Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 469 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Archive for 1 marzo 2018

Fibrillazione atriale e deterioramento cognitivo.

Posted by giorgiobertin su marzo 1, 2018

Un team di ricercatori coordinati dal prof. Arvind Nishtala della University of California hanno pubblicato sulla rivista “Heart Rhythm” un’analisi trasversale e longitudinale che ha analizzato l’associazione fra Fibrillazione atriale (FA) e performance cognitive in una popolazione di pazienti arruolati nel Framingham Heart Study.

HR

Lo studio ha arruolato 2682 soggetti dei quali 112 (4%) presentavano FA (età media 72±9 anni, 32% femmine) alla valutazione iniziale. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad una batteria di test standardizzati per la valutazione neuropsicologica dei principali domini cognitivi, nello specifico la memoria visiva, il ragionamento astratto, l’organizzazione visuospaziale, la funzione esecutiva e l’attenzione.

Dai risultati è emerso che la presenza o la nuova insorgenza di FA ha contribuito a un significativo deterioramento delle funzioni esecutive, in particolare nei pazienti di sesso maschile. Tale deterioramento cognitivo è imputabile verosimilmente a una compromissione funzionale di natura
vascolare.

Leggi abstract dell’articolo:
Atrial fibrillation and cognitive decline in the Framingham Heart Study
Nishtala A, Piers RJ, Himali JJ, et al.
Heart Rhythm Febbraio 2018 Volume 15, numero 2, pagine 166-172 DOI: https://doi.org/10.1016/j.hrthm.2017.09.036

Fonte: AIAC – Associazione Italiana Aritmologia e Cardiostimolazione

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cancro del colon: il consumo di noci favorisce la sopravvivenza.

Posted by giorgiobertin su marzo 1, 2018

Le persone con cancro al colon in stadio III che mangiano regolarmente le noci hanno un rischio significativamente più basso di recidiva e di mortalità rispetto a quelli che non lo fanno, secondo un nuovo, ampio studio condotto dai ricercatori dello Yale Cancer Center presso la Yale University.
I risultati sono stati pubblicati sul “Journal of Clinical Oncology“.

nut

Lo studio clinico ha coinvolto 826 partecipanti per una età media di 6,5 anni dopo il trattamento con chirurgia e chemioterapia a seguito di cancro al colon. Coloro che consumavano regolarmente almeno due porzioni di noci ogni settimana hanno dimostrato un miglioramento del 42% nella sopravvivenza libera da malattia e un miglioramento del 57% nella sopravvivenza globale, rispetto a coloro che non assumevano noci.

“I risultati sottolineano l’importanza di enfatizzare i fattori dietetici e di stile di vita nella sopravvivenza al cancro del colon.” – afferma il prof. Temidayo Fadelu, primo autore.

Leggi abstract dell’articolo:
Nut Consumption and Survival in Patients With Stage III Colon Cancer: Results From CALGB 89803 (Alliance)
Temidayo Fadelu, Sui Zhang, Donna Niedzwiecki, Xing Ye, Leonard B. Saltz, Robert J. Mayer, Rex B. Mowat, Renaud Whittom, Alexander Hantel, Al B. Benson, Daniel M. Atienza, Michael Messino, Hedy L. Kindler, Alan Venook, Shuji Ogino, Kimmie Ng, Kana Wu, Walter Willett, Edward Giovannucci, Jeffrey Meyerhardt, Ying Bao, and Charles S. Fuchs
Journal of Clinical Oncology https://doi.org/10.1200/JCO.2017.75.5413

Fonte: Yale Cancer Center

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La carne rossa aumenta il rischio di diverticoli negli uomini.

Posted by giorgiobertin su marzo 1, 2018

Il consumo di carne rossa, in particolare di quella non lavorata, si associa a un aumento del rischio di diverticolite. Il rischio si riduce sostituendo una porzione al giorno di carne rossa non lavorata con pollame o pesce.
Ad affermarlo uno studio prospettico condotto su 46.461 uomini arruolati nell’Health Professionals Follow-Up Study (1986–2012) da parte del Massachusetts General Hospital and Harvard Medical School, Boston, Massachusetts, USA, che ha analizzato il consumo di carne (carne rossa totale, carne rossa non trasformata, carne rossa lavorata, pollame e pesce) ed il rischio di diverticolite.

diverticulitis   meat-intake

Le persone che seguivano una dieta vegetariana erano troppo poche per poter giungere a conclusioni sugli effetti di questo tipo di alimentazione sulla diverticolite.

Leggi il full text dell’articolo:
Meat intake and risk of diverticulitis among men

Cao Y, Strate LL, Keeley BR, et al.
Gut 2018;67:466-472 http://dx.doi.org/10.1136/gutjnl-2016-313082

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »