Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Alzheimer: Il resveratrolo ripristina la barriera emato-encefalica.

Posted by giorgiobertin su luglio 28, 2016

Il Resveratrolo, dato ai malati di Alzheimer, sembra ripristinare l’integrità della barriera emato-encefalica, riducendo la capacità delle molecole immunitarie dannose, secrete dalle cellule del sistema immunitario, di infiltrarsi dal corpo nei tessuti del cervello. Ad affermarlo i ricercatori della Georgetown University Medical Center (GUMC) che hanno presentato i nuovi dati nel corso della Alzheimer’s Association International Conference® 2016 (AAIC®). La riduzione dell’infiammazione neuronale ha rallentato il declino cognitivo dei pazienti, rispetto ad un gruppo di pazienti con la stessa patologia trattati con placebo.

resveratrol

Il resveratrolo è un composto naturale che si trova in alimenti come uva rossa, vino rosso, lamponi e cioccolato fondente. Il morbo di Alzheimer è un danno causato da in’infiammazione, si pensa sia dovuto ad una reazione all’accumulo di proteine anormali, comprese Abeta40 e Abeta42, legate alla distruzione dei neuroni. Questo studio dimostra che alcune delle molecole immunitarie che possono causare infiammazione nel sangue possono entrare nel cervello attraverso una barriera ematoencefalica.

I risultati suggeriscono che il resveratrolo impone una sorta di controllo della folla di molecole che cercano di varcare il confine del cervello. Il composto sembra chiudere fuori le molecole immunitarie indesiderate che possono provocare l’infiammazione del cervello e uccidere i neuroni“, dice il neurologo Charbel Moussa, uno degli autori della ricerca.

I ricercatori del GUMC, guidati da R. Scott Turner e Charbel Moussa, hanno testato la sostanza in 119 pazienti, il più grande studio clinico di fase II  per lo studio ad alte dosi di resveratrolo nei soggetti con lieve o moderato morbo di Alzheimer. Lo studio è stato pubblicato a Set 2015 in Neurology.

La nuova parte dello studio sul resveratrolo esamina specifiche molecole nel liquido cerebrospinale (CSF). I pazienti trattati con la molecola hanno avuto una riduzione del 50 per cento della metalloproteinasi nella matrice-9 (MMP-9) nel livello del liquido cerebrospinale. MMP-9 è ridotta quando si attiva sirtuin1 (SIRT1). Alti livelli di MMP-9 causano una rottura della barriera emato-encefalica, permettendo alle proteine e alle molecole del corpo di entrare nel cervello. Normalmente bassi livelli di MMP-9 mantengono integra la barriera.

Leggi il full text dell’articolo:
A randomized, double-blind, placebo-controlled trial of resveratrol for Alzheimer disease.
Turner RS, Thomas RG, Craft S, van Dyck CH, Mintzer J, Reynolds BA, Brewer JB, Rissman RA, Raman R, Aisen PS; Alzheimer’s Disease Cooperative Study.
Neurology. 2015 Oct 20;85(16):1383-91. doi: 10.1212/WNL.0000000000002035. Epub 2015 Sep 11.

The study was conducted under local institutional review board supervision, under Food and Drug Administration IND 104205, and registered at ClinicalTrials.gov (NCT01504854).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: