Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 447 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 7 maggio 2017

FDA approva nuovo farmaco contro la SLA.

Posted by giorgiobertin su maggio 7, 2017

La  U.S. Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Radicava (edaravone) per il trattamento della Sclerosi Laterale Amiotrofica (Amyotrophic Lateral Sclerosis (ALS)), conosciuta anche come malattia di Lou Gehrig.

edaravone

Dopo aver appreso dell’approvazione all’uso di edaravone per il trattamento della SLA in Giappone (studio clinico durato sei mesi), abbiamo rapidamente sviluppato le procedure di registrazione per domanda di commercializzazione negli Stati Uniti“, ha detto Eric Bastings, della Divisione di Neurologia del Centro della FDA for Drug Evaluation and Research. “Questo è il primo nuovo trattamento approvato dalla FDA per la SLA dopo molti anni, e siamo lieti che le persone con SLA possano avere un’opzione aggiuntiva“.
La SLA è una malattia rara che attacca e uccide le cellule nervose che controllano i muscoli volontari.

Comunicato stampa FDA:
FDA approves drug to treat ALS

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Creata la prima retina sintetica.

Posted by giorgiobertin su maggio 7, 2017

I ricercatori del Dipartimento di Chimica dell’Università di Oxford, attraverso l’utilizzo di tessuti sintetici biologici, hanno sviluppato una retina sintetica artificiale. La ricerca potrebbe rivoluzionare il settore degli impianti bionici e lo sviluppo di nuove tecnologie meno invasive che si avvicinano maggiormente ai tessuti del corpo umano, aiutando a curare patologie oculari degenerative come la retinite pigmentosa.

Synthetic-retina

Il team ha realizzato una retina a doppio strato che imita da vicino il processo della retina umana naturale. La replicazione della retina è costituita da goccioline di acqua addolcita (idrogel) e proteine ​​di membrana delle cellule biologiche. Progettata come una macchina fotografica, le cellule agiscono come pixel, rilevando e reagendo alla luce per creare un’immagine in scala di grigi. “Il materiale sintetico è in grado di generare segnali elettrici, che stimolano i neuroni nella parte posteriore del nostro occhio, proprio come la retina originale” – affermano i ricercatori.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Scientific Reports“, dimostra che, a differenza di impianti retinici artificiali esistenti, le cellule-cultura sono create da materiali biodegradabili, naturali e non contengono corpi estranei o esseri viventi. In questo modo l’impianto è meno invasivo di un dispositivo meccanico, ed ha meno probabilità di avere una reazione avversa sul corpo.

La ricerca si espanderà fino a includere la sperimentazione sugli animali e poi una serie di studi clinici sugli esseri umani.

Leggi il full text dell’articolo:
Light-Patterned Current Generation in a Droplet Bilayer Array.
Vanessa Restrepo Schild, Michael J. Booth, Stuart J. Box, Sam N. Olof, Kozhinjampara R. Mahendran, Hagan Bayley.
Scientific Reports, 2017; 7: 46585 DOI: 10.1038/srep46585

Fonte: Oxford University – Department of Chemistry

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »