Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Terapia di gene-editing per la prima volta su un paziente.

Posted by giorgiobertin su novembre 17, 2016

Scienziati cinesi del West China Hospital hanno iniettato per la prima volta su un paziente cellule modificate tramite la tecnica di gene-editing denominata CRISPR-Cas9 (acronimo che sta per Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats). La tecnica è stata sviluppata soltanto da pochi anni, permettendo di aprire la strada verso la modifica dei geni in modo più semplice, economico e rapido delle metodologie utilizzate in precedenza. (Video)


Gene-editing could improve the ability of immune cells to attack cancer.

I ricercatori cinesi guidati dall’oncologo Lu You alla Sichuan University di Chengdu, hanno ottenuto l’approvazione per condurre il nuovo processo di sperimentazione questa estate. Un paziente con una forma aggressiva di cancro ai polmoni, coinvolto in un trial clinico del West China Hospital, ha ricevuto delle cellule modificate tramite questa nuova procedura.

Per quanto riguarda il trial guidato da Lu, il team ha rimosso delle cellule dal sangue del paziente, per poi “disabilitare” il gene PDCD1, il cui scopo è codificare la proteina PD-1. Quest’ultima ha un importante ruolo nella regolazione del sistema immunitario, prevenendo l’attivazione dei linfociti T, il che a sua volta consente di evitare l’autoimmunità. Questa limitazione nella risposta è normalmente molto utile, ma non nel caso di un tumore che sfrutta questa funzione per proliferare.

Il trial prevede il coinvolgimento di 10 pazienti, ognuno dei quali riceverà due, tre o quattro iniezioni delle proprie stesse cellule modificate. Lo scopo principale è quello di verificare la sicurezza di questa terapia, motivo per il quale le persone coinvolte saranno monitorate per sei mesi ed oltre dopo le iniezioni.
La speranza è che le cellule modificate possano ora passare all’offensiva e aiutare a combattere il cancro del paziente.

Leggi abstract degli articoli:
CRISPR gene-editing tested in a person for the first time
David Cyranoski
Nature 15 November 2016

PD-1 Knockout Engineered T Cells for Metastatic Non-small Cell Lung Cancer – Clinical Trial

Fonte: Sciencenews

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: