Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 460 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Nuova potenziale strategia terapeutica per il cancro del pancreas

Posted by giorgiobertin su febbraio 4, 2018

Un team di ricercatori di oncologia sperimentale presso il CNIO (Centro Nacional de Investigaciones Oncológicas – Madrid) ha lavorato con un modello di cancro del pancreas nei topi simile alla patologia umana. In questi tumori, hanno isolato e caratterizzato una sotto-popolazione di fibroblasti associati al cancro (CAF), che sono associati con l’infiammazione e che promuovono la crescita del tumore. I ricercatori hanno scoperto che il gene Saa3 è almeno uno dei geni responsabili della proprietà che favorisce la crescita del tumore in queste cellule.

Saas3

Nei tumori umani, la sovraespressione della versione umana di questo gene, SAA1, è associata a prognosi significativamente peggiore. I ricercatori hanno focalizzato il loro lavoro sull’identificazione di una popolazione di cellule stromali che favorisce la crescita del tumore, per poi scoprire perché hanno questa capacità ed hanno cercato di invertirla. La strategia è innovativa, perché invece di eliminare queste cellule stromali che aiutano il tumore, l’obiettivo è stato la loro riprogrammazione selettiva.

Come spiega la dott.ssa Carmen Guerra: “Abbiamo visto che l’eliminazione delle cellule stromali può avere un effetto negativo, quindi il nostro approccio è riprogrammare lo stroma invece di eliminarlo. È una strategia innovativa“.
Gli esperimenti hanno rivelato che il gene Saa3 è responsabile dei CAF che aiutano le cellule tumorali a progredire. Quando è stata eliminata l’espressione di questo gene nei CAF, queste cellule si sono comportate come normali fibroblasti, poiché hanno perso la capacità di aiutare le cellule tumorali a progredire.

Questa scoperta può rappresentare una futura strategia terapeutica da combinare con altre strategie, come l’immunoterapia, la chemioterapia o gli inibitori contro specifiche vie di segnalazione delle cellule tumorali” . Tuttavia, “apre la porta a nuove ricerche in molti laboratori volti a riprogrammare lo stroma invece di eliminarlo” , ha aggiunto la prof.ssa Magdolna Djurec, prima autrice del lavoro.

Leggi abstract dell’articolo:
Saa3 is a key mediator of the protumorigenic properties of cancer-associated fibroblasts in pancreatic tumors
Magdolna Djurec, Osvaldo Graña, Albert Lee, Kevin Troulé, Elisa Espinet, Lavinia Cabras, Carolina Navas, María Teresa Blasco, Laura Martín-Díaz, Miranda Burdiel, Jing Li, Zhaoqi Liu, Mireia Vallespinós, Francisco Sanchez-Bueno, Martin R. Sprick, Andreas Trumpp, Bruno Sainz, Fátima Al-Shahrour, Raul Rabadan, Carmen Guerra and Mariano Barbacid
PNAS 2018; published ahead of print January 19, 2018, https://doi.org/10.1073/pnas.1717802115

Fonte: CNIO (Centro Nacional de Investigaciones Oncológicas – Madrid)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: