Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 412 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Sviluppato un nuovo metodo per il trattamento dell’aterosclerosi.

Posted by giorgiobertin su maggio 25, 2017

I ricercatori della Ben Gurion University del Negev e del Sheba Medical Center hanno sviluppato un nuovo metodo per il trattamento dell’aterosclerosi e la prevenzione dell’insufficienza cardiaca, utilizzando un bio-polimero che riduce la placca arteriosa e l’infiammazione nel sistema vascolare.
Quando le cellule endoteliali diventano infiammate, producono una molecola chiamata “E-selectina“, che porta i globuli bianchi del sangue (monociti) nell’area e provocano l’accumulo di placca nelle arterie.

Heart_attacks

“Il nostro polimero E-selectina-targeting – spiega il prof. Ayelet David del Dipartimento BGU di Biochimica Clinica e Farmacologia – riduce la placca esistente e impedisce l’ulteriore progressione della placca e dell’infiammazione, prevenendo la trombosi arteriosa, l’ischemia, l’infarto del miocardio e l’ictus”.
Il polimero si deposita sul tessuto danneggiato e non provoca danni al tessuto sano, non ci sono quindi effetti collaterali. Attualmente le statine sono i farmaci più importanti per il trattamento dell’aterosclerosi, che possiedono però un certo numero di effetti collaterali noti.

La nuova terapia è stata già brevettata ed è ora in fase preclinica. Il nuovo polimero, è stato testato sui topi ed ha dato risultati molto positivi. I ricercatori hanno trattato i topi con l’aterosclerosi attraverso quattro iniezioni del polimero ed hanno esaminato il cambiamento nelle vene dopo quattro settimane.

Siamo rimasti stupiti dai risultati“, dice Jonathan Leor, professore di cardiologia presso l’Università di Tel Aviv. “Il cuore l’attività muscolare dei topi trattati era migliorata notevolmente, hanno avuto meno infiammazione nelle loro arterie e lo spessore è diminuito in modo significativo“. “Si potrebbe dire che questo è il primo risultato del genere. Ora siamo alla ricerca di una società farmaceutica che porti avanti i passi per lo sviluppo del farmaco e l’eventuale commercializzazione“.

Lo studio è in fase di pubblicazione.

Fonti: Phys.org  –  Ben Gurion University del Negev

Annunci

Una Risposta to “Sviluppato un nuovo metodo per il trattamento dell’aterosclerosi.”

  1. DANIELA PELOTTI said

    QUESTO ARTICOLO CONFERMA che all’origine dell’aterosclerosi vi sono processi infiammatori!

    Infezione come causa di aterosclerosi

    Lo studio di Framingham ha identificato l’iperlipemia, l’ipertensione, il diabete, la dieta ad elevato contenuto di grassi, il fumo e l’inattività fisica come fattori di maggior rischio per lo sviluppo dell’aterosclerosi, la principale causa di malattia cardiovascolare nei paesi industrializzati. L’infezione non è stata presa in considerazione come fattore di rischio significativo, sino a poco tempo fa. Poiché il trattamento di prevenzione dell’infezione è possibile con l’uso di antibiotici o vaccini, il riconoscimento che particolari agenti microbici possano causare o contribuire alla foreazione dell’aterosclerosi dovrebbe avere un enorme impatto sulla prevenzione di questa malattia.

    MALATTIE CORONARICHE la vera causa? INFEZIONI BATTERICHE! LA CURA? ANTIBIOTICI E DIETA AGLUTINATA IPOGLUCIDICA

    I biofilm sono comunità densamente popolate di cellule microbiche che si sviluppano su superfici viventi o inerti e si circondano con polimeri secreti. Molte specie batteriche formano biofilm, e il loro studio ha rivelato che la loro struttura è complessa e diversificata. La complessità strutturale e fisiologica dei biofilm ha portato l’idea che si tratta di gruppi coordinati e che cooperatino tra di loro, analogoamente a organismi pluricellulari.

    aterosclerosi – Biofilm può contribuire allo sviluppo di aterosclerosi. le placche aterosclerotiche sono composte da biofilm. “Biofilm crescono lentamente, in luoghi diversi, e le infezioni biofilm sono spesso lenti a produrre sintomi evidenti.

    Batteri biofilm possono muoversi in diversi modi che permettono loro di infettare facilmente nuovi tessuti.

    Poiché i batteri in un biofilm sono protetti da una matrice, il sistema immunitario è incapace a creare una risposta alla loro presenza.

    La vera chiave per prevenire le malattie cardiache è quello di utilizzare un approccio combinato, che tratta tutti gli aspetti della salute fisica ed emotiva.

    LA MIA OPINIONE

    Il colesterolo non è la causa di malattie cardiache
    Sì, questa è una dichiarazione sorprendente, ma è vera, contrariamente alla credenza popolare, il colesterolo alto non è la principale causa di malattie cardiache. Il colesterolo alto indica ipofunzione tiroidea e quindi predisposizione a infezioni batteriche e virali ripetute che contribuiscono al danno dei vasi arteriosi, delle valvole cardiache, del miocardio e dei reni, con alterazione dei fattori della coagulazione e rischio di patologie cardiovascolari.

    Il colesterolo è alto quando la tiroide non funziona bene o meglio ipofunziona.

    Quando la tiroide ipofunziona vi è anche una diminuzione delle difese immunitarie dovute ad una carenza di iodio nelle mucose a contatto con le vie aeree superiori e questo facilita l’ingresso di batteri che vanno nel sangue e di qui nelle arterie, nel cuore, nei reni, nelle articolazioni.

    La causa di una ipofunzione tiroidea è principalmente il GLUTINE che agisce con tre meccanismi

    1) in alcune persone predisposte il glutine altera il sistema immunitario dell’individuo sensibile causando la produzione di anticorpi antitiroidei

    2) il glutine infiamma la mucosa dell’intestino riducendone e impedendone la corretta assimilazione di iodio utile alla tiroide per il suo corretto funzionamento.

    3) il glutine causa con meccanismo autoimmune una diminuzione della produzione di insulina e una aumentata resistenza insulinica. Il livello glicemico alto alimenta e nutre la crescita dei batteri.

    Se la tiroide ipofunziona

    A) il colesterolo è alto

    B) batteri e virus entrano delle vie aeree superiori e invadono il circolo ematico causando infiammazione sistemica.

    GLUTINE E CARBOIDRATI CAUSANO COLON IRRITABILE E IPOFUNZIONE TIROIDEA INFEZIONI BATTERICHE SONO LA VERA CAUSA DI MALATTIE CARDIOCIRCOLATORIE.

    Il Dr. Dwight Lundell è stato a capo del personale e Primario di Chirurgia all’Heart Hospital Banner, Mesa, AZ. Il suo studio privato, Cardiac Care Center si trova a Mesa, AZ. Recentemente il dottor Lundell ha abbandonato la pratica chirurgica per concentrarsi sul trattamento nutrizionale delle malattie cardiache. Egli è il fondatore della Healthy Humans Foundation che promuove la salute umana con particolare attenzione su come aiutare le grandi aziende a promuovere il benessere. Egli è anche l’autore di The Cure for Heart Disease e The Great Cholesterol I

    Ammetto di aver sbagliato. Da cardiochirugo con 25 anni di esperienza, dopo aver effettuato oltre 5000 interventi a cuore aperto, oggi è il mio giorno per riparare al torto fatto come medico e scienziato.

    Ho studiato per molti anni come “opinion makes”. Bombardati continuamente dalla letteratura scientifica, frequentando seminari di formazione, noi professionisti, abbiamo insistito che le malattie cardiache sono semplicemente il risultato della presenza di colesterolo nel sangue.

    L’unica terapia accettata era prescrivere farmaci per abbassare il colesterolo e una dieta che limita fortemente l’assunzione di grassi. La limitazione di quest’ultimo, naturalmente, abbiamo creduto potesse far abbassare il colesterolo e quindi le malattie cardiache. Deviazioni da queste raccomandazioni sono sempre state considerate eresia e potrebbero apparire come negligenza medica.NON FUNZIONA!

    Queste raccomandazioni non sono più scientificamente e moralmente difendibili. La scoperta pochi anni fa che l’infiammazione della parete arteriosa è la vera causa delle malattie cardiache, sta lentamente portando a un cambiamento di paradigma nel modo in cui le malattie cardiache e altre malattie croniche saranno curate.

    Le raccomandazioni dietetiche, a lungo termine, hanno creato epidemie di obesità e diabete, le cui conseguenze fanno impallidire qualsiasi piaga storica in termini di mortalità, sofferenza umana e disastrose conseguenze economiche. Nonostante il fatto che il 25% della popolazione prende costosi farmaci che contengono statine e nonostante il fatto che abbiamo ridotto il contenuto di grassi della nostra dieta, più americani moriranno quest’anno di malattie cardiache rispetto al passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: