Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 467 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento
  • Annunci

Archive for 25 settembre 2017

HIV: Ecco come il virus persiste nel sistema immunitario.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2017

I ricercatori dell’Unità di Biosicurezza della terapia genica e mutagenesi inserzionale dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget) di Milano, hanno scoperto che il virus HIV è in grado di indurre alterazioni genetiche in un sottotipo di cellule del sistema immunitario (le cellule T regolatorie), con l’obiettivo di sfruttarle come “rifugio“.
Lo studio che è stato pubblicato sulla rivista “Nature Communications“,  contribuisce alla comprensione delle modalità con cui HIV agisce per proteggersi e persistere nell’organismo.

hiv1

Gli scienziati hanno scoperto che il virus HIV, quando infetta le cellule T regolatorie spesso integra il suo genoma accanto a due geni specifici, STAT5B e BACH2, che hanno un ruolo importante nella sopravvivenza e nella proliferazione delle cellule T, e li attiva. In questo modo, le cellule infette si riproducono più velocemente delle altre e persistono più a lungo nell’organismo, andando a costituire un vero e proprio “serbatoio virale”.

Lo studio potrebbe aprire la strada allo sviluppo di nuove metodiche molecolari che chiariscano come viene creato e mantenuto il ‘serbatoio virale’ di HIV e ad approcci che blocchino l’attività dei geni alterati nelle cellule T regolatorie. La speranza è di ottenere in futuro l’eradicazione dell’infezione da HIV.

Leggi abstract dell’articolo:
HIV-1-mediated insertional activation of STAT5B and BACH2 trigger viral reservoir in T regulatory cells
Daniela Cesana, Francesca R. Santoni de Sio, Laura Rudilosso, Pierangela Gallina, Andrea Calabria, Stefano Beretta, Ivan Merelli, Elena Bruzzesi, Laura Passerini, Silvia Nozza, Elisa Vicenzi, Guido Poli, Silvia Gregori, Giuseppe Tambussi & Eugenio Montini
Nature Communications 8, Article number: 498 Published online: 08 September 2017

Fonte: Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica (SR-Tiget), IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano, Italia

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Terapia genica inverte la sclerosi multipla negli animali.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2017

La sclerosi multipla può essere inibita o invertita nei modelli di topo usando una nuova tecnica di terapia genica che sopprime la risposta immunitaria che induce la malattia, ad affermarlo sono i ricercatori della University of Florida College of Medicine. che hanno pubblicato i risultati sulla rivista “Molecular Therapy“.

I ricercatori hanno utilizzato un virus innocuo, noto come adeno-associated virus or AAV, per trasmettere un gene che codifica una proteina della guaina mielinica chiamata “myelin oligodendrocyte glycoprotein or MOG”, nel fegato dei modelli del topo. La proteina porta alla produzione di cosiddette cellule T regolatorie, che agiscono sulle cellule del sistema immunitario.


Gene therapy used to inhibit, reverse multiple sclerosis in animal model

Utilizzando una piattaforma di terapia genica testata clinicamente, siamo in grado di indurre le cellule T regolatorie molto specifiche, che mirano alle cellule auto-reattive responsabili di causare la sclerosi multipla“, ha affermato il prof. Brad E. Hoffman, (video).

La proteina indotta dalla terapia genica, MOG, è stata trovata efficace nel prevenire e invertire la sclerosi multipla da sola e i risultati sono stati convalidati attraverso diversi esperimenti indipendenti. Nel complesso, la terapia è stata testata in gruppi da 5 a 10 topi e i risultati sono stati riprodotti più volte.
Dopo sette mesi, i modelli di topi trattati con terapia genica non mostravano segni di malattia, rispetto a un gruppo di controllo che aveva problemi neurologici dopo 14 giorni.

Prima che la terapia possa essere testata negli esseri umani durante uno studio clinico, saranno necessarie ulteriori ricerche su altri modelli preclinici, affermano i ricercatori.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Gene Therapy-Induced Antigen-Specific Tregs Inhibit Neuro-inflammation and Reverse Disease in a Mouse Model of Multiple Sclerosis
Geoffrey D. Keeler, Sandeep Kumar, Brett Palaschak, Emily L. Silverberg, David M. Markusic, Noah T. Jones, Brad E. Hoffman
Molecular Therapy Available online 21 September 2017https://doi.org/10.1016/j.ymthe.2017.09.001

Fonte:  University of Florida College of Medicine.

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Scoperto come le cellule immunitarie promuovono il cancro.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2017

I ricercatori del Children’s Center for Cancer and Blood Diseases at Children’s Hospital Los Angeles hanno identificato il meccanismo attraverso il quale una cellula immunitaria – chiamata macrofago associata al tumore – promuove il cancro invece di combatterlo.
Hanno identificato il percorso molecolare, noto come STAT3, attraverso il quale la cellula immunitaria si trasforma e promuove il neuroblastoma, un cancro pediatrico, ed hanno anche dimostrato che l’uso di un agente clinicamente disponibile, ruxolitinib, permette di bloccare il percorso. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista “Oncotarget“.

oncotarget-cover

I macrofagi associati al cancro – Tumor-associated macrophages (TAMs) – sono essenzialmente cooptati dalle cellule tumorali per aiutarli a crescere”, ha affermato il prof. Shahab Asgharzadeh, principale dello studio. “Stiamo cercando di saperne di più sui meccanismi che consentono ai TAMs di aiutare a crescere il cancro in modo da poter mettere a punto i percorsi che riescano a bloccare il loro effetto pro-tumore”.

Targeting STAT3 può essere un approccio promettente per bloccare le interazioni tra le cellule tumorali e le cellule immunitarie tradizionali, e può essere una via per migliorare i risultati nei bambini con neuroblastoma ad alto rischio“, ha dichiarato Asgharzadeh. Il passo successivo è quello di combinare agenti che bloccano il percorso STAT3 con farmaci che sono stati efficaci nel trattamento del neuroblastoma.

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Tumor-associated macrophages promote neuroblastoma via STAT3 phosphorylation and up-regulation of c-MYC
Michael D. Hadjidaniel, Sakunthala Muthugounder, Long T. Hung, Michael A. Sheard, Soheila Shirinbak, Randall Y. Chan, Rie Nakata, Lucia Borriello, Jemily Malvar, Rebekah J. Kennedy, Hiroshi Iwakura, Takashi Akamizu, Richard Sposto, Hiroyuki Shimada, Yves A. DeClerck, Shahab Asgharzadeh
Oncotarget Published: September 16, 2017https://doi.org/10.18632/oncotarget.21066

Fonte: Children’s Center for Cancer and Blood Diseases at Children’s Hospital Los Angeles

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Luce sul meccanismo che porta all’osteoporosi associata all’età.

Posted by giorgiobertin su settembre 25, 2017

Un grave problema di salute nelle persone anziane è l’osteoporosi associata all’età – il distacco dell’osso e la perdita di densità ossea che aumenta il rischio di fratture. Spesso questo è accompagnato da un aumento delle cellule di grasso nel midollo osseo.

I ricercatori dell’University of Alabama at Birmingham (UAB) hanno scoperto il meccanismo che porta all’osteoporosi associata all’età. Quando questo meccanismo malfunziona, le cellule progenitrici smettono di creare cellule che producono ossa e, invece, creano cellule adipose. La conoscenza di questo meccanismo può fornire obiettivi nella ricerca di nuove terapie per il trattamento dell’osteoporosi umana.

osteporosis
A protein called Cbf-beta plays a critical role in maintaining bone-producing cells. An examination of aged mice showed dramatically reduced levels of Cbf-beta in bone marrow cells, as compared to younger mice. Thus, the researchers propose, maintaining Cbf-beta may be essential to preventing human age-associated osteoporosis that is due to elevated creation of fat cells.

I ricercatori dell’UAB hanno scoperto che una proteina denominata Cbf-beta svolge un ruolo fondamentale nel mantenere le cellule che producono ossa. Inoltre, negli esperimenti sui topi invecchiati sono stati trovati livelli drasticamente ridotti di Cbf-beta nelle cellule del midollo osseo, rispetto ai topi più giovani. Il mantenimento di Cbf-beta a valori normali può essere essenziale per prevenire l’osteoporosi associata all’età umana.

Leggi abstract dell’articolo:
Cbfβ governs osteoblast−adipocyte lineage commitment through enhancing β-catenin signaling and suppressing adipogenesis gene expression
Mengrui Wu, Yiping Wang, Jian-Zhong Shao, Jue Wang, Wei Chen, and Yi-Ping Li
PNAS 2017 114 (38) 10119-10124; published ahead of print September 1, 2017, doi:10.1073/pnas.1619294114

Fonte: University of Alabama at Birmingham

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »