Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 394 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Antibiotici sintetici contro la resistenza batterica.

Posted by giorgiobertin su maggio 23, 2016

I ricercatori chimici della Harvard University in uno studio pubblicato sulla rivista “Nature”, sono già riusciti a sintetizzare oltre 300 sostanze differenti appartenenti alla classe dei macrolidi – una classe di antibiotici che comprende, per esempio, l’eritromicina (macrolide scoperto in un campione di terreno delle Filippine nel 1949, è presente sul mercato come farmaco dal 1953) efficaci contro i ceppi batterici di interesse clinico e che mostrano resistenza elevata ad antibiotici usati oggi.

Antibiotici-sintetici
Harvard researchers have created a new, greatly simplified, platform for antibiotic discovery that may go a long way to solving the crisis of antibiotic resistance.

La nuova tecnica si spera riesca a fronteggiare con successo la sfida della sempre crescente antibiotico-resistenza di molti ceppi batterici.
La fonte primaria degli antibiotici sono i composti naturali derivati da batteri o funghi, che possono essere prodotti su larga scala per fermentazione. Cambiarne la struttura, ma anche la loro modifica per via chimica – un processo noto come semisintesi – è difficile a causa della complessità delle molecole ottenute dalla fermentazione.

Attraverso la via sintetica sono state realizzate oltre 300 sostanze (macrolidi), ed alcune di esse si sono rivelate efficaci contro i ceppi batterici resistenti ai macrolidi di uso corrente, compresi Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) ed enterococco vancomicina-resistente (VRE), entrambi di grande interesse clinico.

Leggi abstract dell’articolo:
A platform for the discovery of new macrolide antibiotics
Ian B. Seiple, Ziyang Zhang,Pavol Jakubec,Audrey Langlois-Mercier,Peter M. Wright, Daniel T. Hog,Kazuo Yabu,Senkara Rao Allu, Takehiro Fukuzaki,Peter N. Carlsen, Yoshiaki Kitamura, Xiang Zhou,Matthew L. Condakes, Filip T. Szczypiński,William D. Green & Andrew G. Myers
Nature 533, 338–345 (19 May 2016) doi:10.1038/nature17967

Fonte: Harvard University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: