Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 396 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Passi avanti sulle origini del neuroblastoma.

Posted by giorgiobertin su luglio 14, 2016

Grandi passi avanti sono stati fatti nel trattamento di neuroblastoma, il tumore più comune nei neonati e nei bambini. Tuttavia, i casi avanzati sono spesso fatali, e i bambini che sopravvivono spesso affrontano sfide fisiche e intellettuali per tutta la vita relative al loro trattamento.

Uno studio pubblicato online sulla rivista “Nature“, condotto da ricercatori della Harvard Medical School e del Dana Farber Cancer Institute & Boston Children’s Hospital, Boston, Massachusetts USA, ha scoperto che let-7, un microRNA, è centrale nel frenare neuroblastoma.
Il let-7 fa parte della famiglia dei microRNA che regolano i geni, ed è noto per essere coinvolto sia nella differenziazione delle cellule staminali che e nella soppressione del tumore.

Neuroblastoma      Let-7microRNA
A typical neuroblastoma. Image: Maria Tsokos/National Cancer Institute

La scoperte del team, se replicata in un maggior numero di campioni di pazienti, potrebbe contribuire a stabilire la tipizzazione genetica dei neuroblastomi, predire la gravità della malattia sulla base dei livelli di: LIN28B (una proteina che inibisce let-7), la perdita genetica di let-7 e l’amplificazione di MYCN (oncogene che produce migliaia di copie del suo mRNA, sovraespresso nel neuroblastoma). Tutto questo potrebbe guidare ad un approccio di medicina di precisione, come è successo con il medulloblastoma.

Se siamo in grado di padroneggiare let-7, allora potremmo avere un modo meno tossico per curare la malattia.  I risultati hanno anche implicazioni per altri tumori solidi in cui let-7 è perduto, come il tumore di Wilms ‘(nefroblastoma) e del polmone, della mammella, alle ovaie e tumori del collo dell’utero. Let-7 potrebbe potenzialmente essere un farmaco“, ha detto il primo autore John Powers.

Leggi abstract dell’articolo:
Multiple mechanisms disrupt the let-7 microRNA family in neuroblastoma
John T. Powers, Kaloyan M. Tsanov,Daniel S. Pearson,….,Jihan K. Osborne,Samantha J. Ross, Marcella Cesana,James J. Collins,Frank Berthold & George Q. Daley
Nature 535, 246–251 (14 July 2016) doi:10.1038/nature18632

Fonte: Harvard Medical School

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: