Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 466 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Una molecola per future immunoterapie contro il cancro e malattie autoimmuni.

Posted by giorgiobertin su novembre 9, 2018

Gli scienziati dell’IMBA – Institute of Molecular Sciences of the Austrian Academy of Sciences – insieme al Boston Children’s Hospital di Harvard, dimostrano un modo completamente nuovo di combattere le malattie autoimmuni e il cancro.

Le cellule T sono i soldati del sistema immunitario e pattugliano il corpo alla ricerca di cellule infettate da agenti patogeni o cellule aberranti che potrebbero diventare tumori. Nello studio pubblicato sulla rivista “Nature“, i ricercatori hanno scoperto che BH4 (enzyme co-factor tetrahydrobiopterin), una molecola necessaria per produrre l’ormone della felicità, serotonina o dopamina, controlla la crescita delle cellule T regolando il metabolismo del ferro e dei mitocondri.

In modelli animali, i ricercatori hanno scoperto che il trattamento di topi con bloccanti BH4 “calmava” l’attività delle cellule T in condizioni infiammatorie. Nel contempo, hanno scoperto che livelli più alti di BH4 attivavano la crescita delle cellule T, causando la contrazione dei tumori.

Nel lavoro dei ricercatori una molecola riconosciuta come essenziale per molte funzioni in neurobiologia, è ora identificata come chiave per terapie completamente nuove: controllandola possiamo bloccare la proliferazione delle cellule T nelle malattie autoimmuni o nell’asma; inoltre possiamo attivare le cellule T per crescere e attaccare le cellule tumorali, anche in condizioni avverse – e quindi è stato scoperto un nuovo percorso per indurre l’immunità anti-cancro.

Puntando sul BH4, siamo in grado di sopprimere l’attività delle cellule T in condizioni infiammatorie e di aumentare la loro attività nel caso del cancro”, ha detto il il prof. Woolf (video).

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo farmaco chiamato QM385, che inibisce la produzione di BH4, e sperano di iniziare presto i test su pazienti umani.

Leggi abstract dell’articolo:
The metabolite BH4 controls T cell proliferation in autoimmunity and cancer
Shane J. F. Cronin, Corey Seehus, […]Josef M. Penninge
Nature, 2018, Published: 07 November 2018 DOI: 10.1038/s41586-018-0701-2

Fonte: IMBA – Institute of Molecular Sciences of the Austrian Academy of Sciences

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: