Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 467 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Cancro: nuova classe di farmaci immunoterapici.

Posted by giorgiobertin su novembre 9, 2018

I ricercatori della GlaxoSmithKline hanno scoperto una potenziale nuova classe di farmaci immunoterapici per trattare alcuni dei tumori più comuni. Lo studio, pubblicato sulla rivista “Nature” mostra come funzionano queste molecole e cosa potrebbero significare per il futuro del trattamento del cancro.

Il sistema immunitario è una complessa rete di cellule che lavorano insieme per prevenire infezioni e malattie. Le cellule che costituiscono il sistema immunitario possono rilevare migliaia di trigger, dai virus ai vermi parassiti, noti come agenti patogeni. Le cellule immunitarie possono distinguere tra le cellule del corpo e le cellule o il materiale estraneo. Una volta che le cellule immunitarie individuano il bersaglio, perfezionano una risposta per distruggere l’agente patogeno invasore.

STING

Una di queste proteine chiamata STING  (Stimulator of interferon genes) quando è attiva, innesca un sottogruppo di cellule T in grado di riconoscere e distruggere le cellule tumorali.
I ricercatori hanno trovato nuove molecole per attivare STING. Queste molecole sono le prime del loro genere.

Abbiamo anche visto in modelli murini di cancro che le nuove molecole attivano la “memoria” del sistema immunitario, che significa che se il cancro dovesse ritornare, le cellule del sistema immunitario erano innescate e pronte ad attaccare senza bisogno di ulteriori trattamenti.
Gli scienziati sono entusiasti del potenziale di queste nuove molecole, anche se la ricerca è appena agli inizi.

Continueremo a studiare gli attivatori di STING come potenziali trattamenti contro il cancro, il passo successivo per noi sarà quello di passare agli studi sulla sicurezza umana delle molecole, che prevediamo di iniziare nel 2019” – afferma il prof. Joshi Ramanjulu.

Leggi abstract dell’articolo
Design of amidobenzimidazole STING receptor agonists with systemic activity
Joshi M. Ramanjulu et al.
Nature (2018). DOI: 10.1038/s41586-018-0705-y

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: