Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 451 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Posts Tagged ‘malattie infettive’

Riprogettate le cellule immunitarie innate per combattere la tubercolosi.

Posted by giorgiobertin su gennaio 12, 2018

I ricercatori del McGill University Health Centre (RI-MUHC) sono riusciti a riprogrammare – o “allenare” – le cellule immunitarie per uccidere la tubercolosi.

L’attuale vaccino BCG disponibile non è efficace: gli attuali trattamenti antibiotici sono tossici e hanno portato ad una generazione di ceppi resistenti alla TB. L’era degli antibiotici si sta avvicinando alla fine, siamo seriamente in difficoltà con questa malattia se non troviamo un approccio alternativo”, afferma il prof. Maziar Divangahi.

tb_research

Il sistema innato – attraverso le cellule staminali del midollo osseo – mobilita i macrofagi, che sono un tipo di globuli bianchi che inghiotte e uccide batteri invasori come Mycobacterium tuberculosis (Mtb) che causa la tubercolosi. Sono i primi soccorritori del sistema immunitario. Il batterio disarma il programma di uccisione dei macrofagi e li usa come una sorta di “santuario” per replicare e crescere.
Siamo stati in grado di riprogrammare o “educare” le cellule staminali a proliferare e generare macrofagi uccidendo la tubercolosi” – afferma il prof. Divangahi.

Ci vuole molta cautela affermano i ricercatori; “Questa è solo la punta dell’iceberg e sono necessarie ulteriori ricerche per sfruttare appieno il potere delle cellule staminali nell’immunità contro le malattie infettive“.

Leggi il full text dell’articolo:
BCG educates hematopoietic stem cells to generate protective innate immunity against tuberculosis
Eva Kaufmann, Joaquin Sanz, Jonathan L. Dunn, Nargis Khan, Laura E. Mendonça, Alain Pacis, Fanny Tzelepis, Erwan Pernet, Anne Dumaine, Jean-Christophe Grenier, Florence Mailhot-Léonard, Eisha Ahmed, Jad Belle, Rickvinder Besla, Bruce Mazer, Irah L. King, Anastasia Nijnik, Clinton S. Robbins, Luis B. Barreiro, and Maziar Divangahi,
Cell published Jan. 11, 2018, DOI: 10.1016/j.cell.2017.12.031

Fonte:  McGill University Health Centre (RI-MUHC)

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Create proteine che combattono i batteri patogeni.

Posted by giorgiobertin su dicembre 17, 2017

Poiché aumenta la resistenza agli antibiotici esistenti, sono necessari nuovi approcci alle infezioni batteriche gravi. Ora i ricercatori della Lund University in Svezia, insieme ai colleghi della University of Massachusetts Medical School negli Stati Uniti, hanno studiato una di queste alternative.

Ji12.cover

In precedenza i ricercatori avevano dimostrato che una proteina appositamente progettata, sviluppata e brevettata e nota come proteina di fusione, può essere utilizzata efficacemente come trattamento nei topi affetti da batteri Gram-negativi, che possono causare la gonorrea, meningite e infezioni respiratorie.
Ora siamo stati in grado di dimostrare che una proteina creata su misura, che in precedenza ha funzionato contro vari tipi di batteri Gram-negativi ha anche avuto risultati promettenti nei modelli murini contro un patogeno Gram-positivo“, afferma il professore David Ermert.

La proteina di fusione nello studio pubblicato sulla rivista “Journal of Immunology“, funziona anche contro i batteri Gram-positivi, in particolare gli streptococchi di gruppo A. Negli esperimenti i ricercatori hanno aggiunto streptococchi di gruppo A – che possono causare qualsiasi cosa, dalla tonsillite comune alla sepsi potenzialmente letale – ai campioni di sangue umano. Hanno poi analizzato cosa è successo quando hanno aggiunto la proteina di fusione al sangue infetto.

Siamo stati quindi in grado di osservare che la proteina di fusione ha ridotto drasticamente la quantità di batteri nel sangue. La proteina rimuove il fattore H dalla superficie dei batteri e attiva il sistema immunitario in modo che uccida i batteri. Abbiamo anche studiato come la proteina ha funzionato nell’infezione da sepsi acuta nei topi e siamo stati in grado di dimostrare una riduzione della mortalità“, afferma David Ermert.

Il prossimo passo sarà vedere se la proteina di fusione funziona contro quei batteri resistenti, che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) costituiscono la più grande minaccia per l’umanità.

Leggi abstract dell’articolo:
Factor H–IgG Chimeric Proteins as a Therapeutic Approach against the Gram-Positive Bacterial Pathogen Streptococcus pyogenes
Anna M. Blom, Michal Magda, Lisa Kohl, Jutamas Shaughnessy, John D. Lambris, Sanjay Ram and David Ermert
J Immunol December 1, 2017, 199 (11) 3828-3839; DOI: https://doi.org/10.4049/jimmunol.1700426

Fonte: Lund University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Esame delle urine per la diagnosi di Tubercolosi.

Posted by giorgiobertin su dicembre 15, 2017

Identificare e misurare i componenti del batterio responsabile della tubercolosi direttamente dalle urine dei pazienti malati. Sono queste le conclusioni di un lavoro pubblicato sulla rivista “Science Translational Medicine” condotto dai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità, della George Mason University e altre istituzioni in USA, Australia, Perù e UK.

Pulmonary-tuberculosis

Il lavoro dimostra che è possibile misurare nelle urine dei pazienti affetti da Tubercolosi (TBC) alcuni dei componenti strutturali o secretori del Mycobacterium tuberculosis (Mtb), il batterio responsabile della TBC, con elevata sensibilità e specificità grazie a delle innovative nanoparticelle. Un risultato che riduce i tempi di diagnosi, migliora la precisione, riduce l’invasività delle analisi.

Gli attuali metodi diagnostici per lo screening della TBC (test di Mantoux o il test IGRA), sono basati sulla valutazione della risposta immunitaria del paziente e hanno delle grosse limitazioni. Il nuovo test si basa sull’utilizzo di nanoparticelle capaci di catturare con alta efficienza costituenti microbici con diverse strutture chimiche, fra cui i glicani e le proteine. Con l’utilizzo di queste nanoparticelle è stato possibile concentrare e proteggere dalla degradazione alcuni costituenti strutturali del Mtb, come il lipoarabinomannano, o secreti, come la proteina ESAT-6, che sono rilasciati nei liquidi biologici e (nelle urine in particolare) di tutti i soggetti con TBC, indipendentemente da un’eventuale co-infezione con HIV.

Sono già stati prodotti dei test simili a quelli di gravidanza che saranno disponibili molto rapidamente.

Leggi il full text dell’articolo:
Urine lipoarabinomannan glycan in HIV-negative patients with pulmonary tuberculosis correlates with disease severity
Luisa Paris, Ruben Magni, Fatima Zaidi, Robyn Araujo, Neal Saini, Michael Harpole, Jorge Coronel, Daniela E. Kirwan, Ha…..
Science Translational Medicine 13 Dec 2017: Vol. 9, Issue 420, eaal2807 DOI: 10.1126/scitranslmed.aal2807

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fibrosi Cistica: scoperta nuova molecola per i trattamenti.

Posted by giorgiobertin su dicembre 14, 2017

I ricercatori dell’ University of Montreal Hospital Research Centre (CRCHUM) Montréal, Canada, hanno  identificato una soluzione promettente per migliorare i trattamenti offerti ai pazienti con fibrosi cistica.
Questo avanzamento, pubblicato su “Frontiers in Cellular and Infection Microbiology“, potrebbe portare allo sviluppo di nuove terapie personalizzate nel prossimo futuro.

Gli attuali farmaci agiscono per correggere il difetto nella proteina CFTR. In un ambiente in vitro sterile, i trattamenti di Kalydeco per quelli con rare mutazioni (meno del 4% dei pazienti) e Orkambi per la mutazione più frequente (79% dei pazienti) funzionano bene. Ma nella vita reale, i polmoni dei pazienti malati sono colonizzati da batteri, in particolare da Pseudomonas aeruginosa. Molte prove hanno indicato che i batteri potrebbero interferire con il trattamento. Grazie a questo studio, siamo stati in grado di determinare quali sostanze rilasciate dai batteri potrebbero ridurre l’efficacia dei trattamenti.” – spiega Emmanuelle Brochiero professore presso Université de Montréal.

L’aggiunta di molecole chiamate inibitori del quorum ai farmaci attuali non solo riduce la produzione batterica di alcuni residui nocivi ma ripristina anche l’efficacia dei trattamenti esistenti sulle cellule dei pazienti con fibrosi cistica“, afferma Emmanuelle Brochiero.

Scarica e leggi l’articolo in full text:
Quorum Sensing Down-Regulation Counteracts the Negative Impact of Pseudomonas aeruginosa on CFTR Channel Expression, Function and Rescue in Human Airway Epithelial Cells
Émilie Maillé, Manon Ruffin, Damien Adam, Hatem Messaoud, Shantelle L. Lafayette, Geoffrey McKay, Dao Nguyen and Emmanuelle Brochiero
Front. Cell. Infect. Microbiol., 10 November 2017 | https://doi.org/10.3389/fcimb.2017.00470

Fonte: University of Montreal Hospital Research Centre (CRCHUM)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Epatite B: linee guida di pratica clinica.

Posted by giorgiobertin su novembre 28, 2017

E’ stata pubblicata a cura dell’American College of Physicians (ACP) e dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), sulla rivista “Annals of Internal Medicine“, una linea guida di pratica clinica congiunta sull’epatite B.

Hepatitis_B

Scarica e leggi il documento in full text:
Hepatitis B Vaccination, Screening, and Linkage to Care: Best Practice Advice From the American College of Physicians and the Centers for Disease Control and Prevention
Winston E. Abara, MD, PhD; Amir Qaseem, MD, PhD, MHA; Sarah Schillie, MD, MPH, MBA; Brian J. McMahon, MD; Aaron M. Harris, MD, MPH (*); for the High Value Care Task Force of the American College of Physicians and the Centers for Disease Control and Prevention
Ann Intern Med [Epub ahead of print 21 November 2017] doi: 10.7326/M17-1106

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Linee guida canadesi sulla prevenzione dell’HIV.

Posted by giorgiobertin su novembre 27, 2017

Una nuova linea guida canadese sottolinea come le nuove strategie biomediche per prevenire l’infezione da HIV possano essere utilizzate al meglio nelle popolazioni ad alto rischio sia prima che dopo l’esposizione al virus. Il documento si applica agli adulti a rischio di infezione da HIV attraverso l’attività sessuale o l’uso di droghe iniettabili.

cmaj

La linea guida, di facile consultazione delinea i consigli pratici per la prevenzione, e si rivolge a: medici di cure primarie, malattie infettive, medicina d’urgenza, infermieristica, farmacia ed altre discipline.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Canadian guideline on HIV pre-exposure prophylaxis and nonoccupational postexposure prophylaxis
Darrell H. S. Tan, Mark W. Hull,….Tim Rogers and Stephen Shafran; for the Biomedical HIV Prevention Working Group of the CIHR Canadian HIV Trials Network
CMAJ November 27, 2017 189 (47) E1448-E1458; DOI: https://doi.org/10.1503/cmaj.170494

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iss: Notiziario settembre 2017 supplemento 1.

Posted by giorgiobertin su novembre 26, 2017

E’ stato pubblicato dall’Istituo Superiore di Sanità il Notiziario Volume 30, n. 9, settembre 2017, Supplemento 1.
I contenuti:
– Aggiornamento delle nuove diagnosi di infezione da HIV e dei casi di AIDS in Italia al 31 dicembre 2016.

notiziario

Scarica e leggi il documento in full text:
Volume 30, n. 9, settembre 2017, Supplemento 1

Posted in E-journal E-Book | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee guida europee sul trattamento dell’Hiv.

Posted by giorgiobertin su ottobre 27, 2017

Sono state pubblicate dall’European AIDS Clinical Society (EACS) le linee guida europee per il trattamento dell’Hiv negli adulti. Le linee guida EACS sono state pubblicate per la prima volta nel 2005. Le linee guida sono tradotte in diverse lingue e sono formalmente riviste almeno annualmente.

EACS-Guidelines

Le linee guida sono costituite da cinque sezioni principali, tra cui una tabella generale generale di tutti i principali problemi dell’infezione da HIV, nonché raccomandazioni dettagliate sul trattamento antiretrovirale, la diagnosi, il monitoraggio e il trattamento delle co-morbidità, delle co-infezioni. Ogni sezione è gestita da un gruppo di esperti europei sull’HIV.

Scarica e leggi il documento full text in pdf:

  English PDF – Version 9.0 – October 2017

  Chinese – 中文版 – 9.0 版本

  French – Français – Version 9.0

  German – Deutsch – Version 9.0

  Portuguese – Português – Versão 9.0

  Russian – Русский – Версия 9.0

  Spanish – Español – Versión 9.0

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NICE: Linee guida sulla diagnosi e gestione dell’Epatite B.

Posted by giorgiobertin su ottobre 20, 2017

Sono state pubblicate a cura di NICE (National Institute for Health and Care Excellence) in aggiornamento le linee guida sulla diagnosi e gestione dell’Epatite B cronica nei bambini, nei giovani e negli adulti. Il documento mira a migliorare la cura per le persone con epatite B specificando quali test e trattamenti devono essere utilizzati per persone di età diversa e con diverse gravità della malattia.

hepatitis b

Scarica e leggi il documento in full text:
Hepatitis B (chronic): diagnosis and management
Clinical guideline [CG165] Published date: June 2013 Last updated: October 2017

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

HIV: Ecco come il virus persiste nel sistema immunitario.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2017

I ricercatori dell’Unità di Biosicurezza della terapia genica e mutagenesi inserzionale dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget) di Milano, hanno scoperto che il virus HIV è in grado di indurre alterazioni genetiche in un sottotipo di cellule del sistema immunitario (le cellule T regolatorie), con l’obiettivo di sfruttarle come “rifugio“.
Lo studio che è stato pubblicato sulla rivista “Nature Communications“,  contribuisce alla comprensione delle modalità con cui HIV agisce per proteggersi e persistere nell’organismo.

hiv1

Gli scienziati hanno scoperto che il virus HIV, quando infetta le cellule T regolatorie spesso integra il suo genoma accanto a due geni specifici, STAT5B e BACH2, che hanno un ruolo importante nella sopravvivenza e nella proliferazione delle cellule T, e li attiva. In questo modo, le cellule infette si riproducono più velocemente delle altre e persistono più a lungo nell’organismo, andando a costituire un vero e proprio “serbatoio virale”.

Lo studio potrebbe aprire la strada allo sviluppo di nuove metodiche molecolari che chiariscano come viene creato e mantenuto il ‘serbatoio virale’ di HIV e ad approcci che blocchino l’attività dei geni alterati nelle cellule T regolatorie. La speranza è di ottenere in futuro l’eradicazione dell’infezione da HIV.

Leggi abstract dell’articolo:
HIV-1-mediated insertional activation of STAT5B and BACH2 trigger viral reservoir in T regulatory cells
Daniela Cesana, Francesca R. Santoni de Sio, Laura Rudilosso, Pierangela Gallina, Andrea Calabria, Stefano Beretta, Ivan Merelli, Elena Bruzzesi, Laura Passerini, Silvia Nozza, Elisa Vicenzi, Guido Poli, Silvia Gregori, Giuseppe Tambussi & Eugenio Montini
Nature Communications 8, Article number: 498 Published online: 08 September 2017

Fonte: Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget), IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano, Italia

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Iss: Notiziario luglio-agosto 2017.

Posted by giorgiobertin su settembre 23, 2017

Dall’Iss segnaliamo il Notiziario Vol. 30, n. 7-8 luglio-agosto 2017. I contenuti:

Le Infezioni Sessualmente Trasmesse: aggiornamento dei dati dei due Sistemi di sorveglianza sentinella attivi in Italia al 31 dicembre 2015.
BEN (Bollettino Epidemiologico Nazionale).

notiziario

Scarica e leggi il documento in full text:
Notiziario volume 30, n. 7-8 luglio-agosto 2017

Posted in E-journal E-Book | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida sul controllo e gestione dell’epatite A.

Posted by giorgiobertin su luglio 15, 2017

Sono state pubblicate cura del “Public Health Management of hepatitis A infection” inglese le linee guida sul controllo e gestione dell’epatite A. Il documento aggiorna il precedente del 2009.

hep_A

Ricordiamo che l’infezione da virus dell’epatite A provoca una serie di malattie lievi, come nausea e vomito non specificatamente riconducibili all’epatite (infiammazione al fegato, ittero o ictero) e raramente insufficienza epatica.

Il virus viene generalmente diffuso dalla via fecale-orale, ma può anche essere diffuso occasionalmente attraverso il sangue.
Una buona igiene tra cui l’acqua potabile e la manipolazione degli alimenti e la buona praticità del lavaggio delle mani impediscono l’infezione.

Scarica e leggi i documenti in full text:
Public health control and management of hepatitis A 2017 Guidelines
Rachel Mearkle with Koye Balogun, Michael Edelstein, Karen Homer,
Phillip Keel, Sema Mandal and Siew Lin Ngui on behalf of the Hepatitis A Guidelines
Working Group

Hepatitis A: temporary adult immunisation recommendations
PHE publications gateway number: 2017175 PDF, 239KB, 10 pages

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Scoperta proteina essenziale per la replicazione del citomegalovirus umano.

Posted by giorgiobertin su maggio 12, 2017

Gli scienziati della Division of Infection and Immunity, The Roslin Institute, University of Edinburgh hanno dimostrato che una proteina umana nota come valosin containing protein (VCP) è essenziale per la replicazione di citomegalovirus umano (HCMV). I risultati pubblicati sulla rivista “PLoS Pathogens” identificano VCP come un potenziale nuovo obiettivo per il trattamento.

Alcuni trattamenti HCMV esistono, ma i loro benefici sono limitati, e gli scienziati stanno studiando nuovi modi per trattare e prevenire queste infezioni. Questa infezione durante la gravidanza può portare alla perdita e disabilità intellettive dell’udito nei bambini non ancora nati. Il virus può essere contratto dalle persone con un sistema immunitario indebolito, come i pazienti trapiantati e persone con infezione da HIV in pericolo la vita.

citomegalovirus

Il team ha scoperto che l’inibitore, noto come NMS-873, ha ridotto la replicazione HCMV e l’espressione IE2 nelle cellule infette. Questo metodo è 10 volte più potente dei farmaci esistenti che colpiscono direttamente HCMV.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se NMS-873 – originariamente sviluppato come un potenziale farmaco anti-cancro – è sicuro ed efficace negli esseri umani. Ciononostante, questi risultati suggeriscono che le molecole NMS-873 ed altre progettate per inibire VCP potrebbero potenzialmente servire come trattamenti HCMV, in particolare in pazienti infettati con ceppi di HCMV resistenti ai farmaci.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
The host ubiquitin-dependent segregase VCP/p97 is required for the onset of human cytomegalovirus replication
Yao-Tang Lin, James Prendergast, Finn Grey.
PLOS Pathogens Published: May 11, 2017  https://doi.org/10.1371/journal.ppat.1006329

Fonte: Roslin Institute – University of Edimburg

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WHO: Lista dei batteri antibiotico-resistenti.

Posted by giorgiobertin su febbraio 28, 2017

E’ stata pubblicata a cura del WHO (World Health Organization) una lista degli agenti patogeni antibiotico-resistenti, batteri che rappresentano la più grande minaccia per la salute umana. La lista ha lo scopo di guidare e promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici, nel tentativo di soddisfare la crescente resistenza globale ai farmaci antimicrobici.

logo-who

La lista evidenzia in particolare la minaccia di batteri gram-negativi che sono resistenti a più antibiotici. Questi batteri sono dotati di capacità di trovare nuovi modi per resistere al trattamento e possono passare attraverso il materiale genetico che consente ad altri batteri di diventare resistente ai farmaci.
La lista del WHO è suddivisa in tre categorie in funzione dell’urgenza della necessità di nuovi antibiotici: critica, alta e media priorità. Il gruppo più critico di tutto comprende batteri multiresistenti che rappresentano una minaccia particolare negli ospedali, case di cura, e tra i pazienti la cui cura richiede dispositivi quali ventilatori e cateteri del sangue. Essi comprendono Acinetobacter, Pseudomonas e vari Enterobacteriaceae (compresi Klebsiella, E. coli, Serratia, e Proteus). Possono causare infezioni gravi e spesso mortali, quali infezioni del flusso sanguigno e polmonite.

Scarica e leggi il documento in full text:
Global priority list of antibiotic-resistant bacteria to guide research, discovery, and development of new antibiotics
Who Number of pages: 7 – Publication date: 27 February 2017 – Languages: English

Comunicato stampa WHO

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linee guida 2016 sul trattamento dell’Hiv/Aids.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2016

Le Linee Guida Italiane sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1 hanno lo scopo di fornire le indicazioni al governo clinico della patologia con l’obiettivo di giungere all’uso ottimale della terapia antiretrovirale. Sono redatte dalla Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), in collaborazione con le Sezioni L e M del Comitato Tecnico Sanitario del Ministero della Salute.

linee-guida-hiv

Le Linee Guida, essendo basate sulle prove di evidenza ricavate dalla letteratura scientifica e su una valutazione esperta, consentono di indirizzare la prescrizione e la gestione delle terapie secondo parametri di efficacia e appropriatezza.

Scarica e leggi il documento in full text:
Linee Guida Italiane sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1 – 22 Novembre 2016

Fonte: Ministero della Salute

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ECDC: Epatiti B e C nell’unione Europea.

Posted by giorgiobertin su novembre 24, 2016

L’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), come aggiornamento del precedente documento che copriva il periodo 2000-2009, ha pubblicato una approfondita revisione della più recente letteratura scientifica (2005-2015) sulla prevalenza delle epatiti B e C nei Paesi dell’Unione Europea.

hepatitis-b-and-c

Scarica e leggi il documento in full text:
Systematic review on hepatitis B and C prevalence in the EU/EEA
Lara Tavoschi, Erika Duffell, Helena de Carvalho Gomes and Andrew Amato-Gauci; and produced by Sanne
Hofstraat, Abby Falla, Irene Veldhuijzen,Susan Hahné and Birgit van Benthem

Read more:

Annual Epidemiological Report 2016 – hepatitis B

Annual Epidemiological Report 2016 – hepatitis C

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperto anticorpo che neutralizza il virus HIV.

Posted by giorgiobertin su novembre 19, 2016

I ricercatori del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) del Nih (National Institutes of Health), in uno studio pubblicato sulla rivista “Cell” affermano di aver identificato un nuovo modo per combattere il virus Hiv utilizzando l’anticorpo N6, aprendo così la strada allo sviluppo di nuovi potenziali trattamenti più efficaci per la cura e la prevenzione del virus.

antibodyasf

La scoperta di anticorpi contro l’HIV è stata molto difficile perché il virus cambia rapidamente le sue proteine di superficie per eludere il riconoscimento da parte del sistema immunitario.

Il team di scienziati ha identificato N6 nel sangue di un paziente affetto da hiv, osservando che l’anticorpo, oltre a essere capace di neutralizzare il 98% dei ceppi del virus, previene l’infezione legandosi ad una regione specifica della capsula che lo avvolge, impedendogli in questo modo di attaccare le cellule immunitarie che sono il suo bersaglio naturale.

Leggi abstract dell’articolo:
Identification of a CD4-binding site antibody to HIV that evolved near-pan neutralization breadth.
J Huang, BH Kang, E Ishida, T Zhou et al.
Immunity 45, 1108–1121, November 15, 2016 DOI: 10.1016/j.immuni.2016.10.027 (2016).

Fonte: Wired.it

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

WHO: Linee guida sul trattamento dell’herpes genitale.

Posted by giorgiobertin su novembre 9, 2016

Sono state pubblicate dal World Health Organization (WHO) le linee guida sul trattamento dell’Herpes Genital Simplex Virus (HSV).

treatment-ghs-virus

Gli obiettivi di queste linee guida sono:
– fornire una guida evidence-based sul trattamento di infezione genitale da HSV; e
– sostenere i paesi per aggiornare le loro linee guida nazionali per il trattamento di infezione genitale da HSV.

Scarica e leggi il documento in full text:
Treatment of Genital Herpes Simplex Virus – Numero di pagine: 44 Data di pubblicazione : 2016
Annex D: Evidence tables and evidence-to-decision frameworks – pdf, 2.10 MB

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

OMS: Linee guida contro le infezioni sessualmente trasmesse.

Posted by giorgiobertin su settembre 2, 2016

Sono state pubblicate dal WHO  le linee guida per il trattamento delle infezioni sessualmente trasmissibili. Il documento riguarda gonorrea, sifilide e clamidia e risponde al crescente problema della resistenza agli antibiotici.

gonorrhoea

La resistenza di queste malattie all’effetto degli antibiotici è aumentato rapidamente negli ultimi anni e ha ridotto le opzioni di trattamento. Delle 3 malattie sessualmente trasmissibili, la gonorrea ha sviluppato la resistenza agli antibiotici più forte.
Le nuove raccomandazioni si basano sulle più recenti evidenze disponibili sui trattamenti più efficaci per queste tre infezioni.

Scarica e leggi i documenti in full text:
WHO guidelines for the treatment of Neisseria gonorrhoeae

WHO guidelines for the treatment of Treponema pallidum (syphilis)

WHO guidelines for the treatment of Chlamydia trachomatis

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ESCMID: Linee guida sulle infezioni da Clostridium difficile.

Posted by giorgiobertin su agosto 26, 2016

L’European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases (ESCMID) ha pubblicato sulla rivista “Clinical Microbiology and Infection” le nuove linee guida di best practice per la diagnosi delle infezioni da Clostridium difficile(CDI). Il documento aggiorna il precedente pubblicato nel 2009 dalla stessa società, e include raccomandazioni sull’uso delle nuove tecnologie come nucleic acid amplification tests (NAAT).

Logo ESCMID

Le nuove linee guida sono orientate ai microbiologi, gastroenterologi, specialisti di malattie infettive e addetti ai controlli delle infezioni” afferma il Professor Ed Kuijper.

Scarica e leggi il documento in full text:
European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases: update of the diagnostic guidance document for Clostridium difficile infection
M.J.T. Crobach, T. Planche, C. Eckert, F. Barbut, E.M. Terveer, O.M. Dekkers, M.H. Wilcox, E.J. Kuijpe
Clinical Microbiology and Infection, Volume 22, S63-S81– DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.cmi.2016.03.010

Fonte: European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases (ESCMID)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

WHO: Linee guida sull’HIV.

Posted by giorgiobertin su agosto 14, 2016

Sono state aggiornate a cura del WHO (World Health Organization) le linee guida sulla prevenzione, diagnosi e trattamento dell’HIV.

WHO-guidelines-HIV

Scarica e leggi i documenti in full text:
Consolidated guidelines on HIV prevention, diagnosis, treatment and care for key populations – 2016 update – Number of pages: 180 Publication date: July 2016 Languages: English pdf:6,2 MB.

Altri documenti:

Consolidated guidelines on the use of antiretroviral drugs for treating and preventing HIV infection – Recommendations for a public health approach – Second edition

Guidelines for conducting HIV surveillance among pregnant women attending antenatal clinics based on routine programme data
UNAIDS/WHO working group on global HIV/AIDS and STI surveillance

Consolidated guidelines on HIV testing services

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

HIV: Linee guida 2016 sulla terapia antiretrovirale.

Posted by giorgiobertin su luglio 24, 2016

Sono state pubblicate aggiornate dall’International Antiviral Society-USA (Ias-Usa) le indicazioni sulla terapia antiretrovirale negli adulti con infezione da Hiv.

iasusalogo

Dall’ultima versione, pubblicata nel 2014, ci sono stati progressi sostanziali nell’uso dei farmaci antiretrovirali (Arv) per il trattamento e la prevenzione dell’infezione da HIV che hanno reso necessario l’aggiornamento” afferma il primo autore Huldrych F. “Gli antiretrovirali rimangono la pietra angolare del trattamento e della prevenzione, in quanto sopprimono la carica virale e prevengono nuove infezioni, garantendo tassi di sopravvivenza tra gli adulti infetti vicini a quelli dei non infetti“.
In tema di profilassi, la somministrazione quotidiana di tenofovir disoproxil fumarato/emtricitabina è raccomandata per prevenire l’infezione da HIV in persone ad alto rischio, mentre la profilassi post-esposizione deve essere iniziata al più presto dopo l’esposizione.

Scarica e leggi il documento in full text:
Antiretroviral Drugs for Treatment and Prevention of HIV Infection in Adults: 2016 Recommendations of the International Antiviral Society–USA Panel
Huldrych F. Günthard, MD; Michael S. Saag, MD; Constance A. Benson, MD; Carlos del Rio, MD; Joseph J. Eron, MD; Joel E. Gallant, MD, MPH; Jennifer F. Hoy, MBBS, FRACP; Michael J. Mugavero, MD, MHSc; Paul E. Sax, MD; Melanie A. Thompson, MD; Rajesh T. Gandhi, MD; Raphael J. Landovitz, MD; Davey M. Smith, MD; Donna M. Jacobsen, BS; Paul A. Volberding,
JAMA. 2016;316(2):191-210. doi:10.1001/jama.2016.8900

Fonte: International Antiviral Society-USA (Ias-Usa)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

NICE: Linee guida sulla diagnosi e gestione della sepsi.

Posted by giorgiobertin su luglio 15, 2016

L’incidenza della sepsi, sepsi severa e shock settico (risposta infiammatoria dell’organismo ad un’infezione) è aumentata negli ultimi anni, circa i 2/3 dei casi si verificano in pazienti ospedalizzati per altre patologie. La tendenza all’aumento anche a livello europeo è da riferirsi all’invecchiamento della popolazione, all’aumentata sopravvivenza di pazienti con malattie croniche, neoplasie e infezioni da HIV; vi contribuiscono anche l’estendersi di trattamenti antibiotici, immunosoppressori (steroidi), cateteri, dispositivi meccanici permanenti e ventilazione meccanica.
Ricordiamo che Sepsi, Sepsi severa e Shock settico costituiscono diversi steps dello stesso processo patologico.

sepsis

NICE ha provveduto ad aggiornare le proprie linee guida. Il documento contiene raccomandazioni su:

  • Identificazione e valutazione delle persone con sospetta sepsi;
  • I fattori di rischio e la stratificazione del rischio per la sepsi;
  • Gestione sospetta sepsi in ambito ospedaliero acuto e fuori dall’ospedale.

Scarica e leggi il documento in full text:
Sepsis: recognition, diagnosis and early management
NICE guidelines [NG51] Published date: July 2016

Ultimo aggiornamento Settembre 2017

Sepsi: Quality standard [QS161] Published date:  

 

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

ECDC: Malattie infettive in età pediatrica.

Posted by giorgiobertin su giugno 13, 2016

L’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) ha realizzato una revisione sistematica che ha preso in esame i periodi di incubazione, contagiosità e diffusione di trenta delle malattie infettive più comuni nei bambini e nei ragazzi (età compresa tra 1 mese e 18 anni). La revisione contiene anche un’analisi del periodo di esclusione dalle scuole e dalle altre strutture per l’infanzia nel caso di questo tipo di malattie.

ECDC_6-16

Scarica e leggi il documento in full text:
Systematic review on the incubation and infectiousness/ shedding period of communicable diseases in children

Extraction tables referenced in the document are available as a separate pdf.

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un super batterio mutato resistente a tutti gli antibiotici.

Posted by giorgiobertin su maggio 30, 2016

I medici americani hanno registrato il primo caso nel Paese di una donna con una infezione urinaria resistente a tutti gli antibiotici conosciuti, anche di ultima generazione come la colistina. A lanciare l’allarme sono i Centers for Disease Control and Prevention. Il caso è stato pubblicato sulla rivista “Antimicrobial Agents and Chemotherapy” a cura dell’American Society for Microbiology. Gli scienziati hanno sottolineano la forte preoccupazione per questa tipologia di superbatteri che potrebbero rappresentare un grave pericolo per combattere anche le infezioni di routine. Negli Usa la resistenza di molti agenti infettivi agli antibiotici causa 2 mln di malattie e 23 mila decessi l’anno, secondo le stime.

AAC-cover

Per gli scienziati questo è il primo caso in Usa di un agente patogeno che ha un gene, chiamato Mcr-1, che permette ai batteri di diventare resistenti anche ad una classe di antibiotici come la colistina. Il gene Mcr-1 è stato scoperto lo scorso anno in Cina e ha già sollevato l’allarme della comunità scientifica.

Scarica e leggi il documento in full text:
Escherichia coli Harboring mcr-1 and blaCTX-M on a Novel IncF Plasmid: First report of 2 mcr-1 in the USA
Patrick McGann, Erik Snesrud, Rosslyn Maybank, et al.
Antimicrob. Agents Chemother. Posted Online 26 May 2016 – doi:10.1128/AAC.01103-16

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »