Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Il Prozac potrebbe curare la sindrome di Down.

Posted by giorgiobertin su gennaio 18, 2016

Diversi studi hanno dimostrato che la fluoxetina, farmaco anti-depressivo conosciuto come “Prozac“, ha effetti positivi sul cervello dei topi con la sindrome di Down.
Il primo test del farmaco, come riporta la rivista del “Mit Technology Review“, prenderà il via questo mese all’University of Texas Southwestern Medical Center in Dallas, in Italia la fase sperimentale partirà da Napoli.

prozac  down

Nello studio dell’University of Texas di Dallas, saranno reclutate 21 donne incinte al cui bimbo è stata diagnosticata la sindrome, a 14 delle quali verrà dato il farmaco già durante la gestazione.
I due difetti principali nella sindrome di Down sono un deficit nella produzione di neuroni, che risulta molto ridotta già in fase fetale e il fatto che i neuroni si sviluppano in maniera sbagliata” – spiega Renata Bartesaghi, docente del Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’università di Bologna -.

Sapevamo già che nel cervello con sindrome di Down c’è un difetto nel neurotrasmettitore serotonina, che è importantissimo per la maturazione cerebrale e la neurogenesi. Abbiamo quindi pensato che la fluoxetina, che inibisce la ricaptazione della serotonina mantenendola nel cervello, potesse dare benefici. Sui topi l’esperimento è riuscito, portando a un aumento dei neuroni e a un miglioramento delle capacità cognitive” – afferma la ricercatrice. “Non è detto che nell’uomo l’effetto sia lo stesso, e fino alla dimostrazione non ci si può illudere. Stiamo per iniziare a Napoli un test su bambini tra i 5 e i 10 anni, che riceveranno la dose di Prozac permessa a questa età, e speriamo di avere delle prime indicazioni“.

Leggi il full text dell’articolo:
Timing of therapies for Down syndrome: the sooner, the better
Fiorenza Stagni, Andrea Giacomini, […], and Renata Bartesaghi
Frontiers in Behavioral Neuroscience 9 (2015): 265. PMC. Web. 18 Jan. 2016.

Prenatal pharmacotherapy rescues brain development in a Down’s syndrome mouse model.
Sandra Guidi, Fiorenza Stagni, Patrizia Bianchi, Elisabetta Ciani, Andrea Giacomini, Marianna De Franceschi, Randal Moldrich, Nyoman Kurniawan, Karine Mardon, Alessandro Giuliani, Laura Calzà, Renata Bartesaghi
Brain First published online: 12 December 2013 DOI: http://dx.doi.org/10.1093/brain/awt340 380-401

Title of Research: A Pilot Feasibility Trial of Prenatal and Early Postnatal Fluoxetine Treatment for Intellectual Impairments of Down Syndrome

Fonte: University of Texas Southwestern Medical Center in Dallas
UT SOUTHWESTERN DOWN SYNDROME CLINICAL STUDY

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: