Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 469 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 20 giugno 2019

Linee guida sulla gestione del parto pretermine.

Posted by giorgiobertin su giugno 20, 2019

La rottura pretermine precoce delle membrane (PPROM) complica fino al 3% delle gravidanze ed è associata al 30-40% dei parti pretermine. 1 PPROM può causare morbilità e mortalità neonatale significative, principalmente dalla prematurità, sepsi, prolasso del cavo e ipoplasia polmonare. Inoltre, vi sono rischi associati a corioamnionite (un’infiammazione delle membrane fetali a causa di un’infezione batterica) e distacco della placenta.

Premature Rupture Of Membranes

Questa linea guida, redatta dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists,

comprende raccomandazioni relative alla diagnosi, alla valutazione, all’assistenza e ai tempi di nascita delle donne che si presentano con sospetta PPROM da 24 a 36 +6 settimane di gestazione. Una versione di infografica e audio per integrare questa linea guida sono disponibili online Infographic S1, Audio S1.

Scarica e leggi il documento in full text:
Care of Women Presenting with Suspected Preterm Prelabour Rupture of Membranes from 24+0 Weeks of Gestation
Green‐top Guideline No. 73
AJ Thomson on behalf of the Royal College of Obstetricians and Gynaecologists
BJOG: An International Journal of Obstetrics & Gynaecology First published: 17 June 2019 https://doi.org/10.1111/1471-0528.15803

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Focus sull’anarchia cellulare all’origine del cancro.

Posted by giorgiobertin su giugno 20, 2019

I ricercatori dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) hanno scoperto come l’alterazione di alcune proteine possa scatenare l’anarchia cellulare all’origine del cancro. I risultati della ricerca, sostenuta da Fondazione AIRC e Ministero della Salute, sono pubblicati su “Nature Communications“.

IEOweb_Mapelli

“Sappiamo che la cellula tumorale, a differenza di quella sana, prolifera in modo smisurato e disordinato, e dà così luogo a insiemi eterogenei e complessi di cellule, che noi chiamiamo ‘cancro’ – spiega Mapelli, Direttrice dell’ Unità di Biologia Strutturale del Dipartimento di Oncologia Molecolare all’IEO – Noi abbiamo scoperto alcuni aspetti inediti di questo processo studiando, con le tecnologie più avanzate della biologia strutturale e della biochimica, due proteine che regolano la divisione cellulare, NuMA e LGN.
Il nostro organismo è infatti strutturato per mantenere l’omeostasi, ovvero l’equilibrio delle sue proprietà fisiche e chimiche. Le due proteine che abbiamo studiato hanno un ruolo importante in questo equilibrio, perché hanno il compito, insieme ad altre, di eseguire la divisione cellulare e determinare la posizione della nuova cellula che si crea da quella originaria. Il complesso proteico NuMA-LGN assolve a questa funzione in maniera ordinata e sistematica, in modo che le nuove cellule siano disposte nella posizione corretta all’interno dell’organo di cui fanno parte, e svolgano il proprio ruolo nell’organismo. È come se fossero gli architetti che costruiscono o ristrutturano una casa”
.

Se a causa di un errore, per esempio una mutazione genica – continua Mapelli – queste proteine smettono di fare il proprio lavoro architettonico e posizionano le nuove cellule in modo disordinato e scombinato, si scatena il caos: tessuti e organi crescono in modo incoerente e non riescono più a funzionare in modo corretto. Questa è in genere la situazione in caso di un tumore”…….” Ora possiamo pensare di correggere il malfunzionamento di queste proteine, per esempio trovando una molecola in grado di intervenire sui geni che le regolano”.

Leggi il full text dell’articolo:
Hexameric NuMA:LGN structures promote multivalent interactions required for planar epithelial divisions
Laura Pirovano, Simone Culurgioni[…]Marina Mapelli
Nature Communications 10, 1–14

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »