Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 397 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Nuova particella in grado di monitorare la chemioterapia.

Posted by giorgiobertin su gennaio 16, 2016

Il monitoraggio del percorso di farmaci chemioterapici in tempo reale a livello cellulare potrebbe rivoluzionare la cura del cancro e aiutare i medici a capire il motivo per cui due pazienti reagiscono in modo diverso allo stesso trattamento.
I ricercatori della Ohio State University hanno trovato un modo per illuminare un farmaco contro il cancro durante i trattamenti chemioterapici.

nnano.2015.312 Credit image: The Ohio State University

I ricercatori hanno prima creato una molecola luminescente, un peptide costituiti da due aminoacidi e poi agganciato il peptide luminoso al farmaco contro il cancro in modo da rilevare l’arrivo attraverso la chemioterapia all’interno delle cellule.

Questo è molto importante per la medicina personalizzata. Vogliamo proprio vedere cosa sta succedendo quando diamo farmaci chemioterapici e questo lavoro apre una nuova strada“, ha detto il dottor Mingjun Zhang, il professore di ingegneria biomedica che ha condotto lo studio. “È possibile per un farmaco vedere dove va e quando viene rilasciato“.

Il peptide composto di aminoacidi naturali, è una nanoparticella biocompatibile che facilmente può coesistere con le cellule umane essendo innocuo.

Leggi abstract dell’articolo:
Bioinspired fluorescent dipeptide nanoparticles for targeted cancer cell imaging and real-time monitoring of drug release
Zhen Fan,Leming Sun,Yujian Huang,Yongzhong Wang & Mingjun Zhang
Nature Nanotechnology (2016) Published online 11 January 2016 – doi:10.1038/nnano.2015.312

Peptide nanostructures: Aromatic dipeptides light up
Ehud Gazit

Fonte ed approfondimenti: Ohio State University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: