Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 463 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Archive for 3 marzo 2018

Scoperta la causa della morte delle cellule nervose nel Parkinson.

Posted by giorgiobertin su marzo 3, 2018

I ricercatori dell’University of Guelph – Ontario – Canada, hanno scoperto uno dei fattori alla base della morte delle cellule nervose nella malattia di Parkinson, sbloccando il potenziale di trattamento per rallentare la progressione di questa malattia neurodegenerativa fatale.

parkinson-ball

Il professor Scott Ryan ha scoperto che la cardiolipina, una molecola all’interno delle cellule nervose, aiuta a garantire che una proteina chiamata alfa-sinucleina si pieghi correttamente. Il peggioramento di questa proteina porta a depositi proteici che sono il segno distintivo del morbo di Parkinson. Questi depositi sono tossici per le cellule nervose che controllano i movimenti volontari. Quando si accumulano troppi depositi, le cellule nervose muoiono.

Identificare il ruolo cruciale che la cardiolipina gioca nel mantenere funzionali queste proteine ​​significa che la cardiolipina può rappresentare un nuovo obiettivo per lo sviluppo di terapie contro la malattia di Parkinson“, afferma il prof. Ryan.
Normalmente, la cardiolipina nei mitocondri estrae la sinucleina dai depositi di proteine ​​tossiche e la ripiega in una forma non tossica. Nelle persone affette dal morbo di Parkinson, questo processo è sopraffatto nel tempo e i mitocondri alla fine vengono distrutti.

“Comprendere il ruolo della cardiolipina nel ripiegamento delle proteine ​​può aiutare a creare un farmaco o una terapia per rallentare la progressione della malattia”. – conclude il prof. Rayan.

Leggi abstract dell’articolo:
Cardiolipin exposure on the outer mitochondrial membrane modulates α-synuclein,
Tammy Ryan et al.
Nature Communications (2018). DOI: 10.1038/s41467-018-03241-9

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »