Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Tumore al polmone: Buoni risultati con l’immunoterapia.

Posted by giorgiobertin su ottobre 9, 2016

E’ stata presentata al 41° Congresso della Società europea di Oncologia Medica (European Society for Medical Oncology, ESMO) in corso a Copenaghen, una nuova immunoterapia che nel tumore al polmone riduce del 40% il rischio di mortalità e può migliorare del 50% la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia tradizionale a base di platino. Una terapia che potrebbe anche sostituirsi alla chemio.

I risultati di due studi mostrano una concreta opportunità terapeutica nell’utilizzo di pembrolizumab in monoterapia in prima linea.

keynote-024   cancro_polmone

In particolare lo studio KEYNOTE-024, pubblicato sulla rivista “New England Journal of Medicine“,  ha coinvolto 305 pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule in fase avanzata (con espressione della proteina PD-L1 sulle cellule tumorali superiore o uguale al 50%) e ha evidenziato una sopravvivenza libera da progressione di 10,3 mesi nei pazienti trattati con pembrolizumab rispetto a 6 mesi con la chemioterapia e una sopravvivenza globale a 6 mesi dell’80,2% rispetto al 72,4%.

Lo studio di fase II Keynote-021 – pubblicato su “The Lancet Oncology” – ha reclutato 123 pazienti con tumore polmonare metastatico non-squamoso in prima linea. I risultati hanno mostrato un raddoppiamento della risposta tumorale e una riduzione del rischio di progressione o di morte del 47% con pembrolizumab in combinazione a chemioterapia (carboplatino in associazione a pemetrexet) rispetto alla sola chemioterapia, indipendentemente dal livello di espressione di PD-L1.
Lo studio ha dimostrato un chiaro vantaggio in termini di risposta obiettiva. Anche sotto il profilo della tollerabilità, la combinazione con la chemioterapia non influisce in modo significativo sull’incidenza degli eventi avversi.

Leggi abstract dell’articolo:
Pembrolizumab versus Chemotherapy for PD-L1–Positive Non–Small-Cell Lung Cancer
Martin Reck, Delvys Rodríguez-Abreu, Andrew G. Robinson, Rina Hui, Tibor Csőszi, Andrea Fülöp, Maya Gottfried, Nir Peled, Ali Tafreshi, Sinead Cuffe, Mary O’Brien, Suman Rao, Katsuyuki Hotta, Melanie A. Leiby, Gregory M. Lubiniecki, Yue Shentu, Reshma Rangwala, Ph.D., and Julie R. Brahmer,
NEJM October 9, 2016 – DOI: 10.1056/NEJMoa1606774

Abstract LBA8_PR ‘KEYNOTE-024: Pembrolizumab (pembro) vs platinum-based chemotherapy (chemo) as first-line therapy for advanced NSCLC with a PD-L1 tumor proportion score (TPS) ≥50%

KEYNOTE-024 ClinicalTrials.gov number, NCT02142738

Abstract for LBA46 – Randomized, phase 2 study of carboplatin and pemetrexed with or without pembrolizumab as first-line therapy for advanced NSCLC: KEYNOTE-021 cohort G will be presented by Dr Corey Langer during Presidential Symposium 2 on Sunday 9 October

KEYNOTE-021 ClinicalTrials.gov number, NCT02039674

Fonte: ESMO Press Release  –   Oncolive

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: