Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 460 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Posts Tagged ‘sanità pubblica’

Passo in avanti nella previsione delle epidemie.

Posted by giorgiobertin su luglio 13, 2018

Gli ecologi dell’Università della Georgia hanno compiuto un passo importante nei loro sforzi per sviluppare un sistema di allerta precoce per le epidemie di malattie infettive.

Drake

Il team guidato da Eamon B. O’Dea ha creato un modello matematico che analizza i modelli statistici nelle relazioni sulla salute pubblica per identificare quando una popolazione si sta avvicinando a una soglia epidemica, il punto in cui è possibile un’epidemia. Le loro scoperte, recentemente pubblicate su “Journal of the Royal Society Interface, aprono la strada a un sistema di previsione delle malattie che un giorno potrebbe essere utilizzato da funzionari della sanità pubblica.

Scarica e leggi il full text:
Estimating the distance to an epidemic threshold
Eamon B. O’Dea, Andrew W. Park, John M. Drake
Royal Society journal Interface Published 27 June 2018.DOI: 10.1098/rsif.2018.0034

Fonte: University of Georgia

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alimentazione, attività fisica e cancro.

Posted by giorgiobertin su giugno 30, 2018

Il World Cancer Research Fund (Wcrf) e l’American Institute for Cancer Research (Aicr) hanno pubblicato il rapporto “Diet, Nutrition, Physical Activity and Cancer: a Global Perspective – A summary of the Third Expert Report“.
Il documento riporta le prove sul legame tra alimentazione, attività fisica e cancro e in particolare l’importanza dell’alimentazione e dell’attività fisica per le persone sopravvissute a una malattia oncologica.

Summary-Report-diet-cancer

Scarica e leggi il docuemnto in full text:
Diet, nutrition, physical activity and cancer: a global perspective. A summary of the third expert report.

Sul sito del Wcrf la matrice interattiva sui fattori di rischio legati ad alimentazione ed attività fisica.

World Cancer Research Fund (Wcrf)

Fonte: Iss-epicentro

Posted in E-journal E-Book, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova tecnica per la somministrazione di insulina per via orale.

Posted by giorgiobertin su giugno 26, 2018

I ricercatori della Harvard John A. Paulson School of Engineering e Applied Sciences (SEAS) hanno sviluppato un metodo di somministrazione orale che potrebbe trasformare radicalmente il modo in cui i diabetici mantengono sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

deliveringin
Oral delivery method could dramatically transform the way in which diabetics keep their blood sugar levels in check. Credit: Harvard SEAS

Gli scienziati non sono fino ad ora riusciti a trovare un modo per somministrare insulina per via orale, la proteina non resiste quando incontra l’ambiente acido dello stomaco e così viene scarsamente assorbita dall’intestino. La chiave del nuovo approccio è dunque trasportare l’insulina in un liquido ionico costituito da colina e acido geranico, che viene inserito in una capsula con rivestimento resistente agli acidi.
Il rivestimento polimerico si dissolve quando raggiunge un ambiente più alcalino nell’intestino tenue, dove viene rilasciato il liquido ionico contenente l’insulina.

La formulazione è biocompatibile, facile da produrre e può essere conservata fino a due mesi a temperatura ambiente senza degradazione, un tempo più lungo rispetto a molti altri prodotti iniettabili attualmente sul mercato.

L’insulina oralmente ingerita imiterebbe più fedelmente il modo in cui il pancreas di un individuo sano produce e distribuisce insulina al fegato, dove viene estratto fino all’80% e il resto viene fatto circolare attraverso il flusso sanguigno. Potrebbe anche mitigare gli effetti avversi di prendere iniezioni per un lungo periodo di tempo.

È il sacro graal del rilascio di farmaci per sviluppare modi per somministrare proteine ​​e peptidi come l’insulina per via orale, invece dell’iniezione“, ha dichiarato il prof. Mark Prausnitz.

Una rivoluzione per tutte le persone che vivono con il diabete che devono farsi una dolorosa puntura, una o due volte al giorno, essendo l’unica opzione per somministrare l’insulina.
I ricercatori sono ottimisti sul fatto che se tutto andrà bene, ottenere l’approvazione per eventuali studi clinici sugli esseri umani sarà reso più facile dal fatto che gli ingredienti chiave – colina e acido geranico – sono già considerati sicuri dall’FDA.

Leggi abstract dell’articolo:
Ionic liquids for oral insulin delivery
Ionic liquids for oral insulin delivery
Amrita Banerjee, Kelly Ibsen, Tyler Brown, Renwei Chen, Christian Agatemor, and Samir Mitragotri
PNAS June 25, 2018. 201722338; published ahead of print June 25, 2018. https://doi.org/10.1073/pnas.1722338115

Fonte: Harvard John A. Paulson School of Engineering e Applied Sciences (SEAS)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Iss: Notiziario aprile-maggio 2018.

Posted by giorgiobertin su giugno 25, 2018

E’ stato pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità il Notiziario Volume 31, n. 4-5, aprile-maggio 2018. I contenuti:
– Tatuaggi e piercing: non solo potenziali rischi, ma anche benefici per i pazienti.
– Workshop strategico internazionale. Strumenti per identificare e caratterizzare i dispositivi impiantabili: la prospettiva della collaborazione tra il RIAP e il NJR.
– BEN (Bollettino Epidemiologico Nazionale)

notiziario

Scarica e leggi il documento in full text:
Notiziario volume 31, n. aprile-maggio 2018

Posted in E-journal E-Book | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Linee guida sull’autogestione dei pazienti diabetici ospedalizzati.

Posted by giorgiobertin su giugno 24, 2018

È importante che i pazienti con diabete siano coinvolti nelle decisioni relative alla gestione della loro condizione mentre sono ospedalizzati. Le nuove linee guida pubblicate su “Diabetic Medicine” hanno lo scopo di migliorare l’esperienza ospedaliera e la sicurezza per le persone con diabete attraverso un’efficace autogestione.

Le linee guida suggeriscono un approccio per fornire informazioni sui pazienti, le circostanze in cui l’autogestione è appropriata, lo sviluppo di piani di assistenza e gli elementi necessari per un’efficace autogestione.

Il personale clinico ospedaliero dovrebbe essere consapevole del fatto che molte persone con diabete in ospedale desiderano autogestirsi e dovrebbero garantire che tale necessità sia soddisfatta il più possibile“, hanno scritto gli autori.

Leggi abstrcat dell’articolo:
Self‐management of diabetes in hospital: a guideline from the Joint British Diabetes Societies (JBDS) for Inpatient Care group
D. Flanagan K. Dhatariya A. Kilvert on behalf of the Joint British Diabetes Societies (JBDS) for Inpatient Care group and Guidelines writing group
Diabetic Medicine First published: 19 June 2018 https://doi.org/10.1111/dme.13677

Articoli correlati:
The Hospital Management of Hypoglycaemia in Adults with Diabetes Mellitus 3rd edition Revised April 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Standard italiani per la cura del Diabete mellito 2.

Posted by giorgiobertin su giugno 23, 2018

Sono stati pubblicati a cura della Società Italiana di Diabetologia e dell’Associazione Medici Diabetologi gli standard per la cura del Diabete mellito 2.

Standard di Cura AMD - SID 2018

Gli Standard nell’edizione 2018 contengono vari elementi di novità. Tra le principali: rimodulazione degli obiettivi glicemici, benefici derivanti dall’impiego dei device, nuovo algoritmo di terapia farmacologica del diabete tipo 2 che retrocede i farmaci “non innovativi”, focus su vaccinazioni e terapia ipocolesterolemizzante con inibitori di PCSK9.

Il documento analizza tutti gli aspetti relativi alla gestione del diabete, dalla prevenzione alla diagnosi, dai farmaci all’innovazione tecnologica, rappresentando ormai da più di 10 anni lo strumento di riferimento per i clinici e l’intera comunità diabetologica italiana, ma anche per le istituzioni nazionali e regionali, nonché per le agenzie regolatorie.

Scarica e leggi il documento in full text:
Standard italiani per la cura del diabete mellito 2018

Fonte: Società Italiana di Diabetologia

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida italiane per il trattamento dell’alcolismo.

Posted by giorgiobertin su giugno 20, 2018

I ricercatori, sostenuti dal Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio (CRARL), dalla Società Italiana Tossicodipendenze (SITD), dalla Società italiana per il Trattamento dell’Alcolismo e le sue Complicanze (SITAC), dalla Società Italiana Psichiatria delle Dipendenze (SIPDip), dalla Società Italiana Patologie da Dipendenza (SIPaD) e dall’Istituto di Biologia Cellulare e Neurobiologia (IBCN-CNR), hanno realizzato le linee guida per il trattamento farmacologico per le persone affette da Disordine da Uso di Alcol (DUA).

Alcohol-Dependence-Treatment

Oltre alle raccomandazioni su come gestire al meglio la patologia nei suoi aspetti di diagnosi e cura, si aggiungono altri obiettivi specifici:

  • Creare una cultura alcologica condivisa che permette a tutti gli operatori di confrontarsi, all’interno del servizio o tra i servizi, con un linguaggio e cultura clinica comune;
  • Creare le basi per elaborare dei programma di formazione;
  • Identificare aree cliniche che necessitano di essere indagate e meglio comprese attraverso la ricerca scientifica;

Per visualizzare le Linee Guida è necessario essere registrati al sito del CRARL ed inserire le proprie credenziali (registrazione gratuita). La “Rivista di Psichiatria” nel Vol. 53 N. 3 Maggio-Giugno ha pubblicato un editoriale e degli articoli full text sull’argomento.

Scarica e leggi il documento (editoriale) in full text:
Italian Guidelines for the treatment of alcohol dependence
Mauro Ceccanti, Angela Iannitelli, Marco Fiore
Riv Psichiatr 2018;53(3):105-106 | DOI 10.1708/2925.29410

Rivista di Psichiatria” nel Vol. 53 N. 3 Maggio-Giugno

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WHO: rilascia la nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD 11).

Posted by giorgiobertin su giugno 18, 2018

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato la sua nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD-11).

L’ICD è la base per identificare le tendenze e le statistiche sanitarie in tutto il mondo e contiene circa 55 000 codici univoci per lesioni, malattie e cause di morte. Fornisce un linguaggio comune che consente agli operatori sanitari di condividere informazioni sanitarie in tutto il mondo.
L’ICD-11, che ha funzionato per oltre un decennio, offre miglioramenti significativi rispetto alle versioni precedenti. Per la prima volta, è completamente elettronico e ha un formato molto più user-friendly.

Nella nuova versione è entrata a far parte il ‘gaming disorder’, la dipendenza da videogame e giochi digitali, che è a tutti gli effetti considerata una malattia. La gravità è sufficiente a causare una compromissione significativa nelle aree di funzionamento personali, familiari, sociali, educative e professionali.


WHO: Revision of ICD-11 – questions and answers (Q&A) Dr Robert Jakob, team leader for Classifications Terminologies and Standards at the World Health Organization discusses the revision of the new ICD-11.

L’ICD-11 sarà presentato all’Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2019 per l’adozione da parte degli Stati membri e entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2022. L’agenzia Onu per la salute ha messo a disposizione già adesso un’anteprima per consentire ai Paesi di pianificare come usare il nuovo manuale, preparare traduzioni e formare su questa base i professionisti del settore.
L’ICD è una pietra miliare delle informazioni sulla salute e l’ICD-11 fornirà una visione aggiornata dei modelli di malattia.” – puntualizza la prof.ssa Lubna Alansari dell’OMS.

ICD-11: Classifying disease to map the way we live and die

Posted in Formazione, Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le lenticchie riducono i livelli di glicemia nel sangue.

Posted by giorgiobertin su giugno 13, 2018

Il Prof. Alison Duncan del Department of Human Health and Nutritional Sciences – University of Guelph e il suo team, hanno scoperto che sostituire patate o riso con le lenticchie permette di abbassare i livelli di glucosio nel sangue di oltre il 20 per cento.

I legumi sono alimenti estremamente nutrienti che hanno il potenziale per ridurre l’impatto delle malattie croniche associate a livelli di glucosio mal gestiti“, ha detto il porf. Duncan. “Speriamo che questa ricerca possa rendere le persone più consapevoli dei benefici per la salute derivanti dall’assunzione di legumi“.

Lo studio pubblicato sulla rivista “Journal of Nutrition“, ha coinvolto 24 adulti sani alimentati con quattro piatti: solo riso bianco, mezza porzione di riso bianco mezza porzione di lenticchie verdi grandi, mezza porzione riso bianco e metà di lenticchie verdi piccole e un quarto di riso bianco e un quarto di riso rosso.

lentils

La glicemia diminuiva in quantità simili quando metà dell’amido era sostituita con ciascuno dei tre tipi di lenticchie.
Il glucosio nel sangue comprende lo zucchero presente nel sangue durante la digestione nel tratto digerente superiore e dipende dal contenuto di amido degli alimenti consumati.
L’assorbimento più lento significa che non si verifica un picco di glucosio dopo il pasto: avere alti livelli in un periodo di tempo può portare a cattiva gestione della glicemia, che è il segno distintivo del diabete di tipo 2. Essenzialmente, mangiare le lenticchie può ridurre tale rischio” – afferma Duncan.

Secondo i ricercatori i legumi contengono componenti che inibiscono gli enzimi coinvolti nell’assorbimento del glucosio e le fibre contenute in questi alimenti possono incoraggiare la produzione di acidi grassi a catena corta, che possono anche aiutare a ridurre i livelli di glucosio nel sangue.

Leggi abstract dell’articolo:
Carbohydrate Replacement of Rice or Potato with Lentils Reduces the Postprandial Glycemic Response in Healthy Adults in an Acute, Randomized, Crossover Trial
Dita Moravek Alison M Duncan Laura B VanderSluis Sarah J Turkstra Erica J Rogers Jessica M Wilson Aileen Hawke D Dan Ramdath
The Journal of Nutrition, Volume 148, Issue 4, 1 April 2018, Pages 535–541, https://doi.org/10.1093/jn/nxy018

Fonte: University of Guelph ilmiodiabete.com

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un comune antimicrobico causa infiammazione al colon.

Posted by giorgiobertin su maggio 31, 2018

Un grande gruppo di ricerca guidato dal prof. Guodong Zhang presso l’University of Massachusetts Amherst, riferisce che l’ingrediente antimicrobico triclosan, trovato in saponi e dentifrici tra gli altri prodotti, potrebbe avere effetti negativi sull’infiammazione del colon e sul cancro del colon alterando il microbiota intestinale, i microbi trovato nel nostro intestino.

triclosan-toothpaste triclosan

Lo studio riportato su “Science Translational Medicine” suggerisce che il trattamento a breve termine con triclosan a bassa dose ha causato un’infiammazione del colon di basso grado e uno sviluppo esagerato della colite e cancro del colon associato alla colite nei topi. “Questi risultati, per la prima volta, suggeriscono che il triclosan potrebbe avere effetti negativi sulla salute dell’intestino” – afferma il prof. Zhang.

Poiché questo composto è così ampiamente utilizzato, il nostro studio suggerisce che vi è un’urgente necessità di valutare ulteriormente l’impatto dell’esposizione triclosan sulla salute dell’intestino in preparazione alla potenziale istituzione di ulteriori politiche di regolamentazione“. “In tutti i modelli murini testati, il triclosan ha promosso l’infiammazione del colon e la tumorigenesi del colon” riferisce il prof. Zhang.

Anche se limitato ai modelli murini, “questo lavoro suggerisce che gli effetti del triclosan sulla salute umana dovrebbero essere esaminati più da vicino”, hanno riferito i ricercatori.

Leggi abstract dell’articolo:
A common antimicrobial additive increases colonic inflammation and colitis-associated colon tumorigenesis in mice
BY HAIXIA YANG, WEICANG WANG, KYMBERLEIGH A. ROMANO, MIN GU, KATHERINE Z. SANIDAD, DAEYOUNG KIM, JUN YANG, BIRGITTA SCHMIDT, DIPAK PANIGRAHY, RUISONG PEI, DEREK A. MARTIN, E. ILKER OZAY, YUXIN WANG, MINGYUE SONG, BRADLEY W. BOLLING, HANG XIAO, LISA M. MINTER, GUANG-YU YANG, ZHENHUA LIU, FEDERICO E. REY, GUODONG ZHANG
SCIENCE TRANSLATIONAL MEDICINE30 MAY 2018 Vol. 10, Issue 443, eaan4116 DOI: 10.1126/scitranslmed.aan4116

Fonte: University of Massachusetts Amherst

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Gli integratori vitaminici più popolari sono essenzialmente inutili.

Posted by giorgiobertin su maggio 29, 2018

Una nuova revisione sistematica dei dati e degli studi esistenti pubblicati tra gennaio 2012 e ottobre 2017 ha rilevato che i multivitaminici popolari, la vitamina C, la vitamina D e il calcio – alcune delle scelte più comuni – non hanno avuto un reale vantaggio per la salute delle persone e non ci sono le prove che riducono il rischio di malattie cardiovascolari, infarto, ictus o morte precoce.

multivitamin-supplement

Lo studio, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, è stato condotto da ricercatori del St. Michael’s Hospital e dell’Università di Toronto.
Siamo stati sorpresi di trovare così pochi effetti positivi sugli integratori più comuni che le persone consumano“, ha detto il dottor David Jenkins, l’autore principale dello studio. “La nostra revisione ha rilevato che se si desiderano utilizzare multivitaminici, vitamina D, calcio o vitamina C non vi è alcun vantaggio apparente“.

C’erano, tuttavia, alcuni supplementi apparentemente vantaggiosi. È stato dimostrato che l’acido folico e le vitamine del gruppo B con acido folico riducono il rischio di malattie cardiovascolari e ictus.

Le vitamine esaminate dal team erano A, B1, B2, B3 (niacina), B6, B9 (acido folico), C, D ed E, carotene; calcio; ferro; zinco; magnesio; e selenio. La ricerca ha dimostrato come alcune vitamine siano più utili di altre . Ad esempio, lo zinco è stato associato ad accorciare gli effetti di un raffreddore (la vitamina C non lo fa, nonostante le persone pensino che lo faccia). La vitamina D può anche essere difficile da ottenere dal cibo, quindi se sei carente, gli integratori possono essere efficaci. Alcuni altri, come niacina e antiossidanti, potrebbero addiritura causare danni.

E’ più vantaggioso fare affidamento su una dieta sana per fare il pieno di vitamine e minerali“, ha detto il prof. Jenkins. “Finora, nessuna ricerca sugli integratori ci ha mostrato qualcosa di meglio delle porzioni sane di cibi vegetali meno elaborati tra cui verdure, frutta e noci.”

Scarica e leggi il documento in full text:
Supplemental Vitamins and Minerals for CVD Prevention and Treatment
David J.A. Jenkins, J. David Spence, Edward L. Giovannucci, Young-in Kim, … John L. Sievenpiper
Journal of the American College of Cardiology Volume 71, Issue 22, 5 June 2018, Pages 2570–2584, https://doi.org/10.1016/j.jacc.2018.04.020

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida sul trattamento farmacologico dell’insonnia.

Posted by giorgiobertin su maggio 27, 2018

Sono state pubblicate sulla rivista “Canadian Family Physician” le linee guida sulla somministrazione degli agonisti dei recettori delle benzodiazepine (BZRA) nell’insonnia.

cfp5-cover

Lo scopo della guida è fornire strumenti che supportino i medici nel coinvolgere i pazienti nella preparazione di piani personalizzati di abbandono del farmaco. Le raccomandazioni si basano su dati di studi riguardanti l’interruzione di prescrizioni agonisti dei recettori delle benzodiazepine (BZRA) per l’insonnia.

Scarica e leggi il documento in full text:
Deprescribing benzodiazepine receptor agonists: Evidence-based clinical practice guideline.
Kevin Pottie, Wade Thompson, Simon Davies, Jean Grenier, Cheryl A. Sadowski, Vivian Welch, Anne Holbrook, Cynthia Boyd, Robert Swenson, Andy Ma and Barbara Farrell
Canadian Family Physician May 2018, 64 (5) 339-351;

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

World Health Statistics 2018.

Posted by giorgiobertin su maggio 26, 2018

Il World Health Statistics 2018 è un’istantanea annuale dello stato della salute del mondo. “Questa ultima edizione delle statistiche sanitarie mondiali mostra quanto siamo ancora lontani. Troppe persone stanno ancora morendo di malattie prevenibili, troppe persone vengono spinte in povertà per pagare l’assistenza sanitaria con le proprie tasche e troppe persone le persone non sono in grado di ottenere i servizi sanitari di cui hanno bisogno, questo è inaccettabile” – afferma il Direttore generale dell’OMS, Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Questo video presenta le statistiche chiave che evidenziano gli enormi progressi compiuti e le sfide che ci attendono per mantenere il mondo sano, migliorare la salute e servire i vulnerabili.

Scarica e leggi il report in full text:
The World Health Statistics 2018

Video

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il fumo di sigaretta danneggia direttamente i muscoli del corpo.

Posted by giorgiobertin su maggio 23, 2018

Non solo fumare fa male ai polmoni, ma una nuova ricerca dimostra che i componenti del fumo di sigaretta danneggiano direttamente i muscoli. La ricerca, pubblicata su “The Journal of Physiology“, indica che il fumo diminuisce il numero di piccoli vasi sanguigni che portano ossigeno e sostanze nutritive ai muscoli delle gambe.

Cigarette-Smoke

La ricerca è stata condotta dall’University of California, San Diego La Jolla in collaborazione con la Universidade Federal do Rio de Janeiro e la Kochi University.
Lo studio non ha identificato quali dei circa 4.000 prodotti chimici presenti nel fumo di sigaretta sono responsabili di questo danno muscolare. L’identificazione delle sostanze chimiche responsabili è una via chiave per ulteriori ricerche, insieme alla comprensione del processo attraverso il quale riducono il numero di vasi sanguigni.

È di vitale importanza mostrare alle persone che l’uso delle sigarette di tabacco ha conseguenze dannose su tutto il corpo, compresi i grandi gruppi muscolari necessari per la vita quotidiana, e sviluppare strategie per fermare il danno provocato dai componenti dannosi del fumo di sigaretta“. – affermano i ricercatori.

Leggi abstract dell’articolo:
Cigarette smoke directly impairs skeletal muscle function through capillary regression and altered myofiber calcium kinetics in mice
Leonardo Nogueira Breanna M. Trisko Frederico L. Lima‐Rosa Jason Jackson Helena Lund‐Palau Masahiro Yamaguchi Ellen C. Breen
The Journal of Physiology First published: 23 May 2018 https://doi.org/10.1113/JP275888

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iss: Notiziario marzo 2018.

Posted by giorgiobertin su maggio 21, 2018

E’ stato pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità il Notiziario Volume 31, n. 3, marzo 2018.
I contenuti:
– Alternanza Scuola Lavoro in ISS. Riflessioni a tre anni di attività.
– Capacità diagnostiche dei laboratori di microbiologia nel campo dell’antibiotico-resistenza.
– “Testa o Cuore”: primi risultati di un’indagine sulle abitudini e le conoscenze dei giovani italiani sull’HIV e le infezioni sessualmente trasmesse.
– BEN (Bollettino Epidemiologico Nazionale).

notiziario

Scarica e leggi il documento in full text:
Notiziario volume 31, n. 3 marzo 2018

Posted in Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scoperta molecola contro il raffreddore.

Posted by giorgiobertin su maggio 14, 2018

Per la prima volta è stata trovata una molecola – denominata IMP-1088) – capace di combattere il comune virus del raffreddore . Ad affermarlo i ricercatori dell’Imperial College of London coordinati dal chimico prof. Edward Tate.

I primi test di laboratorio con cellule umane hanno dimostrato la capacità della molecola di bloccare completamente più ceppi di virus del raffreddore, e il team spera di passare agli esperimenti sugli animali e poi sugli umani. I risultati dei test iniziali sono pubblicati sulla rivista “Nature Chemistry“.

Il comune raffreddore è causato da una famiglia di virus con centinaia di varianti, rendendo quasi impossibile diventare immuni o vaccinarsi. Inoltre, i virus si evolvono rapidamente, il che significa che possono rapidamente ottenere resistenza ai farmaci.
Per questi motivi, la maggior parte dei rimedi contro il raffreddore si basa sul trattamento dei sintomi dell’infezione – come naso che cola, mal di gola e febbre – piuttosto che affrontare il virus stesso.

IMP-1088
The molecule (yellow) blocks human NMT (blue), essential for the virus to assemble the capsid ‘shell’ that encloses its RNA genome (green)

La proteina, che si trova nelle stesse cellule umane, si chiama Nmt (N-miristoriltransferasi): è preziosa per il virus, che in tutte le sue numerose versioni la utilizza per costruire lo scudo (capside) che gli permette di proteggere il suo materiale genetico quando invade la cellula. Bloccare la proteina, come fa la nuova molecola, significa quindi bloccare il virus.

Leggi asbtract dell’articolo:
Fragment-derived inhibitors of human N-myristoyltransferase block capsid assembly and replication of the common cold virus
Aurélie Mousnier, Andrew S. Bell, Dawid P. Swieboda, Julia Morales-Sanfrutos, Inmaculada Pérez-Dorado,…..Tobias J. Tuthill, Roberto Solari & Edward W. Tate
Nature Chemistry (2018) Published: 14 May 2018 doi:10.1038/s41557-018-0039-2

Fonte: Imperial College of London

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ASCO: linee guida sulle cure palliative.

Posted by giorgiobertin su maggio 9, 2018

Sono state pubblicate a cura dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) le linee guida pratiche sulle cure palliative globali.
Palliative-cure

Lo scopo di questa nuova linea guida stratificata per le risorse è quello di fornire una guida a medici e responsabili delle politiche sull’attuazione delle cure palliative in pazienti con cancro e ai loro assistenti in contesti di risorse limitate e si propone di integrare l’integrazione delle cure palliative nelle cure oncologiche standard.

Scarica e leggi il documento in full text:
Palliative Care in the Global Setting: ASCO Resource-Stratified Practice Guideline
Hibah Osman, Sudip Shrestha, Sarah Temin, Zipporah V. Ali, Rumalie A. Corvera, Henry D. Ddungu, Liliana De Lima, Maria Del Pilar Estevez-Diz, Frank D. Ferris, Nahla Gafer, Harmala K. Gupta, Susan Horton, Graciela Jacob, Ruinuo Jia, Frank L. Lu, Daniela Mosoiu, Christina Puchalski, Carole Seigel, Olaitan Soyannwo, and James F. Cleary
Journal of Global Oncology 2018 :4, 1-24

Fonte: American Society of Clinical Oncology (ASCO) l

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo antibiotico contro le infezioni resistenti.

Posted by giorgiobertin su maggio 9, 2018

E’ disponibile anche in Italia il farmaco, commercializzato con il marchio Zavicefta (un farmaco che combina i due principi ceftazidime e avibactam), contro i batteri multiresistenti.

La disponibilità di ceftazidima/avibactam riveste una fondamentale importanza – dichiara Claudio Viscoli, Presidente della Società Italiana di Terapia Antinfettiva (SITA) – si tratta di un nuovo antibiotico di cui avevamo estrema necessità, perchè attivo sulla famigerata Klebsiella resistente ai carbapenemici. Avere disponibile questa nuova opzione terapeutica per le infezioni da batteri Gram-negativi resistenti, tanto attesa dai clinici, può cambiare lo scenario”.


Un farmaco efficace nelle infezioni resistenti

L’Agenzia europea del farmaco (EMA) nell’Annual Report 2016 ha definito ceftazidima/avibactam ‘terapia innovativa’ perché rappresenta una nuova opportunità di trattamento e un progresso per la salute pubblica. Ceftazidima e avibactam lavorano in sinergia: la reale innovazione terapeutica che caratterizza il nuovo antibiotico è proprio avibactam, capace di ripristinare e ampliare l’azione anti-infettiva di ceftazidima contro i patogeni Gram-negativi.

Il farmaco è prodotto dalla società Pfizer, in regime di rimborsibilità.

Foglio illustrativo Zavicefta: informazioni per l’utilizzatore

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iss: Notiziario febbraio 2018.

Posted by giorgiobertin su aprile 21, 2018

E’ stato pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità il Notiziario Volume 31, n. 2, febbraio 2018. I contenuti:

Lo studio epidemiologico “MASTERY” sui pazienti con epilessia afferenti agli IRCCS italiani.
Convegno. I progetti ISS-Regioni per migliorare l’assistenza alla nascita in Italia.
Registri dei dispositivi impiantabili: un sistema per tutelare la salute dei pazienti. Il modello RIAP.
BEN (Bollettino Epidemiologico Nazionale).
notiziario

Scarica e leggi il documento in full text:
Notiziario volume 31, n. 2 febbraio 2018

Posted in E-journal E-Book | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Privazione del sonno collegato al rischio di Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su aprile 20, 2018

Perdere anche solo 1 notte di sonno può portare ad un immediato aumento di beta-amiloide, ad affermarlo uno studio condotto dai ricercatori del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, National Institutes of Health, Bethesda, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

beta-amyloid-brain-regions
Brain imaging after one night of sleep deprivation revealed beta-amyloid accumulation in the hippocampus and thalamus, regions affected by Alzheimer’s disease; Proceedings of the National Academy of Sciences

Per comprendere il possibile legame tra l’accumulo di beta-amiloide e il sonno, i ricercatori hanno usato la tomografia a emissione di positroni (PET) per analizzare il cervello di 20 soggetti sani, di età compresa tra 22 e 72 anni, dopo una notte di sonno riposato e dopo la privazione del sonno.
I risultati hanno mostrato aumenti di beta-amiloide di circa il 5% dopo aver perso una notte di sonno nel talamo e nell’ippocampo, regioni particolarmente vulnerabili ai danni nelle prime fasi della malattia di Alzheimer.

Anche se il nostro campione era piccolo, questo studio ha dimostrato l’effetto negativo della privazione del sonno sul carico di beta-amiloide nel cervello umano”, ha detto il prof. Ehsan Shokri-Kojori.
È anche importante notare che il legame tra i disturbi del sonno e il rischio di Alzheimer è considerato da molti scienziati bidirezionale, poiché l’elevata beta-amiloide può anche portare a disturbi del sonno.

Leggi abstract dell’articolo:
β-Amyloid accumulation in the human brain after one night of sleep deprivation
Ehsan Shokri-Kojori, Gene-Jack Wang, Corinde E. Wiers, Sukru B. Demiral, Min Guo, Sung Won Kim, Elsa Lindgren, Veronica Ramirez, Amna Zehra, Clara Freeman, Gregg Miller, Peter Manza, Tansha Srivastava, Susan De Santi, Dardo Tomasi, Helene Benveniste and Nora D. Volkow
PNAS April 9, 2018. 201721694; published ahead of print April 9, 2018. https://doi.org/10.1073/pnas.1721694115

Fonte:  National Institutes of Health

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

NICE: Linee guida sull’organizzazione della medicina d’urgenza.

Posted by giorgiobertin su aprile 2, 2018

Sono state pubblicate a cura del National Institute for Health and Care Excellence (NICE) le linee guida sull’organizzazione e la fornitura di cure mediche d’urgenza per le persone di età superiore ai 16 anni nella comunità e in ospedale.

NICE-94

Il documento mira a ridurre la necessità di ricoveri ospedalieri fornendo una formazione avanzata ai paramedici e fornendo alternative alla comunità per le cure ospedaliere. Promuove anche un’assistenza di buona qualità in ospedale e il lavoro congiunto tra servizi sanitari e sociali.
La linea guida include raccomandazioni su:

  • primi punti di contatto con i servizi di emergenza e di cura acuta
  • alternative all’assistenza ospedaliera
  • servizi all’interno degli ospedali
  • turni di reparto, trasferimenti e scarichi
  • monitoraggio e gestione della capacità del letto d’ospedale

Scarica e leggi il documento in full text:
Emergency and acute medical care in over 16s: service delivery and organisation
NICE guideline Published: 28 March 2018 nice.org.uk/guidance/ng94

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Creata pillola anticoncezionale senza ormoni.

Posted by giorgiobertin su marzo 30, 2018

I ricercatori del Kungliga Tekniska Högskolan di Stoccolma hanno creato un nuovo contraccettivo femminile che non usa gli ormoni ma una sostanza naturale che viene dai crostacei. E’ infatti sul chitosano, una sostanza prodotta dai gusci esterni dei granchi, dei gamberi e delle aragoste, che si potrà concentrare una nuova tecnica anticoncezionale.


The distribution of chitosan over a mucin drop is shown in flourescence. (Image: Thomas Crouzier)

I ricercatori hanno scelto il chitosano, un polisaccaride derivato dalla chitina. La quale è una sostanza che si sviluppa nei gusci esterni dei crostacei, come i gamberi che per i paesi nordici è facile procurarsi in quantità industriali a prezzo modico, e la sostanza agisce a livello della cervice. Dove la mucosa solitamente impervia all’ingresso dell’utero si allenta naturalmente durante l’ovulazione, permettendo al liquido seminale maschile di fecondare gli ovuli. Ma il polimero potrebbe impedire la fecondazione senza appunto indurre disturbi, dolori o altri effetti collaterali.

L’idea infatti è quella di sviluppare un prodotto composto da una capsula vaginale che si dissolve rapidamente e che va a modificare lo strato di muco superficiale, creando una sorta di barriera. I ricercatori hanno anche lavorato per migliorare le altre proprietà delle mucose, come la lubrificazione e l’idratazione.
Il nuovo preparato non interviene sul processo ormonale e dunque non causa effetti collaterali.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Biomacromolecules” dell’American Chemical Society.

Scarica e leggi il full text:
Reinforcing Mucus Barrier Properties with Low Molar Mass Chitosans
Sujit Kootala, Luimar Filho, Vaibhav Srivastava, Victoria Linderberg, Amani Moussa, Laurent David, Stéphane Trombotto, and Thomas Crouzier
Biomacromolecules 2018 19 (3), 872-882 DOI: 10.1021/acs.biomac.7b01670

Fonte: Kungliga Tekniska Högskolan in Stockholm.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

ERN: le reti di riferimento europee sulle malattie rare.

Posted by giorgiobertin su marzo 27, 2018

Le reti di riferimento europee (ERN) sono reti virtuali che riuniscono prestatori di assistenza sanitaria di tutt’Europa. Il loro obiettivo è affrontare le malattie complesse o rare o le patologie che richiedono un trattamento altamente specializzato e una concentrazione di conoscenze e risorse. Per vagliare la diagnosi e il trattamento di un paziente i coordinatori delle ERN convocano un consulto “virtuale” di medici specialisti di diverse discipline usando un’apposita piattaforma informatica e strumenti di telemedicina.

Attualmente sono attive 24 ERN tematici che coinvolgono oltre 900 equipe mediche in oltre 300 ospedali di 25 paesi dell’UE, oltre alla Norvegia.


ern videoclip

Sono istituite in base alla direttiva UE sui diritti dei pazienti sani (2011/24/UE), che facilita l’accesso dei pazienti a informazioni sanitarie e aumenta così l’accesso alle informazioni in materia di assistenza sanitaria. opzioni di trattamento.

All’interno delle 24 reti ERNs segnaliamo ERN-EYE, una rete europea di riferimento dedicata alle malattie rare dell’occhio.
Le rare malattie dell’occhio sono molto eterogenee e rappresentano la prima causa di disfunzione visiva o cecità nei bambini e nei giovani adulti. Nonostante un progresso indiscutibile, molte barriere restringono ancora l’accesso alla diagnosi precoce, alla cura del paziente e alla ricerca. Gli esperti europei hanno deciso di unire le forze attraverso una rete europea di riferimento.

Accedi a ERN-EYE  ( Scheda informativa – Sito Web )

Elenco delle 24 ERN

Per maggiori informazioni:
Politica dell’UE sulle malattie rare

Posted in Tecnologia Web, Video | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I grassi vegetali aiutano a vivere più a lungo.

Posted by giorgiobertin su marzo 23, 2018

Una dieta ricca di grassi monoinsaturi (monounsaturated fatty acid(MUFA)) a base vegetale è legata ad un minor rischio di morte per malattie cardiache e altre cause. Al contrario, se i grassi monoinsaturi provengono da fonti animali, il collegamento è un rischio più elevato di morte per malattie cardiache e altre cause.
Sono questi i risultati di un’analisi di due ampi studi che hanno raccolto informazioni da più di 93.000 uomini e donne su una media di 22 anni, condotta dai ricercatori del Harvard TH Chan School of Public Health Boston. Le pubblicazioni sulle riviste “Circulation” e “The American Journal of Clinical Nutrition“.

oil  olive-oil

I nostri risultati sottolineano l’importanza della fonte e della quantità di acidi grassi monoinsaturi nella dieta – dovremmo mangiare più acidi grassi monoinsaturi da fonti vegetali e meno acidi grassi monoinsaturi da fonti animali” – afferma il prof. Qi Sun del Departments of Nutrition and Epidemiology, Harvard TH Chan School of Public Health, Boston, MA.

Va notato che questi risultati provengono da un’analisi di dati osservativi che è solo in grado di determinare i collegamenti tra i tipi di grassi monoinsaturi e il rischio di morte.

Leggi gli abstracts dei documenti:
Abstract MP40: Associations of Monounsaturated Fatty Acids From Plant and Animal Sources With Total and Cardiovascular Mortality Risk
Marta Guasch, Geng Zong, Walter Willett, Peter Zock, Anne Wanders, Frank Hu, Qi Sun
Circulation. 2018;137:AMP40

Monounsaturated fats from plant and animal sources in relation to risk of coronary heart disease among US men and women
Geng Zong; Yanping Li; Laura Sampson; Lauren W Dougherty; Walter C Willett …
The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 107, Issue 3, 1 March 2018, Pages 445–453, https://doi.org/10.1093/ajcn/nqx004

Fonte: Harvard TH Chan School of Public Health Boston

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

I farmaci da utilizzare nelle cure palliative.

Posted by giorgiobertin su marzo 22, 2018

Le cure palliative mirano a garantire il controllo dei sintomi e la miglior qualità di vita possibile per i pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un’inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più ai trattamenti specifici.

cure-palliative

L’Agenzia Italiana del Farmaco e la Società Italiana di Cure Palliative hanno redatto due documenti che raccolgono le evidenze scientifiche disponibili a supporto dell’impiego off-label dei medicinali più frequentemente utilizzati nell’ambito delle cure palliative.

Nello specifico si tratta di 10 farmaci impiegati off-label routinariamente nelle cure palliative in età pediatrica e di 8 utilizzati con le stesse finalità nell’adulto.

Scarica e leggi i documenti:

Fonte: Agenzia Italiana del Farmaco

Posted in Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »