Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 394 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Osteoartrite: Possibile trattamento con iniezioni di nanoparticelle.

Posted by giorgiobertin su settembre 29, 2016

I ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno dimostrato nei topi che l’iniezione di nanoparticelle nelle giunture delle articolazioni nei casi di osteoartrite è in grado di inibire l’infiammazione che contribuisce al danno della cartilagine.

cartilage
Researchers at Washington University School of Medicine in St. Louis have found that injecting nanoparticles into an injured joint can inhibit the inflammation that contributes to the cartilage damage seen in osteoarthritis. Shown in green is an inflammatory protein in cartilage cells. After nanoparticles are injected, the inflammation is greatly reduced. Credit: Washington University in St. Louis

Christine Pham, professore associato di medicina spiega: “Cerchiamo di trattare i sintomi dell’osteoartrosi, ma anche quando iniettiamo steroidi in un giunto artritico, il farmaco rimane solo per un massimo di un paio d’ore, e poi viene eliminato. Queste nanoparticelle rimangono nel sito più a lungo e aiutano a prevenire la degenerazione della cartilagine.”

Le nanoparticelle utilizzate nello studio sono 10 volte più piccolo di un globulo rosso, questo consente la penetrazione in profondità nei tessuti. Le particelle trasportano un peptide derivato da una proteina naturale chiamata melittin che è stata modificata per consentirgli di legarsi a una molecola chiamata small interfering RNA (siRNA). Il complesso peptidico di NF-kB siRNA agisce nell’articolazione danneggiata, interferendo con l’infiammazione delle cellule. La nanoparticella peptidica penetra in profondità nella cartilagine per consegnare il suo carico terapeutica ai condrociti, dimostrando la sua capacità di permeare la matrice cartilaginea densa.
Le nanoparticelle sono state iniettate poco dopo l’infortunio per evitare la rottura della cartilagine, che alla fine porta alla osteoartrite.

Leggi abstract dell’articolo:
Suppression of NF-kB activity via nanoparticle-based siRNA deliver alters early cartilage responses to injury.
Yan X, Duan X, Pan H, Holguin N, Rai MF, Akk A, Springer LE, Wickline SA, Sandell LJ, Pham CTN.
Proceedings of the National Academy of Sciences, Early Edition. Published online before print September 28, 2016, doi: 10.1073/pnas.1608245113 .

Fonte: Washington University School of Medicine di St. Louis

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: