Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Ruolo della prolattina nel carcinoma mammario triplo negativo.

Posted by giorgiobertin su ottobre 25, 2016

Uno studio condotto presso il Research Institute of the McGill University Health Centre (RI-MUHC) suggerisce lo screening per pazienti con cancro mammario per il recettore della prolattina; potrebbe migliorare la prognosi per il paziente ed aiutare ad evitare trattamenti inutili e invasivi.

triple-breast-cancer

Utilizzando un database di 580 donne con tumore al seno triplo negativo (triple negative breast cancer – TNBC), i ricercatori hanno scoperto che la sopravvivenza è stata prolungata in pazienti che hanno espresso il recettore della prolattina e che l’ormone prolattina è stata in grado di ridurre il comportamento aggressivo delle cellule cancerose.

TNBC è il tipo più aggressivo di cancro al seno ed è molto difficile da trattare“, spiega il Dr. Suhad Ali. “Abbiamo scoperto che le donne con tumori che esprimono il recettore della prolattina avevano un cancro al seno meno aggressivo ed una prognosi migliore“.
La nostra ricerca supporta l’allattamento al seno che non è vantaggioso solo per i bambini ma anche per le madri. Dal momento che l’allattamento al seno è un modo naturale per la produzione di prolattina in alti livelli, l’allattamento al seno farebbe effettivamente ridurre il rischio di una donna di sviluppare il cancro al seno“.

Scarica e leggi il documento in full text:
Prolactin Pro-Differentiation Pathway in Triple Negative Breast Cancer: Impact on Prognosis and Potential Therapy
Vanessa M. López-Ozuna, Ibrahim Y. Hachim, Mahmood Y. Hachim, Jean-Jacques Lebrun & Suhad Ali
Scientific Reports 6, Article number: 30934 (2016) – doi:10.1038/srep30934

Fonte: Research Institute of the McGill University Health Centre (RI-MUHC)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: