Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 435 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for 8 febbraio 2017

Un radiotracciante per la diagnosi di cancro alla prostata.

Posted by giorgiobertin su febbraio 8, 2017

I ricercatori del National Institute of Biomedical Imaging e Bioingegneria (NIBIB) hanno sviluppato un nuovo radiotraciante per diagnosticare il cancro alla prostata. Lo studio di fase I di sperimentazione clinica si è concluso con successo. Ricordiamo che gli studi di fase I sono in genere condotti con un piccolo gruppo di persone, al fine di stabilire la sicurezza e identificare eventuali possibili effetti collaterali.

chen-image
The new tracer shows tumors in a 64 year old man newly diagnosed with prostate cancer.

Attualmente, i medici utilizzano una varietà di tecniche di imaging e test per diagnosticare e monitorare il cancro alla prostata compresi i test PSA sangue, la risonanza magnetica (MRI), il singolo fotone di emissione tomografia computerizzata (SPECT), tomografia ad emissione di positroni (PET) e la tomografia computerizzata (CT ) a scansioni. Ogni metodo ha punti di forza e di debolezza, ma non esiste un unico metodo che è in grado di identificare con successo e monitorare tumori primari, linfonodi metastatici, e lesioni ossee.

Xiaoyuan Chen e il suo team hanno cercato di risolvere questo problema con lo sviluppo di un radiofarmaco che potrebbe identificare il cancro alla prostata in tutte le fasi. I radiotraccianti sono costituiti da molecole carrier che sono legate strettamente ad un atomo radioattivo.
Il tracciante, come descritto sulla rivista “Journal of Nuclear Medicine” è stato in grado di identificare con successo 3 su 4 tumori primari, tutti i 14 linfonodi metastatici e, significativamente, è stato in grado di identità tutti e 20 le lesioni ossee nei pazienti.

Leggi abstract dell’articolo:
Clinical Translation of a Dual Integrin αvβ3– and Gastrin-Releasing Peptide Receptor–Targeting PET Radiotracer, 68Ga-BBN-RGD.
Jingjing Zhang, Gang Niu, Lixin Lang, Fang Li, Xinrong Fan, Xuefeng Yan, Shaobo Yao, Weigang Yan, Li Huo, Libo Chen, Zhiyuan Li, Zhaohui Zhu, and Xiaoyuan Chen.
The Journal of Nuclear Medicine. 01 Feb. 2017.

Fonte: National Institute of Biomedical Imaging e Bioingegneria (NIBIB)

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »