Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 468 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Posts Tagged ‘chirurgia’

Gestione dell’ictus ischemico acuto.

Posted by giorgiobertin su febbraio 15, 2020

In questo lavoro pubblicato sulla rivista BMJ sono stati esaminati i protocolli che supportano la cura dell’ictus pre-ospedaliero e di emergenza, incluso l’uso di protocolli di servizi medici di emergenza per l’identificazione di pazienti con ictus, trombolisi endovenosa nell’ictus ischemico acuto, inclusi aggiornamenti ai criteri di ammissibilità dei pazienti, le finestre dei tempi di trattamento, e le tecniche di imaging avanzate con interpretazione automatizzata per identificare i pazienti con vaste aree del cervello a rischio.

Vengono inoltre analizzati i recenti aggiornamenti nelle raccomandazioni di prevenzione secondaria, incluso l’uso a breve termine della doppia terapia antipiastrinica per prevenire l’ictus ricorrente nel periodo ad alto rischio immediatamente dopo l’ictus.

Stroke

L’ictus ischemico acuto (AIS) è definito dall’improvvisa perdita del flusso sanguigno in un’area del cervello con la conseguente perdita della funzione neurologica. È causato da trombosi o embolia che occlude un vaso cerebrale che fornisce una specifica area del cervello.

Ricordiamo inoltre che il primo passo fondamentale nella cura dell’ictus è l’identificazione precoce dei pazienti con ictus e triage in centri in grado di erogare il trattamento appropriato il più rapidamente possibile.

Leggi il full text dell’articolo:
Management of acute ischemic stroke
Phipps Michael S, Cronin Carolyn A.
BMJ 2020; 368 :l6983

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Controllo e prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: linee guida.

Posted by giorgiobertin su febbraio 13, 2020

Sono state pubblicate sulla rivista “World Journal of Emergency Surgery” le linee guida sul controllo e prevenzione delle infezioni del sito chirurgico intraoperatorio (SSI). L’obiettivo di questa linea guida è quello di fornire un position paper riguardante il ​​controllo e la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico in pazienti con infezioni intra-addominali.

Surgery infection

Negli ultimi decenni sono stati proposti e impiegati interventi multipli nel tentativo di prevenire la SSI. Questi includono protocolli di pulizia della pelle, epilazione, mantenimento della normotermia intraoperatoria, somministrazione preoperatoria di profilassi antimicrobica, uso di barriere cutanee adesive in plastica, integrazione di ossigeno ad alto flusso, protezione delle ferite, sterilità degli strumenti, preparazione dell’intestino, lunghezza dell’incisione e la chiusura ritardata dell’incisione primaria.

Scarica e leggi il documento in full text:
Intraoperative surgical site infection control and prevention: a position paper and future addendum to WSES intra-abdominal infections guidelines.
De Simone, B., Sartelli, M., Coccolini, F. et al.
World J Emerg Surg 15, 10 (2020). https://doi.org/10.1186/s13017-020-0288-4

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida per la chirurgia del seno in oncologia.

Posted by giorgiobertin su febbraio 7, 2020

E’ stata pubblicata sulla rivista “Anaesthesia” una revisione sistematica e delle raccomandazioni sulla gestione del dolore postoperatorio specifico nella chirurgia al seno in oncologia.

I protocolli analgesici utilizzati per trattare il dolore dopo l’intervento chirurgico al seno variano in modo significativo. L’obiettivo di questa revisione sistematica è stato quello di valutare la letteratura disponibile su questo argomento e sviluppare raccomandazioni per una gestione ottimale del dolore dopo un intervento chirurgico al seno oncologico.

breast-suergery

Le linee guida raccomandano analgesici di base (cioè paracetamolo e farmaci antinfiammatori non steroidei – FANS) somministrati prima dell’intervento o intraoperatorio e proseguiti dopo l’intervento. Inoltre, si raccomandano anche gabapentin pre-operatorio e desametasone. In importanti interventi chirurgici al seno, può essere presa in considerazione una tecnica anestetica regionale come blocco paravertebrale o blocco dei nervi pettorali e/o infiltrazione di anestetici nelle ferite locali per un ulteriore sollievo dal dolore.
Ricordiamo che la chirurgia oncologica della mammella è associata a un significativo dolore postoperatorio acuto e cronico.

Scarica e leggi il documento in full text:
PROSPECT guideline for oncological breast surgery: a systematic review and procedure‐specific postoperative pain management recommendations
A. Jacobs A. Lemoine G. P. Joshi M. Van de Velde F. Bonnet on behalf of the PROSPECT Working Group collaborators#
Anaesthesia First published:26 January 2020 https://doi.org/10.1111/anae.14964

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Chirurgia endovascolare: piattaforma robotica per navigare attraverso i vasi sanguigni profondi.

Posted by giorgiobertin su dicembre 10, 2019

I ricercatori del Polytechnique Montréal Nanorobotics Laboratory hanno sviluppato un nuovo approccio per affrontare una delle maggiori sfide della chirurgia endovascolare: come raggiungere i luoghi fisiologici di più difficile accesso. La loro soluzione è una piattaforma robotica che utilizza il campo marginale generato da un magnete superconduttore e uno scanner MRI clinico per guidare gli strumenti medici attraverso strutture vascolari più profonde e complesse. La sperimentazione in vivo con questo approccio è stata completata con successo ed è oggetto di un articolo che è stato pubblicato su “Science Robotics“.

sylvain_martel
Crédit: Massouh bioMÉDia pour le Laboratoire de nanorobotique de Polytechnique Montréal

Immaginiamo di dover spingere un filo sottile come un capello per poter penetrare all’interno di un tubo lungo e stretto pieno di curve. La mancanza di rigidità del filo e le forze di attrito esercitate sulle pareti del tubo alla fine renderebbero impossibile la manovra, il filo alla fine si piegherà e si incastrerebbe in una delle anse del tubo.
Un apparato di risonanza magnetica (MRI), un magnete superconduttore che genera un campo magnetico di almeno decine di migliaia di volte il valore del campo magnetico terrestre, hanno permesso ai ricercatori di tirare la punta dello strumento nei meandri dei vasi sanguigni.

Questa soluzione robotica, le cui prestazioni vanno ben oltre quelle delle procedure manuali e delle piattaforme magnetiche esistenti, consente interventi endovascolari in regioni molto profonde, e quindi attualmente inaccessibili, del corpo umano. In particolare, potrebbe aiutare i chirurghi nelle procedure che richiedono le procedure meno invasive possibili, ad esempio il trattamento di problemi cerebrali come aneurismi o eventi cardiovascolari.

Leggi il full text dell’articolo:
Using the fringe field of a clinical MRI scanner enables robotic navigation of tethered instruments in deeper vascular regions
BY ARASH AZIZI, CHARLES C. TREMBLAY, KÉVIN GAGNÉ, SYLVAIN MARTEL
Science Robotics 27 Nov 2019: Vol. 4, Issue 36, eaax7342 DOI: 10.1126/scirobotics.aax7342

Fonte: Polytechnique Montréal Nanorobotics Laboratory

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida per la terapia nella malattia di Crohn.

Posted by giorgiobertin su novembre 24, 2019

Sono state pubblicate dall’European Crohn’s and Colitis Organisation [ECCO] le linee guida sulla terapia nella malattia di Crohn. La pubblicazione è stata fatta in due articoli articoli pubblicati sulla rivista “Journal of Crohn’s and Colitis“.
Il primo articolo riguarda la gestione medica; il secondo articolo affronta la gestione chirurgica, compresi gli aspetti preoperatori e la gestione dei farmaci prima dell’intervento chirurgico. Fornisce inoltre consulenza tecnica per una varietà di situazioni cliniche comuni.

logo_ecco

Scarica e leggi il documento in full text:
ECCO Guidelines on Therapeutics in Crohn’s Disease: medical treatment
Joana Torres, Stefanos Bonovas, Glen Doherty, Torsten Kucharzik, et al.
Journal of Crohn’s and Colitis, , jjz180, https://doi.org/10.1093/ecco-jcc/jjz180

ECCO Guidelines on Therapeutics in Crohn’s Disease: Surgical Treatment
Michel Adamina, Stefanos Bonovas, Tim Raine, Antonino Spinelli, Janindra Warusavitarne, Alessandro Armuzzi, Oliver Bachmann, et al.
Journal of Crohn’s and Colitis, , jjz187, https://doi.org/10.1093/ecco-jcc/jjz187 Published: 19 November 2019

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico.

Posted by giorgiobertin su novembre 23, 2019

Sono state pubblicate dall’Asia Pacific Society of Infection Control (APSIC) in aggiornamento le linee guida sulla prevenzione delle infezioni del sito chirurgico. Il documento ha lo scopo di mettere in evidenza le raccomandazioni pratiche in un formato conciso con il fine di aiutare le strutture sanitarie a raggiungere standard elevati nelle pratiche preoperatorie, perioperatorie e postoperatorie.

surgical-site

Scarica e leggi il documento in full text:
APSIC guidelines for the prevention of surgical site infections.
Ling, M.L., Apisarnthanarak, A., Abbas, A. et al.
Antimicrob Resist Infect Control 8, 174 (2019) doi:10.1186/s13756-019-0638-8

Related Guidelines:
Centers for Disease Control and Prevention Guideline for the Prevention of Surgical Site Infection, 2017 – JAMA Surgery (free)
Global guidelines on the prevention of surgical site infection – World Health Organization (free)
Surgical site infections: prevention and treatment – National Institute for Health and Care Excellence (free)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Problemi del piede diabetico: prevenzione e gestione

Posted by giorgiobertin su ottobre 15, 2019

E’ stata pubblicata in aggiornamento, a cura di NICE, una linea guida copre la prevenzione e la gestione dei problemi ai piedi nei bambini, nei giovani e negli adulti con diabete. Mira a ridurre le variazioni nella pratica, compresa la prescrizione di antibiotici per le infezioni del piede diabetico.

nice logo

La linea guida include raccomandazioni su:

– assistenza in ospedale entro le prime 24 ore
– cura in tutte le impostazioni di cura
– valutare il rischio di sviluppare un problema al piede diabetico
– problemi al piede diabetico
– ulcera del piede diabetico
– infezione del piede diabetico
– Artropatia di Charcot

Scarica e leggi il documento in full text:
Diabetic foot problems: prevention and management
NICE guideline [NG19]Published date: August 2015 Last updated: October 2019

See a 3-page visual summary of the antimicrobial prescribing recommendations, including tables to support prescribing decisions.

Articoli correlati:
The management of diabetic foot: A clinical practice guideline by the Society for Vascular Surgery in collaboration with the American Podiatric Medical Association and the Society for Vascular Medicine (free)

Diabetic foot – The BMJ (free)

Diagnosis and Management of Diabetic Foot Complications – American Diabetes Association (free)

Prevention, assessment, diagnosis and management of diabetic foot based on clinical practice guidelines: A systematic review – Medicine (free)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Revisione sistematica sulla diagnosi e gestione del piede diabetico.

Posted by giorgiobertin su ottobre 1, 2019

Le complicanze del piede diabetico sono la ragione principale del ricovero e dell’amputazione nelle persone con diabete. L’obiettivo principale di questo studio è stato quello di effettuare una revisione sistematica dei livelli delle strategie di valutazione e trattamento che appaiono nelle linee guida di pratica clinica focalizzate sul piede diabetico. Un altro obiettivo è quello di eseguire un’analisi dei livelli di evidenza a supporto delle raccomandazioni formulate dalle linee guida di pratica clinica selezionate.

piede diabetico

Scarica e leggi il documento in full text:
Prevention, assessment, diagnosis and management of diabetic foot based on clinical practice guidelines
A systematic review

Pérez-Panero, Alberto J.; Ruiz-Muñoz, María; Cuesta-Vargas, Antonio I.; Gónzalez-Sánchez, Manuel
Medicine: August 2019 – Volume 98 – Issue 35 – p e16877 doi: 10.1097/MD.0000000000016877

Articoli correlati:
Diabetic foot problems: prevention and management – National Institute for Health and Care Excellence (free)
Diagnosis and Management of Diabetic Foot Complications – American Diabetes Association (free)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccomandazioni per la gestione della rottura del legamento crociato anteriore.

Posted by giorgiobertin su agosto 24, 2019

Sono state pubblicate sulla rivista “Best Practice & Research Clinical Rheumatology” le raccomandazione della sulla gestione dei pazienti con rottura del legamento crociato anteriore (LCA).

ACL

Scarica e leggi il documento in full text:
Evidence-based recommendations for the management of anterior cruciate ligament (ACL) rupture
Stephanie R. Filbay, Hege Grindem
Best Practice & Research Clinical Rheumatology Pages 33-47 https://doi.org/10.1016/j.berh.2019.01.018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida sulla diagnosi e gestione delle infezioni cutanee post-operatorie.

Posted by giorgiobertin su agosto 11, 2019

Sono state pubblicate sulla rivista “Current Dermatology Reports” le linee guida sul rischio, prevenzione, diagnosi e gestione delle infezioni cutanee post-operatorie.

CDR

Leggi abstract dell’articolo:
Risk, Prevention, Diagnosis, and Management of Post-Operative Cutaneous Infection
Rachel L. KylloMurad Alam
Current Dermatology Reports June 2019, Volume 8, Issue 2, pp 80–84

Linee guida correlate:
Surgical site infections: prevention and treatment – National Institute for Health and Care Excellence

Global guidelines on the prevention of surgical site infection – World Health Organization

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida di consenso sui test genetici per il cancro al seno ereditario.

Posted by giorgiobertin su luglio 29, 2019

L’American Society of Breast Surgeons ha pubblicato le linee guida di consenso sui test genetici per il cancro al seno ereditario. I test genetici per valutare il rischio ereditario di cancro sono un’area complessa, ampia e dinamica della ricerca medica.

BRAC

Se vengono eseguiti test genetici, tali test dovrebbero includere BRCA1/BRCA2 e PALB2, con altri geni appropriati per lo scenario clinico e la storia familiare. Per i pazienti con carcinoma mammario di nuova diagnosi, l’identificazione di una mutazione può influire sulle raccomandazioni terapeutiche (chirurgia e potenzialmente radiazioni) e sulla terapia sistemica.

Scarica e leggi il documento in full text:
Consensus Guidelines on Genetic` Testing for Hereditary Breast Cancer from the American Society of Breast Surgeons
Manahan, E.R., Kuerer, H.M., Sebastian, M. et al.
Ann Surg Oncol (2019) First Online 24 July 2019 https://doi.org/10.1245/s10434-019-07549-8

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Linee guida per il trattamento laparoscopico delle ernie.

Posted by giorgiobertin su luglio 13, 2019

Sono state aggiornate a cura dell’International Endohernia Society (IEHS) le linee guida per il trattamento laparoscopico delle ernie della parete addominale ventrale e incisionale. Il documento è stato pubblicato sulla rivista “Surgical Endoscopy“; il precedente documento era datato 2014.

Laparoscopic-Ventral-Hernia

Scarica e leggi il documento in full text:
Update of Guidelines for laparoscopic treatment of ventral and incisional abdominal wall hernias (International Endohernia Society (IEHS))—Part A
Bittner, R., Bain, K., Bansal, V.K. et al.
Surg Endosc (2019). https://doi.org/10.1007/s00464-019-06907-7

Update of Guidelines for laparoscopic treatment of ventral and incisional abdominal wall hernias (International Endohernia Society (IEHS)): Part B
Bittner, R., Bain, K., Bansal, V.K. et al.
Surg Endosc (2019). https://doi.org/10.1007/s00464-019-06908-6 First Online: 10 July 2019

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida sulla chirurgia artroscopica del menisco.

Posted by giorgiobertin su giugno 25, 2019

L’artroscopia del ginocchio è una tecnica chirurgica minimamente invasiva, eseguita in anestesia, attraverso la quale sono possibili la diagnosi e la cura di patologie e infortuni all’articolazione del ginocchio.
Il British Association for Surgery of the Knee (BASK) ha pubblicato sulla rivista “The Bone & Joint Journal” una linea guida sul trattamento chirurgico del menisco in artroscopia.

artroscopia ginocchio

Scarica e leggi il documento in full text:
Arthroscopic meniscal surgery
a national society treatment guideline and consensus statement
S. G. F. Abram, D. J. Beard, A. J. Price, BASK Meniscal Working Group*
Bone Joint J 2019;101-B:652–659. Published Online:1 Jun 2019 https://doi.org/10.1302/0301-620X.101B6.BJJ-2019-0126.R1

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida sulla gestione del dolore postoperatorio.

Posted by giorgiobertin su giugno 16, 2019

La French Society of Anesthesia & Intensive Care Medecine (SFAR) hanno pubblicato in aggiornamento una linea guida sulla gestione dl dolore postoperatorio. il precedente documento era datato 2008.

Sfar

Scarica e leggi il documento in full text:
Revision of expert panel’s guidelines on postoperative pain management
Frédéric Aubrun, Karine Nouette-Gaulain, Dominique Fletcher, Anissa Belbachir, … Paul Zetlaoui
Anaesthesia Critical Care & Pain Medicine https://doi.org/10.1016/j.accpm.2019.02.011

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida per il trattamento degli adulti con tumori cerebrali metastatici.

Posted by giorgiobertin su aprile 29, 2019

Il Congresso dei chirurghi neurologici e l’Associazione americana dei chirurghi neurologici ha presentato le linee guida per il trattamento dei tumori cerebrali metastatici negli adulti. Il documento completo sull’argomento contiene 9 linee guida riguardanti aspetti importanti dell’assistenza ai pazienti.

cns

Accedi alla sezione:
Guidelines for the Treatment of Adults with Metastatic Brain Tumors
Congress of Neurological Surgeons

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NICE: linee guida sulla prevenzione e trattamento delle infezioni sito chirurgico.

Posted by giorgiobertin su aprile 12, 2019

Sono state pubblicate a cura di NICE (National Institute for Health and Care Excellence) le linee guida per la prevenzione e trattamento delle infezioni del sito chirurgico.

NICE-Surgical site infections

Questa linea guida aggiorna e sostituisce la linea guida NICE CG74 (2008) e include raccomandazioni nuove su:
– decolonizzazione nasale prima dell’intervento chirurgico;
– preparazione della pelle antisettica durante l’intervento;
– antisettici e antibiotici prima della chiusura della ferita;
– metodi di chiusura della ferita.

Scarica e leggi il documento in full text:
Surgical site infections: prevention and treatment
NICE guideline [NG125] Published date: April 2019

Related Guidelines:
– Centers for Disease Control and Prevention Guideline for the Prevention of Surgical Site Infection, 2017 – JAMA Surgery(free)

Global guidelines on the prevention of surgical site infection – World Health Organization (free)

Infection prevention in the operating room anesthesia work area – Infection Control & Hospital Epidemiology (free)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La sicurezza dei tipi di Anestesia in Cardiochirurgia.

Posted by giorgiobertin su marzo 27, 2019

Uno studio multicentrico pubblicato sulla prestigiosa rivista “The New England Journal of Medicine dimostra  che non c’è alcuna differenza fra i due tipi di anestesia (anestesia volatile (o inalatoria) – intravenosa) dal punto di vista della sicurezza.
La ricerca, condotta in 36 centri e 13 paesi con un coinvolgimento di 5.400 pazienti, è stata coordinata interamente da medici e ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele. Si tratta di uno degli studi più grandi mai condotti su questo argomento.

Anestesia

Negli anni, ricerche pre-cliniche e meta-analisi hanno suggerito di preferire, negli interventi al cuore, l’anestesia inalatoria rispetto a quella intravenosa per le sue conseguenze farmacologiche positive, come la riduzione di infarto miocardico. Lo scopo della ricerca è stato quello di verificare l’effettiva differenza fra i due tipi di anestesia generale nelle operazioni di bypass aortocoronarico, monitorando la mortalità a un anno dei pazienti ed eventuali reazioni avverse all’anestesia.
Anestesia volatile e intravenosa sono, quindi, ugualmente sicure.

I risultati dello studio verranno presentati a Brussels il 19-22 marzo durante la 39esima edizione del congresso ISICEM (International Symposium on Intensive Care and Emergency Medicine).

Leggi abstract dell’articolo:
Volatile Anesthetics versus Total Intravenous Anesthesia for Cardiac Surgery
Giovanni Landoni, M.D., Vladimir V. Lomivorotov, M.D., Ph.D., Caetano Nigro Neto, M.D., Ph.D., Fabrizio Monaco, M.D., Vadim V. Pasyuga, M.D., Nikola Bradic, M.D., Rosalba Lembo, M.Sc., Gordana Gazivoda, M.D., Valery V. Likhvantsev, M.D., Ph.D., Chong Lei, M.D., Ph.D., Andrey Lozovskiy, M.D., Nora Di Tomasso, M.D., et al., for the MYRIAD Study Group
NEJM March 19, 2019 DOI: 10.1056/NEJMoa1816476

(Funded by the Italian Ministry of Health; MYRIAD ClinicalTrials.gov number, NCT02105610.)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gestione del sanguinamento gastrointestinale superiore acuto.

Posted by giorgiobertin su marzo 27, 2019

Sanguinamento gastrointestinale superiore (UGIB) è un’emergenza medica comune in tutto il mondo e si riferisce al sanguinamento da esofago, stomaco o duodeno. L’emorragia gastrointestinale superiore è gestita da molti clinici in molte specialità, tra cui medici di pronto soccorso, ospedalieri, internisti, gastroenterologi, chirurghi, radiologi interventisti ed ematologi.

upper gastrointestinal bleeding

Una revisione basata sull’evidenza della valutazione e della gestione dei pazienti con emorragia gastrointestinale superiore acuta, che è rilevante per specialisti clinici, accademici e ricercatori clinici, è stat pubblicata sulla rivista “BMJ“.

I ricercatori hanno cercato sui database PubMed, Medline e Cochrane dal 2010 ad agosto 2018 utilizzando i termini di ricerca emorragia gastrointestinale, sanguinamento da ulcera peptica e sanguinamento da varici. Sono stati inoltre identificati riferimenti dalle linee guida internazionali, britanniche, europee, americane e dell’Asia-Pacifico sul sanguinamento superiore del tratto gastrointestinale pubblicate durante questo periodo, oltre a articoli di revisione pertinenti.

Leggi abstract dell’articolo:
Management of acute upper gastrointestinal bleeding
Adrian J Stanley, Loren Laine.
BMJ 2019; 364 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.l536 (Published 25 March 2019)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La terapia genica promuove la rigenerazione dei nervi.

Posted by giorgiobertin su gennaio 18, 2019

I ricercatori del Netherlands Institute for Neuroscience (NIN) e del Leiden University Medical Center (LUMC) hanno dimostrato che il trattamento mediante terapia genica porta a un recupero più rapido dopo il danno ai nervi. Combinando una procedura di riparazione chirurgica con la terapia genica, è stata stimolata la sopravvivenza delle cellule nervose e la rigenerazione delle fibre nervose su una lunga distanza. La scoperta pubblicata sulla rivista “Brain“, è un passo importante verso lo sviluppo di un nuovo trattamento per le persone con danni ai nervi.

nerve

Combinando la riparazione neurochirurgica con la terapia genica nei ratti, molte delle cellule nervose morenti possono essere salvate e può essere stimolata la crescita delle fibre nervose nella direzione del muscolo.
In questo studio, i ricercatori hanno utilizzato la terapia genica regolabile con un fattore di crescita che potrebbe essere attivato e disattivato utilizzando un antibiotico ampiamente utilizzato. “Poiché siamo stati in grado di interrompere la terapia genica quando il fattore di crescita non era più necessario, la rigenerazione di nuove fibre nervose verso i muscoli è stata notevolmente migliorata“, afferma il prof. Ruben Eggers.

Leggi il full text dell’articolo:
Timed GDNF gene therapy using an immune-evasive gene switch promotes long distance axon regeneration
Ruben Eggers Fred de Winter Stefan A Hoyng Rob C Hoeben Martijn J A Malessy Martijn R Tannemaat Joost Verhaagen
Brain, awy340, https://doi.org/10.1093/brain/awy340 Published: 15 January 2019

Fonti: Netherlands Institute for Neuroscience (NIN) – Leiden University Medical Center (LUMC)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Best Practice sulla prevenzione delle infezioni del sito chirurgico.

Posted by giorgiobertin su gennaio 17, 2019

Le infezioni del sito chirurgico sono infezioni post-operatorie (Surgical Site Infections – SSI) che si verificano entro 30 giorni da una procedura chirurgica o entro un anno dall’impianto di un dispositivo permanente. Dati epidemiologici confermano che in Europa un’infezione acquisita in ospedale su cinque è una SSI. In Italia il livello è sostanzialmente allineato: circa l’8% dei pazienti ospedalizzati contrae un’infezione associata alle procedure assistenziali e, di queste, il 20-22% sono infezioni del sito chirurgico.

infezioni_del_sito_chirurgico

E’ stata presentata la prima check list italiana per prevenire le infezioni chirurgiche in sala operatoria (SSI). Il documento si articola sostanzialmente in 3 parti: il momento pre-operatorio e la preparazione del paziente all’intervento; l’intervento stesso; e infine la gestione del paziente nella fase post-operatoria.

Oltre all’antisepsi cutanea e alla tricotomia, il documento inserisce tra i passaggi chiave da seguire in sala operatoria la necessità di: sottoporre il paziente a profilassi antibiotica entro 120 minuti dall’inizio dell’intervento, decontaminare il paziente dallo stafilococco aureo nasale, curare l’igiene del corpo del paziente con doccia pre-operatoria, oltre che il mantenimento della normotermia e un adeguato controllo glicemico del paziente in tutto il periodo peri-operatorio.

Essendo il documento concepito come check-list procedurale dovrà essere presente fisicamente in tutte le sale operatorie” – afferma Mauro Pittiruti, Chirurgo dell’Unità Operativa di Chirurgia di Urgenza – Fondazione Policlinico Gemelli Roma.

LA CHECKLIST PER LA PREVENZIONE PERIOPERATORIA DELLE SSI

Leggi anche DISINFETTANTI BIOLOGICI PER SCONFIGGERE LE INFEZIONI OSPEDALIERE

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stampato in 3D un midollo spinale che promuove la crescita delle cellule nervose.

Posted by giorgiobertin su gennaio 15, 2019

Per la prima volta, i ricercatori della University of California di San Diego School of Medicine e Institute of Engineering in Medicine hanno utilizzato le tecnologie di stampa 3D rapide per creare un midollo spinale, poi impiantato con successo con impalcature caricate con cellule staminali neurali, in siti di grave spinale lesione del midollo nei ratti. Nei modelli di ratto, il nuovo ponteggio imitava l’anatomia naturale e potenziava il trattamento a base di cellule staminali.

3d_scaffolding_rat_sci_tuszynski
Un impianto stampato in 3D, due millimetri (leggermente più grande dello spessore di un centesimo) utilizzato come impalcatura per riparare le lesioni del midollo spinale nei ratti. I punti che circondano il nucleo a forma di H sono portali cavi attraverso i quali le cellule staminali neurali impiantate possono estendere gli assoni nei tessuti ospiti. Crediti fotografici: Jacob Koffler e Wei Zhu, UC San Diego

Gli impianti, descritti nello studio pubblicato su “Nature Medicine“, hanno lo scopo di promuovere la crescita dei nervi tra le lesioni del midollo spinale, ripristinando le connessioni e le funzioni perse. Nei modelli di ratti, gli scaffold hanno supportato la ricrescita del tessuto, la sopravvivenza delle cellule staminali e l’espansione degli assoni delle cellule staminali neurali dall’impalcatura e nel midollo spinale ospite.

Gli impianti contengono dozzine di minuscoli canali lunghi 200 micrometri (il doppio della larghezza di un capello umano) che guidano la crescita delle cellule staminali neurali e degli assoni lungo la lunghezza della lesione del midollo spinale.

I ricercatori hanno innestato gli impianti da due millimetri, caricati con cellule staminali neurali, in siti di grave lesione del midollo spinale nei ratti. Dopo alcuni mesi, il nuovo tessuto del midollo spinale era completamente ricresciuto lungo la lesione e collegava le estremità recise del midollo spinale ospite. I ratti trattati hanno riacquistato un significativo miglioramento motorio funzionale nelle loro zampe posteriori.

Il nuovo lavoro ci avvicina sempre di più alla realtà“, afferma il professore Kobi Koffler, “perché l’impalcatura 3D ricapitola le sottili bande di assoni nel midollo spinale. Aiuta ad organizzare gli assoni rigeneranti per replicare l’anatomia del midollo spinale pre-infortunato.”

I prossimi passi includono anche l’incorporazione di proteine ​​all’interno degli scaffold del midollo spinale che stimolano ulteriormente la sopravvivenza delle cellule staminali e la crescita degli assoni. Gli scienziati stanno attualmente aumentando la tecnologia e testando modelli animali più grandi in preparazione di potenziali test umani.

Leggi abstract dell’articolo:
Biomimetic 3D-printed scaffolds for spinal cord injury repair
Jacob Koffler, Wei Zhu, Xin Qu, Oleksandr Platoshyn, Jennifer N. Dulin, John Brock, Lori Graham, Paul Lu, Jeff Sakamoto, Martin Marsala, Shaochen Chen & Mark H. Tuszynski
Nature Medicine Published: 14 January 2019 https://doi.org/10.1038/s41591-018-0296-z

Fonte: University of California di San Diego School of Medicine

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WHO: linee guida globali sulla prevenzione dell’infezione del sito chirurgico.

Posted by giorgiobertin su gennaio 9, 2019

Le infezioni del sito chirurgico sono causate da batteri che penetrano attraverso incisioni effettuate durante l’intervento chirurgico. Minacciano la vita di milioni di pazienti ogni anno e contribuiscono alla diffusione della resistenza agli antibiotici. Nei paesi a basso e medio reddito, l’11% dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico è infetto nel processo. In Africa, fino al 20% delle donne che hanno un taglio cesareo contraggono un’infezione della ferita, compromettendo la propria salute e la capacità di prendersi cura dei propri bambini. Ma le infezioni del sito chirurgico non sono solo un problema per i paesi poveri.

who-surgery

Queste linee guida 2018 dell’OMS aggiornano quelle del 2016 e sono valide per qualsiasi paese e adatte agli adattamenti locali, tengono conto della forza delle prove scientifiche disponibili, delle implicazioni in termini di costi, risorse, valori e preferenze dei pazienti.

Downloads:

IMPLEMENTATION MANUAL to support the prevention of surgical site infections at the facility level – TURNING RECOMMENDATIONS INTO PRACTICE

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CNS: nuove linee guida sul trauma della colonna vertebrale.

Posted by giorgiobertin su settembre 10, 2018

Il Congresso dei chirurghi neurologici (CNS) ha pubblicato nuove linee guida di pratica clinica sulla valutazione e il trattamento dei pazienti con trauma toracolombare.

cns_logo

Queste linee guida forniscono indicazioni sulla valutazione e il trattamento dei pazienti con lesioni alla colonna vertebrale toracica, alla giunzione toracolombare e alla colonna lombare. Le linee guida presentano diciotto domande cliniche relative a una serie di problemi riguardanti la cura di questi pazienti, tra cui: classificazione delle lesioni; valutazione radiologica; valutazione neurologica; trattamento farmacologico; gestione emodinamica; profilassi e trattamento degli eventi tromboembolici; cura non operativa; gestione non operativa e operativa; scelta dell’approccio chirurgico; tempistica dell’intervento chirurgico; e nuove strategie chirurgiche.

Leggi i documenti in full text:
Guidelines on the Evaluation and Treatment of Patients with Thoracolumbar Spine Trauma
Congress of Neurological Surgeons and the Section on Disorders of the Spine and Peripheral Nerves in collaboration with the Section on Neurotrauma and Critical Care

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una goccia di sangue per diagnosticare le lesioni cerebrali.

Posted by giorgiobertin su agosto 1, 2018

I ricercatori dell’University of Geneva (UNIGE), in collaborazione con l’Hospitals of Barcelona, Madrid and Seville, hanno sviluppato una tecnica e un dispositivo di accompagnamento, che può essere utilizzato per diagnosticare un lieve lesione traumatica cerebrale entro una decina di minuti, attraverso un semplice esame dei livelli di certe proteine nel sangue.

Il team ha lavorato per identificare quali proteine ​​fossero presenti in numero maggiore in seguito ad una lesione cerebrale. Testando il sangue di pazienti con traumi cerebrali confermati, hanno scoperto che le proteine ​​H-FABP, Interleukin-10, S100B e GFAP hanno una concentrazione più alta.

Poiché i test sulle lesioni cerebrali vengono eseguiti al meglio il prima possibile e sul luogo della lesione, i ricercatori hanno creato un dispositivo portatile che ha solo una piccola macchia in cui inserire una goccia di sangue. Una volta posizionato il campione di sangue, occorrono circa dieci minuti affinché i risultati vengano visualizzati sotto forma di una linea continua all’interno della finestra dell’indicatore sopra il punto in cui è posizionato il sangue. Il dispositivo verifica effettivamente se c’è un minimo di 2,5 nanogrammi per millilitro di sangue di H-FABP e / o GFAP, e in tal caso il sangue è contrassegnato come positivo.

Questi risultati, brevettati dall’UNIGE e premiati con il Prix dell’Innovation Academy Award. a dicembre 2017, pubblicati sulla rivista “PLOS One” saranno commercializzati dal 2019 da ABCDx, una start-up fondata quattro anni fa da Jean-Charles Sanchez dell’UNIGE e Joan Montaner di Vall d’Hebron Ospedale a Barcellona.

Leggi il full text dell’articolo:
Combining H-FABP and GFAP increases the capacity to differentiate between CT-positive and CT-negative patients with mild traumatic brain injury
Linnéa Lagerstedt, Juan José Egea-Guerrero, Alejandro Bustamante, Ana Rodríguez-Rodríguez, Amir El Rahal, Manuel Quintana-Diaz, Roser García-Armengol, Carmen Melinda Prica, Elisabeth Andereggen, Lara Rinaldi, Asita Sarrafzadeh, Karl Schaller, Joan Montaner, Jean-Charles Sanchez
PLOS One Published: July 9, 2018 https://doi.org/10.1371/journal.pone.0200394

Fonte: University of Geneva

ABCDx

Blood-based Biomarker test for mild Traumatic Brain Injury stratification

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benda rigenerativa accelera la guarigione delle ferite diabetiche.

Posted by giorgiobertin su giugno 11, 2018

Un team della Northwestern University ha sviluppato un nuovo dispositivo, chiamato benda rigenerativa, che guarisce le piaghe dolorose e difficili da trattare senza l’uso di farmaci nei pazienti diabetici. Durante i test, la fasciatura ha guarito le ferite diabetiche il 33% più velocemente di una delle bende attualmente sul mercato.

La novità è che abbiamo identificato un segmento di una proteina nella pelle che è importante per la guarigione delle ferite, questo segmento viene incorporato in una molecola antiossidante che si autoaggrega a temperatura corporea per creare un’impalcatura che facilita la capacità del corpo di rigenerare i tessuti nel sito della ferita“, ha detto il prof. Guillermo Ameer. “La nuova benda non rilascia farmaci o fattori esterni per accelerare la guarigione e funziona molto bene.“Il bendaggio può essere usato per curare tutti i tipi di ferite aperte.

Rigenerative
The bandage accelerates tissue regeneration in vivo. A stained section of tissue who’s complete resorption of the hydrogel in all four groups of post-wounding. Credit: Ameer Research Lab, Northwestern University

Il segreto della benda rigenerativa di Ameer è la laminina, una proteina presente nella maggior parte dei tessuti del corpo, compresa la pelle. La laminina invia segnali alle cellule, incoraggiandoli a differenziarsi, migrare e aderire l’uno all’altro. Il team di Ameer ha identificato un segmento di laminina-12 amminoacidi in lunghezza chiamato A5G81 che è fondamentale per il processo di guarigione della ferita.

E’ stato utilizzato un frammento così piccolo di laminina piuttosto che l’intera proteina perchè può essere facilmente sintetizzato in laboratorio, rendendolo riproducibile, mantenendo bassi i costi di produzione. Il team di Ameer ha incorporato A5G81 in una benda di idrogel antiossidante sviluppata in precedenza in laboratorio.
Come descritto sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences – PNAS“, la mancanza di farmaci o di farmaci biologici permette di portare la benda sul mercato molto velocemente. I ricercatori hanno già avviato un modello pre-clinico ampio.

Leggi abstract dell’articolo:
Potent laminin-inspired antioxidant regenerative dressing accelerates wound healing in diabetes
Yunxiao Zhu, Zdravka Cankova, Marta Iwanaszko, Sheridan Lichtor, Milan Mrksich, and Guillermo A. Ameer
PNAS June 11, 2018. 201804262; published ahead of print June 11, 2018. https://doi.org/10.1073/pnas.1804262115

Fonte: Northwestern University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »