Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 396 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Additivi alimentari possono causare il cancro al colon-retto.

Posted by giorgiobertin su novembre 8, 2016

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista “Cancer Research” gli emulsionanti che vengono aggiunti ai cibi più elaborati per favorirne la consistenza e prolungarne la durata, possono alterare i batteri intestinali in un modo da promuove l’infiammazione intestinale e conseguente cancro colorettale.

Lo studio da parte di un team di ricercatori della Georgia State University ha dimostrato che basse concentrazioni di due emulsionanti comuni – carbossimetilcellulosa e polisorbato-80 – induce un basso grado di infiammazione e obesità. Al contrario è stato trovato che un’assunzione di emulsionanti altera gravemente la composizione della flora intestinale, e lo fa in modo tale da promuovere l’infiammazione e crea un ambiente favorevole per lo sviluppo del cancro.
Non solo gli emulsionanti hanno alterato l’ambiente microbiotico in un modo da favorire l’infiammazione, ma anche hanno cambiato l’equilibrio tra proliferazione cellulare e morte cellulare, che favorisce lo sviluppo del tumore.

emulsiifiers1  emulsiifiers

Gli emulsionanti quindi inducono alterazioni del microbioma. Queste alterazioni sono necessarie e sufficienti per cambiare l’equilibrio nelle cellule epiteliali intestinali. Variazioni nelle cellule epiteliali si pensa provochino la comparsa e lo sviluppo di tumori.

Ricordiamo che gli emulsionanti sono detergenti, molecole aggiunte ai prodotti alimentari trasformati, e sono utilizzati per aiutare l’acqua a mescolarsi con l’olio, dando all’alimento trasformato una consistenza liscia.

Leggi abstract dell’articolo:
Dietary emulsifier-induced low-grade inflammation promotes colon carcinogenesis
Emilie Viennois, Didier Merlin, Andrew T. Gewirtz and Benoit Chassaing
Cancer Research DOI: 10.1158/0008-5472.CAN-16-1359 Published 7 November 2016

Fonte: Georgia State University

Una Risposta to “Additivi alimentari possono causare il cancro al colon-retto.”

  1. Daniela pelotti said

    l cancro al colon-retto e’ stato gia’ collegato alla dietra occidentale ricca di carboidrati. Un nuovo studio dell’Universita’ di Toronto, pubblicato sulla rivista Cell Press, ha infatti scoperto che i batteri intestinali metabolizzano i carboidrati, provocando la proliferazione delle cellule intestinali e la formazione di tumori nei topi predisposti geneticamente al cancro del colon-retto. I ricercatori hanno anche scoperto che gli antibiotici e una dieta povera di carboidrati riduce significativamente le probabilita’ dei topi di sviluppare questo tipo di tumore, suggerendo quindi che questi semplici interventi potrebbero aiutare a prevenire un tipo comune di cancro colonrettale negli essei umani.

    “Poiche’ il cancro del colon-retto ereditario e’ associato con lo sviluppo di un tumore rapido e aggressivo, e’ fondamentale capire come i principali fattori ambientali, come i microbi e la dieta, interagiscono potenzialmente con i fattori genetici influenzando la progressione della malattia”, ha detto Alberto Martin, autore dello studio. “Il nostro studio – ha continuato – suggerisce nuove risposte a questa domanda, mostrando come i batteri intestinali interagiscono con una dieta ricca di carboidrati per stimolare un tipo prevalente di cancro al colon ereditario”. Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno usato topi con mutazioni dei geni Apc e Msh2, associati gia’ in passato al tumore al colon-retto. I tipo sono stati quindi predisposti a sviluppare questo tipo di cancro.

    Ebbene, il trattamento con antibiotici e una dieta povera di carboidrati ha ridotto la proliferazione cellulare, nonche’ il numero di tumori nell’intestino tenue e nel colon. Inoltre, con questi due accorgimenti sono diminuiti anche alcuni batteri intestinali che metabolizzano i carboidrati producendo un acido grasso chiamato butirrato. Quando, invece, i ricercatori hanno aumentato livelli di butirrato nei topi trattati con antibiotici, e’ aumentata la proliferazione cellulare e il numero dei tumori intestinali. “Trovando un collegamento diretto tra la genetica e i microbi intestinali, i nostri risultati suggeriscono che una dieta a basso contenuto di carboidrati, nonche’ l’alterazione nella comunita’ microbica intestinale, potrebbe essere utile per quegli individui che sono geneticamente predisposti al cancro del colon-retto”, ha concluso Martin

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: