Medicina in Biblioteca

Weblog di news mediche

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Unisciti ad altri 462 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Chirurgia endovascolare: piattaforma robotica per navigare attraverso i vasi sanguigni profondi.

Posted by giorgiobertin su dicembre 10, 2019

I ricercatori del Polytechnique Montréal Nanorobotics Laboratory hanno sviluppato un nuovo approccio per affrontare una delle maggiori sfide della chirurgia endovascolare: come raggiungere i luoghi fisiologici di più difficile accesso. La loro soluzione è una piattaforma robotica che utilizza il campo marginale generato da un magnete superconduttore e uno scanner MRI clinico per guidare gli strumenti medici attraverso strutture vascolari più profonde e complesse. La sperimentazione in vivo con questo approccio è stata completata con successo ed è oggetto di un articolo che è stato pubblicato su “Science Robotics“.

sylvain_martel
Crédit: Massouh bioMÉDia pour le Laboratoire de nanorobotique de Polytechnique Montréal

Immaginiamo di dover spingere un filo sottile come un capello per poter penetrare all’interno di un tubo lungo e stretto pieno di curve. La mancanza di rigidità del filo e le forze di attrito esercitate sulle pareti del tubo alla fine renderebbero impossibile la manovra, il filo alla fine si piegherà e si incastrerebbe in una delle anse del tubo.
Un apparato di risonanza magnetica (MRI), un magnete superconduttore che genera un campo magnetico di almeno decine di migliaia di volte il valore del campo magnetico terrestre, hanno permesso ai ricercatori di tirare la punta dello strumento nei meandri dei vasi sanguigni.

Questa soluzione robotica, le cui prestazioni vanno ben oltre quelle delle procedure manuali e delle piattaforme magnetiche esistenti, consente interventi endovascolari in regioni molto profonde, e quindi attualmente inaccessibili, del corpo umano. In particolare, potrebbe aiutare i chirurghi nelle procedure che richiedono le procedure meno invasive possibili, ad esempio il trattamento di problemi cerebrali come aneurismi o eventi cardiovascolari.

Leggi il full text dell’articolo:
Using the fringe field of a clinical MRI scanner enables robotic navigation of tethered instruments in deeper vascular regions
BY ARASH AZIZI, CHARLES C. TREMBLAY, KÉVIN GAGNÉ, SYLVAIN MARTEL
Science Robotics 27 Nov 2019: Vol. 4, Issue 36, eaax7342 DOI: 10.1126/scirobotics.aax7342

Fonte: Polytechnique Montréal Nanorobotics Laboratory

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: