Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 438 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 3 settembre 2017

Nuovo trattamento con successo dell’ipertensione.

Posted by giorgiobertin su settembre 3, 2017

I ricercatori della University of Western Australia hanno fatto un passo avanti nella lotta contro la pressione alta dopo le prime sperimentazioni umane di un trattamento rivoluzionario che ha prodotto risultati di successo.

Sappiamo che i pazienti con pressione sanguigna incontrollabile hanno spesso un corpo carotideo eccessivo, quindi con la nuova tecnica abbiamo cercato di far tacere o almeno ridurre la sua attività“, afferma il professor Schlaich coordinatore del team.

La procedura all’avanguardia mira ai corpi carotidei, ai piccoli organi che si trovano su entrambi i lati del collo, che regolano i sistemi cardiovascolari e respiratori.
La procedura consiste nel guidare un catetere attraverso la vena femorale dall’inguine fino al collo e qui si ferma adiacente al corpo carotideo. Il dispositivo quindi interviene sull’organo specifico con brevi impulsi di energia ad ultrasuoni, rendendolo inefficace (video). L’ultrasuono blocca i segnali inviati dal corpo carotideo al cervello. Stiamo parlando di un tempo di trattamento netto da 20 a 30 secondi.

L’ultrasuono terapeutico può emettere onde di energia che attraversano il tessuto, destinate all’organo di interesse” afferma il Professor Markus Schlaich. “Questo approccio non sarà utilizzato per tutti i pazienti con ipertensione, ma potrebbe essere un ottimo approccio per coloro la cui pressione sanguigna non può essere controllata con farmaci o cambiamenti di stile di vita. Abbiamo visto riduzioni di pressione sanguigna molto significative nei pazienti (n. 29) inseriti nello studio“.

Fonte: University of Western Australia

Annunci

Posted in News-ricerca | Leave a Comment »