l’efficacia dei costi che sarà importante per i servizi sanitari dei governi.

Leggi abstract dell’articolo:
Effect of Fixed Low-Dose Combination Antihypertensive Medication vs Usual Care on Blood Pressure
Ruth Webster, PhD; Abdul Salam, PhD; H. Asita de Silva, DPhil; et al
JAMA. 2018;320(6):566-579. doi:10.1001/jama.2018.10359 August 14, 2018

Trial Registration  anzctr.org.au Identifier: ACTRN12612001120864; slctr.lk Identifier: SLCTR/2015/020

Editorial
Low-Dose Combination Blood Pressure Therapy to Improve Treatment Effectiveness

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »