Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 472 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 29 ottobre 2018

Test per rilevare la resistenza delle cellule tumorali ai farmaci.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2018

I biofisici della Ruhr-Universität Bochum (RUB) hanno dimostrato che la microscopia Raman può essere utilizzata per rilevare la resistenza delle cellule tumorali ai farmaci antitumorali. A differenza degli approcci convenzionali, questo metodo non richiede alcun anticorpo o marcatore. Rileva la risposta delle cellule ai farmaci somministrati e quindi potrebbe determinare l’effetto dei farmaci negli studi preclinici.

Gerwert
Samir El-Mashtoly (a destra) e Klaus Gerwert nel laboratorio della Ruhr-Universität Bochum Credito: Michael Schwettmann

Il team guidato dal professor Klaus Gerwert e dal dott. Samir El-Mashtoly, ha utilizzato erlotinib e osimertinib, disponibili sotto i nomi commerciali Tarceva e Tagrisso e approvati per il trattamento del cancro del polmone. Si legano a determinate proteine ​​sulla superficie cellulare e quindi inibiscono la crescita cellulare. Nel corso della terapia, tuttavia, i pazienti sviluppano resistenza agli ingredienti attivi perché le proteine ​​nelle cellule tumorali cambiano.
Con la microscopia Raman, è possibile generare un’impronta spettroscopica dell’apparecchiatura molecolare di una cellula. Un confronto degli spettri prima e dopo la somministrazione del farmaco può fornire informazioni sui processi chimici che attivano il farmaco.

Leggi il full text dell’articolo:
Raman micro-spectroscopy monitors acquired resistance to targeted cancer therapy at the cellular level
Mohamad K. Hammoud, Hesham K. Yosef[…]Klaus Gerwert
Scientific Reports 8 , 1–11 Published: 15 October 2018

Fonte:  Ruhr-Universität Bochum (RUB)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NICE: linee guida sulla diagnosi e gestione del mieloma.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2018

Questa linea guida aggiornata pubblicata da NICE copre la diagnosi e la gestione del mieloma nelle persone dai 16 anni in sù. Il precedente documento era datato febbraio 2016.
Il mieloma è un tumore maligno del sangue dovuto a una proliferazione incontrollata di un singolo clone di plasmacellule, le cellule del sistema immunitario che producono anticorpi.

nice logo

Scarica e leggi il documento in full text:
Myeloma: diagnosis and management
NICE guideline [NG35] Published date: February 2016 Last updated: October 2018

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo approccio all’immunoterapia contro il cancro.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2018

Gli scienziati della Rockefeller University, nel tentativo di sviluppare trattamenti per il cancro più efficaci potenziando il sistema immunitario dei pazienti, hanno utilizzato anticorpi che attivano il CD40, una proteina delle cellule immunitarie che, quando innescata, spinge il resto del sistema immunitario a entrare in azione.

newmousemode
The immune trigger: Antibodies are Y shaped, and their stem, known as the Fc domain, can activate immune cells by binding to specific receptors on their surface. Credit: Rockefeller University

Sebbene promettenti, i farmaci che hanno come obiettivo il CD40 sono stati limitati nell’utilizzo dai significativi effetti collaterali: a dosi sufficienti per uccidere i tumori, gli anticorpi possono essere tossici. Il team ha utilizzato un modello di topo unico per progettare un anticorpo che si lega saldamente ai recettori CD40 umani. Questo anticorpo modificato elimina i tumori in modo più efficace di qualsiasi altro farmaco della sua classe.
Inoltre i ricercatori somministrando il farmaco a basse dosi direttamente sul sito del tumore a portato all’eliminazione della tossicità osservata in studi precedenti.

I ricercatori coordinati dai prof.i David A. Knorr, Rony Dahan e Jeffrey V. Ravetch descrivono questo metodo più sicuro per il trattamento sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences“, e progettano di iniziare gli studi clinici dell’anticorpo questo inverno.

Leggi abstract dell’articolo:
Toxicity of an Fc-engineered anti-CD40 antibody is abrogated by intratumoral injection and results in durable antitumor immunity
David A. Knorr, Rony Dahan, and Jeffrey V. Ravetch
PNAS October 23, 2018 115 (43) 11048-11053; published ahead of print October 8, 2018 https://doi.org/10.1073/pnas.1810566115

Fonte: Rockefeller University

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »