Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Una molecola naturale potrebbe migliorare il Parkinson.

Posted by giorgiobertin su giugno 20, 2016

La molecola naturale, n-acetilcisteina (NAC), con forti effetti antiossidanti, mostra un potenziale beneficio nei pazienti con malattia di Parkinson, secondo uno studio pubblicato sulla rivista “PLoS One“.

La combinazione di valutazioni cliniche di abilità fisiche e mentali associati a studi di imaging cerebrale che monitorano i livelli di dopamina, in pazienti con morbo di Parkinson, hanno dimostrato che i pazienti che ricevono NAC migliorano su tutte le misurazioni. Ad affermarlo i ricercatori del Departments of Integrative Medicine, Neurology, and Radiology, at Thomas Jefferson University.

Dopamine-brain
IMAGE: THESE ARE BRAIN SCANS OF A REPRESENTATIVE PATIENT SHOWING DOPAMINE TRANSPORTER BINDING (RED) BEFORE AND AFTER 3-MONTH NAC TREATMENT. CREDIT: THOMAS JEFFERSON UNIVERSITY

I ricercatori hanno dimostrato che lo stress ossidativo nel cervello può svolgere un ruolo critico nel processo della malattia di Parkinson, e che questo stress abbassa anche i livelli di glutatione, una sostanza chimica prodotta dal cervello per contrastare lo stress ossidativo. Gli studi su cellule cerebrali hanno mostrato che il NAC aiuta a ridurre il danno ossidativo ai neuroni, aiutando a ripristinare i livelli di glutatione antiossidante.

Questo studio rivela un potenziale nuovo percorso per la gestione dei malati di Parkinson e mostra che n-acetilcisteina può avere un effetto fisiologico benefico alterando il processo della malattia e consentendo ai neuroni dopaminergici di recuperare qualche funzione“, ha detto il prof. Daniel Monti primo autore.

Scarica e leggi l’articolo in full text:
N-Acetyl Cysteine May Support Dopamine Neurons in Parkinson’s Disease: Preliminary Clinical and Cell Line Data
Daniel A. Monti, George Zabrecky, Daniel Kremens, Tsao-Wei Liang, Nancy A. Wintering, Jingli Cai, Xiatao Wei, Anthony J. Bazzan, Li Zhong, Brendan Bowen, Charles M. Intenzo, Lorraine Iacovitti, Andrew B. Newberg
PLOS One Published: June 16, 2016http://dx.doi.org/10.1371/journal.pone.0157602

Fonte: Departments of Integrative Medicine, Neurology, and Radiology, at Thomas Jefferson University.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: