Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 416 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 8 maggio 2017

ISTAT: Dati di mortalità per causa 2003-2014.

Posted by giorgiobertin su maggio 8, 2017

Malattie del cuore, tumore del polmone, ipertensione, demenze, alzheimer e diabete: sono queste le prime cause di morte degli italiani rilevate dall’Istat per il periodo 2003-2014.

ISTAT-cause-morte

L’Istituto di statistica ISTAT ha pubblicato un report completo sui dati di mortalità per causa, evidenziando le prime 25 cause di mortalità nel nostro Paese.
Nel 2014 i decessi in Italia sono stati 598.670 e dal 2003 al 2014 il tasso di mortalità si è ridotto del 23% a fronte, però, di un aumento dell’1,7% dei decessi (+9.773) dovuto all’invecchiamento della popolazione. Sia nel 2003 che nel 2014 le prime tre cause di morte in Italia sono le malattie ischemiche del cuore, le malattie cerebrovascolari e le altre malattie del cuore (rappresentative del 29,5% di tutti i decessi), anche se i tassi di mortalità per queste cause si sono ridotti in 11 anni di oltre il 35%.

Scarica e leggi il report in full text:
L’EVOLUZIONE DELLA MORTALITÀ PER CAUSA: LE PRIME 25 CAUSE DI MORTE

Posted in E-journal E-Book, Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mappatura genetica per il diabete di tipo 2.

Posted by giorgiobertin su maggio 8, 2017

Gli scienziati sono più vicini alla comprensione delle cause genetiche del diabete di tipo 2, individuando 111 nuove sedi cromosomiche (‘loci’) sul genoma umano che indicano la suscettibilità alla malattia, in precedenza solo 76 loci erano conosciuti e studiati. Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’University College London (UCL) in collaborazione con l’Imperial College of London.

genetics-diabetes

Lo studio, pubblicato su “The American Journal of Human Genetics“, ha utilizzato un metodo sviluppato presso UCL sulla base di mappe genetiche realizzate per indagare patologie complesse come il diabete di tipo 2. Sono stati analizzati campioni di pazienti di popolazioni europee, africane, americane, comprendente 5.800 soggetti con diabete di tipo 2 e 9.691 soggetti di controllo.

Nessuna malattia con una predisposizione genetica è stata più intensamente studiata come il diabete di tipo 2. Abbiamo dimostrato i benefici della mappatura genetica per identificare centinaia di luoghi in cui le mutazioni causali potrebbero essere presenti in molti popolazioni, tra cui gli afro-americani. Fornire un maggior numero di loci caratteristici per la malattia permetterà agli scienziati di studiare e costruire un quadro più dettagliato dell’architettura genetica del diabete di tipo 2″, ha spiegato l’autore principale, il prof. Nikolas Maniatis.

Attualmente stiamo studiando se questi loci alterano l’espressione dei geni in altri tessuti come il pancreas, fegato e muscolo scheletrico che sono anche rilevanti per diabete di tipo 2.

Leggi abstract dell’articolo:
High-Resolution Genetic Maps Identify Multiple Type 2 Diabetes Loci at Regulatory Hotspots in African Americans and Europeans
Winston Lau, Toby Andrew, Nikolas Maniatis
The American Journal of Human Genetics, Volume 100, Issue 5, 803 – 816, 4 May 2017

Fonte: University College London

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Atlante di cellule immunitarie per guidare l’immunoterapia.

Posted by giorgiobertin su maggio 8, 2017

Due studi indipendenti hanno iniziato a mappare le connessioni e le caratteristiche delle migliaia di cellule immunitarie circostanti i tumori umani. Uno dei due gruppi di ricerca, studiando il cancro del rene, ha trovato che i tumori con diversi esiti clinici hanno profili unici delle cellule immunitarie. Questi profili possono anche stimare la prognosi di un malato di cancro.
L’altro gruppo, studiando il cancro ai polmoni, ha dimostrato che anche i primi tumori hanno disturbato, modificando l’attività delle cellule immunitarie.
Entrambi gli studi pubblicati sulla rivista “Cell“, potrebbero portare ad avviare studi clinici di immunoterapia di precisione.

Atlas-immuno-cells

I due team affermano che la generazione e la condivisione di questi atlanti con la comunità di ricerca sul cancro fornisce conoscenze senza precedenti per il microambiente immunitario del tumore e contribuirà a promuovere la conoscenza e la progettazione razionale di studi clinici.
Per i ricercatori traslazionali, sapendo che ci sono queste differenze tra le cellule immunitarie dei tumori dei pazienti, avere a disposizione una prima mappatura di queste cellule è una possibilità allettante per l’immunoterapia personalizzata“. – affermano i ricercatori.

Leggi il full text degli articoli:
An Immune Atlas of Clear Cell Renal Cell Carcinoma.
Stéphane Chevrier, Jacob Harrison Levine, Vito Riccardo Tomaso Zanotelli, Karina Silina, …… Bernd Bodenmiller.
Cell, 2017; 169 (4): 736  DOI: 10.1016/j.cell.2017.04.016

Innate Immune Landscape in Early Lung Adenocarcinoma by Paired Single-Cell Analyses.
Yonit Lavin, Soma Kobayashi, Andrew Leader, El-ad David Amir, Naama Elefant, Camille Bigenwald, Romain Remark, Robert Sweeney, Christian D. Becker, Jacob H. Levine, Klaus Meinhof,……Miriam Merad.
Cell, 2017; 169 (4): 7500–765. e17, 4 May 2017 DOI: 10.1016/j.cell.2017.04.014

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »