Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Cancro al pancreas: promettente immunoterapia sugli animali.

Posted by giorgiobertin su luglio 5, 2016

Mentre la terapia immunitaria si è dimostrata efficace nel trattamento di alcuni tipi di cancro, in particolare nel cancro del polmone e nel melanoma, i tumori del pancreas rimangono tra i più difficili da trattare e, finora, sono impermeabili alle terapie immuno-based. Ora, un nuovo studio sui topi condotto dai ricercatori della Washington University School of Medicine, ha dimostrato che l’immunoterapia contro il cancro al pancreas può essere efficace se somministrata in concomitanza con farmaci che agiscono sul tessuto fibroso di questi tumori.

PacreaticTumorDeNardo
Pancreatic tumors are surrounded by a protective “nest” made of fibrotic scar tissue and the cells that manufacture it (red). A new study demonstrates that disrupting this fibrous tissue makes immune therapy and chemotherapy more effective in attacking tumors of the pancreas.

Abbiamo il sospetto che l’ambiente fibroso del tumore che è tipico del cancro al pancreas può essere responsabile della scarsa risposta alle terapie immunitarie che sono state efficaci in altri tipi di cancro.” – afferma il prof. David G. DeNardo.
Abbiamo studiato le proteine chiamate FAK (chinasi dell’adesione focale – Focal Adhesion Kinase), note per promuovere il movimento e la sopravvivenza cellulare coinvolte nella formazione di tessuto fibroso in molte malattie, non solo il cancro“, ha detto DeNardo. “Così abbiamo ipotizzato che il blocco del percorso potrebbe diminuire la fibrosi e l’immuno-soppressione nel cancro del pancreas.”

Nei topi con cancro al pancreas la combinazione – inibitori FAK, terapia immunitaria e chemioterapia – ha mostrato i migliori risultati in studi di laboratorio, triplicando i tempi di sopravvivenza negli animali. Alcuni erano ancora vivi senza evidenza di progressione della malattia a sei mesi e oltre.
A breve uno studio clinico metterà alla prova la sicurezza della nuova strategia in pazienti con tumori del pancreas avanzato.

Lo studio, della Washington University School of Medicine di St. Louis, è pubblicato sulla rivista “Nature Medicine“.

Leggi abstract dell’articolo:
Targeting focal adhesion kinase renders pancreatic cancers responsive to checkpoint immunotherapy
Hong Jiang, Samarth Hegde, Brett L Knolhoff,Yu Zhu,John M Herndon, Melissa A Meyer, Timothy M Nywening, William G Hawkins, Irina M Shapiro,David T Weaver, Jonathan A Pachter,Andrea Wang-Gillam & David G DeNardo
Nature Medicine Published online 04 July 2016 doi:10.1038/nm.4123

Fonte:Washington University School of Medicine di St. Louis

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: