Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

I batteri intestinali potrebbero aiutare a prevenire il cancro.

Posted by giorgiobertin su aprile 14, 2016

I ricercatori dell’University of California – Los Angeles Health Sciences (UCLA) hanno dimostrato che vari tipi di batteri intestinali potrebbero essere fattori sia di causa che di prevenzione dell’obesità, e di malattie.

La ricerca, pubblicata on-line sulla rivista peer-reviewed “PLoS ONE“, offre la prova che i batteri intestinali anti-infiammatori “benefici per la salute” possono rallentare o fermare lo sviluppo di alcuni tipi di cancro.

I medici potrebbero essere in grado di ridurre il rischio di una persona di avere il cancro, analizzando i livelli e i tipi di batteri intestinali nel corpo, e quindi prescrivere probiotici per sostituire o rafforzare la quantità di batteri con proprietà anti-infiammatorie“, ha detto Robert Schiestl, professor of pathology, environmental health sciences and radiation oncology at UCLA.

Robert+H.+Schiestl
Robert Schiestl and his colleagues isolated a bacterium called Lactobacillus johnsonii 456, which is the most abundant of the beneficial gut bacteria.

In particolare un batterio chiamato Lactobacillus johnsonii 456, che è il più abbondante dei batteri benefici, riduce danni genetici ed ha significativamente ridotto l’infiammazione – un obiettivo fondamentale, perché l’infiammazione gioca un ruolo chiave in molte malattie, compreso il cancro, le malattie neurodegenerative, malattie cardiache, artrite e il lupus, e nel processo di invecchiamento.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i metaboliti – molecole prodotte da un’azione metabolica naturale dell’intestino – nelle urine e le feci dei topi. Gli scienziati sono stati sorpresi nel verificare che i topi che avevano ricevevano batteri benefici avevano un rischio di avere il cancro molto più basso. Inoltre, i topi con i batteri buoni hanno vissuto quattro volte più a lungo, con meno danni al DNA e meno infiammazione dei topi normali.

Sorprendentemente, i nostri risultati suggeriscono che la composizione del microbiota intestinale influenza e alterare il metabolismo centrale del carbonio in modo indipendente dal genotipo. In futuro, la nostra speranza è che la manipolazione della composizione microbica attraverso l’uso di probiotici [integratori] possa essere essere una strategia efficace per prevenire o alleviare la suscettibilità al cancro” – afferma Robert Schiestl.

Scarica e leggi il documento in full text:
Chemopreventive Metabolites Are Correlated with a Change in Intestinal Microbiota Measured in A-T Mice and Decreased Carcinogenesis
Cheema AK, Maier I, Dowdy T, Wang Y, Singh R, Ruegger PM, Robert Schiestl, et al.
PLoS ONE 11(4): e0151190. Published: April 13, 2016 doi:10.1371/journal.pone.0151190

Fonte: University of California – Los Angeles Health Sciences

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: