Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 418 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Combattere il cancro con immunoterapia.

Posted by giorgiobertin su aprile 27, 2017

L’immunoterapia con cellule T offre una grande speranza per le persone che soffrono di cancro. La segnalazione della molecola gamma interferone, che è prodotta da cellule T, svolge un ruolo chiave nella terapia. Si interrompe l’afflusso di sangue ai tumori, a rivelarlo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Berlino – Max Delbrück Center for Molecular Medicine in the Helmholtz Association (MDC), Berlin Institute of Health (BIH) and the Einstein Foundation, pubblicato sulla rivista Nature.

Le T-cellule producono non solo fattore di necrosi tumorale (TNF), ma anche l’interferone gamma molecola (IFN-γ).

MDC

Questi risultati hanno fornito una spiegazione per le proprietà potenti del molecola, che erano già ben noti. “IFN-γ è una delle armi più importanti nell’arsenale cellule T“, spiega il prof. Thomas Kammertöns. “È interessante notare come il meccanismo usato da IFN-γ per eliminare i tumori solidi assomigli alla regressione fisiologica dei vasi sanguigni durante lo sviluppo“.

IFN-γ potrebbe anche influenzare la formazione di nuovi vasi sanguigni dopo ictus o attacchi cardiaci. Ecco perché vogliamo saperne di più sui processi molecolari alla base tutto questo.”

Leggi abstract dell’articolo:
Tumour ischaemia by interferon-γ resembles physiological blood vessel regression.
Thomas Kammertoens, Christian Friese, Ainhoa Arina, Christian Idel, Dana Briesemeister, Michael Rothe, Andranik Ivanov, Anna Szymborska, Giannino Patone, Severine Kunz, Daniel Sommermeyer,… + al.
Nature, 2017; Published online 26 April 2017, DOI: 10.1038/nature22311

Fonte: Max Delbrück Center for Molecular Medicine in the Helmholtz Association (MDC)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: