Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 458 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Tumore al seno iniziale, la chemio si può evitare.

Posted by giorgiobertin su giugno 3, 2018

La chemioterapia può essere evitata nel 70% dei casi di tumore del seno iniziale, con un test basato su 21 geni. Lo indica lo studio americano di fase 3 ‘Tailorx‘ – Trial Assigning Individualised Options for Treatment (Rx), aperto nel 2006 e condotto su 10.273 donne con la forma più comune della malattia, ossia con recettori ormonali postivi e Her2-negativo (video). Presentato nel congresso dell’Asco, il risultato, dicono i ricercatori, “avrà un impatto immediato, risparmiando a migliaia di donne gli effetti collaterali della chemio“. Su questa base, in Italia potrebbero evitare la chemio circa 3.000 pazienti l’anno.


The Trial Assigning Individualized Options for Treatment (TAILORx) primary study group results will be presented at the Plenary Session at ASCO 2018

Questo significa che possiamo limitare la chemio al 30% delle donne per le quali già possiamo prevedere che ne trarranno beneficio”, dice l’autore principale dello studio, Joseph A. Sparano, direttore della Clinical Research – Albert Einstein Cancer Center and Montefiore Health System di New York.

l trial ha utilizzato un particolare test – Taylor X – che valuta l’espressione di 21 geni tumorali. Le donne che avevano un basso punteggio di rischio hanno ricevuto soltanto la terapia ormonale, quelle con alto punteggio hanno ricevuto anche la chemio. Fra le donne arruolate nello studio, 6.711 avevano un punteggio medio di rischio e sono state destinate in maniera casuale a ricevere solo l’ormonoterapia oppure anche la chemio. Il primo obiettivo era la sopravvivenza libera da malattia: da una valutazione a 7 anni e mezzo di follow up si è visto che l’ormonoterapia non era meno efficace se somministrata senza chemio. Quindi viene dimostrato che la chemioterapia non è vantaggiosa per la maggior parte delle donne nel gruppo con punteggio medio. Le due strategie terapeutiche erano ancora praticamente identiche indicando che non c’è beneficio nell’aggiunta della chemio.

I nuovi risultati di TAILORx offrono ai medici dati di alta qualità per le raccomandazioni di trattamento personalizzate per le donne” – afferma il prof. Joseph Sparano.

Abstract:
TAILORX: MANY WOMEN WITH EARLY BREAST CANCER CAN AVOID CHEMOTHERAPY – Endocrine therapy (ET) alone was noninferior to ET plus chemotherapy for women with estrogen receptor (ER)−positive, HER2-negative, axillary node−negative, early-stage breast cancer (BC) with a midrange score as measured by the Oncotype DX Breast Recurrence Score gene expression assay.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: