Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 469 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 30 novembre 2018

ACOG: linee guida per diagnosi dismenorrea nelle adolescenti.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

L’American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG) ha pubblicato nuove linee guida sulla diagnosi della dismenorrea nelle adolescenti.
La dismenorrea è tipicamente suddivisa in due categorie, primaria e secondaria. La maggior parte degli adolescenti sperimenta una dismenorrea primaria, definita come una mestruazione dolorosa in assenza di un’altra malattia pelvica.

obsgyn-12-2018

Il dolore è causato da livelli eccessivi di prostaglandine, ormoni che fanno contrarre l’utero, causando forti crampi e disagi. La seconda dismenorrea si riferisce alle mestruazioni dolorose causate da una condizione o malattia medica riconosciuta. La causa più comune di dismenorrea secondaria è l’endometriosi, ma può anche derivare da adenomiosi, infezione, miomi, ostruzioni nel tratto riproduttivo, malformazioni congenite o cisti ovariche.

Indipendentemente dalla causa della dismenorrea, ha un profondo effetto sulla vita dei nostri pazienti, in particolare sui pazienti adolescenti“, ha dichiarato Geri Hewitt. “Identificando e diagnosticando rapidamente la dismenorrea, gli ostetrici e ginecologi possono aiutare ad alleviare il dolore dei pazienti e consentire loro di riprendere il normale ordine nelle loro vite“.
Le linee guida spiegano indicano quando eseguire un esame pelvico o un’ecografia pelvica e quando, invece, considerare una laparoscopia diagnostica.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
ACOG Committee Opinion No. 760: Dysmenorrhea and Endometriosis in the Adolescent
Obstetrics & Gynecology. 132(6):e249-e258, December 2018.

ACOG Committee Opinion No. 760 Summary: Dysmenorrhea and Endometriosis in the Adolescent
Obstetrics & Gynecology: December 2018 – Volume 132 – Issue 6 – p 1517–1518 doi: 10.1097/AOG.0000000000002981

Fonte: American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le infezioni potrebbero scatenare malattie cardiovascolari.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

I ricercatori dell’Università del Minnesota a Minneapolis hanno trovato un rischio più elevato di eventi coronarici durante i 3 mesi successivi a un’infezione. La risposta immunitaria del corpo, suggeriscono, potrebbe spiegare perché le infezioni “scatenano” infarto e ictus.
Il termine malattia cardiovascolare (CVD) copre una serie di condizioni: da infarto e malattie cardiache a ictus, ipertensione e insufficienza cardiaca.

JAHA_cover

Il nuovo studio, pubblicato sul “Journal of American Heart Association“, analizza il legame tra infezioni e eventi cardiovascolari avversi.
Il Dr. Lakshminarayan e colleghi hanno esaminato 1.312 persone che hanno avuto un evento coronarico come un attacco di cuore o infarto del miocardio e le hanno confrontate con 727 persone che avevano avuto un ictus ischemico. I ricercatori hanno cercato infezioni che queste persone hanno sviluppato fino a 1-2 anni prima dell’evento cardiovascolare. Le infezioni più comunemente riportate sono state infezioni del tratto urinario , polmonite e infezioni respiratorie.

Nel complesso, lo studio ha rilevato che circa il 37% dei partecipanti con malattie cardiache aveva sviluppato un’infezione nei 3 mesi precedenti l’evento coronarico. Tra le persone con ictus, questo numero era quasi del 30 percento.

Nelle prime 2 settimane dopo l’infezione, il rischio di ictus o infarto è stato il più alto. “Durante un’infezione“, spiega il Dr. Lakshminarayan,”il sistema immunitario del corpo produce più globuli bianchi per combatterlo. Tuttavia, questa risposta immunitaria rende anche più piccoli i globuli rossi, chiamati piastrine, più appiccicosi. In un corpo sano, il ruolo delle piastrine è quello di legarsi a un vaso sanguigno danneggiato e creare un coagulo di sangue. Questo è molto utile per le infezioni accidentali ad esempio, ma troppe piastrine o piastrine troppo appiccicose possono aumentare il rischio di coaguli di sangue“.

Scarica e leggi il documento in full text:
Inpatient and Outpatient Infection as a Trigger of Cardiovascular Disease: The ARIC Study
Logan T. Cowan Pamela L. Lutsey James S. Pankow Kunihiro Matsushita Junichi Ishigami Kamakshi Lakshminarayan
Journal of the American Heart Association. 2018;7:e009683 DOI:10.1161/JAHA.118.009683

See Editorial by Santos‐Gallego et al.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ECDC/WHO: Statistiche sull’HIV in Europa nel 2017.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

L’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e il WHO Regional Office for Europe hanno pubblicato i dati più recenti sull’epidemia di HIV nella regione europea, in occasione del 30° anniversario della Giornata mondiale contro l’AIDS.

hiv-aids-surveillance-in-europe-2018

Con oltre 130 000 nuove diagnosi di HIV nel 2017, la parte orientale della regione ha registrato un aumento del 68% nel 2008-2017, rispetto al 95% nel 2007-2016. Nella parte centrale della Regione, l’aumento è stato del 121% rispetto al 142% rispettivamente.

L’aumento delle nuove diagnosi di HIV è continuato per la Regione Europea dell’OMS nel suo insieme, ma il suo ritmo è stato più lento rispetto agli anni precedenti. Una delle ragioni della persistente epidemia di HIV in Europa è che la diagnosi tardiva rimane una sfida in tutta la regione. Ogni seconda persona con diagnosi di HIV ha già raggiunto uno stadio avanzato dell’infezione.

Le nuove linee guida dell’ECDC sui test integrati dell’HIV e dell’epatite virale forniscono ai paesi le ultime prove scientifiche per aiutare a sviluppare, implementare, migliorare, monitorare e valutare linee guida e programmi di test nazionali o locali sia per l’HIV che per l’epatite virale.

Accedi al documento in full text:
HIV/AIDS surveillance in Europe 2018 – 2017 data – EN – [PDF-10.62 MB]

Presentation: HIV/AIDS Surveillance in Europe 2018 (2017 data)– EN – [PPTX-2.7 MB]

Fonte: ECDC

Posted in E-journal E-Book, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FDA approva nuovo farmaco contro mutazione una genetica nei tumori solidi.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato con procedura accelerata Vitrakvi (larotrectinib), per il trattamento di una serie di tumori, in pazienti adulti e pediatrici, che presentano una mutazione genetica specifica: una fusione genica del recettore della tirosina chinasi neurotrofica (NTRK).

VITRAKVI

L’efficacia del farmaco è stata studiata in tre studi clinici che hanno incluso 55 pazienti pediatrici e adulti con tumori solidi che avevano una fusione genica NTRK identificata senza una mutazione di resistenza, in fase metastatica o in cui la resezione chirurgica poteva causare una grave morbilità. I tumori che hanno risposto al farmaco ci sono il sarcoma dei tessuti molli, il cancro delle ghiandole salivari, il fibrosarcoma infantile, il carcinoma della tiroide e del polmone.

Comunicato stampa FDA:
FDA approves an oncology drug that targets a key genetic driver of cancer, rather than a specific type of tumor

https://www.hcp.vitrakvi-us.com/

VITRAKVI, please see the full Prescribing Information.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »