Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Seta stabilizza campioni di sangue per mesi senza refrigerazione.

Posted by giorgiobertin su maggio 12, 2016

I ricercatori della Tufts University hanno stabilizzato i campioni di sangue per lunghi periodi di tempo senza refrigerazione e ad alte temperature attraverso una tecnica di incapsulamento con della seta e aria secca. La tecnica, pubblicata online sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” – PNAS, ha ampie applicazioni per la cura clinica e le ricerche che si basano su analisi accurate di sangue ed altri fluidi biologici.

stabilizingbloodPNAS
Encapsulating blood samples in silk protein extracted from silkworm cocoons protected biomarkers effectively even at high temperatures. (Courtesy Tufts Silk Lab)

Il sangue contiene proteine, enzimi, lipidi, metaboliti, e peptidi che fungono da biomarcatori per lo screening della salute, il monitoraggio e la diagnostica. Sono conservati a temperatura controllata, perchè questi marcatori si deteriorano rapidamente, compromettendo la precisione delle successiva analisi di laboratorio. Esistono soluzioni di raccolta e di stoccaggio alternativi, come il sangue di essiccazione su schede di carta, ma ancora non si è riusciti a proteggere efficacemente i biomarcatori dal calore e dall’umidità.

Gli scienziati hanno mescolato con successo una soluzione o una polvere di proteine di seta purificata estratte dai bozzoli con il sangue o plasma e essiccato la miscela. I film di seta sono stati conservati a temperature comprese tra 22 e 45 gradi °C. Ad intervalli prestabiliti, i campioni di sangue sono stati recuperati incapsulati sciogliendo i film in acqua e analizzati.
Abbiamo scoperto che i biomarcatori possono essere analizzati con successo anche dopo stoccaggio per 84 giorni a temperature fino a 45 gradi °C.” afferma il professor David L. Kaplan della Tufts University.

Il team ha anche dimostrato con successo la capacità della seta di stabilizzare una varietà di materiali bioattivi compresi gli antibiotici, vaccini, enzimi e antibiotici monoclonali con numerose applicazioni biomediche e biomateriali.

Leggi abstract dell’articolo:
Silk-based blood stabilization for diagnostics
Jonathan A. Kluge, Adrian B. Li, Brooke T. Kahn, Dominique S. Michaud, Fiorenzo G. Omenetto, and David L. Kaplan
PNAS Published online before print May 9, 2016, doi: 10.1073/pnas.1602493113

Fonte: Tufts University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: