Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 468 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 17 ottobre 2018

Depressione in perimenopausa e menopausa: linee guida.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2018

La depressione è uno dei possibili disturbi che possono comparire in perimenopausa, il periodo che precede la menopausa, e durante la menopausa. Le linee guida si soffermano su possibile cura con metodi “naturali”, cercando di evitare i farmaci antidepressivi.

depressione-menopausa

Le aree affrontate includono: 1) epidemiologia; 2) presentazione clinica; 3) effetti terapeutici degli antidepressivi; 4) effetti della terapia ormonale; e 5) efficacia di altre terapie (es. psicoterapia, esercizio fisico e prodotti naturali per la salute).

Il documento è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Menopause“.

Guidelines for the evaluation and treatment of perimenopausal depression: summary and recommendations
Maki, Pauline M.; Kornstein, Susan G.; Joffe, Hadine; More
Menopause: October 2018 – Volume 25 – Issue 10 – p 1069–1085 doi: 10.1097/GME.0000000000001174

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo test identifica rapidamente “superbatteri” resistenti agli antibiotici.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2018

Un nuovo ed economico test sviluppato dai ricercatori della University of California – Berkeley può diagnosticare i pazienti con ceppi batterici resistenti agli antibiotici in pochi minuti. La tecnica potrebbe aiutare i medici a prescrivere gli antibiotici giusti per ogni infezione e potrebbe aiutare a limitare la diffusione di “superbatteri” resistenti agli antibiotici, che uccidono ogni anno fino a 700.000 persone in tutto il mondo.


Detecting antibiotic resistance faster than ever before.  Video by Roxanne Makasdjian and Stephen McNally

Il test, denominato DETECT, individua le firme molecolari dei batteri resistenti agli antibiotici direttamente nei campioni di urina. A differenza di altre tecniche attualmente disponibili sul mercato, DETECT non richiede strumenti costosi ed è abbastanza semplice da essere applicato in un ambiente point-of-care.

In teoria, DETECT ti permetterà di diagnosticare infezioni batteriche resistenti agli antibiotici in uno studio medico semplicemente raccogliendo urina e mescolandola con i reagenti DETECT“, ha detto il professor Niren Murthy, della University of California – Berkeley.

La tecnica DETECT utilizza una reazione enzimatica a catena per aumentare il segnale delle beta-lattamasi (enzimi che bloccano i batteri dalla a livello di parete cellulare, rendendo impossibile la crescita e la riproduzione dei microbi) di un fattore di 40.000, abbastanza alto da consentire il rilevamento della presenza di questi enzimi nei campioni di urina. Con DETECT, un paziente che risulta positivo a un’infezione resistente agli antibiotici di prima generazione può essere immediatamente trattato con un antibiotico o un agente alternativo più potente.

Leggi il full text dell’articolo:
An Enzyme‐Mediated Amplification Strategy Enables Detection of β‐Lactamase Activity Directly in Unprocessed Clinical Samples for Phenotypic Detection of β‐Lactam Resistance
Tara R. de Boer Nicole J. Tarlton Reina Yamaji Sheila Adams‐Sapper Tiffany Z. Wu Santanu Maity Giri K. Vesgesna Corinne M. Sadlowski Peter DePaola Lee W. Riley Niren Murthy
ChemBioChem First published: 04 October 2018 https://doi.org/10.1002/cbic.201800571

Fonte: University of California – Berkeley

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Cancro: esame del sangue per prevenire la chemioterapia inutile.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2018

I pazienti oncologici potrebbero essere risparmiati dalla chemioterapia non necessaria e dai suoi effetti collaterali con un nuovo esame del sangue. Ad affermarlo i ricercatori del Walter and Eliza Hall Institute coordinati dal professore Jeanne Tie.

Mentre la chemioterapia è un trattamento essenziale e salvavita, non vogliamo che i pazienti la ricevano se non ne hanno bisogno. Vogliamo aiutare questi pazienti ad evitare effetti collaterali gravi e continui associati alla chemioterapia“, ha detto il professore associato Tie.


Cancer blood test trialed to prevent unnecessary chemotherapy

Le cellule tumorali spesso versano il loro DNA nel sangue quando muoiono. La recente tecnologia ha permesso ai ricercatori di catturare e profilare questi frammenti di DNA e capire se la chemioterapia sarebbe vantaggiosa.

Il nuovo test ctDNA cerca frammenti di DNA tumorale nel sangue di un paziente dopo che il tumore è stato rimosso chirurgicamente. Lo studio sta valutando se la quantità di ctDNA nel sangue di un paziente indica il rischio di recidiva – i pazienti a più alto rischio possono essere trattati in modo aggressivo con la chemioterapia, mentre i pazienti senza ctDNA nel sangue sono a basso rischio di recidiva e potrebbero non bisogno di chemioterapia.

Più di 400 pazienti hanno già partecipato alle prove del test ctDNA (DYNAMIC), ma i ricercatori sperano di reclutare circa 2000 partecipanti. Più di 40 ospedali in tutti gli stati dell’Australia e della Nuova Zelanda partecipano al trial, rendendolo uno dei più grandi studi in Australia e a livello internazionale. Lo scopo è indagare su un esame del sangue predittivo che possa  guidare il trattamento del cancro. Le prove dovrebbero durare fino al 2021 per cancro dell’intestino e 2019 per il cancro ovarico.

Leggi abstract dell’articolo:
Circulating tumor DNA analysis detects minimal residual disease and predicts recurrence in patients with stage II colon cancer
BY JEANNE TIE, YUXUAN WANG, CRISTIAN TOMASETTI, … et al.
SCIENCE TRANSLATIONAL MEDICINE 06 JUL 2016 : 346RA92

Fonte:  Walter and Eliza Hall Institute

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »