Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 468 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Archive for 27 settembre 2017

NIH: Disponibile online il più grande set di dati di scansioni del torace.

Posted by giorgiobertin su settembre 27, 2017

L’NIH Clinical Center ha reso disponibile gratuitamente alla comunità scientifica mondiale un set di dati di scansioni è di oltre 30.000 pazienti, tra cui molti con malattia polmonare avanzata. Si tratta di oltre 100.000 immagini di radiografie a raggi X. Con la massima privacy dei pazienti, il set di dati è stato rigorosamente sottoposto a screening per rimuovere tutte le informazioni personali identificabili prima del rilascio.

lung-mass

La lettura e la diagnosi delle immagini radiografiche del torace possono essere relativamente semplici per i radiologi, richiedono una attenta analisi e osservazione, un ragionamento complesso oltre che una conoscenza dei principi anatomici, della fisiologia e della patologia.

L’NIH Clinical Center integrerà mensilmente il database con ulteriori immagini di scansioni complesse come CT e MRI.

Le immagini sono disponibili via Box: https://nihcc.app.box.com/v/ChestXray-NIHCC

ChestX-ray8: Hospital-scale Chest X-ray Database and Benchmarks on Weakly-Supervised Classification and Localization of Common Thorax Diseases.
Wang X, Peng Y, Lu L, Lu Z, Bagheri M, Summers RM
IEEE CVPR 2017,

Fonte: NIH Clinical Center

Annunci

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Cellule staminali embrionali per trattare l’insufficienza cardiaca.

Posted by giorgiobertin su settembre 27, 2017

Utilizzando cellule staminali derivate dal cordone ombelicale (ottenuti da placenta umana), i ricercatori dell’Universidad de los Andes di Santiago, Cile, hanno migliorato la funzione del muscolo cardiaco in pazienti con insufficienza cardiaca, aprendo la strada per terapie non invasive.

Il team del Dott. Bartolucci ha condotto lo studio (Trial registration number: NCT01739777) confrontando i pazienti che avevano ricevuto un’iniezione endovenosa con cellule staminali da cordoni ombelicali, donati da madri sane che hanno portato la loro gravidanza a termine e hanno avuto un parto cesareo, con pazienti che avevano ricevuto un placebo. Nel gruppo delle cellule staminali, la terapia ha migliorato la capacità dei cuori di pompare il sangue anche ad un anno dopo il trattamento. La terapia con cellule staminali ha anche migliorato il funzionamento quotidiano e la qualità della vita dei pazienti trattati.

heart-stem-cells

Gli autori dello studio fanno notare che le ricerche precedenti per il trattamento dell’insufficienza cardiaca erano state condotte su cellule staminali derivate dal midollo osseo, per l’uso delle cellule staminali derivate da cordone ombelicale si tratta del primo studio.
Le cellule staminali embrionali non rappresentano nessuna preoccupazione dal punto di vista etico; inoltre non sono suscettibili di suscitare una risposta immunitaria negativa. Il trattamento, concludono gli autori è “fattibile e sicuro”.

I risultati – che sono stati pubblicati sulla rivista “Circulation Research“.

Leggi abstract dell’articolo:
Safety and Efficacy of the Intravenous Infusion of Umbilical Cord Mesenchymal Stem Cells in Patients With Heart Failure: A Phase 1/2 Randomized Controlled Trial (RIMECARD Trial)
Jorge G Bartolucci, Fernando J Verdugo, Paz L González, Ricardo E Larrea, Ema Abarzua, Carlos Goset, Pamela G Rojo, Ivan Palma, Ruben Lamich, Pablo A Pedreros, Gloria Valdivia, Valentina M Lopez, Carolina Nazzal, Francisca Alcayaga, Jimena Cuenca, Matthew J Brobeck, Amit N Patel, Fernando E Figueroa, Maroun Khoury
Circulation Research. September 15, 2017, Volume 121, Issue 7; https://doi.org/10.1161/CIRCRESAHA.117.310712

Trial registration numberNCT01739777

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tossine cancerogene trovate nell’estratto della cannabis.

Posted by giorgiobertin su settembre 27, 2017

I ricercatori dell’Portland State University hanno trovato benzene e altre sostanze chimiche che potrebbero causare il cancro nel vapore prodotto dall’olio di hashish, un estratto della cannabis. Questo olio di hashish è estratto tramite butano un solvente fortemente infiammabile e potenzialmente esplosivo.

Data la diffusa legalizzazione della marijuana negli USA, ed ora anche in altri paesi, è indispensabile studiare la tossicologia dei prodotti estratti per guidare la politica futura“, ha dichiarato il professore Rob Strongin.

olio-di-cannabis

Strongin e il suo team hanno analizzato il profilo chimico dei terpeni, gli oli profumati della marijuana e di altre piante, evaporandoli con la stessa procedura usata dall’utente nel vaporizzare l’olio di hashish.

I terpeni sono utilizzati anche in liquidi per le sigarette elettroniche. Esperimenti precedenti da Strongin e i suoi colleghi avevano trovato sostanze chimiche tossiche nel vapore di sigaretta elettronica quando i dispositivi sono utilizzati a temperature elevate.

Gli esperimenti hanno evidenziato il rilascio di un prodotto il benzene – un noto cancerogeno – a livelli molto diversi dall’aria dell’ambiente, sono stati trovati anche livelli elevati di metacroleina, una sostanza chimica simile all’acroleina, un altro cancerogeno.
I risultati sono riportati sulla rivista ACS Omega un giornale dell’American Chemical Society.

Leggi abstract dell’articolo:
Toxicant Formation in Dabbing: The Terpene Story
Jiries Meehan-Atrash, Wentai Luo, and Robert M. Strongin
ACS Omega 2017 2 (9), 6112-6117 DOI: 10.1021/acsomega.7b01130

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »