Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Nuova tecnica di somministrazione farmaci anticancro.

Posted by giorgiobertin su maggio 19, 2016

I ricercatori del Department of Biomedical Engineering – University at Buffalo hanno realizzato una nuova tecnica di somministrazione di farmaci progettata per ridurre le reazioni allergiche gravi e altri effetti collaterali da farmaci anti-cancro, il testosterone e altri farmaci che vengono di norma somministrati per via endovena.

La tecnica rimuove gli additivi potenzialmente dannosi – sostanze come i tensioattivi – dai farmaci iniettabili comuni. “Siamo entusiasti perché questo processo potrebbe rendere i farmaci iniettabili esistenti più sicuri e più efficaci per milioni di persone affette da gravi malattie e disturbi“, dice Jonathan F. Lovell, un ingegnere biomedico dell’University of Buffalo.
Ricordiamo che le aziende farmaceutiche utilizzano tensioattivi per sciogliere i farmaci in una soluzione liquida, un processo che rende la medicina adatta per l’iniezione. Questo processo è raramente efficace. Le soluzioni cariche di tensioattivi e altri ingredienti non essenziali possono portare al rischio di shock anafilattico, coagulazione del sangue, emolisi e altri effetti collaterali.

makinginject
Drug particles, minus excess surfactant, suspended in an injectable solution. Credit: Jonathan Lovell, University at Buffalo.

I ricercatori hanno dissolto 12 farmaci – Cabazitaxel (anti-cancro), testosterone, ciclosporina (un immunosoppressore usato per trapianti di organi) e altri – uno alla volta in un tensioattivo chiamato Pluronic. Poi, abbassando la temperatura della soluzione a 4 gradi Celsius (la maggior parte dei farmaci sono effettuate a temperatura ambiente), sono stati in grado di rimuovere l’eccesso Pluronic tramite una membrana. Il risultato finale è stato che i farmaci contenevano additivi da 100 a 1000 volte di meno di quello iniziale.

Leggi abstract dell’articolo:
Therapeutic surfactant-stripped frozen micelles
Yumiao Zhang, Wentao Song, Jumin Geng, Upendra Chitgupi, Hande Unsal, Jasmin Federizon, Javid Rzayev, Dinesh K. Sukumaran, Paschalis Alexandridis, Jonathan F. Lovell
Nature Communications 7, Article number: 11649 doi:10.1038/ncomms11649 Published 19 May 2016

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: