Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Sviluppato anticorpo che aiuta il corpo a combattere il cancro.

Posted by giorgiobertin su giugno 23, 2016

I ricercatori danesi della Faculty of Health and Medical Sciences (SUND) at the University of Copenhagen hanno sviluppato un anticorpo che è così efficace che potrebbe essere un futuro farmaco contro un gran numero di tumori, nonché incrementare l’efficacia di nuove immunoterapie.

Immunity-150

Il principale vantaggio del nuovo anticorpo è che riconosce un cambiamento cancro-specifico in una proteina altrimenti normale sulla superficie delle cellule del corpo. L’anticorpo riconosce e quindi attacca solo le cellule tumorali, consentendo così ai ricercatori di testare nuove forme di trattamento, che non è stato finora possibile utilizzare con altri tipi di anticorpi. Gli anticorpi si legano alle proprie cellule killer del corpo – le cellule T, che poi attaccano e uccidono le cellule tumorali.

L’anticorpo si innesta a cellule T estratte dal paziente. Ciò significa che le cellule T possono riconoscere il cancro, e quando queste cellule T antigene-caricate vengono reimmesse nel corpo del paziente, rintracciano le cellule tumorali e le uccidono” – afferma Catharina Steentoft, co-autore dell’articolo pubblicato sulla rivista “Immunity“.

I nuovi esperimenti sono stati condotti in topi con carcinoma pancreatico, che, a differenza, ad esempio, della leucemia è un tumore solido. Gli esperimenti hanno dimostrato che i tumori sono stati inibiti in modo significativo e, in molti casi, sono scomparsi del tutto.

“Il metodo ha dimostrato di essere così buono che ci aspettiamo di effettuare esperimenti sugli esseri umani entro i prossimi due anni, e se tutto va secondo i piani, può essere introdotto come un vero e proprio trattamento contro il cancro entro i prossimi cinque anni“, conclude Catharina Steentoft.

Leggi abstract dell’articolo:
Engineered CAR T Cells Targeting the Cancer-Associated Tn-Glycoform of the Membrane Mucin MUC1 Control Adenocarcinoma
Avery D. Posey Jr., Robert D. Schwab, Alina C. Boesteanu, Catharina Steentoft, Ulla Mandel,…., Henrik Clausen, Laura A. Johnson, Carl H. June
Immunity Volume 44, Issue 6, p1444–1454, 21 June 2016 DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.immuni.2016.05.014

Fonte: Faculty of Health and Medical Sciences (SUND) at the University of Copenhagen

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: