Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 458 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Posts Tagged ‘genetica’

Scoperta una nuova forma di DNA nelle nostre cellule.

Posted by giorgiobertin su aprile 24, 2018

I ricercatori australiani del Garvan Institute of Medical Research hanno identificato una nuova struttura del DNA – chiamata i-motif – all’interno delle cellule. E’ la prima volta che questo “nodo” intrecciato di DNA viene visto direttamente nelle cellule viventi.

i-motif
The i-motif is a tangled knot of DNA

La “doppia elica” del DNA ha catturato l’immaginazione pubblica dal 1953, quando James Watson e Francis Crick hanno scoperto la struttura del DNA. Tuttavia, è ormai noto che brevi tratti di DNA possono esistere in altre forme, almeno nel laboratorio – e gli scienziati sospettano che queste diverse forme potrebbero avere un ruolo importante nel modo e quando il codice del DNA viene “letto”.

La nuova forma descritta sulla rivista “Nature Chemistry“sembra completamente diversa dalla doppia elica del DNA a doppio filamento.

“L’i-motif è un” nodo “d, i DNA a quattro fili“, afferma il professore associato Marcel Dinger. “Nella struttura a nodo, le lettere C sullo stesso filamento di DNA si legano l’una all’altra – quindi questo è molto diverso da una doppia elica, dove” lettere “su fili opposti si riconoscono l’un l’altro, e dove C si lega a Gs [guanine].

Il Prof Marcel Dinger afferma: “È emozionante scoprire una nuova forma di DNA nelle cellule – e queste scoperte prepareranno il terreno per una nuova spinta per capire a cosa serve veramente questa nuova forma di DNA, e se avrà un impatto su salute e malattia.

Leggi abstract dell’articolo:
I-motif DNA structures are formed in the nuclei of human cells
Mahdi Zeraati, David B. Langley, Peter Schofield, Aaron L. Moye, Romain Rouet, William E. Hughes, Tracy M. Bryan, Marcel E. Dinger & Daniel Christ
Nature Chemistry (2018) Published online:23 April 2018 doi:10.1038/s41557-018-0046-3

Fonte: Garvan Institute of Medical Research

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia genica contro la beta talassemia.

Posted by giorgiobertin su aprile 23, 2018

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston per la prima volta la terapia genica viene sperimentata su un numero abbastanza vasto di persone e può quindi uscire dalla fase sperimentale per diventare una cura. Un addio alle trasfusioni per le persone con beta talassemia.


LentiGlobin. Gene Therapy for Beta Thalassemia. Bluebird Bio

La beta talassemia, o anemia mediterranea, è una malattia genetica che impedisce di produrre una componente chiave dell’emoglobina, la proteina dei globuli rossi che trasporta l’ossigeno nel sangue, che e nelle forme più gravi costringe ogni mese ad affrontare trasfusioni di sangue, a volte fin dall’infanzia, e trattamenti per rimuovere il ferro che si accumula nell’organismo.

La sperimentazione, iniziata nel 2013 è stata condotta in 6 centri tra Stati Uniti (14 pazienti), Francia (4 pazienti), Thailandia (2 pazienti) e Australia (2 pazienti), su 22 malati di età compresa fra 12 e 35 anni. Di questi, 15 non hanno più avuto bisogno delle trasfusioni, mentre per gli altri la frequenza si è ridotta del 73%.

Nella terapia genica sono state utilizzate le cellule staminali degli stessi pazienti, precedentemente trattate in laboratorio: un virus della famiglia dei lentivirus (LentiGlobin BB305), reso inoffensivo, ha permesso di sostituire il gene difettoso responsabile della malattia con il gene sano (video).

Leggi il full text dell’articolo:
Gene Therapy in Patients with Transfusion-Dependent β-Thalassemia
Alexis A. Thompson, M.D., M.P.H., Mark C. Walters… et al.
N Engl J Med 2018; 378:1479-1493 April 19, 2018 DOI: 10.1056/NEJMoa1705342

ClinicalTrials.gov numbers, NCT01745120 and NCT02151526

bluebird bio annuncio

EDITORIAL – APR 19, 2018
Gene Therapy as a Curative Option for β-Thalassemia
A. Biffi

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Identificata una proteina associata al cancro al seno.

Posted by giorgiobertin su aprile 19, 2018

I ricercatori del Department of Pharmacology, UT Southwestern Medical Center, Dallas, Texas, USA hanno identificato una proteina fortemente associata al carcinoma mammario metastatico e che potrebbe essere l’obiettivo di future terapie.

luo-chen
Dr. Yan Chen (left) and Dr. Weibo Luo (right) discovered that the protein ZMYND8 may be a useful biomarker to indicate breast cancer that will spread.

Alti livelli della proteina ZMYND8 sono correlati ad una scarsa sopravvivenza in pazienti affetti da cancro al seno, ha detto il prof. Weibo Luo. Una famiglia di proteine ​​denominata fattore ipossia-inducibile (HIF) controlla le risposte all’ipossia, attivando i percorsi che portano alla crescita e alla diffusione delle cellule tumorali. “La nostra ricerca mostra che ZMYND8 è un regolatore che attiva centinaia di oncogeni HIF-dipendenti nelle cellule del cancro al seno”, ha detto il prof. Luo.

La ricerca su un modello murino di cancro al seno ha mostrato che l’esaurimento di ZMYND8 blocca la crescita di nuovi vasi sanguigni nei tumori e porta alla morte delle cellule del cancro al seno.
Questo lavoro svela un meccanismo epigenetico primario nella progressione del cancro al seno mediata da HIF e rivela un possibile bersaglio molecolare per la diagnosi e il trattamento della malattia aggressiva“, conclude il prof. Luo.

Leggi abstract dell’articolo:
ZMYND8 acetylation mediates HIF-dependent breast cancer progression and metastasis
Yan Chen, Bo Zhang, Lei Bao, Lai Jin, Mingming Yang, Yan Peng, Ashwani Kumar, Jennifer E. Wang, Chenliang Wang, Xuan Zou, Chao Xing, Yingfei Wang, Weibo Luo
J Clin Invest. 2018. Published April 9, 2018 https://doi.org/10.1172/JCI95089.

Fonte: Department of Pharmacology, UT Southwestern Medical Center, Dallas, Texas, USA

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La mancanza di un gene favorisce la progressione del cancro.

Posted by giorgiobertin su aprile 10, 2018

I ricercatori del Cancer Science Institute di Singapore (CSI Singapore) presso la National University di Singapore hanno identificato che RUNX3, un gene soppressore del tumore assente in molti tipi di cancro, agisce da barriera contro lo stress ossidativo nelle cellule tumorali. Di conseguenza, le cellule tumorali che non possiedono questo gene sono più suscettibili allo stress ossidativo, determinando alterazioni genetiche e sviluppo di un carattere cancerogeno.

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Cancer Research“, è stato guidato dal professor Yoshikai Ito.

ito
Professor Yoshikai Ito (left) and Dr Vaidehi Krishnan (right) were behind the study which identified that the tumour suppressor gene, RUNX3, acts as a barrier against oxidative stress in cancer cells.

Negli esperimenti sulle cellule del cancro del polmone i ricercatori hanno osservato che le cellule tumorali senza RUNX3 non erano in grado di arrestare la progressione del cancro a causa dell’esposizione allo stress ossidativo dall’esterno delle cellule e hanno ipotizzato un possibile collegamento di una proteina TGFβ. TGFβ è una proteina abbondantemente secreta dalle cellule tumorali e circola all’interno dell’ambiente del tumore per svolgere i suoi effetti.
I ricercatori hanno scoperto che il TGFβ induce danni al DNA cellulare attraverso l’attività ossidativa in assenza di RUNX3, causando la cancerizzazione delle cellule.

Il Prof Ito afferma: “Molti tipi di cancro hanno dimostrato di non avere RUNX3, quindi una più profonda comprensione di questo gene significa un migliore know-how su come sviluppare nuove terapie antitumorali mirate a questo gene“.
Nel proseguo degli esperimenti il gruppo di ricerca lavorerà per ripristinare la funzione RUNX3 con farmaci.

Leggi abstract dell’articolo:
TGFβ Promotes Genomic Instability after Loss of RUNX3
Vaidehi Krishnan, Yu Lin Chong, Tuan Zea Tan, Madhura Kulkarni, Muhammad Bakhait Bin Rahmat, Lavina Sierra Tay, Haresh Sankar, Doorgesh S. Jokhun, Amudha Ganesan, Linda Shyue Huey Chuang, Dominic C. Voon, GV Shivashankar, Jean-Paul Thiery and Yoshiaki Ito
Cancer Res January 1 2018 (78) (1) 88-102; DOI: 10.1158/0008-5472.CAN-17-1178

Fonte: Cancer Science Institute di Singapore

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia genica contro le malattie del sangue.

Posted by giorgiobertin su aprile 7, 2018

Un team di ricercatori australiani e giapponesi ha sperimentato positivamente come introdurre mutazioni genetiche che potrebbero aiutare lo sviluppo di terapie geniche per alcune malattie del sangue. si tratta di malattie come la beta talassemia e l’anemia falciforme, patologie a base genetica in cui le molecole di emoglobina – la proteina contenuta all’interno dei globuli rossi e deputata al trasporto di ossigeno – sono difettose.

cas9

L’idea è quella di ripristinare, con terapia genica, la produzione dell’emoglobina fetale, solitamente presente in piccolissime quantità da adulti.
Esiste quindi la possibilità di ripristinare la produzione di emoglobina fetale e compensare così la produzione di emoglobine difettose per chi soffre di beta talassemia e anemia falciforme.

Abbiamo scoperto che due geni, BCL11A e ZBTB7A, spengono il gene dell’emoglobina fetale legandosi direttamente ad esso – afferma il prof. Merlin Crossley della University of New South Wales – “Mutazioni benefiche funzionano distruggendo i due siti in cui si legano questi due geni“.
I ricercatori sono intervenuti geneticamente con la tecnologia CRISPR-Cas9 – per modificare geneticamente il gene dell’emoglobina fetale. L’alterazione introdotta in questo caso aveva lo scopo di inibire il legame dei repressori (in particolare a livello del gene della catena gamma dell’emoglobina fetale), di fatto togliendo il silenziamento e permettendo all’emoglobina fetale di tornare ad esprimersi.

Potremmo parlare di terapia genica biologica perché non introduciamo nuovo DNA nelle cellule – ha spiegato Crossley – piuttosto le ingegnerizziamo con mutazioni benigne che riscontriamo anche naturalmente e che sappiamo poter essere benefiche per le persone con queste malattie”.

La scoperta – seppur in vitro – ha permesso agli scienziati di capire come funzioni in silenziamento di questa proteina, ma anche di aprire la strada allo sviluppo di terapie per queste malattie del sangue utilizzando CRISPR.

Leggi abstract dell’articolo:
Natural regulatory mutations elevate the fetal globin gene via disruption of BCL11A or ZBTB7A binding
Gabriella E. Martyn, Beeke Wienert, Lu Yang, Manan Shah, Laura J. Norton, Jon Burdach, Ryo Kurita, Yukio Nakamura, Richard C. M. Pearson, Alister P. W. Funnell, Kate G. R. Quinlan & Merlin Crossley
Nature Genetics (2018) Published online: 02 April 2018 doi:10.1038/s41588-018-0085-0

Fonti: Galileonet.it – UNSW Sydney (The University of New South Wales)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Degenerazione maculare legata all’invecchiamento delle cellule immunitarie.

Posted by giorgiobertin su aprile 6, 2018

Studiando topi e cellule da pazienti, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis, hanno scoperto che le cellule immunitarie chiamate macrofagi invecchiano, e sono più propensi a contribuire all’infiammazione e alla crescita anormale dei vasi sanguigni che danneggiano la visione nella degenerazione maculare.

Micro-RNA  DANYEL CAVAZOS/MICHAEL WORFUL

Dagli esperimenti sui topi, il team ha scoperto che i macrofagi più anziani contengono quantità maggiori di brevi frammenti di materiale genetico, detti microRNA, che regolano il modo in cui le cellule esprimono i geni. I ricercatori hanno trovato livelli significativamente più elevati di microRNA-150 nei macrofagi negli occhi dei topi più anziani e nei campioni di sangue da soggetti umani con degenerazione maculare.

I microRNA aiutano a regolare molte cose nelle cellule legandosi a diversi geni per influenzare il modo in cui quei geni producono le proteine. In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che microRNA-150 sembrava guidare i macrofagi più anziani verso la promozione dell’infiammazione e della formazione anormale dei vasi sanguigni nei modelli murini di degenerazione maculare.

Riteniamo che il microRNA-150 possa essere un potenziale bersaglio terapeutico, o almeno un biomarcatore, per la malattia aggressiva e il rischio di perdita della vista”, ha detto il prof. Jonathan B. Lin. “È possibile immaginare terapie immunitarie che modifichino il livello dei microRNA in modo che queste cellule macrofagiche non contribuiscano più alla malattia“.

Leggi abstract dell’articolo:
Macrophage microRNA-150 promotes pathological angiogenesis as seen in age-related macular degeneration
Lin JB, Moolani HV, Sene A, Sidhu R, Kell P, Lin JB, Dong Z, Ban N, Ory DS, Apte RS
JCI Insight. 2018;3(7):e120157. doi:10.1172/jci.insight.120157.

Fonte: Washington University School of Medicine di St. Louis

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le radici genetiche dei tumori.

Posted by giorgiobertin su aprile 6, 2018

Un team di ricercatori internazionali ha aggiunto un’importante pietra miliare al panorama genetico del cancro. Gli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis e di altre istituzioni hanno completato il sequenziamento genetico e l’analisi di oltre 11000 tumori di pazienti, che coprono 33 tipi di cancro – tutti parte del progetto Cancer Genome Atlas (TCGA), finanziato dal National Cancer Institute e National Human Genome Research Institute, entrambi del National Institutes of Health (NIH).

Ding

Complessivamente, i ricercatori hanno identificato circa 300 geni che guidano la crescita del tumore. Poco più della metà di tutti i tumori analizzati portano mutazioni genetiche che potrebbero essere prese di mira da terapie già approvate per l’uso nei pazienti.

Per i 10.000 tumori che abbiamo analizzato, ora sappiamo – in dettaglio – le mutazioni ereditarie che causano il cancro e gli errori genetici che si accumulano quando le persone invecchiano, aumentando il rischio di cancro”, ha detto la prof.ssa Li Ding. “le nuove analisi hanno rivelato che gli errori genetici del cancro determinano specifiche firme molecolari che potrebbero guidare il trattamento”.

Ad esempio, i tumori a cellule squamose possono insorgere nel polmone, nella vescica, nella cervice e in alcuni tumori della testa e del collo. Studiando le loro caratteristiche molecolari, ora sappiamo che questi tumori sono strettamente correlati.

Scarica e legfgi il full text dell’articolo dell’articolo:
Comprehensive characterization of cancer driver genes and mutations
Bailey MH, … Ding L.
Cell Volume 173, Issue 2, p371–385.e18, 5 April 2018 – DOI: https://doi.org/10.1016/j.cell.2018.02.060

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoperto un nuovo gene per combattere l’invecchiamento.

Posted by giorgiobertin su aprile 4, 2018

Un gruppo di ricercatori dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma in collaborazione con il Danish Cancer Society Research Center di Copenhagen hanno individuato un enzima «spazzino» che ripulisce le cellule dai radicali liberi frenando l’invecchiamento: si chiama GNSOR e col passare degli anni tende a scomparire, mentre negli ultracentenari, a sorpresa, è presente a livelli paragonabili a quelli di individui di giovane età.
I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista PNAS.

GNSOR

L’invecchiamento viene spesso descritto con la “teoria dei radicali liberi dell’ossigeno”. Si tratterebbe di elementi tossici e altamente reattivi, prodotti durante la respirazione mitocondriale delle cellule. Tali “radicali liberi“, ma più in generale tutte le specie reattive dell’ossigeno (denominate ROS) sono in grado di danneggiare sia gli organelli che li producono – i mitocondri – sia compromettere la struttura e la funzione di tutte le componenti cellulari, tra cui anche il DNA. Secondo questa teoria, i ROS costituiscono la fonte primaria dei processi che portano al deterioramento cellulare, contribuendo con l’età all’invecchiamento dell’intero organismo. La ricerca ha rivelato il ruolo della proteina S-nitrosoglutatione reduttasi (GNSOR) nel processo. Tra i geni che si «disattivano» con l’avanzare degli anni c’è quello classificato come ADH5, responsabile della produzione di GNSOR.

Una ricerca condotta nel 2009 ha dimostrato che i topi nati senza l’enzima GNSOR sono in grado di resistere meglio a un attacco cardiaco, mantenendo una funzione quasi normale dei ventricoli del cuore e nel tessuto cardiaco

Questa scoperta porterebbero a sbocchi sanitari e farmacologici importanti sulla qualità della vita degli anziani, arrivando a rallentarne l’invecchiamento e a diminuire l’insorgenza di patologie come il cancro, che ha la vecchiaia come primo fattore di rischio.

Leggi abstract dell’articolo:
S-nitrosylation drives cell senescence and aging in mammals by controlling mitochondrial dynamics and mitophagy
Salvatore Rizza, Simone Cardaci, Costanza Montagna, Giuseppina Di Giacomo, Daniela De Zio, Matteo Bordi, Emiliano Maiani, Silvia Campello, Antonella Borreca, Annibale A. Puca, Jonathan S. Stamler, Francesco Cecconi and Giuseppe Filomeni
PNAS March 26, 2018. 201722452; published ahead of print March 26, 2018. https://doi.org/10.1073/pnas.1722452115

Fonte: Università degli Studi Tor Vergata di Roma

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Cancer Communications: nuova rivista open access.

Posted by giorgiobertin su aprile 2, 2018

La rivista “Cancer Communications” affiliata alla Chinese Anti-Cancer Association e alla Chinese Chinese Anti-Cancer Association è entrata nell’ambito delle riviste open access della piattaforma BioMedCentral.

Cancer-communications

Cancer Communications è un rivista online ad accesso aperto e sottoposta a peer review che comprende la ricerca sul cancro di base, clinica e traslazionale. La rivista accoglie osservazioni relative a studi clinici, epidemiologia, biologia molecolare e cellulare e genetica.
Per consultare gli articoli pubblicati sulla rivista prima di marzo 2015, visitare il sito Web del Cancer Center dell’Università di Sun Yat-sen .

Accedi alla rivista:
Cancer Communications

Read more thematic series in Cancer Communications

Posted in E-journal E-Book | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Scoperto l’ormone che provoca l’epilessia.

Posted by giorgiobertin su marzo 30, 2018

Il gruppo di ricerca costituito dal Center for Synaptic Neuroscience and Technology dell’IIT-Istituto Italiano di Tecnologia, il Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università di Genova, e il Laboratorio di Neurogenetica e Neuroscienze dell’Istituto Giannina Gaslini ha eseguito uno studio multidisciplinare che riproduce in laboratorio i meccanismi di una patologia genetica neurologica partendo da cellule cutanee di pazienti.

In particolare lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Brain“, dimostra che mutazioni di un particolare gene, il gene PRRT2, causano l’inattivazione della proteina corrispondente, da cui deriva la maggior eccitabilità dei neuroni, responsabile di manifestazioni come epilessia, discinesie o emicrania presentate dai pazienti.

scoperta-epilessia

I risultati sono stati raggiunti grazie alle tecniche di riprogrammazione cellulare che hanno permesso di trasformare cellule ottenute dalla cute di pazienti affetti da questa patologia in neuroni dotati del corredo genico individuale di ciascun paziente.
Riprogrammare le cellule in laboratorio significa spegnere geni specifici che conferiscono alle cellule una determinata funzione nell’organismo, ad esempio cellule della cute, riportandole in uno stadio di cellule staminali dal quale, mediante l’accensione di altri geni, possono assumere una nuova identità, ad esempio quella di una cellule nervose.

La riprogrammazione cellulare favorisce l’individuazione di strategie terapeutiche sempre più precise e personalizzate per la cura di patologie anche complesse come quelle genetiche e a carico di cellule relativamente inaccessibili come quelle del sistema nervoso centrale

Leggi abstract dell’articolo:
PRRT2 controls neuronal excitability by negatively modulating Na + channel 1.2/1.6 activity
Floriana Fruscione, Pierluigi Valente, Bruno Sterlini, Alessandra Romei, Simona Baldassari …
Brain, Volume 141, Issue 4, 1 April 2018, Pages 1000–1016, https://doi.org/10.1093/brain/awy051

Fonte: Center for Synaptic Neuroscience and Technology dell’IIT-Istituto Italiano di Tecnologia – Genova

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Identificati i meccanismi molecolari dell’invecchiamento vascolare.

Posted by giorgiobertin su marzo 25, 2018

I ricercatori del Dipartimento di Genetica presso la Harvard Medical School hanno identificato i meccanismi cellulari chiave dell’invecchiamento vascolare e dei suoi effetti sulla salute dei muscoli e sono riusciti con successo ad invertire il processo negli animali (video).

Quando invecchiamo, diventiamo deboli e fragili. Una costellazione di cambiamenti fisiologici – alcuni sottili, alcuni drammatici – precipitano durante questo inevitabile declino. Cosa succede esattamente all’interno delle nostre cellule per provocare i cambiamenti biologici che portano all’invecchiamento? È una domanda a cui il team del prof. Sinclair ha cercato di dare una risposta.


Scientists have reversed vascular atrophy, restored vessel growth in mice. Video: Rick Groleau and Ekaterina Pesheva

In una serie di esperimenti, riportati sulla rivista “Cell“, il team ha scoperto che il flusso sanguigno ridotto si sviluppa quando le cellule endoteliali iniziano a perdere una proteina critica nota come sirtuin1 o SIRT1. Precedenti studi hanno dimostrato che SIRT1 ritarda l’invecchiamento e prolunga la vita nei lieviti e nei topi.

In particolare, è stato rivelato che nel giovane muscolo di topo, la segnalazione SIRT1 viene attivata e genera nuovi capillari, i più piccoli vasi sanguigni nel corpo che forniscono ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti e agli organi. Tuttavia, poiché l’attività di SIRT1 diminuisce nel tempo, così come il flusso sanguigno, lasciando il tessuto muscolare privo di nutrienti e affamato di ossigeno. eliminato SIRT1 nelle cellule endoteliali di giovani topi, si è osservato una densità capillare marcatamente ridotta e un numero ridotto di capillari, rispetto ai topi che avevano SIRT1 intatto.
La perdita di SIRT1 legata all’età conduce all’atrofia muscolare e alla morte dei vasi sanguigni.

Per invertire questo processo di invecchiamento dei vasi sanguigni e ripristinare la vitalità giovanile i ricercatori hanno utilizzato un composto chimico chiamato NMN, che in precedenza aveva dimostrato di svolgere un ruolo nella riparazione del DNA cellulare e nel mantenimento della vitalità cellulare, agendo su SIRT1.

L’obiettivo finale del team è replicare i risultati e, infine, passare allo sviluppo di farmaci a base di piccole molecole, che imitano gli effetti del flusso sanguigno e dell’ossigenazione dei muscoli e di altri tessuti.

Leggi abstract dell’articolo:
Impairment of an Endothelial NAD+-H2S Signaling Network Is a Reversible Cause of Vascular Aging
Abhirup Das, George X. Huang, Michael S. Bonkowski, Alban Longchamp, Catherine Li, Michael B. Schultz, Lynn-Jee Kim, Brenna Osborne, …David A. Sinclair.
Cell, Vol. 173, Issue 1, p74–89.e20 DOI: https://doi.org/10.1016/j.cell.2018.02.008 Published in issue: March 22, 2018

Fonte: Harvard Medical School

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gravidanza: scoperti 2 geni legati a nausea e vomito.

Posted by giorgiobertin su marzo 21, 2018

Uno studio condotto dai ricercatori del Jonsson Comprehensive Cancer Center, University of California a Los Angeles, pubblicato sulla rivista “Nature Communications“, ha identificato due geni associati alla nausea e al vomito in gravidanza: si tratta dei geni GDF15 e IGFBP7, entrambi coinvolti nello sviluppo della placenta e svolgono un ruolo importante nella gravidanza precoce e nella regolazione dell’appetito.

nausea-gravidanza

L’iperemesi gravidica (HG) grave comporta nausea e vomito in gravidanza e si verifica in circa il 2% delle gravidanze. La causa di HG rimane ancora sconosciuta, ma poichè è presente in un certo grado di familiarità, si pensa che la genetica abbia un ruolo e che la comprensione del contributo genetico è essenziale per comprendere l’eziologia della malattia.

Ora si spera di determinare se i livelli di GDF15 e IGFBP7 possano essere modificati in modo sicuro durante la gravidanza per minimizzare la nausea e il vomito.

Leggi abstract dell’articolo:
Placenta and appetite genes GDF15 and IGFBP7 are associated with hyperemesis gravidarum
Marlena S. Fejzo, Olga V. Sazonova, J. Fah Sathirapongsasuti, Ingileif B. Hallgrímsdóttir, Vladimir Vacic, Kimber W. MacGibbon, Frederic P. Schoenberg, Nicholas Mancuso, Dennis J. Slamon, Patrick M. Mullin & 23andMe Research Team
Nature Communications volume 9, Published online: 21 March 2018 Article number: 1178 (2018) doi:10.1038/s41467-018-03258-0

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Creata la mappa genetica dell’intelligenza.

Posted by giorgiobertin su marzo 16, 2018

Una ricerca, guidata dai prof.i David Hill e Ian Deary del Centre for Cognitive Ageing and Cognitive Epidemiology, University of Edinburgh, UK, sulla base dell’analisi del genoma di 240 mila persone in tutto il mondo, ha identificato oltre 500 geni, dieci volte in più di quanto si pensasse finora, distribuiti in 187 regioni del Dna umano responsabili dell’intelligenza. Si tratta dello studio più vasto mai condotto in questo campo, pubblicato sulla rivista “Molecular Psychiatry“.

Il risultato promette di aprire la strada a futuri test dell’intelligenza basati sull’analisi Dna. Sulla base dei dati genetici è infatti stato possibile identificare il 7% delle differenze nell’intelligenza in un gruppo di individui.

Biobank

I campioni genetici sono stati prelevati dalla grande banca dati chiamata Uk Biobank. Sono stati identificati 538 geni che svolgono un ruolo nell’intelligenza, contro i 52 identificati finora. I geni legati all’intelligenza sembrano influenzare anche altri processi biologici: per esempio alcuni sono associati alla longevità, mentre la capacità di risolvere i problemi sembra legata alla migrazione delle cellule nervose da un’area all’altra del cervello.

Scarica e leggi il documento in full text:
A combined analysis of genetically correlated traits identifies 187 loci and a role for neurogenesis and myelination in intelligence
W. D. Hill, R. E. Marioni, O. Maghzian, S. J. Ritchie, S. P. Hagenaars, A. M. McIntosh, C. R. Gale, G. Davies & I. J. Deary
Molecular Psychiatry (2018) doi:10.1038/s41380-017-0001-5 Published online: 11 January 2018

Fonte: Centre for Cognitive Ageing and Cognitive Epidemiology, University of Edinburgh, UK

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

L’inquinamento modifica il DNA e scatena le malattie.

Posted by giorgiobertin su marzo 10, 2018

Le sostanze inquinanti presenti nell’ambiente possono ‘prendere il controllo’ del Dna, accendendo in questo modo alcuni geni piuttosto che altri e scatenando malattie cardiache e respiratorie. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Nature Communications“, ed è stata condotta in Canada, dal gruppo dell’Ontario Institute for Cancer Research, guidato dal prof. Philip Awadalla.

inquinamento

I ricercatori hanno trovato prove evidenti del fatto che le esposizioni ambientali, incluso l’inquinamento atmosferico, influenzano le espressioni geniche associate a malattie respiratorie molto più che l’ascendenza genetica. Dall’analisi del Dna raccolto da campioni di sangue, sono stati individuati gli effetti di polveri sottili, biossido di azoto e biossido di zolfo. Lo studio canadese ha analizzato oltre 1,6 milioni di punti dati da campioni biologici, questionari sulla salute e set di dati ambientali, rendendolo uno dei più vasti di sempre per esaminare la relazione tra espressione genica e stimoli ambientali.

Il nostro studio mostra come sia possibile utilizzare l’ampia portata e la scala dei dati in uno dei più grandi studi di coorte del Canada per capire meglio come i nostri geni interagiscono con le esposizioni ambientali e modellano la salute individuale“, dice il prof. Awadalla.

Segnaliamo anche uno studio condotto nei Paesi Bassi ha collegato l’esposizione all’inquinamento atmosferico residenziale durante la vita fetale con anomalie cerebrali che possono contribuire a compromettere la funzione cognitiva nei bambini in età scolare. Lo studio, pubblicato su “Biological Psychiatry“, riporta che i livelli di inquinamento atmosferico correlati alle alterazioni del cervello erano inferiori a quelli considerati sicuri.

Leggi il full text dell’articolo:
Gene-by-environment interactions in urban populations modulate risk phenotypes
Marie-Julie Favé, Fabien C. Lamaze, David Soave, Alan Hodgkinson, Héloïse Gauvin, Vanessa Bruat, Jean-Christophe Grenier, Elias Gbeha, Kimberly Skead, Audrey Smargiassi, Markey Johnson, Youssef Idaghdour & Philip Awadalla
Nature Communications volume 9, Article number: 827 Published online: 06 March 2018 doi:10.1038/s41467-018-03202-2

Accesso controllato a dati di coorte e campioni biologici è disponibile per i ricercatori attraverso il portale dati CPTP e CARTaGENE.

Fonte: Ontario Institute for Cancer Research

Air pollution exposure during fetal life, brain morphology, and cognitive function in school-age children
Mònica Guxens, MD’Correspondence information about the author MD Mònica GuxensEmail the author MD Mònica Guxens, Małgorzata J. Lubczyńska, MSc, Ryan Muetzel, PhD, Albert Dalmau-Bueno, MPH, Vincent W.V. Jaddoe, MD, Gerard Hoek, PhD, Aad van der Lugt, MD, Frank C. Verhulst, MD, Tonya White, MD, Bert Brunekreef, PhD, Henning Tiemeier, MD, Hanan El Marroun, P
Biological Psychiatry DOI: https://doi.org/10.1016/j.biopsych.2018.01.016

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Luce sulla comprensione dei meccanismi della SLA.

Posted by giorgiobertin su marzo 9, 2018

I ricercatori del Syracuse University stanno facendo passi da gigante nel comprendere il meccanismo di malattia della sclerosi laterale amiotrofica (SLA), noto anche come malattia di Lou Gehrig.

I ricercatori hanno lavorato con l’ubiquitina, una minuscola molecola che etichetta le proteine ​​obsolete in una cellula. La scoperta, pubblicata sulla rivista “Molecular Cell“,  è importante perché UBQLN2 è un gene che codifica le proteine, le mutazioni di questo gene sono la causa della SLA e di vari tipi di demenza, come la demenza frontotemporale (FTD).

nerve
Courtesy of the ALS Foundation for Life

UBQLN2 si trova nelle inclusioni dei neuroni motori dei pazienti con SLA“, dice il prof. Carlos A. Castañeda, “Abbiamo dimostrato che UBQLN2 subisce la separazione di fase liquido-liquido, in cui le proteine ​​si uniscono in goccioline ricche di proteine ​​per formare organelli senza membrana nelle cellule. È interessante notare che la disfunzione dell’assemblaggio e dello smantellamento di organelli senza membrana sta emergendo come un meccanismo patogenetico comune nella SLA e di altri disturbi neurodegenerativi“.
Sembra che lo stress patologico granuli-organelli senza membrana che si pensa formino una separazione di fase liquido-liquido di proteine ​​leganti l’RNA – innesca la SLA e i disturbi correlati, portando alla morte cellulare“.
Abbiamo confermato con la microscopia e la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare – che l’ubiquitina sconvolge la separazione di fase liquido-liquido UBQLN2“.

I difetti nel riciclaggio delle proteine ​​contribuiscono alla neurodegenerazione“, dice il prof. Castañeda. “Più comprendiamo le funzioni biologiche di UBQLN2 – in particolare, come le sue mutazioni portano alla SLA – più siamo in grado di sviluppare nuove terapie“.

Leggi abstract dell’articolo:
Ubiquitin Modulates Liquid-Liquid Phase Separation of UBQLN2 via Disruption of Multivalent Interactions
Thuy P. Dao, Regina-Maria Kolaitis, Hong Joo Kim, Kevin O’Donovan, Brian Martyniak, Erica Colicino, Heidi Hehnly, J. Paul Taylor, Carlos A. Castañeda5
Molecular Cell Published: March 8, 2018, DOI: https://doi.org/10.1016/j.molcel.2018.02.004

Fonte:College of Arts and Sciences at Syracuse University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova terapia genica corregge una forma di degenerazione maculare ereditaria.

Posted by giorgiobertin su marzo 7, 2018

Ricercatori della University of Pennsylvania, School of Veterinary Medicine hanno sviluppato una terapia genica che tratta con successo una forma di degenerazione maculare (vitelliforme) in un modello canino. Il lavoro prepara le basi per la traduzione dei risultati in una terapia umana per una malattia ereditaria che si traduce in una progressiva perdita della visione centrale e che al momento non è trattabile.

best1
A view of the eye of a dog affected by the canine equivalent of Best disease before (left) and 5 years after (right) the gene therapy underscores how the treatment reversed a sizeable lesion–and lasted. The black mark visible on the treated eye is the injection site. CREDIT University of Pennsylvania.

La malattia degenerazione maculare vitelliforme, è una malattia accecante ereditaria causata da mutazioni nel gene BEST1. Spesso si manifesta nei bambini e nei giovani adulti, privandoli gradualmente della loro visione centrale. Il team ha sviluppato una terapia genica per trattare questa condizione. La terapia descritta sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences – PNAS“, sembra essere duratura, dal momento che gli occhi dei cani trattati sono rimasti senza malattie per almeno cinque anni.

“Nell’occhio, ci sono due strati di cellule retiniche integrate che si confondono l’un l’altro e, come una cerniera, intrecciano le cellule della vista e le cellule di supporto“, dice il prof. Artur Cideciyan. “Quello che abbiamo fatto in questa malattia è stato praticamente decomprimere questi strati, e rezipparli, riunendoli strettamente“.

Con questa ricerca, abbiamo dimostrato che esiste una terapia che funziona in un modello animale di grandi dimensioni e che, a seguito di studi sulla sicurezza, una sperimentazione clinica umana potrebbe essere a meno di due anni di distanza“.

Leggi abstract dell’articolo:
BEST1 gene therapy corrects a diffuse retina-wide microdetachment modulated by light exposure
Karina E. Guziewicz, Artur V. Cideciyan, William A. Beltran, András M. Komáromy, Valerie L. Dufour, Malgorzata Swider, Simone Iwabe, Alexander Sumaroka, Brian T. Kendrick, Gordon Ruthel, Vince A. Chiodo, Elise Héon, William W. Hauswirth, Samuel G. Jacobson and Gustavo D. Aguirre
PNAS 2018; published ahead of print March 5, 2018, https://doi.org/10.1073/pnas.1720662115

Fonte: University of Pennsylvania, School of Veterinary Medicine (Penn Vet)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Identificati i geni che causano il deterioramento del cervello legato all’età.

Posted by giorgiobertin su marzo 6, 2018

Un gruppo di geni e di interruttori genetici coinvolti nel deterioramento cerebrale correlato all’età sono stati identificati dagli scienziati del Babraham Institute, Cambridge e dall’Università della Sapienza, Roma.

  • Il cervello si deteriora con l’età perché le cellule staminali producono nuove cellule cerebrali più lentamente.
  • Le modifiche all’attività di un gruppo di circa 250 geni causano il rallentamento delle cellule staminali del cervello.
  • Le giovani cellule staminali si comportano come quelle più vecchie se l’attività del gene Dbx2 è aumentata.

fit

Confrontando l’attività genetica nelle cellule cerebrali di topi vecchi e giovani, gli scienziati hanno identificato oltre 250 geni che hanno cambiato il loro livello di attività con l’età. Le celle più vecchie trasformano alcuni geni, incluso Dbx2 , e disattivano altri geni.

I geni e i regolatori genetici che abbiamo identificato sono corrotti nelle cellule staminali neurali dei topi più anziani. Studiando il Dbx2gene abbiamo dimostrato che questi cambiamenti possono contribuire all’invecchiamento nel cervello rallentando la crescita delle cellule staminali del cervello e attivando l’attività di altri geni associati all’età“. – afferma il prof. Giuseppe Lupo dell’Università La Sapienza di Roma.

I ricercatori affermano: “Speriamo che questa ricerca possa portare benefici per la salute umana. Siamo riusciti ad accelerare parti del processo di invecchiamento nelle cellule staminali neurali. Studiando questi geni più da vicino, ora pensiamo di provare a far tornare indietro le cellule più vecchie. Se riusciamo a farlo nei topi, allora la stessa cosa potrebbe anche essere possibile per gli umani.”

Leggi il full text dell’articolo:
Molecular profiling of aged neural progenitors identifies Dbx2 as a candidate regulator of age-associated neurogenic decline.
Giuseppe Lupo, Paola S. Nisi, Pilar Esteve, Yu-Lee Paul, Clara Lopes Novo, Ben Sidders, Muhammad A. Khan, Stefano Biagioni, Hai-Kun Liu, Paola Bovolenta, Emanuele Cacci, Peter J. Rugg-Gunn
Aging Cell. 2018;e12745. DOI: doi.org/10.1111/acel.12745

Fonte: Babraham Institute, Cambridge

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gene editing per ridurre trigliceridi e colesterolo.

Posted by giorgiobertin su febbraio 28, 2018

Una nuova tecnica simile al CRISP sperimentata sui topi da parte dei ricercatori della Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania, pubblicata sulla rivista “Circulation“, ha permesso di simulare gli effetti protettivi di una mutazione genetica legata ai livelli più bassi di colesterolo e ai rischi di malattie cardiache.

Musunuru CREDIT: PEGGY PETERSON PHOTOGRAPHY

Le persone con mutazioni naturali che causano una perdita della funzione nel gene ANGPTL3 hanno ridotto i trigliceridi nel sangue, il colesterolo LDL e il rischio di malattia coronarica, senza apparenti conseguenze dannose per la loro salute. Questo rende la proteina ANGPTL3 un bersaglio attraente per i nuovi farmaci.

Questo studio sugli animali ha mostrato che l’editing di base di ANGPTL3 è un modo potenziale per trattare in modo permanente i pazienti con livelli lipidici di sangue dannosi”, ha detto il prof. Musunuru. “Sarebbe particolarmente utile in pazienti con una rara condizione chiamata ipercolesterolemia familiare omozigote, che causa alti livelli di colesterolo e un rischio aumentato di infarto, molto difficili da trattare con i farmaci odierni“.

Dagli esperimenti è emerso che dopo due settimane, i topi trattati hanno mostrato livelli significativamente ridotti di trigliceridi (56%) e colesterolo (51%) rispetto ai topi non trattati.

Il team del prof. Musunuru si sta ora preparando a testare i trattamenti basati su CRISPR contro il gene umano ANGPTL3 nelle cellule epatiche umane trapiantate nei topi. Ciò fornirà importanti informazioni sull’efficacia e sulla sicurezza; tutto ciò prima dell’avvio di sperimentazioni umane.

Leggi asbtract dell’articolo:
Reduced Blood Lipid Levels With In Vivo CRISPR-Cas9 Base Editing of ANGPTL3
Alexandra C. Chadwick, Niklaus H. Evitt, Wenjian Lv, Kiran Musunuru
Circulation. 2018;137:975-977 Originally published February 26, 2018 https://doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.117.031335

Fonte: Perelman School of Medicine – University of Pennsylvania

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una variante del gene P53 aumenta il metabolismo del tumore.

Posted by giorgiobertin su febbraio 27, 2018

Gli scienziati del The Wistar Institute, Philadelphia, Pennsylvania, USA, hanno scoperto un nuovo meccanismo attraverso il quale il p53 mutante migliora le metastasi controllando il metabolismo del tumore. La ricerca è stata pubblicata online su “Genes & Development“.

Gen&dev

I ricercatori hanno valutato l’impatto di una di queste varianti, denominata Pro72Arg, sulla capacità delle mutazioni di p53 di promuovere le metastasi.
Il nostro studio ha legato questa variante p53 al metabolismo mitocondriale“, ha detto la prof.ssa Maureen Murphy. “Abbiamo stabilito un’associazione di questa variante con aumentata capacità metastatica dei tumori mutanti di p53, che corrisponde ad una prognosi peggiore per i pazienti con carcinoma mammario portatori di mutazioni di p53, fornendo informazioni importanti per la prognosi e il trattamento di questi pazienti“.
I nostri risultati sono in linea con diversi studi che hanno recentemente sottolineato l’importanza dei mitocondri come fattori guida di metastasi in diversi tipi di tumore“, affermano i ricercatori.

La nostra osservazione che questo polimorfismo influenza il metabolismo del cancro suggerisce che l’inibizione del metabolismo mitocondriale come strategia terapeutica potrebbe essere più efficace nei pazienti portatori della variante Pro72Arg. Il nostro prossimo passo è di indagare questa ipotesi per utilizzare queste informazioni per approcci di medicina personalizzata” – conclude la prof.ssa Maureen Murphy.

Leggi abstract dell’articolo:
Mutant p53 controls tumor metabolism and metastasis by regulating PGC-1α
Subhasree Basu, Keerthana Gnanapradeepan, Thibaut Barnoud, Che-Pei Kung, Michele Tavecchio, Jeremy Scott, Andrea Watters, Qing Chen, Andrew V. Kossenkov and Maureen E. Murphy
Genes & Dev. 2018 Published in Advance February 20, 2018, doi:10.1101/gad.309062.117

Fonte: The Wistar Institute, Philadelphia

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FDA: Nuovo farmaco per il cancro al seno metastatico ereditato nei geni BRCA.

Posted by giorgiobertin su febbraio 26, 2018

Il farmaco olaparib (Lynparza®) è diventato il primo trattamento approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per i pazienti con carcinoma mammario metastatico che hanno ereditato mutazioni nelGeni BRCA1 o BRCA2.

human-breast-cancer-cells
Human-breast-cancer-cells – Credit NCI

“Questo è un progresso importante per le donne con mutazioni BRCA germinali che hanno il cancro al seno“, ha detto il prof. Elise Kohn del Gynecologic Cancer Therapeutics nella divisione National Cancer Institute.
I geni BRCA1 e BRCA2 producono proteine soppressorie del tumore che aiutano a riparare il DNA danneggiato nelle cellule. Le mutazioni in questi geni causano circa il 75% -80% del carcinoma mammario ereditario e il 5% -10% di tutti i tumori al seno.

La FDA ha basato la sua nuova approvazione sui risultati dello studio clinico OlympiAD, che ha arruolato 302 pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-negativo con una mutazione BRCA germinale. Nello studio, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 7,0 mesi per i pazienti del gruppo Olaparib rispetto ai 4,2 mesi per i pazienti del gruppo con terapia standard.

Comunicato stampa FDA:
FDA approves first treatment for breast cancer with a certain inherited genetic mutation

OlympiAD ClinicalTrials.gov number, NCT02000622

Olaparib

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperti cambiamenti genetici legati al rischio di cancro al pancreas.

Posted by giorgiobertin su febbraio 23, 2018

I ricercatori del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center e del National Cancer Institute e collaboratori di oltre 80 altre istituzioni in tutto il mondo hanno scoperto cambiamenti in cinque nuove regioni nel genoma umano che può aumentare il rischio di cancro al pancreas.

nature_communications

Le nuove scoperte rappresentano un ulteriore passo verso la completa acquisizione di tutti i cambiamenti genetici che portano al rischio di cancro al pancreas. Questo è importante perché una migliore comprensione di come si sviluppa il cancro del pancreas potrebbe portare a trattamenti più mirati e metodi di screening per l’individuazione precoce.

Le varianti genetiche recentemente identificate – situate sui cromosomi umani 1 (posizione 1p36.33), 7 (posizione 7p12 ), 8 (posizione 8q21.11), 17 (posizione 17q12) e 18 (posizione 18q21.32) – possono aumentare il rischio di cancro del pancreas dal 15 al 25% per ogni copia presente nel genoma, afferma Alison Klein, Ph. D., responsabile dello studio e membro del Sol Goldman Pancreatic Cancer Research Center di Johns Hopkins.

I risultati, pubblicati online sulla rivista “Nature Communications“, hanno incluso informazioni genetiche da 9.040 pazienti affetti da cancro al pancreas e 12.946 individui sani.

Leggi il full text dell’articolo:
Genome-wide meta-analysis identifies five new susceptibility loci for pancreatic cancer
Alison P. Klein, Brian M. Wolpin, […]Laufey T. Amundadottir
Nature Communications volume 9, Article number: 556 (2018) doi:10.1038/s41467-018-02942-5

Fonte: Johns Hopkins Kimmel Cancer Center

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Cancro ovarico: potrebbe essere ereditato da un gene mutato del padre.

Posted by giorgiobertin su febbraio 18, 2018

Gli scienziati del Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, a New York, USA che studiano il cancro ovarico hanno rivelato una nuova mutazione genetica che aumenta il rischio di cancro ovarico in una donna – e può essere trasmessa a lei da suo padre.

Paternal_ovarian cancers

La ricerca pubblicata sulla rivista “PLOS Genetics” identifica una nuova mutazione associata al carcinoma ovarico e alla prostata ad esordio precoce che viene trasmesso attraverso la linea paterna attraverso il cromosoma X.
Il team ha anche sequenziato porzioni del cromosoma X da 186 persone con carcinoma ovarico e ha scoperto che una mutazione precedentemente non identificata è associata ad un aumentato rischio di cancro ovarico.

I casi di carcinoma ovarico che sono collegati alla mutazione appena identificata si sviluppano più di 6 anni prima rispetto all’età media di insorgenza per il carcinoma ovarico. Questo è importante perché il tumore ovarico viene spesso diagnosticato in una fase avanzata quando è più difficile da trattare.
La ricerca ha anche scoperto un’associazione tra questa mutazione e un aumentato rischio di cancro alla prostata tra i membri della famiglia maschile.

Lo studio, che ha elaborato i dati dal Familial Ovarian Cancer Registry, non ha confermato l’identità e la funzione del gene specifico in gioco in questa associazione, quindi i ricercatori riconoscono che sono necessari ulteriori studi.

Il prof. Kevin Eng e i suoi colleghi ritengono che molti casi di cancro alle ovaie che sembrano sporadici potrebbero effettivamente essere ereditati. L’identificazione del gene responsabile contribuirà quindi a migliorare lo screening del carcinoma ovarico.

Scarica e leggi il documento in full text:
Paternal lineage early onset hereditary ovarian cancers: A Familial Ovarian Cancer Registry study
Eng KH, Szender JB, Etter JL, Kaur J, Poblete S, Huang R-Y, et al.
PLoS Genet 14(2): e1007194 Published: February 15, 2018 https://doi.org/10.1371/journal.pgen.1007194

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il mais OGM non fa male alla salute.

Posted by giorgiobertin su febbraio 17, 2018

Uno studio pubblicato su “Scientific Reports” e condotto dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Università di Pisa, ha analizzato i dati sulle colture Ogm dal loro inizio (1996) fino al 2016, in Europa, Stati Uniti, Sud America, Asia, Africa e Australia. Dai risultati è emerso che il mais Ogm, ovvero geneticamente modificato, non è rischioso per la salute umana.

Gli autori hanno paragonato le varietà transgeniche con le non transgeniche, dimostrando che il mais Ogm è più produttivo dell’altro (tra il 5,6 e il 24,5%), non ha effetto sugli organismi “non-target” (cioè non bersagli della modificazione genetica), riduce gli insetti dannosi ai raccolti e contiene concentrazioni minori di micotossine (-28,8%) e fumonisine (-30,6%) nei chicchi.

mais_ogm

Questa analisi fornisce una sintesi efficace su un problema specifico molto discusso pubblicamente” dice la prof.ssa Laura Ercoli, coordinatrice della ricerca. “Lo studio ha riguardato esclusivamente l’elaborazione rigorosa dei dati scientifici e non l’interpretazione “politica” dei medesimi” e riteniamo che il lavoro permetta di trarre conclusioni univoche, aiutando ad aumentare la fiducia del pubblico nei confronti del cibo prodotto con piante geneticamente modificate“.

Per organismo geneticamente modificato si intende un organismo, diverso da un essere umano, in cui il materiale genetico (Dna) è stato modificato in un modo differente da quanto avviene in natura, con l’accoppiamento e la ricombinazione genetica. L’applicazione delle biotecnologie permette di trasferire tratti di geni selezionati da un organismo all’altro, anche di specie non correlate, per esempio da batteri a piante. Gli Ogm attualmente sviluppati, autorizzati e commercializzati sono piante (per es. mais, soia, colza, cotone), modificate geneticamente per conferire loro caratteristiche che non hanno, come la resistenza a certi insetti o la tolleranza ad alcuni erbicidi.

Scarica e leggi il documento in  full text:
Impact of genetically engineered maize on agronomic, environmental and toxicological traits: a meta-analysis of 21 years of field data
Elisa Pellegrino, Stefano Bedini, Marco Nuti & Laura Ercoli
Scientific Reportsvolume 8, Article number: 3113 doi:10.1038/s41598-018-21284-2 Published online: 15 February 2018

Fonte:  Scuola Superiore Sant’Anna  – Università di Pisa,

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova potenziale strategia terapeutica per il cancro del pancreas

Posted by giorgiobertin su febbraio 4, 2018

Un team di ricercatori di oncologia sperimentale presso il CNIO (Centro Nacional de Investigaciones Oncológicas – Madrid) ha lavorato con un modello di cancro del pancreas nei topi simile alla patologia umana. In questi tumori, hanno isolato e caratterizzato una sotto-popolazione di fibroblasti associati al cancro (CAF), che sono associati con l’infiammazione e che promuovono la crescita del tumore. I ricercatori hanno scoperto che il gene Saa3 è almeno uno dei geni responsabili della proprietà che favorisce la crescita del tumore in queste cellule.

Saas3

Nei tumori umani, la sovraespressione della versione umana di questo gene, SAA1, è associata a prognosi significativamente peggiore. I ricercatori hanno focalizzato il loro lavoro sull’identificazione di una popolazione di cellule stromali che favorisce la crescita del tumore, per poi scoprire perché hanno questa capacità ed hanno cercato di invertirla. La strategia è innovativa, perché invece di eliminare queste cellule stromali che aiutano il tumore, l’obiettivo è stato la loro riprogrammazione selettiva.

Come spiega la dott.ssa Carmen Guerra: “Abbiamo visto che l’eliminazione delle cellule stromali può avere un effetto negativo, quindi il nostro approccio è riprogrammare lo stroma invece di eliminarlo. È una strategia innovativa“.
Gli esperimenti hanno rivelato che il gene Saa3 è responsabile dei CAF che aiutano le cellule tumorali a progredire. Quando è stata eliminata l’espressione di questo gene nei CAF, queste cellule si sono comportate come normali fibroblasti, poiché hanno perso la capacità di aiutare le cellule tumorali a progredire.

Questa scoperta può rappresentare una futura strategia terapeutica da combinare con altre strategie, come l’immunoterapia, la chemioterapia o gli inibitori contro specifiche vie di segnalazione delle cellule tumorali” . Tuttavia, “apre la porta a nuove ricerche in molti laboratori volti a riprogrammare lo stroma invece di eliminarlo” , ha aggiunto la prof.ssa Magdolna Djurec, prima autrice del lavoro.

Leggi abstract dell’articolo:
Saa3 is a key mediator of the protumorigenic properties of cancer-associated fibroblasts in pancreatic tumors
Magdolna Djurec, Osvaldo Graña, Albert Lee, Kevin Troulé, Elisa Espinet, Lavinia Cabras, Carolina Navas, María Teresa Blasco, Laura Martín-Díaz, Miranda Burdiel, Jing Li, Zhaoqi Liu, Mireia Vallespinós, Francisco Sanchez-Bueno, Martin R. Sprick, Andreas Trumpp, Bruno Sainz, Fátima Al-Shahrour, Raul Rabadan, Carmen Guerra and Mariano Barbacid
PNAS 2018; published ahead of print January 19, 2018, https://doi.org/10.1073/pnas.1717802115

Fonte: CNIO (Centro Nacional de Investigaciones Oncológicas – Madrid)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Leucemia: La terapia genica con le cellule T CAR è sicura ed efficace.

Posted by giorgiobertin su febbraio 1, 2018

I risultati dello studio globale, multicentrico e di fase 2 (studio clinico ELIANA) che ha portato alla prima approvazione da parte della FDA di un approccio di terapia genica/terapia cellulare noto come terapia delle cellule T CAR, sono stati pubblicati nel New England Journal of Medicine.

La terapia, tisagenlecleucel (Kymriah), utilizza i propri globuli bianchi del paziente che sono stati geneticamente riprogettati per colpire e uccidere specificamente le cellule tumorali. È stato approvato ad agosto 2017 per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta pediatrica (ALL – acute lymphoblastic leukemia (ALL)), il tumore infantile più comune.

ELIANA02

Il professore Pulsipher, capo sezione del Blood and Marrow Transplantation at the Children’s Center for Cancer and Blood Diseases al Children’s Hospital Los Angeles (CHLA) afferma: “Per questo studio, abbiamo lavorato insieme a molti colleghi per dimostrare che il trattamento con la terapia delle cellule T CAR non solo è fattibile in un contesto globale, multisite, ma che è anche ugualmente sicuro ed efficace“. Lo studio è stato condotto in 25 siti in 11 paesi.
L’analisi aggiornata ha mostrato un tasso di remissione globale dell’81% entro 3 mesi dal trattamento. Tutti i pazienti che hanno risposto alla terapia non hanno mostrato una minima malattia residua mediante citometria a flusso – il mezzo di analisi più sensibile.

La terapia CAR-T è davvero un punto di svolta per la leucemia pediatrica“, ha detto Alan S. Wayne coautore dello studio. “Siamo lieti di essere una delle istituzioni in grado di offrire questo nuovo trattamento ai bambini per i quali le terapie convenzionali hanno fallito“.

Leggi abstract dell’articolo:
Tisagenlecleucel in Children and Young Adults with B-Cell Lymphoblastic Leukemia
Shannon L. Maude, M.D., Ph.D., Theodore W. Laetsch, M.D……….Michael A. Pulsipher, M.D., and Stephan A. Grupp
N Engl J Med 2018; 378:439-448 February 1, 2018 DOI: 10.1056/NEJMoa1709866

(Funded by Novartis Pharmaceuticals; ClinicalTrials.gov number, NCT02435849)

Novartis announces NEJM publication of updated analysis from ELIANA trial showing longer-term durable remissions with Kymriah(TM) in children, young adults with r/r ALL

About the ELIANA Clinical Trial
About Acute Lymphoblastic Leukemia (ALL)

I medici dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma hanno applicato la nuova tecnica ad un bambino di 4 anni italiano affetto da leucemia linfoblastica acuta, di tipo B cellulare. E’ il primo paziente italiano curato con tale metodo rivoluzionario. Grazie all’infusione dei linfociti T modificati, invece, il bambino oggi sta bene ed è stato dimesso”. A spiegarlo è Franco Locatelli, direttore del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica, Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, annunciando che già altri pazienti sono in lista per il trattamento.
Una pietra miliare nel campo della medicina di precisione in ambito onco-ematologico. Le terapie cellulari con cellule geneticamente modificate ci portano infatti nel merito della medicina personalizzata, capace di rispondere con le sue tecniche alle caratteristiche biologiche specifiche dei singoli pazienti e di correggere i difetti molecolari alla base di alcune malattie.
Comunicato ANSA

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »