Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Alzhiemer: Un farmaco inverte i cambiamenti genetici della malattia.

Posted by giorgiobertin su maggio 4, 2016

In una nuova ricerca descritta sulla rivista “Molecular Psychiatry“, un team guidato dal prof. Ana Pereira, professore alla Rockefeller University, ha scoperto che il farmaco, riluzolo (ad azione antiglutamatergica), è in grado di invertire principali cambiamenti genetici associati all’invecchiamento e all’Alzheimer.

Nell’invecchiamento e nel morbo di Alzheimer, il glutammato, segnale chimico, può accumularsi tra i neuroni, danneggiando i circuiti“, dice Pereira. “Quando abbiamo trattato i ratti con riluzolo, abbiamo visto una serie di cambiamenti. Quello più significativo, è che le molecole responsabili della compensazione dell’eccesso di glutammato erano tornate a livelli degli animali più giovani“.

riluzole
Clean-up crew: After treatment with riluzole, the brains of old rats showed more of a transporter molecule that removes excess glutamate (brighter fluorescence, right), as compared to untreated rats (left).

Il glutammato viene rilasciato per eccitare altri neuroni e non dovrebbe accumularsi negli spazi tra di loro. Con l’avanzare dell’età, però, il sistema perde di funzionalità e il glutammato tende ad accumularsi in questi spazi intercellulari. Quando si accumula, questo neurotrasmettitore essenziale può causare grossi problemi, danneggiando o uccidendo i neuroni e contribuendo così alla malattia di Alzheimer, e altri disturbi neurologici.
In realtà è che abbiamo usato un farmaco noto per modulare il glutammato, e quando l’abbiamo somministrato ai ratti, abbiamo visto un’inversione di molti dei cambiamenti che iniziano nella mezza età nell’ippocampo” – afferma Pereira.

Oltre alla sua capacità potenziale di placare la perdita di memoria e il declino cognitivo, il riluzolo è importante come un potenziale trattamento per l’Alzheimer. Il farmaco è già in uso per il trattamento di un’altra malattia neurologica, la Sclerosi Laterale Amiotrofica, ed è pertanto considerato relativamente sicuro.

Leggi abstract dell’articolo:
Age and Alzheimer’s disease gene expression profiles reversed by the glutamate modulator riluzole
AC Pereira, JD Gray, JF Kogan, RL Davidson, TG Rubin, M Okamoto, JH Morrison, and BS McEwen
Mol. Psychiatry, online: March 29, 2016

Clinical Studies and Protocols

Approfondimenti:
Glutamatergic regulation prevents hippocampal-dependent age-related cognitive decline through dendritic spine clustering
Ana C. Pereira, Hilary K. Lambert, Yael S. Grossman, Dani Dumitriu, Rachel Waldman, Sophia K. Jannetty, Katina Calakos, William G. Janssen, Bruce S. McEwen and John H. Morrison
Proceedings of the National Academy of Sciences online: December 15, 2014

Fonte: Rockefeller University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: