Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Carni rosse nella dieta associate ad un tasso di mortalità più elevato.

Posted by giorgiobertin su agosto 2, 2016

Uno studio dell’Harvard Medical School di Boston, pubblicato su “Jama Internal Medicine” suggerisce che una dieta vegetariana o vegana può allungare la vita. I ricercatori hanno associato un aumento del rischio di morte principalmente con il consumo di proteine animali provenienti da carni rosse lavorate, uova e latticini. Il rischio non è stato trovato tra chi segue uno stile di vita sano con assunzione di proteine vegetali.

carne rossa proteine-vegetali

Per la ricerca sono stati utilizzati i dati di due grandi studi statunitensi (il Nurses’ HealthStudy(NHS) e l’Health Professionals Follow-up Study – HPFS) che hanno monitorato i consumi alimentari attraverso questionari per 32 anni. I ricercatori hanno esaminato il rischio di morte per tutte le cause, e per cause specifiche, in chi mangiava più proteine animali e in chi consumava più vegetali. Tra i 131.342 partecipanti allo studio (il più grande studio mai condotto finora sull’argomento), 85.013 (64,7%) erano donne, con un’età media di 49 anni. L’assunzione di proteine media, misurata come percentuale di calorie, è stata del 14% per le proteine animali e del 4% per quelle vegetali.

Dai risultati ogni incremento del 10% delle proteine animali sulle calorie totali è risultato associato a un rischio del 2% più elevato di morte per tutte le cause e di un +8% per decessi causati da malattie cardiovascolari. Mangiare più proteine vegetali è associato a un rischio di morte del 10% più basso per tutte le cause.

Nel complesso, i nostri risultati supportano l’importanza delle fonti di proteine nella dieta per i risultati di salute a lungo termine“, dice Mingyang Song, ricercatore nel Massachusetts General Hospital (MGH) e primo autore dello studio.
“I  nostri risultati suggeriscono che le persone dovrebbero prendere in considerazione di mangiare più proteine vegetali rispetto alle proteine animali, e quando lo fanno di scegliere tra le fonti di proteine animali: pesce e pollo sono scelte probabilmente migliori. Studi futuri dovrebbero esaminare i meccanismi alla base dei differenti effetti dell’assunzione delle proteine vegetali e animali (insieme a diverse fonti di proteine animali) sulla salute in generale”.

I ricercatori promuovono a pieni voti una dieta ricca di proteine vegetali e ‘bocciano’ quelle ricche di proteine animali, soprattutto se derivanti da carni rosse processate. Chi segue una dieta ‘verde’, anche in presenza di fattori di rischio quali fumo, eccessivo consumo di bevande alcoliche, obesità, sedentarietà risulta più protetto e allunga la vita.

Leggi il full text dell’articolo:
Association of Animal and Plant Protein Intake With All-Cause and Cause-Specific Mortality.
Song M, Fung TT, Hu FB, et al.
JAMA Intern Med. Published online August 01, 2016. doi:10.1001/jamainternmed.2016.4182.

JAMA Report Video: Association of Protein Intake With Mortality (2:03)

Fonte: Harvard Medical School di Boston

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: