Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 472 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for novembre 2018

ACOG: linee guida per diagnosi dismenorrea nelle adolescenti.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

L’American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG) ha pubblicato nuove linee guida sulla diagnosi della dismenorrea nelle adolescenti.
La dismenorrea è tipicamente suddivisa in due categorie, primaria e secondaria. La maggior parte degli adolescenti sperimenta una dismenorrea primaria, definita come una mestruazione dolorosa in assenza di un’altra malattia pelvica.

obsgyn-12-2018

Il dolore è causato da livelli eccessivi di prostaglandine, ormoni che fanno contrarre l’utero, causando forti crampi e disagi. La seconda dismenorrea si riferisce alle mestruazioni dolorose causate da una condizione o malattia medica riconosciuta. La causa più comune di dismenorrea secondaria è l’endometriosi, ma può anche derivare da adenomiosi, infezione, miomi, ostruzioni nel tratto riproduttivo, malformazioni congenite o cisti ovariche.

Indipendentemente dalla causa della dismenorrea, ha un profondo effetto sulla vita dei nostri pazienti, in particolare sui pazienti adolescenti“, ha dichiarato Geri Hewitt. “Identificando e diagnosticando rapidamente la dismenorrea, gli ostetrici e ginecologi possono aiutare ad alleviare il dolore dei pazienti e consentire loro di riprendere il normale ordine nelle loro vite“.
Le linee guida spiegano indicano quando eseguire un esame pelvico o un’ecografia pelvica e quando, invece, considerare una laparoscopia diagnostica.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
ACOG Committee Opinion No. 760: Dysmenorrhea and Endometriosis in the Adolescent
Obstetrics & Gynecology. 132(6):e249-e258, December 2018.

ACOG Committee Opinion No. 760 Summary: Dysmenorrhea and Endometriosis in the Adolescent
Obstetrics & Gynecology: December 2018 – Volume 132 – Issue 6 – p 1517–1518 doi: 10.1097/AOG.0000000000002981

Fonte: American College of Obstetrics and Gynecology (ACOG)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le infezioni potrebbero scatenare malattie cardiovascolari.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

I ricercatori dell’Università del Minnesota a Minneapolis hanno trovato un rischio più elevato di eventi coronarici durante i 3 mesi successivi a un’infezione. La risposta immunitaria del corpo, suggeriscono, potrebbe spiegare perché le infezioni “scatenano” infarto e ictus.
Il termine malattia cardiovascolare (CVD) copre una serie di condizioni: da infarto e malattie cardiache a ictus, ipertensione e insufficienza cardiaca.

JAHA_cover

Il nuovo studio, pubblicato sul “Journal of American Heart Association“, analizza il legame tra infezioni e eventi cardiovascolari avversi.
Il Dr. Lakshminarayan e colleghi hanno esaminato 1.312 persone che hanno avuto un evento coronarico come un attacco di cuore o infarto del miocardio e le hanno confrontate con 727 persone che avevano avuto un ictus ischemico. I ricercatori hanno cercato infezioni che queste persone hanno sviluppato fino a 1-2 anni prima dell’evento cardiovascolare. Le infezioni più comunemente riportate sono state infezioni del tratto urinario , polmonite e infezioni respiratorie.

Nel complesso, lo studio ha rilevato che circa il 37% dei partecipanti con malattie cardiache aveva sviluppato un’infezione nei 3 mesi precedenti l’evento coronarico. Tra le persone con ictus, questo numero era quasi del 30 percento.

Nelle prime 2 settimane dopo l’infezione, il rischio di ictus o infarto è stato il più alto. “Durante un’infezione“, spiega il Dr. Lakshminarayan,”il sistema immunitario del corpo produce più globuli bianchi per combatterlo. Tuttavia, questa risposta immunitaria rende anche più piccoli i globuli rossi, chiamati piastrine, più appiccicosi. In un corpo sano, il ruolo delle piastrine è quello di legarsi a un vaso sanguigno danneggiato e creare un coagulo di sangue. Questo è molto utile per le infezioni accidentali ad esempio, ma troppe piastrine o piastrine troppo appiccicose possono aumentare il rischio di coaguli di sangue“.

Scarica e leggi il documento in full text:
Inpatient and Outpatient Infection as a Trigger of Cardiovascular Disease: The ARIC Study
Logan T. Cowan Pamela L. Lutsey James S. Pankow Kunihiro Matsushita Junichi Ishigami Kamakshi Lakshminarayan
Journal of the American Heart Association. 2018;7:e009683 DOI:10.1161/JAHA.118.009683

See Editorial by Santos‐Gallego et al.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ECDC/WHO: Statistiche sull’HIV in Europa nel 2017.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

L’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e il WHO Regional Office for Europe hanno pubblicato i dati più recenti sull’epidemia di HIV nella regione europea, in occasione del 30° anniversario della Giornata mondiale contro l’AIDS.

hiv-aids-surveillance-in-europe-2018

Con oltre 130 000 nuove diagnosi di HIV nel 2017, la parte orientale della regione ha registrato un aumento del 68% nel 2008-2017, rispetto al 95% nel 2007-2016. Nella parte centrale della Regione, l’aumento è stato del 121% rispetto al 142% rispettivamente.

L’aumento delle nuove diagnosi di HIV è continuato per la Regione Europea dell’OMS nel suo insieme, ma il suo ritmo è stato più lento rispetto agli anni precedenti. Una delle ragioni della persistente epidemia di HIV in Europa è che la diagnosi tardiva rimane una sfida in tutta la regione. Ogni seconda persona con diagnosi di HIV ha già raggiunto uno stadio avanzato dell’infezione.

Le nuove linee guida dell’ECDC sui test integrati dell’HIV e dell’epatite virale forniscono ai paesi le ultime prove scientifiche per aiutare a sviluppare, implementare, migliorare, monitorare e valutare linee guida e programmi di test nazionali o locali sia per l’HIV che per l’epatite virale.

Accedi al documento in full text:
HIV/AIDS surveillance in Europe 2018 – 2017 data – EN – [PDF-10.62 MB]

Presentation: HIV/AIDS Surveillance in Europe 2018 (2017 data)– EN – [PPTX-2.7 MB]

Fonte: ECDC

Posted in E-journal E-Book, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FDA approva nuovo farmaco contro mutazione una genetica nei tumori solidi.

Posted by giorgiobertin su novembre 30, 2018

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato con procedura accelerata Vitrakvi (larotrectinib), per il trattamento di una serie di tumori, in pazienti adulti e pediatrici, che presentano una mutazione genetica specifica: una fusione genica del recettore della tirosina chinasi neurotrofica (NTRK).

VITRAKVI

L’efficacia del farmaco è stata studiata in tre studi clinici che hanno incluso 55 pazienti pediatrici e adulti con tumori solidi che avevano una fusione genica NTRK identificata senza una mutazione di resistenza, in fase metastatica o in cui la resezione chirurgica poteva causare una grave morbilità. I tumori che hanno risposto al farmaco ci sono il sarcoma dei tessuti molli, il cancro delle ghiandole salivari, il fibrosarcoma infantile, il carcinoma della tiroide e del polmone.

Comunicato stampa FDA:
FDA approves an oncology drug that targets a key genetic driver of cancer, rather than a specific type of tumor

https://www.hcp.vitrakvi-us.com/

VITRAKVI, please see the full Prescribing Information.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C-CHANGE: linee guida cardiovascolari per la medicina generale.

Posted by giorgiobertin su novembre 29, 2018

Il C-CHANGE (Canadian Cardiovascular Harmonized National Guidelines Endeavour) canadese ha pubblicato sulla rivista “CMAJ” in aggiornamento le linee guida cardiovascolari per la medicina generale. Il documento aggiorna il precedente datato 2014. L’aggiornamento del 2018 alla linea guida C-CHANGE comprende un totale di 77 raccomandazioni provenienti dai nove gruppi di linee guida, tra cui 52 raccomandazioni che sono state aggiunte o aggiornate di recente.

CMAJ40.cover

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Canadian Cardiovascular Harmonized National Guidelines Endeavour (C-CHANGE) guideline for the prevention and management of cardiovascular disease in primary care: 2018 update.
Tobe S, Stome J et al.
CMAJ October 09, 2018 190 (40) E1192-E1206; DOI: http://www.cmaj.ca/content/190/40/E1192

L’aggiornamento completo delle linee guida C-CHANGE 2018 è disponibile nell’appendice 1, all’indirizzo www.cmaj.ca/lookup/suppl/doi:10.1503/cmaj.180194/-/DC1 .

Tobe SW ,Stone JA ,Walker KM ,et al. Canadian Cardiovascular Harmonized National Guidelines Endeavour (C-CHANGE): 2014 . CMAJ 2014 ; 186 : 1299 – 305. FREE Full Text

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuova strategia sconfigge le cellule tumorali.

Posted by giorgiobertin su novembre 29, 2018

Gli scienziati del Max Delbrück Center for Molecular Medicine in Germania, hanno sviluppato una strategia promettente per sconfiggere alcuni tipi di cellule tumorali che sopravvivono alla chemioterapia.

Le chemioterapie che funzionano bloccando la divisione cellulare sono spesso efficaci, ma possono anche danneggiare le cellule sane e provocare effetti collaterali.
Inoltre, le cellule tumorali in tumori molto aggressivi di solito sopravvivono al trattamento e subiscono profondi cambiamenti nel processo.

Ezh2
Microscopic image of tumor cells in which Ezh2 activity is inhibited (red) within a mouse lung and surrounded by immune cells (green) © Michela Serresi, MDC

Il dottor Gargiulo e il suo team hanno studiato questo problema in un tipo di cancro del polmone non a piccole cellule che produce un’abbondanza di un enzima che promuove il cancro. I ricercatori hanno scoperto che una risposta infiammatoria al trattamento ha aiutato i tumori a riprendere la crescita. Il trattamento aveva causato alle cellule tumorali molta più aggressività.
I ricercatori, come decritto nel lavoro pubblicato sulla rivista “Journal of Experimental Medicine“,  hanno deciso di utilizzare questa scoperta come una potenziale strategia per combattere le cellule tumorali. Lo scopo è stato quello di incoraggiare deliberatamente le cellule lungo il percorso di infiammazione e quindi trattarle.

Il team ha dimostrato la strategia sviluppando da prima una situazione infiammatoria che a sua volta ha sostenuto la crescita del tumore e poi dando ai topi un farmaco antinfiammatorio. Questo ha messo le cellule aggressive in “scacco matto”. “Per prima cosa dobbiamo raccogliere dati ed esperienze sufficienti in laboratorio prima di pensare di testare questa strategia di trattamento sui pazienti” – afferma il dottor Gargiulo.

Leggi il full text dell’articolo:
Ezh2 inhibition in Kras-driven NSCLC
Michela Serresi … Gaetano Gargiulo
JEM DOI: 10.1084/jem.20180801 | Published November 28, 2018

Fonte: Max Delbrück Center for Molecular Medicine in the Helmholtz Association

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

ASH: nuove linee guida sul tromboembolismo venoso.

Posted by giorgiobertin su novembre 28, 2018

Sono state pubblicate a cura dell’ American Society of Hematology le nuove linee guida sul tromboembolismo venoso.
Il tromboembolismo venoso (VTE), si riferisce ai coaguli di sangue nelle vene, è un problema di salute pubblica molto diffuso e di ampia portata che può causare disabilità e morte. Nonostante nuove e efficaci opzioni di prevenzione e trattamento, il VTE rimane una minaccia ancora sottovalutata.

ASH-VTE

Le linee guida sulla pratica clinica ASH sul tromboembolismo venoso – sono pubblicati sulla rivista “Blood Advance”. La pubblicazione riguarda i primi sei capitoli dei dieci programmati. Sono in sviluppo altri quattro capitoli.
I 10 capitoli di linee guida cliniche basati sull’evidenza:
Profilassi per pazienti ospedalizzati e non ospedalizzati
Diagnosi di TEV
Gestione ottimale della terapia anticoagulante
Trombocitopenia indotta da eparina
TEV nel contesto della gravidanza
– Trattamento della TEV pediatrica
– Trattamento della trombosi venosa profonda e dell’embolia polmonare (anticipata nel 2019)
– TEV in pazienti con cancro (previsto nel 2019)
– Trombofilia (anticipata nel 2019)
– Prevenzione della TEV nei pazienti chirurgici (anticipata nel 2019)

Leggi e scarica il full text:
New clinical practice guidelines for venous thromboembolism
Evidence-based guidelines to drive improved care for patients with blood clots
Blood Advances November 27, 2018; 2 (22)

Fonte:  American Society of Hematology

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova piattaforma per l’analisi metagenomica.

Posted by giorgiobertin su novembre 28, 2018

Un team di sviluppatori russi di Skolkovo, ITMO University e MIPT ha presentato un servizio online chiamato Knomics-Biota, che consente uno studio completo dei dati genetici del microbioma intestinale.
Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista “BioData Mining“.

microbiota

L’analisi può rivelare quali tipi di batteri sono rappresentati nel microbiota, in quale proporzione sono e quanto sono capaci di produrre vitamine e altre sostanze benefiche. Utilizzando l’interfaccia interattiva, puoi guardare i risultati da diverse prospettive, il che aiuta a identificare nuove relazioni tra microbiota e nutrizione, stile di vita e salute. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista BioData Mining.

A causa dell’universalità del sistema,” Knomix-Biota “è facilmente applicabile all’analisi non solo del microbiota intestinale, ma anche di altri tipi di microbiota. Tra quelli per cui è già attivamente utilizzato, il microbiota dell’ambiente. Conoscenza della sua composizione, aiuta, ad esempio, nell’industria petrolifera per prevenire la corrosione microbica delle apparecchiature” – afferma Daria Efimova, primo autore.

Leggi il full text dell’articolo:
Knomics-Biota – a system for exploratory analysis of human gut microbiota data
Daria Efimova, Alexander TyakhtEmail authorView ORCID ID profile, Anna Popenko, Anatoly Vasilyev, Ilya Altukhov, Nikita Dovidchenko,… et al.
BioData Mining 2018 11:25 https://doi.org/10.1186/s13040-018-0187-3

Il sito web è disponibile: https://biota.knomics.ru.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo farmaco per i tumori delle vie biliari.

Posted by giorgiobertin su novembre 27, 2018

Si apre la strada a una nuova strategia di cura per il colangiocarcinoma non operabile e non più responsivo alla chemioterapia grazie a derazantinib, un inibitore selettivo di FGFR2 (fibroblast growth factor receptor 2). Lo evidenzia lo studio condotto su pazienti afferenti a importanti Cancer Centers europei e americani guidati dall’Istituto Nazionale Tumori di Milano e pubblicato in questi giorni sul prestigioso “British Journal of Cancer“.
Derazantinib stabilizza la malattia in oltre l’80% dei casi e ne provoca una regressione nel 20% dei pazienti, a fronte di una tossicità del trattamento molto contenuta.

Il colangiocarcinoma intraepatico (ICCA) è una neoplasia ad elevata malignità che origina dalle vie biliari all’interno del fegato.

ARQ087

Alcuni studi di genetica molecolare su campioni prelevati da pazienti con colangiocarcinoma hanno dimostrato che in circa il 20% di questi tumori è presente una “traslocazione” nel gene di un recettore cellulare denominato FGFR2” spiega il prof. Vincenzo Mazzaferro dell’Istituto Nazionale dei Tumori. “Poiché il gene va incontro a rottura e ricombinazione, si crea una proteina “di fusione” che stimola la cellula a proliferare senza controllo”.

Questo meccanismo che favorisce la crescita del tumore può essere contrastato da farmaci “di precisione” sintetizzati per bloccare l’attività del recettore FGFR2, come ha dimostrato derazantinib. “I risultati ottenuti confermano la necessità di selezionare il colangiocarcinoma sulla base della presenza del recettore FGFR2” continua il professor Mazzaferro. Inoltre, sottolinea l’importanza di trattare i pazienti potenzialmente sensibili con l’inibitore specifico.

Leggi abstract dell’articolo:
Derazantinib (ARQ 087) in advanced or inoperable FGFR2 gene fusion-positive intrahepatic cholangiocarcinoma
Vincenzo Mazzaferro, Bassel F. El-Rayes[…]Walid L. Shaib
British Journal of Cancer , 1–7

Impact of treatment expertise on the outcome of patients with head and neck cancer treated within 6 randomized trials.
Bossi P, Miceli R, Benasso M, et al.
Head & Neck 2018 Nov 17 [Epub ahead of print] https://doi.org/10.1002/hed.25389

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Identificato un driver molecolare del cancro alla prostata mortale.

Posted by giorgiobertin su novembre 26, 2018

I ricercatori del Samuel Oschin Comprehensive Cancer Institute a Cedars-Sinai, hanno identificato un nuovo driver molecolare del cancro alla prostata letale, insieme a una molecola che potrebbe essere utilizzata per attaccarlo. I risultati, pubblicati sulla rivista “Nature Medicine“, sono stati effettuati su topi di laboratorio. Se confermati negli esseri umani questi risultati potrebbero portare a metodi più efficaci per controllare alcuni tipi aggressivi di cancro alla prostata.

Onecut2
Il grafico mostra un’attività elevata di una rete di fattori di trascrizione che include la molecola Onecut2 nei tumori di pazienti il ​​cui carcinoma prostatico ha resistito alla terapia ormonale (sopra la barra viola) rispetto ad altri tipi. (Michael Freeman, Ph.D.) Credit: Nature Publishing Group

Per la ricerca, il team ha analizzato i dati genetici e molecolari di pazienti oncologici in un ampio database. Hanno trovato evidenza di una elevata attività della molecola Onecut2 nei tumori di pazienti il ​​cui cancro alla prostata resisteva alla terapia ormonale. Onecut2, un tipo di fattore di trascrizione, è necessario affinché il corpo produca determinate proteine.

Onecut2 interferiva con l’attività delle proteine ​​del recettore degli androgeni, gli obiettivi della terapia ormonale per il cancro alla prostata. Questo processo potrebbe consentire al cancro di diventare meno dipendente dagli ormoni per la crescita. Allo stesso tempo, Onecut2 ha spinto alcune delle cellule tumorali a trasformarsi in una varietà più aggressiva che resiste alla terapia ormonale. “Queste doppie azioni di Onecut2 potrebbero aiutare a spiegare in che modo alcuni tumori della prostata eludono la terapia ormonale e diventano più aggressivi“, ha detto il professore Freeman. “Onecut2 è un regolatore principale del cancro alla prostata letale che può essere un utile bersaglio terapeutico in oltre un terzo dei pazienti il ​​cui cancro si diffonde e sfugge alla terapia ormonale“.

In ulteriori esperimenti su campioni di tessuti umani, database farmaceutici e animali da laboratorio, i ricercatori hanno identificato un composto, CSRM617, che ha neutralizzato Onecut2. Hanno dimostrato che CSRM617 ha ridotto significativamente le dimensioni delle metastasi del cancro alla prostata nei topi.

Leggi abstract dell’articolo:
ONECUT2 is a targetable master regulator of lethal prostate cancer that suppresses the androgen axis
Mirja Rotinen, Sungyong You, …., Beatrice S. Knudsen & Michael R. Freeman
Nature Medicine Published: 26 November 2018 DOI: 10.1038/s41591-018-0241-1

Fonte: Samuel Oschin Comprehensive Cancer Institute a Cedars-Sinai

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Neuroscienziati scoprono una nuova regione del cervello.

Posted by giorgiobertin su novembre 25, 2018

I ricercatori del Neuroscience Research Australia, coordinati dal prof. George Paxinos hanno scoperto una parte del cervello umano sconosciuta fino ad ora. Endorestiform Nucleus, questo è il nome dell’area che si trova nella parte inferiore del peduncolo cerebellare inferiore, che collega il cervelletto al tronco cerebrale sottostante.

Il peduncolo cerebellare inferiore è “responsabile” dell’integrazione dell’infrastruttura spaziale e motoria, regola le nostre capacità motorie.
La regione è intrigante perché sembra essere assente nella scimmia rhesus e altri animali che abbiamo studiato […] questa regione potrebbe essere ciò che rende gli umani unici oltre alle dimensioni del nostro cervello più grande” – afferma il prof. Paxinos (video).


Neuroscientist discovers hidden region of the human brain

Avere una conoscenza dettagliata dell’architettura e della connettività neuronale del cervello umano è vitale per ottenere trattamenti migliori per le condizioni neurologiche. La scoperta di un’area cerebrale che regola il controllo motorio può avere implicazioni significative per le condizioni neurodegenerative che influenzano le capacità motorie di una persona, come il morbo di Parkinson e la malattia del motoneurone.

Il Prof. Paxinos ha dettagliato la sua scoperta nel suo libro  “Brainstem: Cytoarchitecture, Chemoarchitecture, Myeloarchitecture“.

Fonte: Neuroscience Research Australia

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I tumori al seno crescono reclutando le cellule dal midollo osseo.

Posted by giorgiobertin su novembre 24, 2018

Ricercatori del Sackler School of Medicine, Tel Aviv University, hanno scoperto che i tumori al seno possono aumentare la loro crescita reclutando cellule stromali originariamente formate nel midollo osseo. Lo studio pubblicato sul “Journal of Experimental Medicine“, rivela che il reclutamento di fibroblasti derivati ​​dal midollo osseo riduce le probabilità di sopravvivenza del cancro al seno, ma suggerisce che il targeting di queste cellule potrebbe essere un modo efficace per curare la malattia.


Un tumore al seno del topo contiene fibroblasti derivati ​​dal midollo osseo (rosso) e altri fibroblasti associati al cancro (verde). Credito: Raz et al., 2018

I ricercatori hanno scoperto che, nei topi con cancro al seno, un numero significativo di fibroblasti associati al cancro derivano da cellule del midollo osseo chiamate cellule stromali mesenchimali (MSC).
Questi fibroblasti derivati ​​dal midollo osseo sono diversi dagli altri fibroblasti associati al cancro. Mancano, per esempio, di una proteina di segnalazione cellulare chiave chiamata PDGFRα. Ma i fibroblasti derivati ​​dal midollo osseo sono particolarmente efficaci nel stimolare la formazione di nuovi vasi sanguigni perché producono una grande quantità di una proteina chiamata clusterina.

Anche i tumori al seno umano contengono i fibroblasti privi di PDGFRα. “Il nostro studio mostra che il reclutamento di fibroblasti derivati ​​dal midollo osseo è importante per promuovere la crescita del tumore” – afferma il prof. Neta Erez.

Leggi il full text dell’articolo:
Bone marrow–derived fibroblasts are a functionally distinct stromal cell population in breast cancer
Yael Raz, Noam Cohen, Ophir Shani, Rachel E. Bell, Sergey V. Novitskiy, Lilach Abramovitz, Carmit Levy, Michael Milyavsky, Leonor Leider-Trejo, Harold L. Moses, Dan Grisaru, Neta Erez
Journal of Experimental Medicine Nov 2018, jem.20180818; DOI: 10.1084/jem.20180818

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cancro: è possibile fermare il movimento delle cellule tumorali.

Posted by giorgiobertin su novembre 23, 2018

Utilizzando un modello sperimentale, gli scienziati dell’Università del Minnesota di Minneapolis hanno impedito la diffusione delle cellule tumorali, anche dopo che le cellule avevano alterato la loro modalità di movimento.

Circa il 90 per cento dei decessi correlati al cancro si verificano a causa delle metastasi o della capacità dei tumori di invadere il tessuto vicino e di diffondersi in altre parti del corpo.


Cancer cell movement changes

Le cellule tumorali sono molto subdole“, osserva il prof. Paolo P. Provenzano.”Non ci aspettavamo che le cellule cambiassero i loro movimenti”. Puntando contemporaneamente su tutte le modalità di movimento cellulare, i ricercatori “hanno fermato le cellule tumorali“.

Il prof. Provenzano osserva: “È quasi come se avessimo distrutto il loro GPS in modo che non riuscissero a trovare le autostrade. […] Le celle si sono semplicemente sedute lì e non si sono mosse
I ricercatori hanno usato farmaci per bloccare i movimenti motori delle cellule del cancro al seno (video).

Leggi il full text dell’articolo:
Bimodal sensing of guidance cues in mechanically distinct microenvironments
Erdem D. Tabdanov, Vikram V. Puram, Zaw Win, Ashab Alamgir, Patrick W. Alford & Paolo P. Provenzano
Nature Communications volume 9, Article number: 4891 Published: 20 November 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuove guide australiane sul cancro del polmone.

Posted by giorgiobertin su novembre 22, 2018

Sono state pubblicate a cura del “Cancer Australia” due nuove linee guida che mirano a ottenere migliori risultati e assistenza per tutte le persone affette da cancro ai polmoni.

Tutti i pazienti affetti da cancro del polmone, indipendentemente da dove vivono, dovrebbero avere il beneficio della migliore assistenza possibile. Queste risorse evidenziano gli elementi essenziali di cura“. – afferma il Dr Helen Zorbas CEO Cancer Australia.

cancer research

Fornire le migliori pratiche per la cura del cancro del polmone per i professionisti della salute contiene informazioni, strategie, strumenti e risorse basati sulle prove per supportare i medici nel fornire cure coerenti e di alta qualità per le persone affette da cancro ai polmoni.

Getting the best advice and care – a guide for those affected by lung cancer

Delivering best practice lung cancer care

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo esame del sangue per la diagnosi di cancro ovarico.

Posted by giorgiobertin su novembre 22, 2018

Un gruppo di ricerca dell’University of Adelaide e della Griffith University ha sviluppato un nuovo esame del sangue per la diagnosi precoce del cancro ovarico.

In particolare i ricercatori, per realizzare questo test, hanno studiato una tossina batterica che reagisce con un polisaccaride anormale (glicano) che si esprime sulla superficie delle cellule cancerogene. Tale sostanza viene rilasciata in grande quantità dalle donne colpite dal carcinoma ovarico.

I ricercatori hanno rimosso dalla tossina la parte pericolosa lasciando solo quella in grado di riconoscere lo zucchero. In tal modo la tossina è diventata una sorta di biomarcatore in grado di scovare le molecole di zucchero nel sangue.

ovarian-cancer-scheme

Come pubblicato sulla rivista “Biochemical and Biophysical Research Communications“, il nuovo test ha rilevato livelli significativi del glicano del cancro nei campioni di sangue da oltre il 90% delle donne con carcinoma ovarico in stadio 1 e nel 100% dei campioni da fasi successive della malattia, ma non in nessuno dei campioni da controlli sani.

Il cancro ovarico è notoriamente difficile da rilevare nelle sue fasi iniziali, quando ci sono più opzioni per il trattamento e i tassi di sopravvivenza sono migliori.Il nostro nuovo test è quindi un potenziale punto di svolta“, afferma il professor James Paton.
Il rilevamento di questo marker tumorale può anche svolgere un ruolo in una semplice biopsia liquida per monitorare lo stadio e il trattamento della malattia“.

Leggi il full text dell’articolo:
Detection of N-glycolylneuraminic acid biomarkers in sera from patients with ovarian cancer using an engineered N-glycolylneuraminic acid-specific lectin SubB2M
L.K.Shewell, J.J.Wanga, J.C.Paton, A.W.Paton, C.J.Day, M.P.Jennings.
Biochemical and Biophysical Research Communications https://doi.org/10.1016/j.bbrc.2018.11.001 Available online 8 November 2018,

Fonte: University of Adelaide

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Creato un idrogel efficace per la guarigione delle ferite.

Posted by giorgiobertin su novembre 21, 2018

I ricercatori dell’University of New Hampshire hanno creato un idrogel iniettabile facile da fabbricare, a basso costo che potrebbe aiutare le ferite a guarire più velocemente, specialmente per i pazienti con problemi di salute compromessi.

Sebbene preziosi per aiutare i pazienti, gli attuali idrogel hanno un’efficacia clinica limitata“, ha affermato il prof. Kyung Jae Jeong. “Abbiamo scoperto una soluzione semplice per rendere gli idrogel più porosi e quindi contribuire ad accelerare la guarigione.”

porous-hydrogel
Immagine al microscopio elettronico dell’idrogel poroso

Nello studio, pubblicato sulla rivista di ACS Applied Bio Materials, i ricercatori descrivono come hanno realizzato un idrogel macroporoso combinando microgel di gelatina facilmente disponibile – idrogel di poche centinaia di micron di diametro – con un enzima economico chiamato transglutaminasi microbica (mTG). La gelatina è stata utilizzata perché è una proteina naturale derivata dal collagene, una proteina presente nel tessuto connettivo del corpo come la pelle.

I ricercatori hanno confrontato gli idrogel non porosi convenzionali con i nuovi idrogel macroporosi e hanno riscontrato un notevole aumento della migrazione delle cellule tissutali all’interno dell’idrogel,

Leggi abstract dell’articolo:
Injectable Macroporous Hydrogel Formed by Enzymatic Cross-Linking of Gelatin Microgels
Shujie Hou, Rachel Lake, Shiwha Park, Seth Edwards, Chante Jones, and Kyung Jae Jeong
ACS Appl. Bio Mater., 2018, 1 (5), pp 1430–1439 Publication Date (Web): October 15, 2018 (Article) DOI: 10.1021/acsabm.8b00380

FOTO DISPONIBILI PER DOWNLOAD
https://www.UNH.edu/unhtoday/sites/default/files/media/human-skin-cells. png

Fonte: University of New Hampshire

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invecchiamento sano del cervello con una dieta a basso contenuto di proteine.

Posted by giorgiobertin su novembre 21, 2018

Diete a basso contenuto di proteine ​​ad alto contenuto di carboidrati possono essere la chiave della longevità e dell’invecchiamento cerebrale sano, secondo un nuovo studio sui topi dell’University of Sydney, pubblicato su “Cell Reports”.

dietcarbs

La ricerca mostra per la prima volta che le diete illimitate a basso contenuto proteico e ad alto contenuto di carboidrati hanno vantaggi protettivi simili per il cervello come una restrizione calorica, che è ben nota per i suoi benefici di longevità sebbene non sia sostenibile negli esseri umani.

I ricercatori hanno alimentato i topi con carboidrati complessi derivati ​​dall’amido e le proteine ​​della caseina che si trovano nel formaggio e nel latte.

Per valutare i benefici cerebrali della dieta i ricercatori si sono concentrati sull’ippocampo, la regione del cervello responsabile dell’apprendimento e della memoria.

L’ippocampo di solito è la prima parte del cervello a deteriorarsi con malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Tuttavia, la dieta a basso contenuto di proteine ​​ad alto contenuto di carboidrati sembra promuovere la salute e la biologia dell’ippocampo nei topi” – afferma il prof. Couteur.

Scarica e leggi il documento in full text:
Comparing the Effects of Low-Protein and High-Carbohydrate Diets and Caloric Restriction on Brain Aging in Mice
Devin Wahl, Samantha M. Solon-Biet, Qiao-Ping Wang, Jibran A. Wali, Tamara Pulpitel, Ximonie Clark, David Raubenheimer, Alistair M. Senior, and others
Cell Reports, Vol. 25, Issue 8, p2234–2243.e6 Published in issue: November 20, 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aspirina e Omega 3 possono ridurre il rischio di cancro al colon.

Posted by giorgiobertin su novembre 21, 2018

In una nuova sperimentazione clinica, denominata seAFOod Trial, gli specialisti delle University of Leeds, Nottingham, Bradford e Newcastle nel Regno Unito, in collaborazione con ricercatori di altre istituzioni, hanno scoperto che l’acido acetilsalicilico, meglio noto come l’aspirina e l’acido eicosapentaenoico (EPA) – uno degli acidi grassi chiave contenuti da omega-3 – ridurrebbe il numero di polipi precancerosi nelle persone ad alto rischio di cancro al colon.

seAFOod

Nello studio sono stati reclutati 709 partecipanti (dal 11 Nov., 2011, al 10 giu. 10, 2016) tramite 53 ospedali in tutta l’Inghilterra. Tutti gli individui erano ad alto rischio di cancro al colon.

I risultati di seAFOod dimostrano che sia l’aspirina che l’EPA hanno effetti preventivi, questo è particolarmente eccitante dato che sono composti relativamente economici e sicuri da fornire ai pazienti“, osserva l’autore principale dello studio, il prof. Mark Hull, dell’Università di Leeds.

Alla luce di questa nuova evidenza, i medici devono prendere in considerazione questi agenti per i pazienti a elevato rischio di cancro intestinale, oltre alla normale sorveglianza colonscopica” – afferma il Prof. Mark Hull.

I risultati del trial sono stati pubblicati sulla rivista “The Lancet“.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Eicosapentaenoic acid and aspirin, alone and in combination, for the prevention of colorectal adenomas (seAFOod Polyp Prevention trial): a multicentre, randomised, double-blind, placebo-controlled, 2 × 2 factorial trial
Mark A Hull, Kirsty Sprange, Trish Hepburn, Wei Tan, Aisha Shafayat, Colin J Rees, Gayle Clifford, Richard F Logan, Paul M Loadman, Elizabeth A Williams, Diane Whitham, Alan A Montgomery on behalf of the seAFOod Collaborative Group
The Lancet Published: November 19, 2018 – DOI:https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31775-6

The trial is registered with the International Standard Randomised Controlled Trials Number registry, number ISRCTN05926847.

seAFOod Trial

Fonti: Newcastle University – University of Leeds

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nuova immunoterapia migliora i sintomi della Sclerosi Multipla.

Posted by giorgiobertin su novembre 20, 2018

Una sperimentazione clinica mondiale di una nuova immunoterapia cellulare per la sclerosi multipla (SM) ha migliorato i sintomi e la qualità della vita per la maggior parte dei pazienti.

L’immunoterapia cellulare è stata sviluppata dal professor Rajiv Khanna e dal suo team dell’University of Queensland e del Royal Brisbane and Women’s Hospital (RBWH); sperimentazione clinica di fase I (video).


Adoptive transfer of EBV-specific T cells in patients with multiple sclerosis

Il professor Pender ha detto che 10 pazienti – cinque con SM secondaria progressiva e cinque con SM primaria progressiva – hanno ricevuto quattro dosi del trattamento immunoterapico cellulare. L’immunoterapia cellulare, si rivolge al virus Epstein-Barr (EBV) [Epstein-Barr (EBV) è un virus implicato nella patogenesi della MS], e implica il prelievo di sangue dai pazienti, l’estrazione di cellule T (immunitarie) e la “formazione” in laboratorio per riconoscere e distruggere l’EBV nelle lesioni cerebrali dei pazienti con SM.

I risultati della sperimentazione clinica sono stati pubblicati su JCI Insight.

Leggi abstract dell’articolo:
Epstein-Barr virus–specific T cell therapy for progressive multiple sclerosis
Michael P. Pender et al.
JCI Insight (2018). DOI: 10.1172/jci.insight.124714

TRIAL REGISTRATION. Australian New Zealand Clinical Trials Registry, ACTRN12615000422527

Fonte: University of Queensland

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I probiotici vivi possono riequilibrare il microbioma intestinale.

Posted by giorgiobertin su novembre 19, 2018

Una nuova ricerca pubblicata su “International Journal of Pharmaceutics” dimostra che i batteri “buoni” del probiotico vivo SymproveTM possono raggiungere e colonizzare con successo l’intestino, dove vanno a modificare la flora intestinale esistente. Sono inoltre in grado di modificare la risposta immunitaria.

bottle-bubble

I ricercatori hanno scoperto che tutti i batteri di Symprove sono sopravvissuti all’acido dello stomaco per raggiungere e colonizzare l’intestino. L’attività dei batteri in questo studio è stata osservata utilizzando un nuovo simulatore dell’ecosistema microbico intestinale umano (SHIME).

L’aggiunta dei probiotici a Symprove ai microbiotici di donatori umani sani ha cambiato la proporzione di gruppi batterici nella flora intestinale, che ha generato un aumento significativo del butirrato – un acido grasso a catena corta (SCFA) che è fondamentale per la salute e il benessere.

L’aggiunta di Symprove ha anche aumentato le citochine antinfiammatorie IL-6 e IL-10, riducendo le chemochine infiammatorie IL-8, MCP-1 e CXCL10, che sono associate a condizioni infiammatorie e infezioni virali.
I dati hanno mostrato che l’alimentazione del microbioma comporta cambiamenti nella flora intestinale e un effetto anti-infiammatorio e immuno-modulatore positivo.

Leggi abstract dell’articolo:
A four-strain probiotic exerts positive immunomodulatory effects by enhancing colonic butyrate production in vitro.
Frédéric Moens, Pieter Van den Abbeele, Abdul W. Basit, Cornelius Dodoo, … Simon Gaisford
International Journal of Pharmaceutics, Volume 555, 30 January 2019, Pages 1-10
https://doi.org/10.1016/j.ijpharm.2018.11.020

Note: Symprove è un integratore multi-ceppo a base d’acqua contenente quattro ceppi unici di batteri “buoni” attivati ​​dal vivo: L rhamnosus, L. acidophilus, L. plantarum ed E. faecium. È consigliabile che Symprove venga assunto per prima cosa al mattino, 10 minuti prima di mangiare o bere e prima che lo stomaco si sia “svegliato” e si attivi. https://www.symprove.com

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo virus anti-cancro a doppia azione.

Posted by giorgiobertin su novembre 18, 2018

Gli scienziati del Department of Oncology, University of Oxford, United Kingdom, hanno equipaggiato un virus che uccide le cellule tumorali con una proteina in modo che possa anche bersagliare e uccidere le cellule adiacenti che vengono ingannate per proteggere il cancro dal sistema immunitario (video).

In questo studio, pubblicato sulla rivista “Cancer Research“, i ricercatori hanno usato un virus chiamato enadenotucirev, che è già in studi clinici per il trattamento dei carcinomi. È stato allenato per infettare solo le cellule tumorali, lasciando intatte le cellule sane.

cancer-virus-and-bite-protein
Stills from a time lapse animation show fibroblasts (red), T-cells (blue, small and round), cancer cells (black) and dying cells in green. As cancer cells are infected with the enadenotucirev virus, they produce bispecific T-cell engager (BiTE) protein before they die. BiTE then causes T-cells to latch on to and destroy fibroblasts (J Freedman/Cancer Research)

Il prof. Kerry Fisher ha detto: “Anche quando la maggior parte delle cellule tumorali in un carcinoma vengono uccise, i fibroblasti possono proteggere le cellule tumorali residue e aiutarle a recuperare e prosperare. Fino ad ora, non c’è stato alcun modo per uccidere sia le cellule tumorali che i fibroblasti che le proteggono allo stesso tempo, senza danneggiare il resto del corpo.

La nostra nuova tecnica per colpire simultaneamente i fibroblasti mentre vengono uccise le cellule tumorali con il virus potrebbe essere un passo importante verso la riduzione della soppressione del sistema immunitario nei carcinomi e dovrebbe avviare il normale processo immunitario“.

I ricercatori affermano che se ulteriori test di sicurezza avranno successo, il virus a doppia azione – che hanno testato in campioni di cancro umano e nei topi – potrebbe essere testato negli esseri umani con carcinomi già dal prossimo anno.

Leggi abstract dell’articolo:
An Oncolytic Virus Expressing a T-cell Engager Simultaneously Targets Cancer and Immunosuppressive Stromal Cells
Joshua D. Freedman, Margaret R. Duffy, Janet Lei-Rossmann, Alice Muntzer, Eleanor M. Scott, Joachim Hagel, Leticia Campo, Richard J. Bryant, Clare Verrill, Adam Lambert, Paul Miller, Brian R. Champion, Leonard W. Seymour and Kerry D. Fisher
Cancer Res November 18 2018 DOI: 10.1158/0008-5472.CAN-18-1750

Fonte: Indipendent.co.uk

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoperto un nuovo inibitore dell’infiammazione.

Posted by giorgiobertin su novembre 17, 2018

Un team multidisciplinare di ricercatori guidati dal Karolinska Institutet in Svezia ha sviluppato una molecola antinfiammatoria con un nuovo meccanismo d’azione. Inibendo una certa proteina, i ricercatori sono stati in grado di ridurre i segnali che scatenano un’infiammazione. Lo studio è pubblicato su “Science” ed è stato realizzato in collaborazione con la University Medical Branch del Texas, l’Università di Uppsala e l’Università di Stoccolma.

Science6416

Abbiamo sviluppato una nuova molecola di un farmaco che inibisce l’ infiammazione “, afferma il professor Thomas Helleday del Karolinska Institutet. “Agisce su una proteina che riteniamo sia un meccanismo generale per il modo in cui l’infiammazione insorge nelle cellule”.

I ricercatori hanno scoperto con grande sorpresa e casualmente, che una nuova molecola per inibire l’enzima che ripara il danno dell’ossigeno al DNA, ha anche smorzato l’infiammazione. L’enzima OGG1, oltre a riparare il DNA, attiva anche l’infiammazione.
L’inibitore blocca il rilascio di proteine ​​infiammatorie, come il TNF alfa. Negli studi su topi con malattia polmonare acuta, i ricercatori sono riusciti a smorzare l’infiammazione.

Leggi abstract dell’articolo.
Small-molecule inhibitor of OGG1 suppresses proinflammatory gene expression and inflammation
Torkild Visnes, Armando Cázares-Körner……Istvan Boldogh, Thomas Helleday
Science (2018). science.sciencemag.org/cgi/doi … 1126/science.aar8048

Fonte: Karolinska Institutet

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

DICE: atlante delle cellule immunitarie.

Posted by giorgiobertin su novembre 16, 2018

Il progetto DICE (database di Immune Cell Expression, Expression of quantitative trait loci ed Epigenomics  fornisce una mappa di come le variazioni genetiche umane influenzano l’espressione genica nelle cellule immunitarie umane, facendo luce sul ruolo delle varianti del rischio di malattia.


DICE contains a trove of data that will be critical for deciphering how this natural genetic variation shapes the immune system’s ability to protect our health.

Per creare l’atlante, il team di ricercatori della Jolla Institute for Immunology ha iniziato isolando diversi tipi di cellule immunitarie dai campioni di sangue dei donatori. Quindi hanno valutato le variazioni genetiche specifiche del donatore e utilizzato il sequenziamento dell’RNA per determinare, per ogni tipo di cellula, il livello di attività di ciascun gene. Tredici tipi di cellule immunitarie sono state incluse nell’analisi. Per due di queste, oltre a valutare l’attività dei geni nelle cellule nello stato di riposo e inattive, il team ha stimolato le cellule in modo simile allo stimolo che avrebbero ricevuto quando riconoscevano un agente patogeno o una cellula cancerosa maligna.
Attraverso l’analisi computazionale il team ha sviluppato il database DICE, contenente una grande quantità di dati.

Il database DICE è stato progettato per rendere facile per qualsiasi ricercatore di tutto il mondo esaminare le connessioni tra la variazione genetica e l’espressione genica in diversi tipi di cellule immunitarie.

Impact of genetic polymorphisms on human immune cell gene expression.
Benjamin J. Schmiedel, Divya Singh, Ariel Madrigal, Mitchell Kronenberg, Bjoern Peters, Pandurangan Vijayanand .. et al.
Cell (2018) Published: November 15, 2018 DOI: 10.1016/j.cell.2018.10.022

Accedi al database: https://dice-database.org

Fonte:  La Jolla Institute for Immunology

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Collegamento sistema immunitario, batteri intestinali e invecchiamento.

Posted by giorgiobertin su novembre 16, 2018

Gli scienziati dell’Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL) in Svizzera hanno scoperto come una disfunzione nel sistema immunitario possa causare un sovraccarico di un batterio intestinale. Il batterio produce acido lattico in eccesso, che a sua volta innesca la produzione di specie reattive dell’ossigeno che causano danni alle cellule e molte patologie legate all’età.

Microbioma-intestinale

Lo studio pubblicato sulla rivista “Immunity” spiega in che modo gli scienziati hanno utilizzato moscerini della frutta geneticamente modificati per raggiungere le loro conclusioni.
L’eccesso di acido lattico ha prodotto sostanze chimiche chiamate specie reattive dell’ossigeno che possono danneggiare le cellule e avere legami con i cambiamenti legati all’invecchiamento di organi e tessuti.

Il nostro studio“, dice il prof. Igor Iatsenko, “identifica uno specifico membro del microbiota e il suo metabolita che possono influenzare l’invecchiamento nell’organismo ospite“.

Leggi abstract dell’articolo:
Microbiota-derived lactate activates production of reactive oxygen species by the intestinal NADPH oxidase Nox and shortens Drosophila lifespan.
Igor Iatsenko, Jean-Philippe Boquete, Bruno Lemaitre.
Immunity 13 November 2018. DOI: 10.1016/j.immuni.2018.09.017

Fonte: Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le verdure crude e le insalate confezionate contengono batteri resistenti.

Posted by giorgiobertin su novembre 16, 2018

L’insalata è popolare tra le persone che vogliono mantenere una dieta equilibrata e sana. Le varietà di insalate vengono spesso vendute confezionate e imballate in pellicola. È noto che questi tipi di prodotti freschi possono essere contaminati da batteri rilevanti dal punto di vista dell’igiene.

Un gruppo di lavoro internazionale guidato dal professor Dr Kornelia Smalla del Julius Kühn Institute (JKI) ha ora dimostrato che questi batteri possono anche includere batteri resistenti agli antibiotici. “Dobbiamo arrivare al fondo di queste scoperte“, ha affermato il professor Dr Georg Backhaus, presidente dell’Istituto Julius Kühn. “Questa preoccupante scoperta di questo tipo di batteri sulle piante è in linea con risultati simili per altri alimenti”. “Stiamo valutando urgentemente cosa significhi questa scoperta riguardo al rischio per la salute dei consumatori“.

insalata-in-busta

Ai fini dell’analisi, il gruppo di lavoro guidato dal professor Smalla ha preso in considerazione insalate miste, rucola, etc. nei supermercati tedeschi. I campioni sono stati quindi analizzati al fine di determinare la quantità totale di geni trasferibili di resistenza antimicrobica (i ricercatori usano il termine “resistoma trasferibile“) in Escherichia coli, un batterio intestinale per lo più innocuo, su questi alimenti. Nelle loro analisi, gli esperti si sono concentrati sulla parte dei batteri di Escherichia coli che sono resistenti all’antibiotico tetraciclina.

Dai risultati pubblicati sulla rivista “mBio” Batteri di E. coli resistenti a più classi di antibiotici sono stati trovati su tutti gli alimenti confezionati.

I consumatori devono sempre lavare accuratamente le verdure crude, l’insalata di foglie e le erbe fresche con acqua potabile prima di mangiarle per ridurre al minimo il rischio di ingestione di agenti patogeni o di batteri resistenti agli antimicrobici” – affermano i ricercatori.

In rari casi è necessario che le persone particolarmente immunocompromesse riscaldino sufficientemente verdure ed erbe fresche (almeno due minuti a 70 °C) prima del consumo secondo le istruzioni dei medici curanti.

Leggi il full text dell’articolo:
The transferable resistome of produce
Khald Blau, Antje Bettermann, Sven Jechalke, Eva Fornefeld, Yann Vanrobaeys, Thibault Stalder, Eva M. Top, Kornelia Smalla
mBio Nov 2018, 9 (6) e01300-18; DOI: 10.1128/mBio.01300-18

Fonte: Julius Kühn Institute (JKI)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »