Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 459 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Cancro: relazione tra i batteri intestinali ed efficacia dell’immunoterapia.

Posted by giorgiobertin su aprile 3, 2018

Secondo una nuova ricerca della Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania, la composizione dei batteri nel tratto gastrointestinale può contenere indizi per aiutare a prevedere quali pazienti oncologici sono più propensi a beneficiare delle terapie cellulari personalizzate (terapia T-cellulare adottiva (ACT)) che hanno dimostrato una promessa senza precedenti nella lotta contro i tumori difficili da trattare.

Come riportato sulla rivista “Journal of Clinical Investigation Insights“, l’efficacia della terapia T-cellulare adottiva (ACT) nei topi affetti da cancro è significativamente influenzata dalle differenze nella composizione naturale di batteri intestinali.

Facciabene gut bacteria
Bacterial taxa observed in Jackson and Harlan mice at 7 days and 21 days following ACT. (Credit: Andrea Facciabene, Perelman School of Medicine, University of Pennsylvania; JCI)

La terapia T-cellulare adottiva (ACT) arruola il sistema immunitario di un paziente per combattere malattie come il cancro e alcune infezioni. Le cellule T di un paziente sono raccolte e cresciute in laboratorio per aumentare il numero di cellule T che uccidono il tumore. Le cellule vengono quindi restituite al paziente come rinforzo al corpo.

La risposta microbiota-dipendente all’ACT è stata dimostrata con successo nei topi e la modulazione con antibiotici specifici può essere utilizzata per aumentare l’efficacia dell’ACT“, ha detto il prof. Andrea Facciabene.

Leggi abstract dell’articolo:
Gut microbiota modulates adoptive cell therapy via CD8α dendritic cells and IL-12.
Mireia Uribe-Herranz, Kyle Bittinger, Stavros Rafail, Sonia Guedan, Stefano Pierini, Ceylan Tanes, Alex Ganetsky, Mark A. Morgan, Saar Gill, Janos L. Tanyi, Frederic D. Bushman, Carl H. June, Andrea Facciabene.
JCI Insight, 2018; 3 (4) DOI: 10.1172/jci.insight.94952

Fonte: Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: