Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Uno spray di insulina e nanoparticelle per combattere l’Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su marzo 13, 2016

Una ricerca coordinata dall’Istituto di biomedicina ed immunologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibim-Cnr) di Palermo, pubblicata su “Biomaterials“, ha permesso di realizzare delle nanoparticelle polimeriche (nanogels) in grado di trasportare l0insulina direttamente nel cervello, evitando così gli effetti collaterali delle terapie ordinarie

L’attenzione all’insulina nella ricerca sulla malattia neurodegenerativa non è nuova. Come accade ai diabetici, infatti i pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, conosciuto come ‘diabete di tipo 3’, sviluppano una resistenza all’insulina cerebrale, una condizione considerata un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.
L’ormone, indotto come terapia sperimentale, è in grado di migliorare le facoltà cognitive in soggetti con l’Alzheimer, inibendo la neurodegenerazione.

Alzheimer-spray

Il team di ricerca ha prodotto un nanosistema per la preparazione di uno spray intranasale. Tale somministrazione e’ una strategia alternativa per superare la barriera emato encefalica (Bee) ed arrivare piu’ velocemente al cervello, tramite la mucosa olfattoria e bypassando la periferia, dove potrebbe produrre effetti indesiderati“. – spiega Marta Di Carlo dell’Ibim-Cnr.

I nanogels, piccolissime particelle polimeriche reticolate idrofile, sono stati prodotti attraverso un processo innovativo che fa ricorso alle radiazioni ionizzanti create da un acceleratore di elettroni, comunemente utilizzate per la sterilizzazione industriale di dispositivi biomedicali“, specifica la ricercatrice. “Così, partendo da una soluzione acquosa di un polimero biocompatibile, senza ricorso a solventi organici e tensioattivi, e in un solo ‘step reattivo’ della durata di pochi secondi, è stato possibile ottenere nanoparticelle, alle quali legare l’insulina ed eventuali altre biomolecole attive, e già sterili“:

Leggi abstract dell’articolo:
Ionizing radiation-engineered nanogels as insulin nanocarriers for the development of a new strategy for the treatment of Alzheimer’s disease
Pasquale Picone, Lorena Anna Ditta, Maria Antonietta Sabatino, Valeria Militello, Pier Luigi San Biagio, Maria Laura Di Giacinto, Laura Cristaldi, Domenico Nuzzo, Clelia Dispenza, Daniela Giacomazza, Marta Di Carlo
Biomaterials, Volume 80, February 2016, Pages 179-194

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: