Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Nano particelle di inquinamento dell’aria entrano nel cervello.

Posted by giorgiobertin su ottobre 1, 2016

Secondo una nuova ricerca condotta dai ricercatori della Lancaster University, minuscole particelle di inquinamento sono stati scoperte all’interno di campioni di tessuto cerebrale.
La scoperta – descritta come “terribilmente scioccante” dai ricercatori – solleva una serie di nuove domande circa i rischi per la salute dell’inquinamento atmosferico. Molti studi si sono concentrati sull’impatto dell’inquinamento dell’aria sui polmoni e il cuore.
Ora questa nuova ricerca fornisce la prima evidenza che le particelle minuscole di quella che viene chiamata magnetite, derivate dall’inquinamento, possono trovare la loro strada nel cervello.


Toxic air pollution nanoparticles discovered in the human brain – Professor Barbara Maher explains.

Il team ha analizzato campioni di tessuto cerebrale di 37 persone – 29 che avevano vissuto e morte a Città del Messico, nota città inquinata; ed 8 provenienti da Manchester, morte con diversi livelli di gravità per malattie neurodegenerative.
Per la prima volta abbiamo trovato le particelle di magnetite provenienti dall’inquinamento all’interno del cervello umano” – afferma la prof.ssa Maher che ha pubblicato i risultati sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS)“.
E’una scoperta incredibile. Si tratta di un filone di ricerca da indagare per capire se queste particelle di magnetite causano o accelerano le malattie neurodegenerative” (video).

Maher sottolinea: “Questo studio offre prove convincenti che la magnetite da inquinamento atmosferico possono entrare nel cervello, ma non ci dice che effetto ha sulla salute o sulle malattie come il morbo di Alzheimer”. “Le cause di demenza sono complesse e finora non c’è stato abbastanza ricerca per dire se chi vive in città e nelle aree inquinate aumenta il rischio di demenza“.

Leggi abstract dell’articolo:
Magnetite pollution nanoparticles in the human brain
Barbara A. Maher, Imad A. M. Ahmed, Vassil Karloukovski, Donald A. MacLaren, Penelope G. Foulds, David Allsop, David M. A. Mann, Ricardo Torres-Jardón, and Lilian Calderon-Garciduenas
PNAS September 27, 2016 vol. 113 no. 39 10797-10801 – doi: 10.1073/pnas.1605941113

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: