Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 396 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

La schizofrenia generata da una perdita di sinapsi.

Posted by giorgiobertin su gennaio 29, 2016

La schizofrenia potrebbe essere innescata da un’eccessiva perdita di sinapsi, le connessioni tra neuroni, dovuta alla sovra-espressione di un gene che codifica per una proteina coinvolta in una parte fondamentale del sistema immunitario. Ad affermarlo uno studio condotto dai ricercatori della Harvard Medical School di Boston e i colleghi del Broad Institute a Cambridge, nel Massachusetts pubblicato sulla rivista “Nature“.


Opening schizophrenia’s black box

Il team coordinato dal prof. Aswin Sekar della Harvard Medical Scholl of Boston ha analizzato i tessuti cerebrali di 255 donatori postmortem (50 dei quali affetti da schizofrenia), ed ha studiato i deficit genetici che influenzano il sistema del complemento, una parte fondamentale del sistema immunitario, costituito da diversi tipi di proteine indicati con le sigle C1-C4. Dai risultati è emerso che i soggetti con una particolare forma del gene C4 hanno una più alta espressione dello stesso gene, e un rischio più elevato di sviluppare schizofrenia.

I ricercatori ipotizzano che la schizofrenia possa nascere o aggravarsi a partire da un’eccessiva perdita sinaptica durante l’adolescenza e i primi anni dell’età adulta, quando il cervello va incontro a un forte rimodellamento e alla perdita di molte sinapsi.

Leggi abstract dell’articolo:
Schizophrenia risk from complex variation of complement component 4
Aswin Sekar, Allison R. Bialas, Heather de Rivera, Avery Davis, Timothy R. Hammond + et al.
Nature Published online 27 January 2016 doi:10.1038/nature16549

Fonti: Harvard Medical School   –   Broad Institute

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: