Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 394 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Il sistema immunitario controlla le interazioni sociali.

Posted by giorgiobertin su luglio 22, 2016

Si tratta di una scoperta sorprendente che solleva questioni fondamentali sul comportamento umano, i ricercatori della University of Virginia School of Medicine (UVA) hanno dimostrato che il sistema immunitario influisce direttamente – e anche controlla – il comportamento sociale degli esseri viventi, come ad esempio il loro desiderio di interagire con gli altri.

La scoperta, pubblicata sulla rivista “Nature“, potrebbe avere implicazioni significative per le malattie neurologiche (cervello e nervi) come l’autismo (disturbo dello sviluppo), i disturbi comportamentali e la schizofrenia.


Shocking New Role Found for the Immune System: Controlling Social Interactions

Il cervello e il sistema immunitario adattativo sono stati trattati come isolati gli uni dagli altri, e ogni altra attività immunitaria nel cervello è stata percepita come il segno di una patologia. E ora, non solo stiamo dimostrando che sono strettamente correlati, ma alcuni dei nostri tratti comportamentali potrebbe essersi evoluti a causa della nostra risposta immunitaria agli agenti patogeni“, spiega il prof. Jonathan Kipnis. “…parte della nostra personalità può effettivamente essere dettata dal sistema immunitario“. (video)

I ricercatori UVA hanno dimostrato che una molecola specifica del sistema immunitario, l’interferone gamma, sembra essere un elemento critico per il comportamento sociale e che una varietà di esseri viventi, quali mosche, zebrafish, topi e ratti, attivano risposte al gamma interferone quando sono nelle attività sociali. Normalmente, questa molecola è prodotta dal sistema immunitario in risposta a batteri, virus o parassiti. Bloccando la molecola nei topi utilizzando delle modificazione genetica fatta in regioni del cervello iperattivo, si sono ottenuti dei ratti molto meno sociali. Ripristinando la molecola si ripristinata anche la connettività e il comportamento del cervello alla normalità.

Leggi abstract dell’articolo:
Unexpected role of interferon-γ in regulating neuronal connectivity and social behaviour
Anthony J. Filiano,Yang Xu,Nicholas J. Tustison,Rachel L. Marsh,Wendy Baker,Igor Smirnov,Christopher C. Overall,Sachin P. Gadani,Stephen D. Turner, Zhiping Weng, Sayeda Najamussahar Peerzade,Hao Chen,Kevin S. Lee,Michael M. Scott,Mark P. Beenhakker,Vladimir Litvak & Jonathan Kipnis
Nature 535, 425–429 (21 July 2016) doi:10.1038/nature18626

Fonte: University of Virginia School of Medicine (UVA)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: