Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 438 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Leucemia: cellule tumorali uccise con un farmaco per il diabete.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2017

Gli scienziati del McMaster Stem Cell and Cancer Research Institute – McMaster University, hanno trovato un modo innovativo per uccidere le cellule tumorali nella leucemia mieloide acuta, preservando e rigenerando globuli rossi sani.

leukemia

Come spiegano gli scienziati, che hanno pubblicato il lavoro sulla rivista Cell Chemical Biology i metodi convenzionali per il trattamento della leucemia si concentrano sul targeting delle cellule leucemiche, prestando poca attenzione alla conservazione dei globuli rossi. Ma la produzione di cellule del sangue sane nel midollo osseo è fondamentale per impedire ai pazienti con leucemia di avere anemia o infezioni fatali.
I ricercatori hanno esaminato il processo di formazione delle cellule del sangue nei pazienti con la malattia e lo hanno confrontato con quello dei donatori sani. I ricercatori hanno scoperto che la malattia “distrugge la nicchia adipocitica” nel midollo osseo. E più specificamente, hanno scoperto che la leucemia sopprime gli adipociti o cellule che conservano il grasso nel midollo osseo.

Gli scienziati hanno somministrato un cosiddetto agonista PPAR-gamma – un farmaco comunemente usato per trattare il diabete di tipo 2 – nei topi e hanno trovato che ha ripristinato le cellule di grasso nel midollo osseo. Questa “rinascita” delle cellule adipose ha portata ad una sana maturazione ematopoietica reprimendo la crescita leucemica.

Questo non solo ha soppresso le cellule tumorali ‘cattive'”, ha spiegfato il prof. Bathia, “ma anche ha sostenuto le “cellule sane” positive, permettendo loro di rigenerarsi nel nuovo ambiente indotto dal farmaco“.

Il fatto che possiamo individuare un tipo di cellule in un tessuto utilizzando un farmaco esistente ci rende entusiasti sulle possibilità di sperimentare questo terapia nei pazienti“, continua Prof. Bhatia. Un un approccio completamente diverso rispetto alle cure attuali, andiamo a  cambiare l’ambiente in cui vivono le cellule tumorali.

Leggi abstract dell’articolo:
Sam68 Allows Selective Targeting of Human Cancer Stem Cells
Yannick D. Benoit, Ryan R. Mitchell, Ruth M. Risueño, Luca Orlando, Borko Tanasijevic, Allison L. Boyd, Lili Aslostovar, Kyle R. Salci, Zoya Shapovalova, Jennifer Russell, Masakatsu Eguchi, Diana Golubeva, Monica Graham, Anargyros Xenocostas, Michael R. Trus, Ronan Foley, Brian Leber, Tony J. Collins, Mickie Bhatia.
Cell Chemical Biology, Volume 24, Issue 7, 833 – 844.e9, DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.chembiol.2017.05.026

Fonte: McMaster Stem Cell and Cancer Research Institute – McMaster University

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: